«Vergognoso articolo che fa giornalismo scandalistico sulla pelle dei bambini trans».

Così un duro comunicato del Mit (Movimento Identità Trans), cofirmato da numorose associazioni tra cui Agedo, Arcigay, Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, Famiglie Arcobaleno, Possibile Lgbti nonché la nostra Gaynet, ha definito la copertina con connesso report dell’ultimo numero di Panorama. Settimanale che, nell’autunno scorso, è stato acquisito dal Gruppo La Verità Srl, editore del quotidiano La Verità e presieduto da Maurizio Belpietro.

Col titolo Baby Trans Generation, sovrastante il primo piano enorme di una bambina presumibilmente trans, pesantemente truccata, la giornalista Terry Marrocco ha affrontato il tema della varianza di genere in età evolutiva

Ma il servizio, come rileva il comunicato, non solo fornisce «dati falsi e notizie errate», rimandando, fra gli altri, quale autorità di riferimento al libercolo d’orientamento transcritico La Piccola Principe della sociologa e socia d’ArciLesbica Daniela Danna (senza però specificarne l’identità e le posizioni concettuali). Ma riporta «in modo distorto e denigratorio le testimonianze di persone che hanno raccontato sinceramente le loro storie e che ora non solo sono profondamente indignate ma stanno pensando alla possibilità di passare ad azioni legali. Storie date in pasto a lettrici e lettori solo per solleticare morbosa curiosità non certo per approfondire le realtà di cui si parla nell'articolo».

Tra le storie date non solo in pasto alla morbosa curiosità di lettori e lettrici ma strumentalizzate (con violazione della privacy di giovanissime persone trans, di cui sono stati diffusi dati sensibili nonostante le rassicurazioni alla riservatezza garantite dalla giornalista) c’è quella di Olimpia.

Ne abbiamo raggiunto la madre, Mariella Fanfarillo, che è stata contattata da Terry Marocco e ha parlato con la stessa del percorso di transizione della figlia.

Mariella, quali le reazioni dopo aver letto la storia di Olimpia come riportata da Panorama?

Quando la giornalista Terry Marocco mi ha contattato, per conoscere l'esperienza di vita di Olimpia in vista di un suo articolo sulle varianze di genere in età evolutiva, avevo preso degli accordi ben precisi: non avrei dato nessuna autorizzazione a divulgare episodi della vita privata di mia figlia, dei quali non si fosse già parlato pubblicamente. Mi sarei quindi fermata all'emissione della sentenza. La giornalista, però, non ha mantenuto la parola. Quando ho letto l'articolo e le informazioni riservate, per di più riportate in maniera scorretta e non rispondente a verità, mi sono sentita violentata nella privacy della mia famiglia. Ma a sentirsi violentata nella privacy è stata soprattutto Olimpia. Lei, infatti, ha visto la parte più intima della sua vita, della quale non aveva mai fatto menzione pubblicamente perché sente fortemente sua, data in pasto a chiunque avesse letto quell'articolo. 

Com’è arrivata a te la giornalista Terry Marrocco?

Quando la giornalista si è presentata, mi ha detto di aver avuto il mio numero da Paolo Valerio, presidente dell'Onig (Osservatorio Nazionale Identità di Genere). Sono sicura che il professore, che ben conosciamo per la sua grande professionalità e amicizia nei nostri confronti, sia stato anch'egli vittima dell’abilità della giornalista di carpire informazioni con la promessa di redigere un approfondimento sulla tematica gender variant. 

In che cosa ti senti offesa dall’articolo di Panorama?

L'articolo offende non soltanto mia figlia, ma tutti/e coloro che, come lei, hanno affrontato o stanno affrontando un difficile percorso di vita verso la conquista del riconoscimento della vera identità come persone sul piano sia fisico sia giuridico. Pubblicare dati ultrasensibili, perché di questo si tratta, che non hanno nessuna importanza come messaggio informativo, non rientrava nelle finalità prospettatemi durante la telefonata intercorsa con Terry Marocco. In questo vedo la volontà di divulgare informazioni atte soltanto ad attirare morbose curiosità dei lettori, mettendo sulla pubblica piazza particolari molto intimi e privati della vita di Olimpia. Particolari, ripeto, dei quali lei molto gelosa e che, soprattutto, non avevano alcuna valenza informativa. 

Quale il messaggio sulle persone trans che, secondo te, arriva a lettori e lettrici da un tale articolo?

Sia nella copertina che nell'articolo è racchiuso un messaggio di ipersessualizzazione delle persone trans lanciato dalla foto della bambina (trans) della copertina. Tutto l'articolo mira a creare confusione (transizione sociale e chirurgica) e a sollevare un clima di preoccupazione, proponendo la transessualità come un fenomeno di moda che rischia di creare una condizione di contagio mentale fra i giovani i quali, a detta della giornalista, “vogliono cambiare sesso" come se fosse un capriccio. Tutto ciò va contro tutte le ricerche scientifiche e quanto stabilito dal DSM 5 (Manuale diagnostico delle malattie mentali), che lo scorso giugno ha depennato la disforia di genere dall'elenco delle malattie mentali. 

Le associazioni hanno reagito con una lettera al direttore Belpietro. Come valuti tutto ciò?

