È iniziato oggi presso l’Hotel Ergife a Roma e proseguirà fino al 24 maggio il 10° Congresso nazionale Icar, Italian Conference on Aids and Antiviral Research.

Ma durante la sessione di apertura c’è stata una forte azione di protesta da parte di componenti di Anlaids, Arcigay, Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, Lila, Nadir, Nps e Plus contro i tagli alla sanità che pregiudicano il diritto delle persone sieropositive a una vita dignitosa. Attiviste e attivisti hanno così occupato il tavolo dei relatori con cartelli recanti scritte diverse come quella I vostri tagli sulla nostra pelle Noi positivi, Voi distruttivi e col simbolico nastro rosso dipinto sul viso.

Come dichiarato nel comunicato congiunto «Le nuove terapie consentono oggi di sopprimere la carica virale di Hiv rendendo le persone in terapia non infettive. Questo può permettere una buona qualità della vita e ha importanti ricadute sul piano della prevenzione. Per ottenere questo risultato, però, devono essere garantiti adeguati standard di assistenza e cura. Oggi, i tagli imposti alla spesa e la conseguente contrazione dei servizi rischiano di compromettere i buoni risultati raggiunti e il perseguimento degli obiettivi ONU a cui anche l’Italia ha aderito.

Le Nazioni Unite giudicano possibile la sconfitta dell’Aids entro il 2030 purché venga rispettato, già entro il 2020, il target: 90-90-90 che prevede che almeno il 90% delle persone con Hiv siano consapevoli del loro stato sierologico, di assicurare almeno al 90% di loro l’accesso alle terapie e, almeno nel 90% di questi casi, la soppressione della carica virale. Oggi le associazioni rivendicano la necessità di perseguire anche un quarto obiettivo, il cosiddetto “4° 90”: la garanzia, cioè per le persone con Hiv in terapia di una buona qualità della vita correlata alla salute.

Nel Piano nazionale Aids approvato dal ministero della Salute e dalla Conferenza Stato-Regioni sono previsti gli interventi per rendere il percorso di cura delle persone con Hiv più efficace e in linea con gli obiettivi terapeutici. Le associazioni chiedono il finanziamento del Piano come atto dovuto perché questo documento di indirizzo possa essere introdotto nella pratica clinica.

Le persone con Hiv restano infatti portatrici di alte e specifiche esigenze di salute in ragione della complessità della cura, della particolare vulnerabilità sociale, del progressivo invecchiamento della popolazione interessata e della possibile insorgenza di gravi patologie concomitanti. I tagli rischiano invece di riportare l’orologio indietro di vent’anni.

In tutta Italia assistiamo infatti alla riduzione di controlli ed esami clinici fondamentali per il monitoraggio della salute del paziente e ad un indebolimento del ruolo del medico infettivologo che andrebbe anzi rafforzato e reso protagonista del rapporto con altri specialisti per un approccio multidisciplinare alla salute del paziente.

Per rispondere alle nuove necessità di oggi, bisogna garantire al medico infettivologo il coordinamento con altri medici specialisti adeguatamente formati sull’Hiv, quindi in grado di garantire interventi competenti, tempestivi, multidisciplinari di monitoraggio ordinario e con una diagnostica adeguata».

Sandro Mattioli, presidente di Plus Onlus, ha dichiarato: «In parecchi centri clinici italiani è stato, oramai, adottato il criterio della turnazione tra i medici che seguono il paziente. Le motivazioni sono di carattere gestionale, tra cui il contenimento della spesa sanitaria. Che fine ha fatto il rapporto medico-paziente, che è stato per anni considerato la chiave del successo terapeutico in Hiv? Sono oramai troppe le persone che ci riferiscono di essere costrette a spostarsi dalle loro città per ricevere un’assistenza clinica multidisciplinare: ci chiediamo, provocatoriamente, se le parole ‘Sistema sanitario nazionale" abbiano, oggi, ancora significato».

Gli ha fatto eco Margherita Errico, presidente di Nps Italia, che ha affermato: «La discriminazione è ancora troppo presente nel nostro Paese. Mi preme ricordare l’ambito lavorativo e l’ambito dei servizi ai cittadini, anche quelli socio-sanitari. Mi chiedo come possiamo parlare di ‘normalizzazione’, quando di normale c’è solamente la difficoltà quotidiana della persona con Hiv nel garantirsi una vita serena, di prospettiva, come le persone senza Hiv? Perché il progresso scientifico, oramai consolidato, non va di pari passo con quello sociale, di garanzia dei diritti?».

