Omicidio Varani, confermata in appello la condanna a 30 anni di reclusione per Manuel Foffo

Rate this item
(1 Vote)

Condanna a 30 anni di reclusione per omicidio volontario, aggravato dalla crudeltà e dai motivi abietti.

Questa la decisione emessa, nel pomeriggio di oggi, dalla Prima Corte d'assise d'appello di Roma nei confronti di Manuel Foffo, colpevole dell'uccisione Luca Varani. Nella notte tra il 4 e il 5 marzo 2016 il 23enne fu massacrato a colpi di martello e coltellate (30 le ferite inferte) in un appartamento in via Igino Giordani.

Come noto, dell'omicidio era imputato anche Marco Prato che però si tolse la vita nel carcere di Velletri, il 20 giugno 2017, alla vigilia della prima udienza del processo a suo carico.

La Corte ha confermato così la sentenza emessa dal gup Nicola Di Grazia il 21 febbraio del 2017 con rito abbreviato.

Ma ancora una volta, come nella sentenza di primo grado, non è stata però riconosciuta l'aggravante della premeditazione. Anche se, per l'accusa, Foffo e Prato avevano scelto la vittima con l'intento "di uccidere" visto che già da due giorni avevano invitato, sotto effetto di stupefacenti, almeno due giovani che, andandosene subito via, si "erano perciò salvati".

Dopo la lettura della sentenza, Foffo è rimasto in silenzio ed è stato successivamente condotto dagli agenti della polizia penitenziaria nella camera di sicurezza attigua all'aula giudiziaria.

Giuseppe Varani, padre della vittima, che prima della camera di consiglio aveva chiesto pubblicamente giustizia, è rimasto seduto e visibilmente commosso, tra amici e parenti, alla lettura del verdetto. 

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video