Vacanza con i bambini e dove andare? Noi di Gaynews abbiamo cercato di individuare il meglio in Italia per il vostro prossimo viaggio da fare in famiglia: queste le quattro migliori mete dove potrete trascorrere liberamente il vostro tempo, coccolarvi con i vostri bellissimi bambini e fare foto, che in molti a casa ricorderanno per sempre. Non vi resta che preparare le valigie (e non dimenticate spensieratezza e relax).

Un’estate da ricordare

La Sardegna è l’isola gay-friendly dell’estate 2018, per la famiglia e per i più piccoli. Il capoluogo, come le altre principali mete presenti sull’isola, sono piene di alberghi, con eventi e attività organizzate da fare stesso all’interno della struttura che vi ospiterà, e da fare insieme ai bambini, ma perché no? Anche con altri genitori. Ci sono molte spiagge in Sardegna, dove le famiglie potranno facilmente godersi l’attrazione principale; il mare e fare castelli di sabbia, grazie anche al forte flusso di incoming dalla mentalità aperta e globale presente in questo periodo di alta stagione. Vedrete che sarà un connubio perfetto per un viaggio indimenticabile.

Viaggiate leggeri in tutti i sensi

La Toscana è una meta perfetta per le famiglie. Qui troverete moltissime attività da fare, negozietti, ristoranti e bellissime strutture alberghiere gay-friendly pronte ad ospitarvi. La regione, tra le più amate in Italia dalle famiglie arcobaleno di Stati Uniti e Canada, è bellissima e le acque poco profonde ne fanno una destinazione ideale per le famiglie, alle prese con i primi passi oppure i primi insegnamenti di nuoto in acqua. Per un’ottima gita in giornata, scegliete di farli passeggiare a cavallo con degli istruttori dedicati oppure dei mini corsi spa. Vedrete che vi dedicheranno un super abbraccio!

La vacanza con i bambini on the road!

Siete pronti per un viaggio on the road alla conquista della Puglia? Se quest’estate volete macinare chilometri il posto perfetto è questa regione del sud Italia. Munitevi di spirito d’avventura e godetevi i grandi spazi, le atmosfere estive e i panorami unici al mondo, per un’esperienza a tu per tu con la bellezza della Puglia. Vi diamo un consiglio: prenotate sin da ora per la seconda metà di agosto, affittate un camper, fate scorta di buon cibo e procuratevi una buona guida gay-friendly. Vedrete che il divertimento, formato famiglia, sarà assicurato. Ma preparatevi a fare colazione in compagnia della natura estrema!

Costiera Amalfitana: geniale, non trovate?

Tanta bellezza, ritmi slow, città dalla mentalità globale, lidi attrezzati e divertimento pazzo. La Costiera Amalfitana è tutto questo e molto di più, una meta perfetta per le quelle famiglie che vogliono sentirsi protette e coccolate dalla mattina alla sera. Insomma una destinazione aperta, che spesso implica un target alto spendente, soprattutto a Positano e ad Amalfi. Ma voi provate a scegliere altre realtà, come Praiano ad esempio, e partite verso la seconda metà di agosto oppure per i primi di settembre, lontani dalle giornate afose e affollate. Dopotutto la Costiera Amalfitana è famosa nel mondo proprio perché ha reso la diversità un punto di forza, non credete?

e-max.it: your social media marketing partner

Una freccia indicante il loro negozio. Al di sopra la scritta frocio. Questa la scoperta fatta lunedì mattina dai fratelli Alberto e Riccardo Nicolai, titolari a Massa della centrale libreria Ali di Carta.

Un’offesa o un atto intidimidatorio nei riguardi di chi, come Alberto, non ha mai nascosto il suo orientamento omosessuale e continua a essere fortemente critico nei riguardi delle destre al comando. Quelle stesse che si sono affermate nel Comune toscano di tradizione rossa e hanno assicurato, alle recenti amministrative, l’elezione a sindaco del leghista Francesco Persiani.

Immediata la solidarietà da parte di tante persone. A partire da quella espressa da Alessandro Bandoni, ex presidente della Consulta per le Pari opportunità di Carrara, e dalla locale associazione Lgbti Audre Lorde.

Ma Alberto e Riccardo sono voluti andare oltre.

nicolai

Dopo aver denunciato l’accaduto sui social, hanno organizzato ieri sera un sit-in di fronte alla libreria in Piazza degli Aranci. L’appuntamento Cultura e Diversità  è stato rivolto a «tutti coloro che hanno un pensiero o un silenzio o un rumore» per reagire a un crescente clima intimidatorio, violento, discriminatorio.

L’invito è stato accolto con un tale entusiasmo che, dopo le 21:00, oltre 500 persone hanno partecipato al sit-in. Perché, come affermato, da Riccardo Nicolai davvero «la diversità è oro».

e-max.it: your social media marketing partner

Quando si parla di road trip è impossibile non pensare al camper, la novità per i viaggi gay-friendly 2018, tanto da essere diventato protagonista di numerosi libri, film e viaggi di nozze tra persone dello stesso sesso.

