Evitare le discriminazioni da orientamento sessuale o identità di genere, «che ancora sono all'ordine del giorno», soprattutto attraverso la formazione del personale delle attività commerciali, degli uffici pubblici e degli operatori turistici del territorio. 

È quanto prevede la convenzione che, patrocinata dall’Assessorato parmense alla Partecipazione e ai Diritti dei cittadini, è stata ieri siglata tra l’associazione ParmaèFriendly e gli enti di categoria Apla Confartigianato, Ascom, Confesercenti, Cna. Coinvolte nel progetto, insieme con ParmaèFriendly, le altre associazioni parmensi Lgbti quali Agedo, L’Asterisco LGBTQIPA+, Certi Diritti Parma, Circolo Aldo Braibanti, Ottavo Colore, Spiritualità Arcobaleno, Tuttimondi.

Oltre a prevenire e combattere le discriminazioni, la convenzione è volta a favorire e diffondere la cultura dell’accoglienza e del rispetto delle differenze, nonché promuovere la tutela dei diritti civili e delle libertà personali. Il tutto non senza la messa in rete di iniziative di tipo commerciale o turistico dirette a un target Lgbt anche in prospettiva di Parma 2020, Capitale della cultura.

A tale fine, oltre prima fase di sensibilizzazione, il progetto prevede la distribuzione di una vetrofania con il logo (un arcobaleno con la scritta ParmaèFriendly) da esibire sulle vetrine degli aderenti all'iniziativa.

«Questa progetto - spiega l'assessora Nicoletta Paci - iniziativa è a supporto di un cammino che abbiamo iniziato e che vogliamo continuare, perché per noi la città dei diritti e dell'accoglienza non è uno slogan».

e-max.it: your social media marketing partner

Prosegue il percorso di Libera Mente, la collana Lgbt di Robin Edizioni - Biblioteca del Vascello. Dopo La parola alle Amazzoni di Giorgia Succi e Il Nuoro e gli #altri di Rita De Santis, presidente onoraria di Agedo, arriva ora, fresco di stampa, Aldino di Giorgio Ansaldo.

Se esistono ancora romanzi di formazione che possano prendere per mano il lettore e accompagnarlo lungo l’intero arco di vita del protagonista, facendolo appassionare, sognare, interrogare, allora, Aldino è uno di quelli. Non dimenticando di introdurre la tematica sentimentale, ne rinsalda il canone e, allo stesso tempo, lo innova perché sceglie di narrare l’amore omosessuale.

Il romanzo racconta la vita di un attore, Aldo Bianchi, nato a metà del secolo scorso, in un quartiere periferico di Genova. La sua storia viene narrata a tappe di dieci anni e, attraverso i ricordi, viene ricostruita la sua vita quasi per intero.

Il quadro di riferimento è senza dubbio il classico romanzo ottocentesco, che trova il suo caposaldo nel gusto della narrazione: puntuale e ben dosata. A volte spensierata, altre più drammatica, delinea il racconto dell’evoluzione di Aldino. La maturazione professionale e la prima consapevolezza del protagonista di voler diventare un artista, prendendo le distanze dal tradizionale borgo operaio che lo accoglie fin dalla nascita, sono alcuni degli elementi che permeano la narrazione.

Il racconto, in un crescendo, fa vivere al lettore la maturazione umana e conoscitiva scandita anche dalle tappe fondamentali del viaggio: in Italia, in Europa fino agli Stati Uniti. Ma anche la sua maturazione interiore, che avviene attraverso l’incontro con figure umane, destinate a essere, più o meno volontariamente, co-artefici del suo destino. Il ritratto di Aldino che emerge è quello di un uomo che affronta il trascorrere degli anni come un eterno ma consapevole Peter Pan. Il quale, nonostante tutto, non perde mai la fiducia nella vita e in tutto ciò di cui, nel bene e nel male, essa è composta.

La forza di questo romanzo risiede anche nel racconto di un’evoluzione storica e politica attraverso il continuo confronto della società con gli ambienti, le personalità, le rivendicazioni del mondo Lgbt. Senza dimenticare, però, che quella di Aldo è, sì, la scoperta, la sperimentazione e l’accettazione del proprio orientamento sessuale ma anche e prima di tutto la ricerca dell’amore, di un amore “giusto”: passionale e felice al tempo stesso. Sentimento vissuto dal protagonista sempre come necessario.

