Tanti striscioni con lo slogan No Bavaglio o Stampa libera, stop fascismo. Solidarietà a Repubblica e L'Espresso. Tante le persone che hanno preso parte al sit-in che, iniziato alle 15:30 in Via Cristoro Colombo, 90, è stato organizzato da Rete NoBavaglio e Articolo21 in risposta al blitz indimidatorio del 6 dicembre. Blitz inscenato da Forza Nuova Roma proprio davanti alla sede romana del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari.

A sostenere l’iniziativa, fra gli altri, anche Giuseppe Giulietti, presidente della Federazione nazionale stampa italiana, e Carlo Verna, presidente nazionale dell’Ordine dei giornalisti, che ha rilevato la necessità di «una risposta ferma e determinata: non accettiamo pseudo-proteste che in realtà sono minacce». E ha poi concluso: «Quella di oggi è una festa per la libertà di stampa e per la democrazia».

Significativa la partecipazione della segretaria della Cgil Susanna Camusso che ha dichiarato: «Tali episodi parlano della ricostituzione di organizzazioni di stampo fascista. Dobbiamo essere perciò custodi della libertà e delle regole democratiche costituzionali. Perché chi minimizza non ha il senso delle parole libertà e democrazia: chi vuole occuparsi della scena pubblica deve garantire innanzitutto la libertà, a partirete da quella della stampa». 

Fra le numerose associazioni che hanno aderito anche Emergency, Arci, il Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli nonché i cdr dei principali giornali e agenzie italiane. 

Presenti anche alcuni componenti di Gaynet e della redazione di Gaynews (tra le prime ad aderire al sit-in odierno) insieme col direttore Franco Grillini.

Ovviamente si sono uniti ai manifestanti anche i direttori de La Repubblica Mario Calabresi Tommaso Cerno che, in un video, ha spiegato ai nostri lettori l’importanza dell'evento.

 

e-max.it: your social media marketing partner

Pubblichiamo il comunicato con cui Gaynet e la redazione di Gaynews aderiscono al sit-in indetto per l'11 dicembre da Rete NoBavaglio e Articolo21 davanti alla sede de La Repubblica e L'Espresso, dove ha avuto ultimamente luogo un blitz intimidatorio di Forza Nuova Roma

Dopo aver espresso solidarietà alle colleghe e ai colleghi de La Repubblica e L’Espresso a seguito del blitz squadrista inscenato da Forza Nuova Roma, ultimo anello d’una catena d’episodi intimidatori alla libertà di stampa, Gaynet e l’intera redazione di Gaynews aderiscono convintamente al sit-in organizzato da Rete NoBavaglio e da Articolo21. Sit-in cui parteciperanno, fra l’altro, anche Federazione nazionale della stampa italiana, Ordine nazionale dei Giornalisti e Usigrai.

Ci ritroveremo perciò lunedì 11 dicembre, alle ore 15:30, in Via Cristoforo Colombo, 90 davanti alla sede romana del Gruppo editoriale GEDI per dire no a ogni forma di razzismo, per dire no a ogni forma d’intolleranza, per dire no a ogni forma di fascismo.

Non resteremo inerti a guardare chi vuole porre un bavaglio all’informazione libera e indipendente, tentando di stringere un cappio al collo della democrazia italiana.

e-max.it: your social media marketing partner

Pubblichiamo il comunicato con cui Gaynet e Gaynews esprimono solidarietà alle redazioni de La Repubblica e L'Espresso dopo il blitz intimidatorio di Forza Nuova Roma in Via Cristoforo Colombo.

Boicotta L’Espresso e La Repubblica. Questa la scritta sul cartello che alcuni manifestanti hanno agitato alcune ore fa sotto la sede del Gruppo Editoriale GEDI nella Capitale. Una manifestazione di puro stampo squadristico che, di fatti, è stata rivendicata su Facebook dai componenti di Forza Nuova Roma e che, secondo gli stessi, sarebbe solo «il primo attacco contro chi diffonde il verbo immigrazionista, serve gli interessi di ong, coop e mafie varie».

Nell’esprimere piena solidarietà a Mario Calabresi e Tommaso Cerno, direttori dello storico quotidiano fondato da Eugenio Scalfari, alle colleghe, ai colleghi e al personale tutto de La Repubblica e L’Espresso, l’intera redazione di Gaynews e Gaynet condannano con fermezza un tale atto intimidatorio. Si oppongono altresì al mangannellismo fisico e verbale dei fascismi risorgenti che vorrebbero, secondo una logica da Ventennio a essi connaturale, porre un bavaglio all’informazione libera e indipendente.

Per questo motivo, come ribadito dal direttore Franco Grillini, riteniamo necessaria una seria presa di coscienza perché la baldanza dei gruppi estremisti non «si trasformi in nuovo diffuso squadrismo privo di reali anticorpi. La storia qualcosa deve averci insegnato e certi errori non vanno più ripetuti. Il principale errore è di sicuro quello di non reagire subito con fermezza decisione su tutto il territorio nazionale».

Mentre chiediamo l’intervento del ministro dell'Interno e della magistratura per perseguire i responsabili di tali azioni, auspichiamo che si ponga ogni impegno da parte delle istituzioni perché l’antifascismo torni a essere un valore assoluto, imprescindibile e non negoziabile della nostra democrazia.

 

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video