Guarda la GALLERY

e-max.it: your social media marketing partner

Giù la maschera ed Educare le differenze per combattere l’odio. Questi gli slogan nonché i nomi dei rispettivi comitati promotori del Bergamo Pride.

«Un invito – come si legge sul sito ufficiale – a spogliare le maschere dietro cui ci nascondiamo per vivere finalmente in modo libero e consapevole le nostre vite e i nostri affetti ed educare i cittadini alle differenze per combattere l’odio».

E così, dopo giorni di polemica per l’annuncio di un’adorazione riparatrice indetta dal Comitato del Popolo della Famiglia di Seriate presso il locale convento cappuccino ma successivamente annullata per intervento ufficioso del vescovo, la prima marcia orobica dell’orgoglio Lgbti è partita da Piazzale Malpensata alle 15:00 per concludersi in Piazza Matteotti.

Caratterizzato da una forte presenza giovanile, il Bergamo Pride ha visto una significativa partecipazione di associazioni a partire da Arcigay e Rete Lenford.

La prima nella persona, soprattutto, del presidente del locale comitato Marco Arlati. La seconda, invece, - che proprio nel capoluogo lombardo ha la sua sede ufficiale - rappresentata dalla presidente Maria Grazia Sangalli, dal segretario del comitato scientifico Stefano Chinotti nonché da socie e soci.

Tra quanti hanno inviato loro messaggio d’adesione al primo Pride di Bergamo anche Costantino della Gherardesca

Guarda la GALLERY

e-max.it: your social media marketing partner

Da mesi ormai il mondo lesbico femminista italiano è attraversato da un conflitto che ha ridefinito i confini del movimento Lgbti+ e che ha generato un nuovo arcipelago di associazioni femminili e femministe. La radicalizzazione, in chiave neoreazionaria, di ArciLesbica ha determinato la nascita di Alfi (Associazione Lesbica Femminista Italiane) che mette in rete tutti quei circoli che si sono autosospesi e si sono dissociati da ArciLesbica. E che a Bologna invece ha trovato concretezza in Lesbiche Bologna, legittime eredi della fu Arcilesbica Bologna e altrettanto legittime assegnatarie della sede del Cassero.

Nell’arcipelago lesbico italiano però qualcuno si dimentica sempre di noi, donne lesbiche, bisex, pamsex, transex, intersex, asex, queer, che militiamo in Arcigay o in altre associazioni Lgbti+ e che, non per questo, ci sentiamo meno lesbiche, meno femministe, meno donne, meno emancipate. Eppure agli occhi dei più noi non esistiamo.

Non importa se siamo presidenti di circoli territoriali. Non importa se lo siamo anche in città grandi e attive come Torino per citarne un, o se lo siamo state (fino ad alcuni mesi fa) in territori ostici come Salerno tanto per citarne un’altra. Non importa se siamo brave.  Non importa se facciamo parte dei gruppi dirigenti delle nostre associazioni e se siamo parte attiva di un’elaborazione politica che fa dell’acronimo Lgbti+ non un insieme di consonanti, ma un insieme di persone, che lottano per decostruire quegli stereotipi di genere che affliggono la nostra società e di cui ognuno di noi è vittima inconsapevole.

Noi, che ci sporchiamo le mani per ridefinire i confini di genere perché crediamo profondamente nell’autodeterminazione di qualsiasi individuo, non esistiamo. E, quando qualcuna di quelle compagne lesbiche, femministe si ricorda di noi, è per sbeffeggiarci. Noi che "gigioneggiamo con gli uomini” (come disse Cristina Gramolini a Ferrara il 1 dicembre 2018), che siamo le mogli dei gay, complici del loro innato, radicato e insradicabile maschilismo.

Talmente tanto dimenticate o non considerate che, ogni volta che una lesbica femminista muove un’accusa ad Arcigay o ad altra associazione Lgbti+, lo fa rivolgendosi sempre al maschile e sempre e comunque solo ai maschi, ai G di quell’acronimo. Noi donne Lgbti+, militanti di associazioni Lgbti+, non contiamo nulla. Ma non per i nostri compagni di lotte, dai quali abbiamo continue dimostrazioni di stima e rispetto, ma proprio per quelle donne che lottano per la parità e fanno della differenza un plusvalore.

