Nella Giornata Mondiale di lotta contro l’Aids sono innumerevoli le manifestazioni organizzate in Italia e all’estero, per sensibilizzare alla prevenzione e al superamento dello stigma sierofobico

Ma non è possibile non rivolgere un pensiero commosso alle tantissime persone che, tra gli anni ’80 e ’90, morirono a seguito della pandemia, spesso nella più estrema solitudine e stigmatizzazione sociale. Risuona ancora nella sua estrema gravità la definizione che nel 1987 diede dell’Aids l’allora arcivescovo di Genova, card. Giuseppe Siri, quale «peste dei gay».

Tra le prime vittime italiane di quegli anni ci fu anche Duccio, che si spense nel 1985.

Gaynews vuole ricordarlo (e con lui tutte le persone che morirono e continuano ancora a morire per Aids) attraverso una lettera aperta di Rosario Murdica.

Caro Duccio, oggi è il  1 dicembre. Un giorno importate perché dedicato alla lotta all'Aids. Tu non ci sei più e sono passati molti anni dal 1985, l'anno in cui ci lasciasti.

Era un giorno d'estate ed ero fuori città. Non sono potuto venire al tuo funerale. Tutto fu fatto in fretta. E noi tutti eravamo pieni di paura. E in parte la ferita di quegli anni ancora brucia. E brucia forte.

Quando arriva il 1° dicembre, non posso fare a meno di pensarti. Più degli altri giorni. E penso che, se fosse accaduto oggi, tu saresti stato ancora qui. Perché avresti potuto avvalerti  della  ricerca, dei test rapidi e dei farmaci. Oggi con i test e i farmaci giusti puoi vivere alla grande. Anche il sesso, che ci dicevano in quegli anni di non farlo e di astenerci perché omosessuali, oggi continua a essere meraviglioso. 

Non sai quanto ci si diverte ancora, soprattutto, quando si è informati bene. Oggi avresti più o meno 80 anni e sicuramente saremmo nella tua casa a discutere di letteratura, di teatro come facevamo sempre in quegli anni. Io avevo 26 anni e tu, diciamo, qualcosa in più portati meravigliosamente bene. 

Cercavamo di essere liberi, felici, gay a tutto tondo. Mi  sono sposato con Giovanni. Lo hai conosciuto poco prima. Vi siete subito piaciuti. Son passati  molti anni dal 1985 e credo  che se fossi qui al mio fianco saresti con tutti coloro che lottano contro la discriminazione delle persone  sieropositive e contro l'Aids . 

Anzi saresti, anche a 80 anni, dietro a quei tavoli, per la prevenzione e i test rapidi con tanti giovani volontari accanto. Ti ci vedo sorridente e con tutta la tua ironia. Quella che mi hai insegnato tu. 

Ora ti lascio con quell’abbraccio con cui ti lasciavo ogni volta che ci salutavamo.

Tuo, Rosario

e-max.it: your social media marketing partner

Tra le iniziative per la Giornata Mondiale contro l’Aids (1° dicembre) è stato presentato ieri a Roma, presso la Federaziona Nazionale della Stampa, il progetto nazionale We Test - Mettiamo la salute in circolo, che prevede il test rapido Hiv nei circoli Arco e nelle associazioni Lgbti.

A intervenire, fra gli altri, alla conferenza stampa di presentazione Roberto Dartenuc (presidente di Arco), Sebastiano Secci (presidente del Circolo di Cultura omosessuale Mario Mieli), Giulio Maria Corbelli (vicepresidente di Plus Onlus), Michele Breveglieri (Arcigay), lo storico miliante del movimento di liberazione omosessuale Vanni Piccolo.

L'iniziativa si svilupperà in oltre 15 città, con 9 associazioni coinvolte e oltre 3000 test previsti in più di 30 fra circoli e associazioni locali, direttamente nei luoghi di ritrovo della collettività Lgbti. L'obiettivo - si legge nel comunicato congiunto - è quello di ampliare la possibilità di fare il test, diffonderne la periodicità, contrastare il ritardo nella diagnosi da Hiv, tra i principali responsabili della continua diffusione del virus.