Abbiamo selezionato per voi cinque road trip tra i più belli e richiesti dai viaggiatori Lgbti. Dai grandi classici italiani fino alla Spagna, passando per la Germania e la Grecia, per sognare e sentirvi liberi di amare, ma il bello sarà mettervi al volante di un quattro ruote. Siete pronti?

In Toscana? Ma per un viaggio total charme

Che meraviglia che sono i viaggi gay-friendly in Toscana! Scoprite i meravigliosi paesaggi dell’incantevole Fetovaia, tra le più belle isole dell’Elba oppure le verdi colline della Maremma, alla scoperta dei pittoreschi paesini persi tra i cipressi nel Parco della Val D’Orcia. Undici chilometri di natura incontaminata. Una città da wish list? Volterra. Una volta arrivati, dimenticatevi la fretta e dedicatevi al buon cibo, qui potrete assaggiare il miglior filetto condito con lardo della vostra vita (di coppia). Buon divertimento!

Caccia al viaggio (con sorpresa) in Spagna

Avete mai pensato ai viaggi gay-friendly on the road in Spagna? Magari in camper lungo la calda costa latina? Lloret è senza dubbio una delle località più gettonate sul mercato spagnolo, frequentata per la gran parte dai viaggiatori Lgbti, in cerca di nuove esperienze e di vita notturna movimentata. Prendete lo sposo oppure il vostro nuovo compagno o perché no anche un gruppo di amici, caricateli sul camper a quattro ruote ed esplorate questo meraviglioso tratto di Spagna super e cheap!

Immersi nella natura? Si e sarà imperdibile

Che la scegliate in primavera o in estate, l’Austria non vi deluderà: ogni stagione è l’ideale per fare dei viaggi gay-friendly in camper. Tutto dipenderà da quello che avete in agenda. Un itinerario? Da Klagenfurt verso il lago Wörthersee, il più grande della Carinzia. Gli immensi prati e la fitta boscaglia costruiscono tesori unici al mondo, e tutto il territorio è punteggiato di cittadine e località dall’atmosfera unica e accogliente, fatte di luci intense, cultura e buon cibo. Che aggiungere? Buona esplorazione!

Il giorno dopo. Colazione da veri principi

Viaggi gay-friendly in Francia, vacanza fortunata? Osiamo? Se è cosi fosse allora i francesi faranno al caso vostro! Le deliziose Saint-Tropez e Mont-Saint-Michel sono il meglio dei viaggi in camper, anche per la community di viaggiatori Lgbti. Meraviglie mediterranee svettano di fianco a incredibili perle rinascimentali e medievali, tra un pizzico di art nouveau e un brivido di night life. Un’idea che merita la vostra attenzione, oltre che lettura, in ogni periodo dell’anno, ma in primavera diventa tappa imperdibile. Che aspettate?

Vacanza + pet + friendly = Viaggi gay friendly esplosivi!

Per chi non può fare a meno del proprio amico a quattro zampe, due sono le destinazioni pet-friendly del momento: Croazia, lungo la Costa Dalmata, oppure imbarcarsi per Corfù in Grecia. In entrambe le mete gli animali sono ben accetti e quasi ovunque, nei ristoranti, musei e persino sulle spiagge. Qualunque sia la meta scelta, sarà uno di quei viaggi gay-friendly emozionanti e anche il vostro camper vi ringrazierà di averlo portato!

e-max.it: your social media marketing partner

Stilista, produttore di vini, attivista Lgbti. Bruno Tommassini è tutto questo e anche di più. Gaynews ha deciso d’intervistarlo tra memorie e prospettive future all’inizio del nuovo anno

Ciao, Bruno. Tu sei da sempre un militante per i diritti Lgbti. Raccontaci un po’ di te e della tua storia...

La mia storia è quella di un uomo libero, che si è sempre battuto contro il conformismo. Fin da ragazzo ho sentito l’esigenza, prima ancora che il dovere, di dire al mondo che “amare” è bello e che la discriminazione e l’omofobia sono un veleno per la società tutta. Ecco perché ho cominciato, assieme a Franco Grillini e a a tanti amici, l’esperienza dell’Arcigay fin dall’inizio, negli anni '80 del secolo scorso, quando in Italia anche solo parlare di omosessualità era un tabù. Pensare poi alle unioni civili era un sogno rrealizzabile: la politica all’epoca sosteneva che non si potesse legiferare in materia. Oggi sono legge dello Stato. Per arrivare qui migliaia di noi hanno contribuito chi con l’impegno politico, chi con la testimonianza quotidiana. Oggi viviamo in un’Italia migliore. Non perfetta. Ma meno male, altrimenti per quali battaglie dovremmo batterci adesso?

Hai una storia d'amore importante: cosa hanno significato per te le unioni civili e come vedi il futuro? Si andrà avanti fino al matrimonio egualitario?