E cosi ancora una volta mi tocca leggere frasi del tipo: La mia solidarietà ad #Arcilesbica che rappresenta la storia del movimento #Lgbt italiano e a cui tutte noi donne #lesbiche dobbiamo essere grate. Il movimento omosessuale italiano dovrebbe riflettere. Non si fa politica così. (Paola Concia, profilo Fb, 14 maggio 2018)

Ecco cara Paola, di cui non ricordo una lunga militanza nel movimento (ma forse sono io ad avere la memoria corta), e care compagne lesbiche femministe, fatevene una ragione! Il “movimento omosessuale” non è fatto di soli uomini. Le decisioni non le prendono solo gli uomini, gli indirizzi politici non sono il frutto di elaborazioni maschili e maschiliste. Il movimento che voi chiamate omosessuale è il movimento Lgbti+ italiano, fatto di persone che la pensano diversamente da voi, fatto di tante donne (cis, trans, queer, gender fluid) che lottano per l’autodeterminazione della donna anche quando questa passa dalla libera scelta di gestare per altri (perché l’utero è mio e me lo gestisco io, non voi).

Donne che si sentono diverse, ma uguali alle compagne trans perché non è quello che abbiamo tra le gambe che fa la differenza ma quello che siamo, quello che sappiamo di essere sin da piccole.

Siamo donne che rivendicano con orgoglio la libertà di fare del sesso un mestiere, senza per questo sentirsi vittime di un sistema patriarcale, ma semplicemente libere di determinare cosa fare del proprio corpo e della propria vagina. Donne che lottano perché le persone disabili tutte, di qualsiasi genere siano, debbano avere il diritto a una sessualità. Donne il cui utero non è un tempio sacro, per cui la genitorialità non passa esclusivamente dalla maternità. Donne libere dai quei meccanismi patriarcali di cui voi siete vittime. Perché il patriarcato è una pratica che voi applicate ogni qualvolta vi erigete a paladine della tutela delle altre donne.

Non ho mai avuto bisogno di essere tutelata da nessuno, uomo o donna che sia: io mi tutelo da sola ed esisto in quanto donna lesbica e femminista, che vi piaccia o no, anche se sono la presidente di un circolo il cui suffisso è gay. E sono favolosa!

e-max.it: your social media marketing partner

Come in tanti Comuni della Sicilia anche a Catania, Ragusa e Siracusa, il 10 giugno, si andrà a votare in occasione delle amministrative. Per questo motivo i relativi comitati territoriali d'Arcigay hanno diffuso un questionario che, rivolto a tutti i candidati e candidate tanto a sindaco o sindaca quanto al Consiglio comunale, è volto a conoscere le singole posizioni su temi riguardanti i diritti, la formazione, la salute delle persone Lgbti.

Rilanciata dai media, l’iniziativa è stata posta oggi sotto attacco da Forza Nuova Sicilia che su Fb ha dichiarato: «Ultima trovata di Arcigay Catania, Arcigay Siracusa ed Arcigay Ragusa, con la chiara intenzione inquisitoria di mettere alla gogna chi non si mostrasse allineato con le folli e innaturali rivendicazioni di certi ambienti.

Conosciamo perfettamente l’agenda che questi signori portano avanti: dall’equiparazione delle coppie omosessuali alla famiglia tradizionale, all'indottrinamento alla diabolica teoria del gender che, tra le altre aberrazioni, nega il valore della determinazione biologica della sessualità, alle richieste di “adozione” per mezzo dell’utero in affitto.

Per questo ci opponiamo alla diffusione del questionario e delle concezioni innaturali e antisociali che intende veicolare. Sapremo anche, dalle risposte che molti daranno, chi potrà avere il diritto di ergersi a paladino della sola famiglia degna di essere definita tale, il cerchiobottismo in casi del genere è un atto criminale».

Immediata la risposta di Giovanni Caloggero, consigliere nazionale d’Arcigay ed ex presidente del comitato di Catania, che a Gaynews ha dichiarato: «Noi siamo profondamente onorati delle critiche di Forza Nuova. Soprattutto onorati e orgogliosi del loro dissenso da noi.

Ci saremmo vivamente preoccupati se, al contrario, avessero condiviso le nostre posizioni. Siamo distanti, diversi assolutamente da costoro e ci teniamo ad esserlo. Viva la differenza con costoro che non appartengono al mondo della civiltà».

e-max.it: your social media marketing partner

Giornata storica. Così la branca portoghese dell’Ilga ha salutato ieri l’approvazione da parte dell’Assemblea della Repubblica della legge (109 sì, 106 no, 15 astensioni), che consentirà il cambio legale di genere senza previa certificazione medica a partire dal 16° anno d’età.

Fra i 16 e i 18 anni sarà tuttavia necessaria l’approvazione dei genitori o dei rappresentanti legali. Essa vieta inoltre gli interventi chirurgici sui bambini intersex, «eccetto in situazioni di comprovato rischio per la loro salute».