Tra le novità dell'iniziativa l'ampio partenariato che sostiene il progetto, che include anche associazioni non strettamente legate alla prevenzione nel gruppo MSM (maschi che fanno sesso con maschi): ArcigayArc Onlus, Arco - Associazione Ricreativa Circoli Omosessuali, Asa - Associazione Solidarietà Aids MilanoCircolo di Cultura Omosessuale Mario MieliIreos - Comunità queer autogestitaNps Italia OnlusNudi - Nessuno Uguale Diversi InsiemePlus Onlus.

Il tema principale secondo i promotori, che riprendono i dati dell'Istituto Superiore di Sanità è quello delle diagnosi tardive, dovute all'assenza di una cultura del test abituale.

«Oltre la metà (55,8%) delle persone che hanno avuto una diagnosi di infezione da Huv nel 2017 (3443) aveva già il sistema immunitario compromesso (definito come un numero di cellule CD4 inferiore a 350). Inoltre - proseguono - va rilevato che tra le motivazioni che hanno indotto le persone con nuova diagnosi Hiv a fare il test, si registra una percentuale stabile (32%) di persone che lo hanno fatto a seguito di sintomi Hiv correlati, mentre solo un 26% lo ha fatto in seguito a comportamenti a rischio infezione

Tutto questo rappresenta una situazione critica di grave rischio per la salute: se diagnosticata per tempo l’infezione da Hiv è perfettamente gestibile con la terapia antiretrovirale (che può rendere il virus non trasmissibile), mentre in caso contrario compromette il sistema immunitario e diventa più facilmente trasmissibile».

Come ribadito dai promotori in conferenza stampa, We Test mira a rendere strutturali esperienze di collaborazione già rodate sul territorio per raggiungere le persone direttamente nei luoghi di ritrovo, ampliare la possibilità di fare il test e ottenere informazioni sulla salute, sensibilizzare alla periodicità dei test in strutture pubbliche e associative». 

L’iniziativa si svilupperà in tutto il 2019 e vedrà per la prima volta un'azione coordinata di monitoraggio e raccolta dati su scala nazionale.

Guarda la GALLERY

e-max.it: your social media marketing partner

Tra le tante iniziative, che nascono in seno alla Giornata mondiale della lotta contro l’Aids (1° dicembre), c'è da segnalare una serie di manifestazioni odierne a Bologna presso lo spazio Ateliersi (via San Vitale, 69) dal titolo Coniglie bianche alle frociate.

A organizzarla il collettivo dei Conigli Bianchi ARTivisti contro la sierofobia, il Laboratorio Smaschieramenti e la Consultoria Transfemminista QueerL’obiettivo di un percorso condiviso, che non finisce con questa giornata, è la creazione di nuovi immaginari sex-positive e siero-consapevoli.

Tra le varie realtà coinvolte nella giornata anche Non Una Di Meno Bologna, Plus Onlus e la Gruppa del Centro di Salute Internazionale.

Quasi 40 anni fa, con lo slogan Silence = Death, il gruppo di disobbedienza civile Act Up tentò di disintegrare il muro di stigma e silenzio che società civile e politica eressero attorno all’epidemia dell’Aids. Quel muro, nonostante numerose vittorie, esiste ancora oggi e continua a causare ignoranza, discriminazione e le tante nuove infezioni.

Dalle performances ai live painting, passando per la mostra delle illustratrici e degli illustratori, Coniglie Bianche alle frociate inizierà, alle 18:00, con l’inaugurazione della mostra delle artiviste e degli artivisti contro lo stigma dellla sieropositività

Proseguirà alle 19:00 con un momento d'autoinchiesta sulla sieroconsapevolezza e su come le tecnologie mediche e digitali intervengano sulla vita delle persone sieropositive.

Alle 22:00, invece, Tony Allotta ed Er Baghetta, insieme con special guest d’eccezione, animeranno uno spettacolo interattivo che nasce sul palco e finisce su carta: grazie al "superpotere" dei fumetti, della visibilità e dell'ironia si esorcizzerà ogni imbarazzo e tenterà di trasformare l’Hiv in un tema che sprigiona potere e non paura. E che unisce, anziché dividere, tanto eroticamente quanto politicamente.

 

Per finire, a partire dalle 23:30, Dj-Set delle Meraviglie a cura delle Atlantidee.