La nostra storia d’amore era già un matrimonio, non aveva bisogno di una legge. Ma non appena il governo Renzi ha messo la fiducia sulle unioni civili e sono diventate legge, abbiamo deciso di sposarci. Dopo 40 anni era giusto – anche nei confronti di chi si è battuto per la legge – che fossimo lì a dire “sì”. C’è poi anche un aspetto pratico, di diritti negati, di una vita in comune anche dal punto di vista delle cose fatte insieme, costruite insieme, che rischiavano di disperdersi e che adesso sono davvero nostre, nel senso di entrambi. Decidemmo di fare una cerimonia senza troppi invitati, solo qualche amico. Ma quando arrivammo alla torre di Marciano, dove il sindaco ci ha sposati, ci siamo ritrovati in sala tutto il paese. I nostri amici di sempre, i vicini, la gente che incontriamo al mercato. E lì ho avuto la conferma che l’Italia è più avanti della sua classe politica.

Sei stilita e imprenditore. I tuoi prodotti hanno un buon successo: quale la formula?

Lottare contro il pregiudizio significa lottare contro il luogo comune, il conformismo. La moda è anti-conformismo per natura. La creatività pretende di uscire dall’ordinario. Quindi la spinta a creare è simile alla spinta che ti viene dalle battaglie per migliorare il mondo. L’amore per ciò che faccio, ovviamente, è l’ingrediente necessario. Nessuno lavora per trent’anni nel campo creativo senza amare quello che fa. Oggi ho deciso di impegnarmi anche per gli altri in questo settore. E ho accettato di diventare presidente della Federmoda, nella Cna, il posto dove ho cominciato a lavorare. Siamo di fronte a un momento storico per l’artigianato, l’arte del fare con le mani, un momento in cui il Made in Italy può mettere insieme la creatività, i grandi marchi e la loro attrattività mondiale, con la capacità unica che abbiamo in Italia di realizzare prodotti artigianali. La politica deve cogliere anche questa sfida se ama l’Italia. Io ora combatto anche per questa.

Sei stato oggetto di attacchi omofobi, per i quali ti esprimiamo la nostra solidarietà. Qual è oggi la pista da percorrere per  lottare contro tutte le discriminazioni soprattutto nel mondo del lavoro?

Denunciare senza paura questi attacchi e restare uniti con un solo grido: basta! Il mondo è più avanti di queste persone, ma in effetti il clima nel nostro Paese e in Europa è pesante. Il ritorno delle destre populiste, la xenofobia, l’omofobia sono tornati a tenere banco anche nel dibattito politico. Una regressione gravissima. Io non ho paura per me, mi so difendere, ma per le migliaia di persone che non possono farlo. Con Edoardo, mio marito, da anni producevamo un vino con le nostre uve che avevamo chiamato “Vinocchio”. Era un modo divertente per parlare di diritti con gli amici. A fronte di quanto sta succedendo, abbiamo deciso di trasformarlo in una vera e propria attività di solidarietà: adesso produciamo Vinocchio e Uvagina, rosso, bianco e frizzante. Sono tre etichette per i diritti, con i cui introiti sosteniamo le associazioni gay, i Pride, chi si batte per i diritti civili e la cultura in generale, perché è con la cultura che vinceremo noi, non con l’ignoranza e la paura.

Vivi ad Arezzo, città meravigliosa, piena  di storia e di cultura. La scorsa estate un  Pride di successo. Una grande onda piena di emozioni che si è alzata non solo sulla Toscana ma sul tutto il Paese. Cos’è per te questa  città e cosa bisogna ancora fare? 

Tutta l’Italia è piena di storia e cultura. Arezzo ha delle potenzialità enormi ma ancora da esprimere appieno. Io ci sono e lavoro ogni giorno per farlo. Rispetto alla metropoli, penso a Milano e Roma, la campagna ci mostra fra l’altro un modello di integrazione magari più lento o meno visibile, ma più profondo, più autentico, dove i legami fra le persone si intrecciano e si autostengono in modo molto vero. Credo che da città come Arezzo possa venire molto. Ma a una condizione: chi fa la cosiddetta politica – o l’associazionismo – deve mettere al primo posto gli altri e non se stesso, la comunità e non la carriera. Altrimenti saremo noi a ghettizzare i gay e le lesbiche e diventare i primi omofobi dell’era moderna, quella che credevamo fosse libera e democratica.

Da ultimo ma non da ultimo. Arcigay che cos’è per te?

Arcigay è una casa. Lo è stata per molti anni. Oggi è cambiata. A volte stento a riconoscerla. Ma quella parola che tanrti anni fa era difficile anche solo da pronunciare mi riempie ancora di emozioni. Quelle di una battaglia durata come la mia vita. Quindi ci sono tornato e cerco di dare una mano. E qualche pacca sul culo a chi interpreta troppo quella casa come un trampolino: è un errore enorme. Noi sobbiamo lavorare perché l’Arcigay un giorno non serva più. Perché sia stato un grande sogno di libertà, finalmente realizzato.

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video