Presentato dai parlamentari di Bloco (sinistra radicale), il disegno di legge ha ottenuto i voti a favore di Ps, Pev, Pan nonché della socialdemocratica Teresa Leal Coelho

Il Pds ha infatti votato contro insieme con Cds, la cui deputata Vania Dias da Silva ha dichiarato: «Siamo totalmente in disaccordo. Chi ha 16 anni non possono sposarsi né guidare e nemmeno bere e non dovrebbero perciò poter prendere una decisione dalle conseguenze così gravi e definitive».

I socialdemocratici hanno espresso contrarietà perché avrebbero voluto vincolata alla previa certificazione medica la rettifica dei dati anagrafici. A essersi invece astenuti i parlamentari del Partito Comunista

Il Portogallo si aggiunge così alla lista di quei Paesi quali Malta, Norvegia, Danimarca, Irlanda, Belgio, Argentina, Colombia, Bolivia, in cui – come scritto da Ottavia Voza, responsabile Arcigay per le Politiche e i Diritti Trans - le persone trans sono finalmente liberate «dalle gabbie della patologizzazione e della sterilizzazione forzata».

e-max.it: your social media marketing partner

Se si digita il nome di Beppe Ramina sul sito di Radio Città del Capo, della quale è stato uno dei fondatori, si legge: «Giornalista che nel 1977 era un dirigente di Lotta Continua e da militante del movimento gay prese le chiavi del Cassero nell'82».

Ma chi lo conosce aggiungerebbe che è da sempre una persona molto attenta al tema dei diritti con uno guardo un po’ ironico e un po’ serio. Tra i suoi scritti non è possibile non ricordare Ha più diritti Sodoma di Marx - Il Cassero 1977/1982, pubblicato nella collana Quaderni di critica omosessuale

Beppe, a tuo parere, quanto le unioni civili hanno portato avanti il Paese sul­ piano dei diritti?

Le unioni civili costituiscono il parziale riconoscimento del diritto, assicurato dalla Carta Costituzionale, all’uguaglianza di ogni cittadino nelle leggi. Quel diritto, dunque, c’era già, tanto che la Corte Costituzionale era intervenuta più volte sul punto, ma non era riconosciuto dalle leggi. È un'affermazione parziale, ma significativa, dei movimenti per i diritti civili e del movimento Lgbtqi. In quanto tale, rientra tra quei provvedimenti (dal divorzio all’aborto, dall’abolizione dei manicomi al diritto al fine vita) che affermano il diritto alla libera scelta di ogni individuo e che hanno costituito un punto di svolta nella cultura e nella vita sociale del Paese.

Eppure, secondo molti la cosiddetta legge Cirinnà rappresenterebbe anche un passo indietro marcando la differenze tra unione o matrimonio?

Nessun passo indietro: è un riconoscimento di uguaglianza (per quanto parziale) e, come tale, andrebbe valorizzato. Chi non desidera utilizzarla - per esempio, io e il mio attuale compagno - fa ciò che vuole. Trovo stucchevoli i commenti su un presunto arretramento culturale indotto da questa legge: chi la pensa diversamente ha lo stesso spazio di prima per sviluppare le proprie posizioni culturali e politiche.

Non mi convince chi denigra il lavoro di altri per affermare il proprio punto di vista. Purtroppo, in Italia, questa tendenza ad accentuare gli aspetti che dividono è forte. Al primo congresso mondiale sull’Aids che si tenne a Stoccolma (1988), nell’assemblea delle organizzazioni non governative alla quale partecipavo come presidente della Lila, venne fatto un elenco di temi. Scartati quelli su cui c’era disaccordo, ci si concentrò su quelli sui quali si era d’accordo. In Italia avremmo fatto l’opposto, trascorrendo ore a litigare.

Nel 1982, anno della presa del Cassero a Bologna, essere gay era sicuramente diverso rispetto a oggi e diverse erano le modalità d’approccio. Oggi ci sono Grindr e i social. Cosa ne pensi?

Mio figlio, che ha 14 anni, conosce internet da quando è nato: le sue manine hanno afferrato un mouse quando aveva pochi mesi e ancora non parlava, ma già sapeva dove trovare dei giochi. Il supporto carteceo per lui è confinato in parte all’area scolastica e in pochi libri. Ciò non significa che non conosca le cose del mondo e che non abbia sue opinioni anche su questioni complesse: ha una mente aperta e vivace, creativa. Tuttavia, è evidente che il suo modo di relazionarsi sia diverso dal mio. Non si deve essere diffidenti verso ciò che non conosciamo e che non capiamo. Il mondo di oggi è abbastanza diverso – per alcuni tratti radicalmente diverso –  da quello che ho conosciuto io. Ma restano e, anzi, si ampliano le ingiustizie sociali, i conflitti armati, la crisi ecologica.