Guarda la GALLERY

 

e-max.it: your social media marketing partner

Nell’ambito delle iniziative romane per la Giornata Mondiale della lotta contro l’Aids (1° dicembre) la Piramide Cestia è da questa sera (fino a domani) illuminata di rosso. A campeggiare poi su una delle quattro facciate del monumento la scritta Stop Aids.

Si tratt di un’iniziativa volta a richiamare l’attenzione di cittadini e turisti sulla necessità di prevenire le infezioni da Hiv e di contrastare lo stigma sierofobico

Presenti all’accensione, avvenuta alle ore 18:30, la ministra della Salute Giulia Grillo, il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega alle Pari opportunità e ai Giovani Vincenzo Spadafora, la sindaca Virginia Raggi, la presidente di Acea Micaela Castelli.

La ministra ha dichiarato: «Credo sia una ottima iniziativa rendere gratuito il test dell'Hiv e spingere con le campagne di informazione i giovanissimi. Anche perché apprendendo l'importanza del test conoscono la gravità dell’Hiv, che purtroppo dai giovani oggi viene spesso sottovalutata.

L'impegno da parte nostra è lavorare con le associazioni e reperire finanziamenti, non credo che sarà una cifra proibitiva, per poter fare questo test gratuitamenterispetto alla malattia».

La titolare del dicastero di Lungotevere Ripa ha poi salutato i rappresentanti presenti delle Sezioni L (per la Lotta all’Aids) e M (del volontariato per la lotta contro l’Aids – ex Consulta Nazionale di lotta all’Aids) del Comitato tecnico sanitario del ministero, assicurando loro un incontro ufficiale coi componenti delle stesse in materia di campagne informative e strategie nazionali.

Tra i rappresentanti delle associazioni Massimo Farinella (presidente della Sezione M del Comitato tecnico sanitario nonché responsabile area Salute per il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli), Massimo Oldrini (presidente della Lila), Giulio Maria Corbelli (vicepresidente di Plus Onlus).

Sarà proprio Massimo Farinella a ritirare domani il Premio Formica d’Oro 2018 attribuito al Coordinamento Romano Hiv (ex Consulta Romana Hiv), di cui è portavoce, insieme coi componenti delle altre associazioni aderenti. Riconoscimento che, fra gli altri, sarà anche assegnato in memoriam allo storico attivista del Mieli Andrea Berardicurti.

e-max.it: your social media marketing partner

In occasione della Giornata Mondiale di lotta contro l’Aids, che, su proposta dell’Oms fu approvata nel 1988 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite e fissata al 1° dicembre, Arcigay Rimini ha organizzato una serie di manifestazioni significative.

Nel pomeriggio di oggi, alle 17:00, sarà inaugurata presso la Far (Fabbrica Arte Rimini) in piazza Cavour una mostra costituita da materiale originale legato a una vicenda avvenuta nel 1994 nella città dei Malatesta: il sequestro, cioè, del Piccolo libro dell'amore senza rischi che, realizzato da Arcigay Rimini e Lila, fu sequestrato perché ritenuto"pubblicazione oscena"in quanto usava termini espliciti. Una campagna d’informazione innovativa per quegli anni a fronte di quelle governative che ricorrevano anche all’uso anacronostico di termini latini.

La vicenda ebbe all’epoca un ampio risalto nazionale tanto da essere trattata anche dal settimanale Cuore. Vicenda che con gli occhi di oggi appare surreale ma fa comprendere quanto (e quanto poco) è cambiato da allora. 

All'inaugurazione prenderanno parte, oltre al presidente di Arcigay Rimini Marco Tonti, il direttore di Gaynews Franco Grillini (uno dei protagonisti della vicenda nonché profondo conoscitore dei fatti della Riviera romagnola tra gli anni ’80 e ‘90) e la giornalista de Il Fatto Quotidiano Lia Celi (allora componente della redazione di Cuore).  

Patrocinato dal Comune di Rimini, dall’U.O. Malattie infettive del locale Ospedale Infermi e da Agedo Rimini-Cesena, la mostra sarà visitabile fino al 2 dicembre

Sempre presso la Far si terrà inoltre l’incontro pubblico su Hiv e prevenzione dal titolo Facciamo il punto.

