Napoli, il corpo di Vincenzo Ruggiero sciolto nell'acido e ritrovato in un box affittato da Ciro Guarente

Rate this item
(26 votes)

«Un film horror - così esordisce Lia Zeta, amica di Vincenzo Ruggiero che ha assistito al recupero del corpo dell'amico -, un film horror di cui dobbiamo sapere ancora tutta la verità».

Dopo ore di lavoro le forze dell'ordine sono riuscite a recuperare i resti del corpo di Vincenzo Ruggiero. Ciro Guarente, reo confesso dell'omicidio del 25enne di Parete, aveva provato a depistare gli inquirenti sostenendo di aver gettato in mare il cadavere. Invece il corpo, sezionato barbaramente, era occultato in un box che l'ex militare aveva preso in affitto dal 7 al 9 luglio, in un parco di Ponticelli tra via Botteghelle e via Edoardo Scarpetta.

«Purtroppo la testa e un braccio non sono stati recuperati - aggiunge Lia Zeta sconvolta e provata dall'epilogo macabro della vicenda -. Guarente aveva prima sezionato il cadavere e poi lo aveva occultato in una buca presente nel box coprendo tutto con rifiuti e cemento e gettandoci poi dell'acido per coprire il cattivo odore. Una storia orribile di cui siamo tutti spettatori sgomenti».

È stato lo stesso proprietario del box a chiamare le forze dell'ordine insospettito dai movimenti di Ciro Guarente, che si era presentato la prima volta con delle valigie, e allarmato dalla notizia del suo arresto.

L'autopsia dovrà adesso rivelare nuovi particolari sulla drammatica morte di Vincenzo Ruggiero. Certamente un omicidio premeditato e non accidentale, costruito con ferocia e realizzato con una crudeltà senza pari. La domanda che ci si pone, ancora increduli, è se Ciro Guarente abbia potuto fare davvero tutto da solo o se non ci fosse un complice ad aiutarlo.

e-max.it: your social media marketing partner

weTest

Featured Video