Un libro che si inserisce nella tradizione del Bildungsroman, ma che intende narrare per intero le vicende di un protagonista omosessuale. Ed è forse la prima volta che un autore italiano si spinge a esplorare questo tipo di percorso narrativo.

Quindi, un testo nuovo, coraggioso e tradizionale al tempo stesso, per una collana voluta e pensata non solo come strumento di lotta alle discriminazioni di genere, ma anche come elemento di rottura degli schemi. Per far riflettere e accendere il dibattito sulla "galassia umana" del mondo Lgbt.

e-max.it: your social media marketing partner

In occasione della Giornata Mondiale di lotta contro l’Aids, che, su proposta dell’Oms fu approvata nel 1988 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite e fissata al 1° dicembre, Arcigay Rimini ha organizzato una serie di manifestazioni significative.

Nel pomeriggio di oggi, alle 17:00, sarà inaugurata presso la Far (Fabbrica Arte Rimini) in piazza Cavour una mostra costituita da materiale originale legato a una vicenda avvenuta nel 1994 nella città dei Malatesta: il sequestro, cioè, del Piccolo libro dell'amore senza rischi che, realizzato da Arcigay Rimini e Lila, fu sequestrato perché ritenuto"pubblicazione oscena"in quanto usava termini espliciti. Una campagna d’informazione innovativa per quegli anni a fronte di quelle governative che ricorrevano anche all’uso anacronostico di termini latini.

La vicenda ebbe all’epoca un ampio risalto nazionale tanto da essere trattata anche dal settimanale Cuore. Vicenda che con gli occhi di oggi appare surreale ma fa comprendere quanto (e quanto poco) è cambiato da allora. 

All'inaugurazione prenderanno parte, oltre al presidente di Arcigay Rimini Marco Tonti, il direttore di Gaynews Franco Grillini (uno dei protagonisti della vicenda nonché profondo conoscitore dei fatti della Riviera romagnola tra gli anni ’80 e ‘90) e la giornalista de Il Fatto Quotidiano Lia Celi (allora componente della redazione di Cuore).  

Patrocinato dal Comune di Rimini, dall’U.O. Malattie infettive del locale Ospedale Infermi e da Agedo Rimini-Cesena, la mostra sarà visitabile fino al 2 dicembre

Sempre presso la Far si terrà inoltre l’incontro pubblico su Hiv e prevenzione dal titolo Facciamo il punto.

Alle 17:00 dell’1 dicembre si confronteranno al riguardo i medici Andrea Boschi (U.O. iIfettivologia Rimini) e Leonardo Montecchi (Sert Rimini), l’olandese Orlando Lansdorf (componente autorevole dell’Ahf (Aids Healthcare Foundation), la presidente di Agedo Rimini-Cesena Mara Bruschi e il presidente di Arcigay Rimini Marco Tonti. 

e-max.it: your social media marketing partner

Ieri è stata una giornata importante per il Coordinamento Torino Pride, l’associazione di secondo livello che raccoglie le principali associazioni Lgbti del territorio piemontese e le altre realtà che si adoperano per l’inclusione e la non discriminazione.

Importante perché, nel rinnovo delle cariche, una mamma arcobaleno, Giziana Vetrano, ha assunto l'incarico di coordinatrice. Un ruolo che svolgerà con determinazione come traspare dalle sue prime dichiarazioni: «L'omofobia è ancora una drammatica realtà e, quindi, il lavoro da fare tantissimo. Essere stata eletta coordinatrice per me è un onore e confido di essere all’altezza.

La nostra sarà una squadra coesa e combattiva e per questo, in uno spirito di ottimizzazione ed efficacia del lavoro, affideremo deleghe specifiche ai vari membri del direttivo. Sono anche molto felice per la prima imminente sfida: l’organizzazione della Trans Freedom March di novembre».