Alle 17:00 dell’1 dicembre si confronteranno al riguardo i medici Andrea Boschi (U.O. iIfettivologia Rimini) e Leonardo Montecchi (Sert Rimini), l’olandese Orlando Lansdorf (componente autorevole dell’Ahf (Aids Healthcare Foundation), la presidente di Agedo Rimini-Cesena Mara Bruschi e il presidente di Arcigay Rimini Marco Tonti. 

e-max.it: your social media marketing partner

Giunge alla 2° edizione il progetto We Test - Mettiamo la salute in circolo che, in occasione del 1° dicembre (Giornata mondiale di lotta contro l’Aids), è promosso da Arcigay, Arc Onlus, Arco - Associazione Ricreativa Circoli Omosessuali,  Asa - Associazione Solidarietà Aids Milano, Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, Ireos - Comunità queer autogestitaNps Italia Onlus, Nudi - Nessuno Uguale Diversi Insieme, Plus Onlus.

La conferenza stampa di presentazione si terrà, alle 11:00 di venerdì 30 novembre, a Roma presso la la Sala Azzurra della Federazione Nazionale della Stampa (Corso Vittorio Emanuele II, 349).

Oltre 15 le città coinvolte (Torino, Milano, Padova, Verona, Desenzano del Garda, Bologna, Rimini, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Pescara, Senigallia, Catania, Cagliari, Palermo), dove a partire da dicembre sarà possibile effettuare, presso le sedi di diversi circoli e associazioni, il test rapido Hiv in forma anonima e in maniere del tutto gratuita. Saranno inoltre fornite informazioni essenziali sulla prevenzione e l’importanza dei test sulle Ist.

Con questa iniziativa si vuole appunto riportare al centro dell’attenzione l’importanza dei test su Hiv e infezioni sessualmente trasmesse. Test che, insieme al preservativo e alle altre strategie di prevenzione, è tra i principali alleati per una sessualità consapevole e sicura: conoscere la propria condizione di salute consente infatti di curarsi per tempo, vivere bene ed evitare la diffusione delle infezioni.

Raggiunto da Gaynews, Roberto Dartenuc, presidente di Arco, ha detto: «We Test mira a potenziare e a rendere continuative le esperienze di collaborazione già in essere fra le varie realtà promotrici con lo scopo di riaccendere i riflettori su un tema sempre più trascurato.

Sono contento che un tale impegno sinergico si espleterà soprattutto presso i circoli ricreativi, che restano luogo primario di socializzazione e informazione su sessualità, prevenzione, salute.

Mi auguro che, negli anni, cresca sempre più l’affiatamento e l’intesa tra le associazioni, che hanno a cuore il benessere e la formazione dei loro soci e socie».

e-max.it: your social media marketing partner

A ridosso della Giornata mondiale di lotta all’Aids si è tenuto a Napoli presso la  Federico II un seminario di studi promosso dal locale Osservatorio Lgbt di Scienze sociali.

A volere l’incontro Fabio Corbisiero, coordinatore dello stesso organismo universitario e ordinario di sociologia nell’ateneo federiciano, che ne ha così spiegato le finalità: «Attraverso la ricerca sociale possiamo ripensare all’identità della comunità Lgbt del nostro Paese in modo nuovo, a partire dal vocabolario, dalle pratiche e dalle politiche mediante le quali si assiste oggi a un vero e proprio meticciato tra ricerca e militanza che implica un coinvolgimento della soggettività e della capacità di “narrazione empatica” del ricercatore che non può essere raggirata con un semplice richiamo all’oggettività scientifica».

Strutturato in due sessioni (1° L’Osservazione militante. I rischi della circolarità nella ricerca sui movimenti di liberazione sessuale. Seminario di studi e ricerche Lgbt; 2° L’accesso ai servizi sanitari dei migranti e della popolazione Lgbt), il seminario ha visto la partecipazione dei docenti Amalia Caputo, Gabriella Grassia, Marina Marino, Pietro Maturi, Dario Minervini, Eugenio Zito, dell’infettivologo Rosario Ferro e del presidente di Arcigay Napoli Antonello Sannino.