I temi di fondo sono gli stessi di un tempo, ma nelle generazioni più giovani è diverso il modo di relazionarsi ad essi. Sono un uomo del Novecento: per me Marx, Bakunin, Rosa Luxemburg, Gramsci sono figure famigliari. Per molte persone giovani, anche attive nelle parti più radicali del movimento Lgbtqi, si tratta di sconosciuti, mentre sono più famigliari Foucault o Judith Butler. Per molti giovani gay ad essere popolari sono certe figure di serie televisive o di videogiochi o degli anime giapponesi. Questa differenza toglie valore alle esperienze delle generazioni più giovani? Sono convinto di no.

Oltre alle rivendicazioni della parità dei diritti su quali altri temi dovrebbe rivolgere la sua attenzione il movimento Lgbti?

Ogni movimento è fatto dalle persone che lo compongono. Nei movimenti Lgbtqi ci sono persone dalle sensibilità e dalle storie culturali e politiche diverse: ogni organismo associativo e politico al quale danno vita ha una propria specificità. Più che di obiettivi dei movimenti, posso dire il mio punto di vista, peraltro per nulla originale. Ritengo che non vi possa essere liberazione dai ruoli e dai generi se non ci sarà giustizia sociale, se le disuguaglianze economiche terranno prigioniera la gran parte delle popolazioni, se non ci si batte per contrastare le guerre e i terrorisimi.

Per dirla con parole novecentesche, non ci sarà liberazione della persona se non ci sarà liberazione dal bisogno e non ci sarà liberazione dal bisogno se non ci sarà libertà piena per ogni individuo. Per dirla ancora più semplice, i movimenti Lgbtqi dovrebbero essere in relazione stretta con quanti si ribellano a questa società dove il capitale finanziario spadroneggia e accentua le diseguaglianze, conduce al disastro ecologico, calpesta con guerre disumane e col terrore la vita di milioni di persone.

Qual è secondo te il punto di maggiore forza e maggiore debolezza dell’associazionismo italiano Lgbti?

I punti di forza e di debolezza, a mio parere, hanno la stessa radice: la grande frammentazione che, se permette a tante soggettivtà diverse di esprimersi arricchendo le noste vite, altrettano spesso non consente di unirci su alcuni punti cruciali per il buon vivere, qui e ora, delle persone Lgbtqi.

Negli anni ’70 si diceva: La fantasia distruggerà il potere e una risata vi seppellirà. Oggi ci sono ancora nascoste da qualche parte una fantasia e una risata?

C’è sempre. Nel 1968 si diceva che “sotto il cemento cresce l’erba”. Fa parte dell’umanità il desiderio di non essere oppressi.

Omogenitorialità. Cosa significa per te essere padre?

Premetto che mio figlio non fa parte di una famiglia omogenitoriale: ha un padre e una madre oltre ad altre figure adulte di riferimento, come i miei compagni che ha conosciuto nel tempo e ai quali è molto affezionato. Non so definire cosa sia la paternità. So cosa è per me essere padre di una persona di grande forza interiore, amabile, simpaticissima qual è mio figlio: una grande gioia, frequenti sorprese.

Non hai nascosto di aver votato alle ultime elezioni Potere al Popolo: c’è in te il ragazzo “rivoluzionario” di sempre?

Votare Potere al Popolo non è un gesto rivoluzionario: mi sono recato al seggio e ho fatto due croci sulle schede elettorali. Poi sono tornato a casa senza avere rischiato nulla. Più che altro è una presa di posizione. Dei razzisti del centrodestra neppure vale la pena parlare. Dei restauratori di un capitalismo più efficiente a targa 5 Stelle mi importa ben poco. Il Pd ha da tempo smarrito quel poco di consapevolezza che restava sulle condizioni di vita di milioni di persone. Liberi e Uguali ha fatto la scelta di preservare alcuni gruppi dirigenti in sintonia con quanto fatto da Sel alle politiche del 2013.

Ho votato PaP senza farmi illusioni (consapevole che a fatica avrebbe raggiunto l’1%) perché potrebbe essere uno strumento per raccordare realtà di base che esistono in tutta Italia ma che sono frammentate, senza una voce comune. Non mi aspetto che questo accada. Ma il progetto aveva e ha un suo valore.

Arcigay 1984-2018. Sono trascorsi più di 30 anni e sono oltre 50 i comitati sparsi in tutta Italia. C’è qualcosa che vorresti suggerire alle nuove generazioni di attiviste e attivisti?