Giziana, educatrice professionale, succede ad Alessandro Battaglia che le dà il benvenuto con queste parole: «Da oggi dopo poco più di quattro anni, per mia scelta, non ricopro più il ruolo di Coordinatore del Torino Pride. Sono stati anni delicati, impegnativi, molto faticosi ma sensazionali sotto molti punti di vista. Faccio volontariato in associazioni Lgbtq da molti anni e ritengo ancora di più oggi che ci sia molto bisogno di essere attenti e vigili continuando ad impegnarsi in tutti gli aspetti del sociale.

Ringrazio davvero tutti e tutte coloro che mi hanno accompagnato fin qui e faccio davvero i miei migliori auguri di buon lavoro alla nuova Coordinatrice del Torino Pride e a chi compone il nuovo direttore con me. C’è e ci sarà ancora molto lavoro da fare. In conclusione non posso che ricordare e ringraziare il mio amico Lino Manfredi, che spero sia contento del risultato. Grazie».

Affiancheranno la coordinatrice nel direttivo, eletto all’unanimità, volti nuovi e molti componenti uscenti a partire proprio da Alessandro Battaglia. Con loro Paolo Blesio (Arcigay Torino), Silvano Bertalot (Amiche e amici della Cultura e del Festival del cinema Lgbt), Massimo Florio (vicepresidente nazionale di Arco e presidente della 011), Maurizio Gelatti (Amiche e amici della Cultura e del Festival del cinema Lgbt),  Luca Minici (associazione Quore) che ricoprirà il ruolo di segretario, Francesca Puopolo (Arcigay Torino), Gianni Roggero (Agedo Torino), Jacopo Rosatelli (Maurice Glbtq), Daniela Vassallo (Famiglie Arcobaleno). Una solida ed eterogenea  basse associativa per poter far sentire più forte la propria voce.

Il Torino Pride si impegnerà a continuare e a sviluppare il lavoro svolto sino ad ora dal precedente direttivo, a perseverare nella valorizzazione delle associazioni che lo compongono e a rendere la sua composizione ancora più plurale e intersezionale con il fine di difendere i diritti delle persone Lgbtqi e di combattere ogni forma di discriminazione. Particolare attenzione verrà riservata al mondo trans e per questo il nuovo direttivo e il Torino Pride tutto stanno già lavorando all’organizzazione della Trans Freedom March di novembre.

e-max.it: your social media marketing partner

Liberi e libere. È questo il cuore del corso, presentato stamani in conferenza stampa a Roma, presso il Circolo di Cultura omosessale Mario Mieli, su orientamento sessuale e identità di genere rivolto a operatori sanitari, psicologi, assistenti sociali e mediatori culturali.

Dodici moduli formativi per lavorare non solo sui contenuti ma anche sugli atteggiamenti corretti da adottare con le persone Lgbti al fine di prevenire ogni forma di discriminazione. Capofila del progetto Liber@di Essere, finanziato dall'Unar con il bando Apad 2016, è il Cirses (Centro di iniziativa e di ricerca sul sistema educativo e scientifico).

Partner, invece, dell'iniziativa il Circolo di Cultura omosessuale Mario Mieli, Agedo, Libellula, Famiglie Arcobaleno, Metafora, Nuova associazione europea per le Arti terapie in una con la collaborazione gratuita di altri soggetti quali Istituto nazionale per le Malattie infettive Lazzaro Spallanzani, Asl Roma 1, Ordine degli Assistenti sociali - Consiglio regionale del Lazio, Associazione Dgp Di’ Gay Project.

A seguito della conferenza stampa abbiamo raggiunto Massimo Farinella, responsabile dei Progetti del Circolo di Cultura omosessuale Mario Mieli.

Quali sono gli obiettivi generali di questo progetto e come è strutturato?

Tutti noi partner del progetto LIBER@DI ESSERE siamo fortemente convinti che possiamo arginare efficacemente le discriminazioni e i pregiudizi attraverso la conoscenza. Che possiamo produrre veri cambiamenti culturali attraverso l’educazione e la formazione. Per tali motivi, con il nostro progetto realizzeremo dei percorsi di formazione rivolti a tutti quei professionisti che lavorano in diversi contesti (in diverse città italiane), dove risulta fondamentale la relazione con l’utente: psicologi, psicoterapeuti, medici, infermieri, assistenti sociali e tante altre figure, che svolgono funzioni chiave in importanti servizi rivolti a tutta la cittadinanza.