Di particolare rilievo la relazione Tecniche e metodi della ricerca partecipativa in contesto militante Lgbt: dall’osservazione sul campo alla pubblicazione scientifica di Massimo Prearo, assegnista di ricerca presso il dipartimento di Scienze umane dell’Università di Verona.

Lo studioso ha così dichiarato a Gaynews: «Una delle questioni a cui tento di rispondere attraverso il mio lavoro di ricerca è “Che cosa sono i movimenti Lgbt?”, “Cos’è il lavoro militante?”. E per rispondere a questa domanda mi sono orientato verso un lavoro fondato sugli archivi della militanza per ricostruire la traiettoria storica di questi movimenti, ossia la traiettoria di costruzione di quello che oggi identifichiamo come movimento Lgbt e che è al contempo prodotto e produttore della militanza Lgbt. Dal punto di vista di una sociologia politica quello che mi interessa è identificare gli spostamenti intervenuti nel momento politico della svolta riformista del movimento, e nel mettere in evidenza una trasformazione cruciale per la comprensione delle politiche dell’omosessualità degli ultimi trent’anni, da un lato, e di proporre un modello analitico del movimento sociale come spazio della militanza, dall’altro».

Ha quindi concluso: «L’ipotesi centrale su cui si sviluppa il mio lavoro è che la politicizzazione delle soggettività Lgbt è il risultato di una volontà di affermazione pubblica dell’orgoglio di una minoranza, attraverso un faticoso e quotidiano lavoro di militanza. Le interazioni fra gruppi, collettivi e associazioni danno forma a un fitto reticolato di organizzazioni che nell’immaginario collettivo e militante prende il nome di movimento Lgbt».

e-max.it: your social media marketing partner

In occasione della Giornata mondiale contro l’Aids anche a Roma molteplici iniziative volte a maggiormente sensibilizzare e informare sulla prevezione delle infezioni sessualmente trasmissibili. Per la diversità di approccio a una tematica di prioritaria importanza (anche alla luce degli ultimi dati offerti dall’Istituto Superiore di Sanità) sono soprattutto da segnalare quelle promosse dal Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli.

Con AnddosArcigayASA – Associazione Solidarietà AIDS MilanoIreos e Plus Onlus la storica associazione della capitale è in primo luogo promotrice della campagna We Test – Mettiamo la salute in circolo. Grazie ai suoi volontari è stato e sarà possibile effettuare in maniera anonima e gratuita il test rapido Hiv presso lo Skyline (27 novembre e 5 dicembre) e l’Europa Multiclub (30 novembre).

Opportunità che, il 1° e il 2 dicembre, sarà altresì offerta in una con il test rapido per la sifilide – entrambi disponibili grazie alla convenzione con la ASL Roma 1 e alla collaborazione con la Struttura (Uosd) Dermatologia Mst dell’IRCCS San Gallicano – presso l’Istituto Svizzero (Via Ludovisi, 48). È grazie, infatti, alla collaborazione del prestigioso ente e al supporto dell’American Academy e della casa editrice JRP Ringier che il Mieli ha organizzato l’evento Ancora una voltaWorld AIDS Day.

Evento volto a commemorare nelle prime due giornate di dicembre gli sforzi globali per la lotta contro Hiv/Aids. Improntato su format precedentemente usati all’ISS – utilizzando un metodo pluridisciplinare – l’obiettivo è quello di sensibilizzare il pubblico alle molteplici sfide di questa malattia.

Durante il corso dell’evento ci saranno workshop di ambito scientifico e artistico, mostre e concerti incentrati sulla questione. Essi incoraggeranno il dibattito su temi che fanno da tempo parte della nostra quotidianità.

Raggiunto telefonicamente, così ha illustrato a Gaynews la duegiorni Sebastiano Secci, presidente del Mieli: «Come ogni anno, in occasione della Giornata mondiale della lotta all'Aids, 'Ancora una volta' il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli è in prima linea per i diritti delle persone gay, lesbiche, bisessuali e trans e nell’impegno per la prevenzione dell’Hiv e delle malattie sessualmente trasmissibili.