Ad Arcigay sono inevitabilmente affezionato: con Franco Grillini ho contribuito a rifondarla e ne sono stato presidente nazionale. Successivamente, pur riconoscendone aspetti di utilità sociale, sono spesso stato molto critico nei confronti dell’associazione e per alcuni anni non mi sono iscritto. Mi considero un socio del Cassero: mi trovo spesso in sintonia con le sue prese di posizione politiche e apprezzo le tante attività culturali e sociali che si svolgono al suo interno e all’esterno, ad esempio con i migranti e i senza fissa dimora.

Non ho messaggi o suggerimenti, se non che la vita è migliore se vissuta a testa alta, godendola e sentendosi a proprio agio in ogni luogo e in ogni circostanza.

e-max.it: your social media marketing partner

Si concluderà nel pomeriggio a Roma davanti alla Corte della Cassazione il nuovo tour del Bus delle Libertà, meglio conosciuto come Bus No Gender. Organizzata da CitizenGo e Generazione Famiglia - Le Manif Pour Tous Italia, l’iniziativa ha avuto nuovamente luogo nonostante l’interrogazione parlamentare presentata lo scorso anno dai deputati Alessandro Zan e Ileana Piazzoni ai ministri Minniti e Fedeli. Dai quali, nonostante le sollecitazioni del deputato padovano, non è mai stata data risposta.

Anche la seconda edizione del Bus delle Libertà è stata accompagnata da tensioni e polemiche durante il suo percorso lungo lo Stivale. A partire da Reggio Calabria, città da cui ha avuto inizio il tour il 20 febbraio.

Lucio Dattola, presidente del locale comitato di Arcigay, ha duramente bollato l’iniziativa per chiedere in un comunicato «di quali libertà siano portatori questi cavalieri del Sacro Romano Impero, pronti a minacciare querele e a farsi pubblicità sulla pelle degli altri. E ci chiediamo anche perché alla libertà di fare propaganda a Reggio Calabria non sia corrisposta la speculare libertà di contro manifestare, negata dalla Questura».

Polemiche anche a Torino dove prima dell’arrivo del bus sabato 24 l'amministrazione comunale ha revocato il permesso di occupazione di suolo pubblico. Domenica il coordinatore del Torino Pride Alessandro Battaglia, impegnato col terzo viaggio del Treno della memoria Lgbti, così ha commentato da Cracovia l’iniziativa: «È oramai chiaro che il periodo che stiamo vivendo vede non solo un rigurgito di temi cari al tempo del fascismo ma anche vecchie forme di paure che vengono instillate giorno dopo giorno dalla peggiore politica degli ultimi 50 anni.

Al di là delle ideologie oscurantiste, noi crediamo nella Libertà, con la L maiuscola, non in quella presunta libertà che gli organizzatori del bus sostengono essere stata loro negata. Iniziative del genere devono intimorire né noi, né gli insegnanti che hanno una responsabilità enorme nell'istruire i giovani e le giovani che rappresentano il futuro di tutti e tutte noi e che mi auguro veramente riescano laddove noi abbiamo fallito.

Essendo io reduce dal viaggio del Treno della Memoria non posso non pensare ai ragazzi e alle ragazze che ho incontrato che si sono messi in gioco in un modo straordinario e che hanno inteso perfettamente il senso della Memoria come antidoto alle discriminazioni del presente… e del futuro.

Continuiamo a lavorare per una società inclusiva e che non si faccia schiacciare dalla paura... perché la paura dell'altro non ha mai portato bene a nessuno, compresi coloro che l'hanno diffusa».

Contestazioni massicce si sono invece registrate ieri a Bologna, dove alla fine il Bus delle Libertà, accolto dal senatore Carlo Giovanardi, è potuto arrivare a Piazza Malpighi. Accompagnato dalla candidata di Noi per l'Italia Maria Alessandra Molza Giovanardi ha dichiarato: «Ho amici transessuali ma questa è una patologia. Sono vicino a chi ha questi problemi ma non è la normalità e non si può raccontare ai bambini che possono essere maschi o femmine e non c'è nessuna differenza».

Ferma la risposta di Porpora Marcascaino, storica leader del Mit, che ha dichiarato: Questi sono medievali, da Santa Inquisizione. Per secoli ci hanno rinchiuso nei manicomi o nelle carceri e oggi sono qui per rifarlo. Ma non glielo permettiamo, assolutamente».

