Certi Diritti, Leonardo Monaco: «Stop alla sessuofobia. Vogliamo persone che sappiano di poter fare quello che vogliono»

Rate this item
(0 votes)

Si è tenuto a Roma l’XI Congresso dell'associazione radicale Certi Diritti, di cui è stato rieletto segretario Leonardo Monaco. A Gaynews si è raccontato così.

Leonardo, prima di tutto complimenti per la tua rielezione a segretario e auguri ai componenti del direttivo. Ci racconti chi sono?  

Grazie mille! Sono tante le persone che ci permettono di fare quello che facciamo da ormai dieci anni. Hanno tutte delle competenze specifiche che con grande sacrificio mettono al servizio delle nostre battaglie. Da Yuri Guaiana con la sua attenzione e preparazione sui temi internazionali a figure storiche del movimento come il nostro ex presidente Enzo Cucco​, Gigliola Toniollo della Cgil Nuovi diritti, Pia Covre che con il suo lavoro instancabile per i diritti dei lavoratori sessuali ha rappresentato una speranza per tantissime persone ignorate dalla società, Gabriella Friso che coordina le nostre cause pilota di Affermazione Civile e che da anni segue da vicino i temi dell'immigrazione. Ma anche volti "nuovi" come Alessandro Comeni che ci affianca sulle battaglie per i diritti degli intersex, Claudio Uberti che collabora all'assessorato per la Trasparenza del Comune di Milano e che ha dato un fondamentale contributo per la realizzazione della prima iniziativa sulla conoscenza dei dati sulle diagnosi intersex in Italia attraverso il Foia.

Quali sono state i punti più significativi di questo congresso?

Indubbiamente l'immancabile dimensione transnazionale delle nostre battaglie, proprio mentre la contaminazione da parte dei populismi autoritari più che un pericolo è diventato un dato di fatto. E sottolineerei la chiave di lettura del diritto alla scienza e a trarre giovamento dai suoi benefici: il proibizionismo scientifico sull'intersessualità e la transessualità, le terapie riparative e la pratica dei controlli anali nei Paesi che criminalizzano l'omosessualità, le barriere all'accesso alla PrEP o alle tecniche di procreazione medicalmente assistita, la diffusione delle fake news per delegittimare le ong sono alcune delle evidenze che dimostrano l'assalto alla conoscenza da parte del "fronte chiuso" per minare prima di tutto l'autodeterminazione sui nostri corpi, le nostre vite e i nostri affetti.

Ius soli, immigrazione, asilo politico, diritti Lgbti, Gpa, testamento biologico: avete individuato nuove piste politiche di ragionamento? 

Direi che stiamo semplicemente maturando una visione aggiornata del mondo che ci circonda. Hai citato temi apparentemente diversi tra loro che in realtà sono legati da un filo molto chiaro. La libertà dell'individuo e il diritto sono pericolosamente sotto minaccia. Le conquiste europee rantolano e hanno bisogno di nuove proposte comuni e di riforme. La società aperta non riesce a mettere in campo strategie per fronteggiare questa deriva.

Nel nostro piccolo sentiamo di far parte di un più ampio movimento liberale, libertario, radicale, anarchico, antiautoritario e federalista cui vogliamo offrire le nostre letture sulla sessualità, l'integrità degli affetti e dei corpi come ulteriore strumento di rivendicazione dei diritti civili e politici.

La presenza di Emma Bonino: Non c'è pace  senza giustizia. Che ci dici in proposito? 

È l'Emma della battaglia sulle mutilazioni genitali femminili, di Ero Straniero, delle disobbedienze sulla legalizzazione dell'aborto. È stata ininterrottamente iscritta a Certi Diritti dalla sua fondazione: siamo sotto lo stesso "tetto" radicale e immagino si riconosca nelle nostre letture. Averla avuta a congresso e poter contare in generale sulla sua esperienza è un onore e un privilegio.

Il titolo del congresso è stato La libertà sessuale non è un’opinione. Che significa per la vostra associazione?

Come per la matematica e le scienze la libertà sessuale non può essere messa in discussione, il sesso ci appartiene più di qualsiasi altra cosa​. Papi, parlamentari e governi hanno per troppo tempo presidiato le lenzuola e le mutande dei cittadini e l'impostazione sessuofobica, rafforzata dalle menzogne, ha creato filoni ideologici che col tempo si sono trasformati in vere e proprie stragi di persone: i sex worker morti ammazzati, l'omotransfobia sociale e di Stato che continua a mietere vittime, la disinformazione sulle malattie sessualmente trasmissibili (per citarne solo alcune). 

Vogliamo persone che sappiano di poter essere e fare quello che vogliono, persone più felici e tolleranti perché più libere e più responsabili.

Infine, Leonardo  Monaco è più un  bravo ragazzo o una Drag Queen vestita da bravo ragazzo? 

Bravo ragazzo, un cazzo. Sono Drag ma anche pervertito, drogato, puttana, migrante, L, G, B, T, I ed E, carcerato, ragazza madre, ragazzo padre. Quando a ventun'anni conobbi Marco Pannella, venni sottoposto a una serie di letture di ogni tipo. Tra queste c'era una lettera di Arthur Rimbaud che è il manifesto politico del suo Partito Radicale.

Rimbaud lì parla di «ragionevole sregolamento dei sensi» che intendo come la conquista di riuscire ad ampliare i propri sensi al punto da potersi immedesimare nelle speranze di libertà e nelle sensibilità di ciascuno, specie quelle di chi è messo da parte; andare col dialogo, con la ragionevolezza e lo spirito critico e indipendente oltre gli schemi e le regole cui siamo costretti dai manierismi dei nostri tempi. 

e-max.it: your social media marketing partner

weTest

Featured Video