Lo strumento più valido resta sempre la prevenzione ma la nostra attenzione è da sempre rivolta anche alle persone in Hiv/Aids, che non devono essere in alcun modo discriminate o criminalizzate».

progra

e-max.it: your social media marketing partner

Le parole chiave "Test Hiv" su Taobao, il principale sito cinese di e-commerce, rimandano a una quantità enorme di pagine di kit di test rapidi in vendita per meno di 8 dollari. Il più venduto (20mila unità al mese) è un kit multiplo che analizza sangue ed essudato gengivale.

«Ero estremamente nervoso finché non sono risultato negativo –  ha detto un utente anonimo –. L'ho comprato di nascosto». Il proliferare di questi kit permette di osservare l’attuale livello d’attenzione in Cina all’Hiv/Aids. Esperti d’epidemiologia hanno affermato che il numero annuo di persone, sottopostesi in Cina al test Hiv, si è quasi quadruplicato nell'ultimo decennio. Resta la sfida per raggiungere le persone non consapevoli del loro status di sieropositività, che sono stimate tra le 200mila e le 400mila.

Wu Zunyou, direttore del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (China Cdc), ha detto che nello scorso anno i fruitori del test Hiv sono stati 169 milioni e il numero continua a crescere. «Significa che una persona su tre (di quelle che hanno fatto il test Hiv nel mondo) l’ha fatto in Cina», ha dichiarato in un seminario promosso dalla Fondazione Bill e Melinda Gates a Pechino in vista della Giornata mondiale contro l'Aids. Wu, che è anche consulente di UNAids, ha affermato che nel 2008 solo 45 milioni di cinesi avevano fatto il test. Numero aumentato costantemente a seguito delle capillari campagne di sensibilizzazione.

La maggior parte delle persone, come rilevato sempre da Wu Zunyou, fa il test prima di sottoporsi a interventi chirurgici importanti, di donare il sangue o, per le donne, durante la gravidanza. La lotta proattiva della Cina contro l'epidemia di Aids ha prodotto risultati. La trasmissione di sangue infetto, una volta dilagante attraverso la vendita illegale di sangue o la condivisione di aghi tra i tossicodipendenti, è stata pressoché eliminata. I dati ufficiali mostrano che in Cina sono circa 718.270 le persone con Hiv/Aids. Al 30 giugno 221.628 persone sono morte di malattie correlate all'Aids.

Nel corso del medesimo seminario Jiang Yan, direttore del Laboratorio di riferimento nazionale per Hiv/Hcv del China Cdc,  ha detto che il Paese ha una delle reti di test Hiv più estese al mondo con copertura di oltre 30.000 laboratori, i cui servizi si estendono a quasi ogni contea.

Con riferimento alle nuove diagnosi da infezione da Hiv tra i più interessati risultano essere i giovani omosessuali. Mentre alcuni di essi si sono sottoposti al test attraverso programmi di gruppo, è probabile – come osservato da più esperti partecipanti al seminario – che non pochi evitino per timidezza o vergogna il test dopo rapporti ad alto rischio. Al riguardo Jiang Yan ha affermato che l'utilizzo del kit di auto-raccolta delle urine è ora visto come una soluzione.

Distributori automatici, che vendono un tipo di questi kit, sono stati installati in oltre 30 università a Pechino e in quattro aree provinciali. Un utente può acquistare un kit, raccogliere l'urina e lasciarne un campione nel cassetto depositario del distributore automatico. I volontari raccoglieranno i campioni e li faranno esaminare in un laboratorio autorizzato. L'utente potrà poi verificare il risultato online o tramite un'app mobile. L'intero processo è anonimo.

Jiang ha detto che sia i dirigenti universitari sia gli studenti hanno accolto favorevolmente il metodo di prova. «Prima gli esami del sangue per Hiv erano disponibili nelle cliniche universitarie ma l'affluenza era scarsa -  ha detto Jiang -. Nessuno vuole presentarsi alla clinica universitaria e chiedere un test per Hiv». Ha detto che il programma si estenderà al altre regioni nel 2018.

Wu si aspetta che l’utilizzo di kit di test rapidi diventi in futuro prassi comune. «L’obiettivo è offrire alle persone più opzioni per sottoporsi autonomamente al test», ha detto Wu. Perché «il primo step, quello cruciale, è scoprire l’eventuale condizione di +Hiv».

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video