Le dichiarazioni giovanardiane sono state così commentate da Danilo Cosentino, candidato alla Regione Lazio nelle liste di Liberi e Uguali: «Questo oscurantismo rispetto all'educazione alle differenze nella nostra scuola è uno dei tanti motivi che deve rafforzare il nostro impegno a portare, anche nel Lazio, una legge regionale contro l'omofobia e la transfobia, riaprendo un tavolo di dialogo con le associazioni Lgbti in attesa di una legge nazionale».

e-max.it: your social media marketing partner

Con un tweet lanciato ieri mattina Tommaso Cerno ha comunicato d’essere ricoverato in ospedale.

Oltre settecento le reazioni al tweet di Cerno mentre 221, al momento, i tweet di risposta. Questi ultimi incoraggiano il giornalista e candidato al Senato nelle liste del Pd a ristabilirsi quanto prima.

A tale coro di auguri si è unito anche Franco Grillini che domani sera a Milano sarebbe dovuto intervenire con Cerno al dibattito Europa, Diritti, Futuro.

«Abbiamo saputo – così ha dichiarato – che Tommaso è ricoverato in ospedale a Milano. Nel fargli i nostri migliori auguri come redazione di Gaynews e come Gaynet speriamo in un suo pronto ristabilimento per gli ultimi giorni di campagna elettorale. Tommaso Cerno è un candidato che ha puntato la  sua campagna sul tema dei diritti alla luce della personale militanza come dirigente Arcigay e dell’impegno in campo giornalistico a tutela delle persone Lgbti.

La presenza e l’elezione in Parlamento di un candidato come Tommaso rappresentano per noi un elemento prezioso d’interlocuzione in una legislatura che, stando a tutti i sondaggi, non sarà purtroppo a maggioranza di sinistra. Ma speriamo che non sia nemmeno troppo orientata verso l’estrema destra.

Noi abbiamo bisogno di watch dog per evitare che qualcuno possa pensare di tornare indietro in materia di diritti. La presenza di Tommaso al pari di quella di altri candidati e candidate – che speriamo siano eletti – diventa in questo modo indispensabile.

Auspichiamo dunque che Tommaso guarisca rapidamente. Non solo perché gli vogliamo bene ma anche perché abbiamo bisogno di lui per le battaglie comuni in tema di diritti».

e-max.it: your social media marketing partner

Una delle fondatrici del comitato Arcigay di Arezzo e da sempre attiva nella lotta contro ogni forma di discriminazione, Cristina Betti è candidata alla Camera nelle liste di Potere al popolo.  A lei abbiamo rivolto alcune domande per saperne di più.

Cristina Betti, lesbica e attivista nella lotta contro ogni forma di discriminazioni per le persone Lgbti e ora candidata nelle lista di Potere Al Popolo ad Arezzo. Che effetto fa?

Emozionata. Il lavoro da fare è tanto e spero che la mia esperienza di attivista nell’associazionismo serva a portare avanti le istanze Lgbti anche dentro Potere al Popolo.

Potere al Popolo è una formazione politica che sta facendo parlare molto di sé. Un nome forte e pieno di significati secondo qualcuno.  Un slogan da vecchia lotta di classe secondo altri. Tu che ne pensi?

Uno slogan forte per un movimento dal basso che pone al centro della propria azione politica il cittadino e i suoi diritti, nel pieno rispetto dei dettami costituzionali. Potere al Popolo vuole creare uguaglianza, parità dei diritti, integrazione, parità di genere. Azioni fondamentali per una società giusta dove ognuno di noi sia perfettamente in grado di autodeterminarsi. Non trovo nulla di retrò in questo, ma battaglie sempre più attuali.

Arezzo è stata ed è una città che ha sempre mostrato la sua anima democratica e antifascista. Città d'arte e con un buon afflusso turistico con una buona economia. È cambiato qualcosa negli ultimi anni, soprattutto per le persone Lgbti? 

Si. Già avere ad Arezzo il comitato Arcigay è stato un cambiamento importante per la città. In pochi anni siamo diventati il punto di riferimento per la comunità Lgbti e per tutti coloro che con noi lottano contro le discriminazioni (associazioni, enti locali, privati, ecc.). Certo, c’è ancora tanto da fare, ma le basi ci sono.

Quali sono le priorità della tua campagna elettorale?

Io credo che serva ricostruire un tessuto sociale e culturale dove principi come il diritto al lavoro, alla parità dei salari, alla sanità gratuità, alla casa, alla parità di genere nella vita privata e sul posto di lavoro, il diritto all’autodeterminazione, la lotta alle discriminazioni delle persone Lgbti, all’odio razziale, alle discriminazioni monetarie, diventino in modo definitivo valori fondanti. Potere al Popolo lotta per questo modello di società e per bloccare, attraverso queste e molte altre azioni di questo tipo, il fascismo che è sempre stato latente in questo paese e oggi più che mai, emerge.