Il progetto prevede misure/attività di informazione e formazione per operatori psico-socio-sanitari: quali sono nello specifico i loro fabbisogni?

Prima dell'estate abbiamo condotto un'indagine, prevalentemente tra psicologi e assistenti sociali. Le risposte hanno evidenziato la necessità di una adeguata formazione a partire dagli elementi di base legati ai temi Lgbt+, come ad esempio il significato di alcuni termini che definiscono l’identità di genere, l’identità sessuale, l’orientamento sessuale, soprattutto quando tali temi riguardano le persone transgender.

La maggioranza dei rispondenti dichiara di non essere soddisfatto della formazione ricevuta sui temi Lgbt+ (sia nel corso di studi universitari sia durante percorsi di specializzazione). Emerge, ad esempio, per gli Assistenti sociali, il desiderio di accrescere le proprie competenze sulle unioni civili, la genitorialità Lgbt+ e il coming out.

Avere figure professionali formate su tali argomenti porta ad avere una società più inclusiva. Ad esempio, alla Rainbowline (800110611) riceviamo spesso telefonate in cui si chiede di avere il contatto di un medico Lgbt-friendly, perché in passato si sono avute esperienze negative (alcuni si sono sentiti giudicati e colpevolizzati per il proprio orientamento sessuale). In un'indagine Emis di qualche anno fa, condotta su maschi gay in Italia (nell'ambito della prevenzione Hiv) è risultato che il 58.3% di coloro che aveva fatto almeno un test si dichiarava insoddisfatto del counselling e il 43.1% dichiarava di non aver potuto parlare di sesso tra maschi.

In particolare, quale saranno le azioni progettuali che le associazioni Lgbti partner realizzeranno?

Si prevedono una serie di moduli formativi che si svolgeranno a Roma e in altre città. Ogni associazione apporterà il proprio specifico e il proprio contributo. Nella prima fase preparatoria di progetto, attraverso riunioni periodiche e scambi, è stato già prodotto un piccolo manuale, che sarà disponibile anche sul sito. Durante i corsi di formazione tratteremo di orientamento sessuale e identità di genere, famiglie omoparentali e genitorialità Lgbt+, coming out, aspetti socio-culturali, differenze di vita, stereotipi e omotransfobia, unioni civili, stigma verso persone con Hiv e fattori di discriminazione multipla, identità transgender in età evolutiva e adulta e tutti gli altri temi dell’universo Lgbt+.

Vorrei poi evidenziare l'aspetto del lavoro collettivo fatto dalle diverse associazioni. Sicuramente un lavoro più faticoso (abbiamo percorsi e approcci differenti) ma di maggiore qualità, perché più completo e, decisamente, bello ed entusiasmante.

Cosa significa realizzare questi progetti in risposta ai fabbisogni della comunità Lgbti in un Paese ancora caratterizzato da molti episodi omofoboci , transfobici e con un alto tasso di bullismo nel sistema scolastico e sul lavoro?

A questo desiderio diffuso di "ritorno al passato", e quindi di rimessa in discussione di alcune importanti conquiste sul piano dei diritti civili, occorre rispondere innanzitutto con la cultura. Progetti come il nostro, nel quale sono previste attività formative e di scambio con diverse figure professionali, possono contribuire realmente a sviluppare una maggiore consapevolezza (che nel nostro Paese stenta ad affermarsi) necessaria a sconfiggere i pregiudizi verso le persone Lgbt+. È utile agire tutt* insieme, individualmente e collettivamente, soprattutto nel quotidiano per sensibilizzare e informare contro ogni forma di pregiudizio.

Il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli è sempre stato storicamente in prima fila nella lotta contro le diverse forme di discriminazione verso le persone Lgbti. Secondo te quali sono le priorità in questo momento storico caratterizzato da un razzismo ed una xenofobia elevata?

