Il Barcelona Gay Men's Chorus (Bgmc) compie tre anni di attività e lo fa col calendario Show Must Go On. A posare gli stessi componenti (oltre 60) dell’associazione che, oltre a dischiudere il panorama musicale a persone non udenti, è impegnata nella promozione di cause umanitarie. Fini, questi, che realizza soprattutto con l’organizzazione di concerti.

A realizzare gli artistici scatti il fotografo Miguel Yerga, che è anche parte del Bgmc.

«La mia idea – così ha dichiarato – è stata quella di creare un calendario ispirato a uno spettacolo di arti performative. Con un teatro come set, utilizzando tutti gli spazi possibili come i camerini, il backstage, le poltrone e naturalmente il palcoscenico».

Un risultato singolare ottenuto anche grazie alla location utilizzata per la realizzazione delle immagini. Gli spazi fiabeschi, cioè, del Casino L'Aliança del Poblenou che può, a ragione, considerarsi uno dei maggiori esempi dell’eclettismo monumentalista di Amadeu Llopart i Vilalta.

Per chi fosse interessato ad acquistare il calendario potrà trovare tutte le informazioni necessarie sul sito www.barcelonagmc.org.

GUARDA LA GALLERY

 

e-max.it: your social media marketing partner

Dodici momenti di perfetta, assoluta e normale quotidianità: la famiglia a tavola. Torna così, in uno dei momenti più intimi e veritieri il calendario di Agedo Roma 2018, l’associazione di genitori, parenti e amici di persone Lgbti. Perché è attorno alla tavola di casa che ci si riunisce, si parla, si litiga, si mangia, si fanno domande e si danno, spesso, risposte inaspettate o che già si conoscono. Famiglie come tante che sono protagoniste degli scatti dei fotoreporter Mauro Rosatelli, Claudio Laconi e Michela De Nicola

Roberta Mesiti, presidente di Agedo Roma, spiega il perché di questa iniziativa che in questa seconda edizione porta il titolo di Ricette di Famiglia – L’Amore è servito, come è nata e le speranze per il futuro che riposano, ancora sulla carta, nella tanto agognata legge contro l’omolesbotransfobia.

Anche quest'anno Agedo Roma si fa promotrice di un calendario, quale sarà il tema?

Il tema del calendario Agedo Roma 2018 è la tavola, intesa come momento di convivialità e condivisione. Nei dodici scatti siamo rappresentati noi soci Agedo, le nostre famiglie, i nostri figli, nipoti e amici.

Perché lo avete scelto?

Abbiamo iniziato a pensare al tema del calendario la scorsa estate, durante le ultime riunioni settimanali. Emilio Sturla Furnò ha avuto questa idea che ci è piaciuta subito. La cucina è un luogo simbolico, in cui ci si ritrova, raccontando un po' di se stessi e della propria giornata, possibilmente davanti a un buon piatto. Molti soci, del resto, raccontano del coming out dei propri figli, avvenuto proprio in casa, in cucina.

Cosa significa per le famiglie di Agedo questo calendario?

Il progetto del calendario è un momento importante per noi. Con gioia e un pizzico di stupore, ci è capitato di vedere lo scorso calendario nei luoghi più impensati (studi professionali, luoghi d'incontro ecc).  Il calendario è un veicolo per raccontare di noi, del nostro impegno, dei nostri valori, delle nostre vite in maniera immediata, arrivando ovunque sia possibile. Questo, del resto, è esattamente uno degli obiettivi di Agedo: allargare il dibattito sulla questione Lgbt+ fornendo uno spunto di riflessione generale.

Un resoconto di quest'anno che si sta per chiudere?

Per Agedo Roma l'anno che sta per concludersi è stato estremamente positivo. Il numero di persone che si rivolgono a noi continua a crescere, così come aumentano le richieste di tesseramento. Un dato per me importante è l'incremento di famiglie con figlie e figli giovanissimi, che sentono il bisogno di condividere il proprio orientamento sessuale o la propria identità di genere. Questa dinamica indica una grande fiducia nel proprio nucleo di origine, e ci dà l'opportunità di operare per il benessere globale delle famiglie. Altro dato positivo per Agedo Roma è stato il numero di attività esterne che ci ha coinvolto: penso alla settimana contro l'omolesbotransfobia che ci ha visto molto impegnati; penso al premio Abbraccio; penso alla collaborazione con molte realtà associative; penso a una serie di dibattiti e formazioni che abbiamo organizzato (l'ultimo, l'evento Hiv: tra memoria storica e prospettive future in occasione della Giornata contro l'Aids), oppure alle svariate richieste di interventi nell'ambito culturale.

La legislatura sta ormai per concludersi e con certezza non si metterà mano alla legge contro l'omotransfobia. Come giudicata questa mancata approvazione e cosa chiederete al nuovo Governo?

La mancata approvazione di una legge contro l'omotransfobia, per noi, rappresenta una mancata risposta delle istituzioni alle esigenze concrete dei nostri figli e delle nostre figlie.

Le persone Lgbt+, nel nostro Paese, sono diversi milioni: ogni giorno sperimentano le difficoltà legate a discorsi, gesti, atteggiamenti discriminatori e lesivi della propria dignità, e in tanti casi sperimentano violenze fisiche e psicologiche. Vorrei sottolineare che proprio la scorsa estate abbiamo assistito a un aumento di atteggiamenti legati all'omofobia, riportati dalla stampa nazionale. È importante agire sia a livello culturale, sia a livello normativo. Al prossimo Governo chiederei di affrontare globalmente la questione Lgbt+, sono molti gli ambiti in cui è urgente un intervento: omolesbotransfobia, genitorialità, matrimonio egualitario. Senza mai dimenticare l'attenzione e la formazione nelle scuole e negli ambienti lavorativi.

Puoi spiegare perché è importante per le persone Lgbti e le loro famiglie una legge del genere?

Gli interventi legislativi, e l'auspicabile cambio culturale legato ad essi, conferiscono piena dignità e pieni diritti. Oltre alle persone direttamente colpite, esiste una rete sociale e affettiva che condivide le difficoltà legate all'ignoranza e alle discriminazioni. Mi riferisco ai genitori, alle famiglie, agli amici delle persone colpite da atteggiamenti e pensieri omotransfobici, che vivono con disappunto, talvolta rabbia, talvolta sconforto un clima ostile e irrispettoso per le persone più preziose.

La presentazione ufficiale di “Ricette di Famiglia – L’Amore è servito”, realizzato grazie al contributo del Cesv, Centro servizi per il volontariato del Lazio, si è tenuta questa domenica, dalle ore 19.15 alle ore 21.00, negli spazi del Istituto A.T. Beck in Via Gioberti 54 a Roma

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video