Qualcuno dice che è meglio non votare Potere al popolo perché in tal modo si tolgono voti al centrosinistra e così avanza la destra più nera. Secondo te, invece, perché bisogna votarlo?

Intanto se tutti votano Potere al Popolo, non si perdono voti a sinistra. Potere al Popolo è l’unica forza politica con un programma elaborato da centinaia di persone, siamo l’unica vera novità nel panorama politico italiano: siamo donne e uomini che combattono e ripudiano l’oppressione razzista, di classe, di sesso, la guerra la devastazione della natura e della vita. Siamo persone e organizzazioni, democratiche e antifasciste, comuniste e socialiste, femministe e ambientaliste. Veniamo da storie differenti ma vogliano costruirne una comune tra chi non si rassegna all’ingiustizia, allo sfruttamento, alla sopraffazione dilagante e vuole cambiare le cose.

C'è un mondo Lgbti che vota a destra e molti si scandalizzano: seconde te è corretto? E cosa è che non va  tra l'essere Lgbti ed esser di destra?

Siamo in democrazia e ognuno di noi è libero di votare chi meglio crede. Però credo anche che i vari partiti della destra italiana si occupino di tutto tranne che dei diritti delle persone Lgbti, anzi alimentano un clima di odio e non solo nei nostri confronti ma, ad esempio, anche contro i migranti.

C’è un dibattito aperto sulla Gpa e le adozioni per le persone Lgbti: qual è la tua opinione in proposito?

Credo che ormai i tempi siano più che maturi per rivedere la legge su le adozioni: serve una legge che riconosca il desiderio di maternità e paternità di tutt*. Sono favorevole nell’estendere l’adozione a le persone Lgbti e alle persone single. Il tema della Gpa è vasto e complesso con implicazioni morali, etiche e giuridiche che certo non possono essere qui risolte. In questo Paese non è possibile, non esiste una legislazione a riguardo che la consenta. Io, con una legge che tuteli tutti i soggetti coinvolti, sono favorevole.

 

e-max.it: your social media marketing partner

Dopo i drammatici fatti di Macerata 23 associazioni hanno indetto a Roma, per sabato 24 gennaio, la manifestazione nazionale Mai più fascismi, mai più razzismi. Per favorirne l’adesione il comitato di Arcigay Napoli ha lanciato l'Appello antifascista Lgbt. Eccone il testo:

Anche le persone LGBT parteciperanno alla manifestazione “Mai più fascismi, mai più razzismi” convocata per il prossimo 24 febbraio a Roma.

In un momento particolarmente delicato per le garanzie democratiche del nostro paese, proprio mentre le forze politiche più reazionarie e populiste invocano un irrigidimento normativo sia relativamente ai diritti delle persone extracomunitarie sia rispetto agli stessi diritti delle persone lgbt, è necessario mostrare all’intero Paese la comunanza e la solidarietà che stringe tutte le minoranze e tutte e tutti coloro che, a prescindere da qualsiasi differenza etnico-culturale e da qualsiasi orientamento e identità, dicono No in maniera netta e decisa al razzismo, all'omofotransfobia, all’esclusione e alla violenza.

Ecco perché invitiamo tutte e tutti coloro che credono in un mondo migliore, più libero e più giusto, a partecipare alla manifestazione nazionale antifascista e antirazzista annunciata per sabato 24 febbraio a Roma e il cui concentramento sarà  alle ore 13.30 in Piazza della Repubblica, piazza da cui si muoverà il corteo per arrivare in Piazza del Popolo dove dalle ore 15.00 avrà luogo la manifestazione.

Tra le associazioni aderenti, oltre ad Arcigay Napoli, risultano al momento Arcigay Nazionale, Certi Diritti, Gaynet, Circolo di Cultura omosessuale Mario Mieli, Dems Arcobaleno nonché la redazione di Gaynews.it 

Le prime adesioni nominali sono invece quelle di Antonello Sannino, Ottavia Voza, Vanni Piccolo, Franco Grillini, Sergio Lo Giudice, Porpora Marcasciano, Luigi Amodio, Leonardo Monaco, Yuri Guagliana, Gabriele Piazzoni, Flavio Romani, Claudio Finelli, Francesco Lepore, Sebastiano Secci, Angelo Schillaci.

Per chi volesse accogliere l'appello, potrà compilare il modulo su http://arcigaynapoli.org/adesione24febbraio, oppure inviare una email ad This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video