Fino a due anni fa si dibatteva all’interno del movimento Lgbt+ a proposito dell’utilità di una legge sulle unioni civili che non appariva compiuta, pur riconoscendone l'indubbio valore. In realtà, con maggiore freddezza e lungimiranza politica, era forse chiaro che si stavano consolidando, come forze maggioritarie nel Paese, percorsi politici che non solo non si sarebbero proposti di allargare i diritti delle persone Lgbt+, ma addirittura avrebbero messo in discussione i fondamenti dello stato di diritto.

La priorità, a mio parere, è insistere nel manifestare la propria idea di società aperta, attraverso azioni concrete e un forte dialogo con altre minoranze e associazioni, in modo da opporre un comune e solido progetto culturale e politico, capace di fronteggiare questa pericolosissima deriva illiberale, presente in alcuni Paesi europei e che sembra affermarsi anche in Italia.

e-max.it: your social media marketing partner

A pochi giorni dalla sottoscrizione del protocollo attuativo della legge regionale umbra contro le discriminazioni da orientamento sessuale e identità di genere (fissata al 17 settembre) non si placano le polemiche e gli attacchi da parte delle opposizioni.

A dare nuovamente fuoco alle polveri Lega Umbria, che in conferenza stampa a Palazzo Cesaroni – cui ha partecipato anche il senatore gandolfiniano Simone Pillon – ha parlato di incentivo all’ideologia gender e di consegna dei bambini alle lobby gay.

Le dichiarazioni in tal senso di Caparvi, Mancini e Pillon hanno suscitato non poche reazioni. Tra queste anche quelle del comitato ternano di Agedo. Associazione che, come noto, è composta da genitori e familiari di persone Lgbti.

Ecco il testo inviato a Gaynews dal direttivo di Agedo Terni e dalla presidente Marisa Maurizi:

La legge regionale umbra contro l’omofobia è legale, legittima e costituisce un esempio di alta civiltà giuridica che deve essere salvaguardata e tutelata. 

Mentre riprende l’ennesima caccia alle streghe finalizzata a distrarre i cittadini dai veri problemi del Paese, il popolo umbro, e quello italiano tutto, dovrebbe sapere che fine hanno fatto i 49 milioni di rimborsi elettorali illegittimamente percepiti. Dovrebbe sapere inoltre perché 149 persone sono state costrette inutilmente a bordo della nave Diciotti per giorni e giorni.

Dopo i migranti ecco che è la volta degli omosessuali. Poi toccherà a ogni voce dissidente non allineata con il pensiero nordista celodurista. 

Non accettiamo che si faccia demagogia e campagna elettorale sulla pelle dei nostri figli, addirittura demonizzati agitando lo spauracchio della “lobby gay”: comunità Lgbt che viene accusata ingiustamente di attentare all’innocenza dei bambini. 

Questa retorica è ripugnante poiché perpetrata ai danni di una minoranza, vittima ancora di persecuzioni sociali e di discriminazioni. Tutto ciò in un Paese civile e democratico non sarebbe immaginabile nemmeno nel peggiore incubo collettivo. 

Lanciamo un appello ai giusti, alle persone libere, civili e progressiste dell’Umbria e dell’Italia affinché non cadano nei tranelli semantici di chi semina odio per meri fini propagandistici ed elettorali.

Difenderemo con le unghie e con i denti la legge contro l’omofobia e i diritti dei nostri figli e delle nostre figlie.

e-max.it: your social media marketing partner

La morte di Lino Manfredi, fondamentale punto di riferimento della collettività Lgbti italiana, ha provocato cordoglio e afflizione in quanti, dagli anni '90 ad oggi, ne hanno seguito con interesse le battaglie di civiltà e in quanti hanno avuto il piacere e l’onore di incontrarlo e di apprezzarne l’umanità e la determinazione.

La scomparsa è avvenuta domenica 5 agosto mentre i funerali si terranno si terranno il 9 agosto presso il tempio crematorio del Cimitero Monumentale di Torino.

Lino Manfredi e la moglie Laura Mariotti entrarono in Agedo a metà degli anni '90 e sono diventati, ben presto, delle vere e proprie colonne dell’associazione al punto tale da essere individuati tra i “protagonisti” del film documentario 2 volte genitori, pellicola del 2008 realizzata da Claudio Cipelletti, con la collaborazione di Lucia Bonuccelli e Francesco Pivetta, in cui si narra cosa accade all’interno delle famiglie quando i figli fanno coming out.

