Un dirigente scolastico nel Trevigiano apre le porte a Di Tolve e Silvana De Mari. Zan e Casellato annunciano un'interpellanza parlamentare

Rate this item
(1 Vote)

San Zenone degli Ezzelini, Comune del Trevigiano, ha ospitato, sabato 21 ottobre. Luca Di Tolve e Silvana De Mari nel corso dell’incontro Bellezza è Verità. Organizzato dall’Associazione culturale Via, verità e vita, l’evento era stato pensato per  la chiesa parrocchiale di San Zenone ma don Antonio Ziliotto si è fermamente opposto. Tra lo sconcerto di tante persone il dibattito si è alla fine tenuto presso l’auditorium delle locali Scuole Medie con l’ampio sostegno del dirigente scolastico Mario De Bortoli.

Luca Di Tolve, che si definisce “Io, andata e ritorno nell’inferno delle darkroom” ed è noto quale soggetto ispiratore del brano di Povia Luca, era gay – versione però smentita dallo stesso cantante – si presenta come una persona guarita dall’omosessualità. Sostiene perciò le teorie riparative di Nicolosi, per la cui divulgazione promuove meeting.

La chirurga e scrittrice di romanzi fantasy Silvana De Mari è nota per le posizioni violente e cariche di odio nei riguardi delle persone Lgbti. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Si va dalla negazione dell’omosessualità all’affermazione dell’omofobia quale diritto fino all’ipotesi che tutte le socie e i soci del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli provino simpatia per la necrofilia e coprofagia.

Nonostante i reiterati confronti previ con Guglielmo Masin, assistente parlamentare di Alessandro Zan, il dirigente scolastico non ha fatto marcia indietro. L’accaduto sarà tra pochi giorni al centro di un’interpellanza parlamentare di Alessandro Zan e Florinda Casellato.

Raggiunto da Gaynews, l’onorevole Zan ha dichiarato: «Alcuni cittadini di San Zenone degli Ezzelini, in provincia di Treviso, hanno denunciato che sabato 21 ottobre si sarebbe tenuto presso l'auditorium delle scuole medie del comune la serata "Bellezza è verità", a cui parteciperanno Silvana De Mari, medico indagato dalla procura di Torino per istigazione all'odio razziale e Luca Di Tolve, un sedicente "redento" dall'omosessualità, entrambi strenui sostenitori delle terapie riparative per le persone omosessuali.

Il fatto che la serata (peraltro prima rifiutata anche dal parroco stesso del Paese) si svolga non solo in una sala pubblica, ma anche in uno spazio scolastico statale assume un significato gravissimo: concedere l'auditorium scolastico per eventi in cui si divulga la cultura dell’odio omotransfobico, considerato una piaga sociale che alimenta proprio il bullismo nelle scuole è un atto inaudito che intendo portare agli occhi del ministro Fedeli. Per questo nei prossimi giorni predisporrò, con la collega trevigiana Floriana Casellato, una interrogazione parlamentare al ministro dell'Istruzione sull'accaduto»

e-max.it: your social media marketing partner

Featured Video