L’attività di Lino è stata sempre rivolta in maniera particolare al lavoro nelle scuole, perché era convinto, a buona ragione, della centralità che riveste la scuola nel contrasto a ogni forma di stigma ed esclusione.

La scuola era, per Lino, il luogo in cui si vinceva o si perdeva la battaglia contro il pregiudizio e infatti, ancor prima che Agedo entrasse nel FoNAGS (Forum Nazionale delle Associazioni dei Genitori della Scuola), che ha sede presso la direzione generale per lo studente, l'integrazione, la partecipazione del Miur, Lino Manfredi già sedeva nel FoRAGS Piemonte, perché il suo impegno, soprattutto nel territorio piemontese, era chiaro a tutta la collettività (Lino Manfredi si è impegnato a lungo anche al Tavolo Lgbti del Comune di Torino).

D’altronde, Lino è stato tra i fondatori del Comitato Agedo di Torino nel 2014, benché nel maggio 2016 abbia poi deciso di uscire da Agedo e fondare GeCO, Associazione di Genitori e Figli contro l’omotransfobia.

Insomma, la scomparsa di Lino Manfredi non è solo la scomparsa di un uomo di cultura che si è impegnato nella diffusione di informazioni importanti per la crescita sociale e civile del nostro Paese, ma la scomparsa di un attore attivo della lotta di rivendicazione di diritti e dignità della comunità Lgbti, un militante brillante e dotato di grande umanità che ha saputo parlare ai più giovani, infondendo loro coraggio e fiducia. Ma anche a tanti adulti che, per la prima volta, si trovavano a confrontarsi con l’omosessualità delle proprie figlie e dei propri figli e che, necessariamente, dovevano “rinascere” come genitori, ripartendo da zero ma con la guida di altri genitori in gamba come Lino Manfredi.

e-max.it: your social media marketing partner

Genere oltre i generi. Questo lo slogan del Barletta Pride, che ha avuto luogo sabato 16 giugno.

La città pugliese della disfida è stata percorsa da 1500 persone,  unite – come recita il documento politico – «nei valori dell’antifascismo, dell’antirazzismo, dell’inclusione sociale, della solidarietà, della laicità, dell’anticlericalismo, del riconoscimento dei diritti umani e civili della comunità Lgbti e delle persone tutte».

Ad aprire la marcia dell’orgoglio Lgbti, partita alle 16:30 dal Lungomare Pietro Mennea e conclusasi al tramonto nei giardini del Castello Svevo, lo striscione del Coordinamento organizzativo. Coordinamento costituito da Arcigay (cinque comitati locali), Agedo (quattro comitati), Osservatorio Giulia e Rossella, Impegno Donne Foggia, i centri antiviolenza Safiya, Save e Riscoprirsi, Arci Cafiero, Hastarci Trani, Cgil Bat, Anpi Bat, Lezzanzare, Nudi, TGenus, LeA, Uaar Bat.

In prima fila anche Nunzio Liso e Nicola Giuliani, la prima coppia unitasi civilmente a Trani nel 2016

Madrina del Barletta Pride è stata Vladimir Luxuria, che non ha mancato di rivolgersi al responsabile del dicastero della Famiglia e Disabilità. «Caro ministro - ha gridato l’ex parlamentare sul carro del Coordinamento –, tu sei Fontana ma noi siamo marea».

Pur non essendo presente, il neosindaco di centrodestra Cosimo Cannito ha incontrato nei giorni scorsi gli organizzatori e successivamente inviato loro il seguente messaggio: Barletta è una città senza pregiudizi e auguro a tutti la buona riuscita di questa manifestazione.

Una lunga lettera è stata invece inviata dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano al consigliere nazionale d’Arcigay Luciano Lopopolo e a tutti i componenti del Coordinamento.

Guarda la GALLERY

e-max.it: your social media marketing partner

A dare inizio al Roma Pride, poco dopo 15:00, lo striscione del Mit, la cui delegazione è stata guidata dalla presidente Nicole De Leo e dalla presidente onoraria Porpora Marcasciano. Hanno percorso un breve tratto, prima che in testa al corteo si ponessero i rappresentanti del Coordinamento Roma Pride. Ma un gesto, quello del Mit, altamente simbolico per ricordare che i moti di Stonewall e il conseguente movimento contemporaneo di liberazione Lgbti non ci sarebbero stati senza Sylvia Rivera e le drag di Greenwich.

Dietro di loro una colorata marea umana, che si è ingrossata sempre di più durante il percorso fino a raggiungere le 500.000 persone.

18 i carri, tra cui quelli delle ambasciate di Canada e Regno Unito. E poi le associazioni Lgbti (dal Mieli ad Arcigay, dal Mit a TGenus, da Famiglie Arcobaleno ad Agedo, da Rete Genitori Rainbow al Colt, da Globe-Mae a Plus, da Gaynet a Gaylib, da Senes ai Leather Club italiani, da Di'Gay Project a Gaycs), le organizzazioni umanitarie nonché sigle sindacali come la Cgil, rappresentata dalla segretaria Susanna Camusso.

Presenti esponenti del mondo politico come l'europarlamentare Daniele Viotti, il segretario reggente del Pd Maurizio Martina, la senatrice dem Monica Cirinnà – che, salita sul carro del Mieli durante il percorso, ha fatto cantare ai partecipanti l’Inno di Mameli –, la deputata di +Europa Emma Bonino, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. Assente, invece, la sindaca Virginia Raggi, anche se per l’amministrazione capitolina c’erano il vicesindaco Luca Bergamo e alcuni assessori.

Il Roma Pride, che ha avuto due testimonial d'eccezione nei partigiani Modesto (92 anni) e Tina Costa (93 anni), è stato il primo (insieme a quelli di Pavia e Trento) a essere celebrato dopo le discusse dichiarazioni del ministro Lorenzo Fontana e il voto di fiducia al governo.

Un’occasione, dunque, per reagire a chi nella Lega vorrebbe relegare al silenzio e all’inesistenza le persone Lgbti, come sottolineato con fermezza in Piazzale Madonna di Loreto dal presidente del Circolo di Cultura omosessuale Mario Mieli Sebastiano Secci.

Un’occasione per ribadire al M5s che non è possibile non prendere le distanze da tali posizioni fascisteggianti, che non è possibile – come ripetuto da tanti loro esponenti negli ultimi giorni – contrapporre diritti civili a diritti sociali, essendo gli uni strettamente correlati agli altri.

Guarda la GALLERY

e-max.it: your social media marketing partner

Inaugurata oggi alle 19:00 a Bologna presso Il Cassero Lgbt Center la mostra fotografica e documentaria Adelmo e gli altri. Confinati omosessuali nel Materano. Si tratta di un progetto di Agedo Torino a cura di Cristoforo Magistro in occasione della Festa di Liberazione.

Fino al 5 maggio sarà possibile ripercorrere, attraverso foto e documenti, le biografie di 28 uomini provenienti da tutta Italia e confinati durante il fascismo nella provincia di Matera con l'accusa di pederastia. Oltre alle 28 storie c’è anche quella di una donna, Gilda, confinata nel 1940 perché tenutaria di una casa di tolleranza nel quale si consumavano rapporti sessuali tra uomini.

In occasione dell'inaugurazione, l'attore e regista bolognese Alessandro Tampieri presenterà in anteprima nazionale il reading Confino. Frammenti per una tragedia mancata, ispirato proprio alle storie raccontate nella mostra.

Poco prima dell’inaugurazione della mostra incontriamo Cristoforo Magistro, curatore della mostra, e il prof. Lorenzo Benadusi, docente associato di storia contemporanea presso l'Università degli studi Roma Tre e massimo esperto della storia delle persone omosessuali durante il regime fascista.

Dr Magistro, quali sono state le difficoltà relative all'allestimento della mostra Adelmo e gli altri. Confinati omosessuali nel Materano?

Questa mostra è nata da una ricerca del curatore presso l'Archivio di Stato di Matera protrattasi per cinque estati poiché ì fascicoli dei confinati omosessuali non sono distinti dagli altri contenuti nel fondo confino ricco di ben novanta pacchi. Quindi una gran fatica e una certa spesa poiché in quegli anni la consultazione costava tre euro a pacco. Ciò detto va precisato che quel materiale e la mostra che ne è nata non avrebbe visto la luce o non avrebbe avuto nessuna circolazione senza il supporto di Agedo  e della rete di associazioni del mondo Lgbt.  Nonostante tutto devo anche dire che questo non sarebbe bastato senza l'aiuto di mia moglie che si occupa dell'organizzazione degli eventi, spedizione dei pannelli, ecc. e senza il supporto di un altro “padre” della mostra, Giovanni Zardini  che ha prestato gratuitamente la sua grande professionalità per realizzarla

Per l'allestimento di Bologna, ci saranno delle novità rispetto alle precedenti realizzazioni della mostra? Nel curare la mostra a quali elementi o significati ha avuto interesse a dare maggiore attenzione e rilevanza?

L'allestimento di Bologna avrà tre pannelli in più rispetto alla precedente, tre pannelli relativi ai tre fascicoli conservati nell'Archivio di Stato di Potenza. Tenendo presente che i confinati nel Potentino (100 comuni) in genere furono più del doppio di quelli nel Materano (31 comuni), il loro numero apparirà estremamente limitato. Ciò è dovuto alla distruzione di gran parte del fondo confinati causato dal bombardamento alleato su Potenza del settembre 1943.

Sul piano della ricerca credo di poter dire che una sistematica esplorazione degli archivi provinciali del Mezzogiorno potrebbe dare un'idea approssimata del confino omosessuale. Approssimata poiché, come si è detto per Potenza, non tutto il materiale è arrivato fino a noi.

Quello che risalta anche in questa mostra è che persino le popolazioni del mezzogiorno più povero e arretrato avevano una concezione più moderna di quella della classe dominante della diversità. Gli omosessuali non furono discriminati dalla gente in Lucania e molti di loro fecero sincere amicizie, alcuni arrivarono al punto di sposarsi con ragazze di quei paesi. Alcuni altri, pochi per fortuna, incapparono in sorveglianti che fecero di tutto per rendere loro la vita difficile nella consapevolezza che nessun loro abuso sarebbe stato punito.  

Prof. Benadusi,  qual è la storia "sconosciuta" che la mostra Adelmo e gli altri finalmente rivela? Quanto lavoro c'è dietro questa interessantissima operazione?

L'aspetto più interessante della ricerca è quello di aver individuato le cartelle biografiche di questi confinati, in modo da ricostruire la loro vita prima e durante il confino. Si tratta di 25 persone provenienti da ogni parte d'Italia, di bassa estrazione sociale (vi è anche un marchese che però evita il confino trasferendosi in Svizzera), tranne poche eccezioni mandati al confino comune. 

La ricerca fornisce un tassello importante per ricostruire la storia dell'omosessualità nell'Italia fascista perché attraverso quest'indagine su scala locale è possibile individuare nuovi documenti che rendono più chiaro il fenomeno della repressione della pederastia, sia a livello numerico, sia nelle strategie messe in atto dalle forze dell'ordine.  

Nei precedenti allestimenti della mostra ha mai riscontrato resistenze e difficoltà? Come è stata accolta la storia delle persone omosessuali durante il fascismo?

La mostra è stata già presentata a Torino, a Parma e a Ragusa Ibla, dove in occasione dell'inaugurazione è stato organizzato, in collaborazione con l'Università di Catania, un convegno specifico sul tema. L'accoglienza da parte del pubblico è stata molto buona, con una partecipazione numerosa e un vivo interesse. Purtroppo proprio a Matera non è stato invece possibile organizzare la mostra e la proposta di creare un evento in occasione del 2019 Matera capitale europea della cultura, non è stata accolta. 

L'interesse mostrato per queste storie "dimenticate" ha inoltre favorito la nascita di una sorta di network con persone, associazioni e società, come quella della Public History, che stanno portando aventi progetti, documentari e ricerche proprio a partire da quanto fatto sui casi dei confinati nel materano.

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video