Trovo che sia importante che le associazioni si dimostrino coese e prendano una posizione univoca di fronte a questo attacco da parte del settimanale diretto da Belpietro. Abbiamo sottoscritto la lettera, perché riteniamo che le lotte per il riconoscimento dei nostri diritti vadano combattute insieme. Colgo l'occasione per ringraziare tutti quelli che hanno voluto appoggiare questa iniziativa e dimostrarci il loro sostegno. 

Credi di agire per vie legali contro Panorama?

Con i nostri legali stiamo considerando di adire le vie legali. Ripeto, la privacy di mia figlia e la sua vita sono state violate con il solo scopo di creare audience, senza prendere in considerazione quali sarebbero state le ripercussioni sui suoi sentimenti. 

e-max.it: your social media marketing partner

Con Gigliola Toniollo, don Luigi Ciotti, Giovanni Anversa, la Comunità San Benedetto (in memoriam di Don Andrea Gallo), Alba Parietti, Paolo Patanè, Paolo Valerio, Margherita Mazzanti, Antonio Nigrelli è stata premiata, il 13 ottobre 2017, a Milano in riconoscimento del suo impegno contro ogni forma di discriminazione e, particolarmente, contro l’intolleranza transfobica.

Si tratta di Carmen Bertolazzi. Classe 1951, la giornalista e attivista d’origine altoatesina è presidente dell’associazione Ora d'Aria, impegnata nella difesa dei diritti delle persone transessuali/transgender detenute, vittime di tratta e in stato di vulnerabilità. Con una passione nel cuore: l’Etiopia.

L’abbiamo raggiunta per saperne qualcosa di più della sua attività

Carmenda dove nasce quest’interesse per l’Etiopia?

L’Etiopia è una mia seconda vita o una vita parallela. Oltre ad essere la presidente dell’associazione Ora d’Aria, lo sono anche di IISMAS, una ong costituita da volontari e fondata da Aldo Morrone, grande esperto in dermatologia e malattie tropicali, ma soprattutto impegnato da sempre a curare gli ultimi, sia che si tratti di persone di altri mondi, o detenute, o trans. Andare in Africa serve a capire il mondo e a dare un senso alle cose che nelle nostre realtà garantite si rischia di smarrire. Si abbandonano i particolari e si lavora sull’essenza, ossia la vita e la sua qualità. Che nel sud del mondo difetta. 

Etiopia: Paese di migrazione e di passaggio di migranti provenienti. Quale è la situazione attuale, tenuto conto di quanto accade in Europa

L’Etiopia confina con la Somalia, l’Eritrea, il Sudan e il Sud Sudan, tutti paesi di partenza dei migranti. Al suo interno milioni di profughi, tutti con l’obiettivo di arrivare in Europa, se non negli Stati Uniti o in Canada. In Etiopia opero in una zona vicino al confine nord-ovest, in cui si trovano numerosi campi profughi per gli eritrei. Ormai tutti lo sanno, che è inutile incamminarsi verso la Libia, che l’Italia ha chiuso i porti. I campi profughi straboccano, qualcuno si sposta in altri paesi africani e si cerca una nuova rotta. Molti comunque si incamminano verso la Libia, non sapendo cosa li aspetta, e rischiando la sorte.

Da tempo Cei, Chiesa Valdese e Comunità di Sant’Egidio riescono a far arrivare profughi particolarmente vulnerabili attraverso i corridoi umanitari (malati, famiglie, minori che arrivano con l’aereo e un visto) e questa è la strada giusta. In attesa, ma non sono i tempi giusti e quando forse potevano esserlo non è stato fatto per calcoli politici, si dovrebbero portare qui tutte le donne, perché non è ammissibile che subiscano stupri, e gravidanze. Sarebbe una discriminazione, ma una discriminazione necessaria.

Sulla base della sua esperienza quali sono le condizioni delle persone Lgbti in Etiopia? 

In Africa l’omosessualità non è solo negata, ma soprattutto perseguitata e condannata anche con la pena di morte. Ci sono rare eccezioni, quali il Sudafrica e il Mozambico (un suo ex presidente Joachin Chissano fu investito di occuparsi del tema per il continente, ma non credo che l’incarico abbia prodotto miglioramenti). A proposito di questo paese mi ricordo di quando fui invitata a un matrimonio fra una donna protestante e un uomo mussulmano. Lei lasciò la sua chiesa e si convertì. Mi preparai diligentemente alla cerimonia con abiti accollati e veli. Poi andammo al pranzo nunziale con tanto di spettacolo. E chi aprì lo show? Un gruppo di ragazze trans arrivate appositamente dal Sudafrica e che stavano partecipando in tv a un talent-show. I più entusiasti? I parenti dello sposo. Come si vede, le cosiddette barriere sono solo culturali e sociali, altro che religiose.

In Etiopia, se si parla di omosessualità anche in ambiti scientifici, i partecipanti locali si alzano e dicono: Ah, da noi non c’è questo problema, roba da bianchi. Una volta in una cittadina al confine con il Sudan chiesi una camera con due letti per due dottoresse che avevano qualche timore e che volevano stare insieme. Niente da fare. Prenotai due camere separate e poi si arrangiarono. Due donne o due uomini nella stessa stanza, se non parenti, non è ammesso. Tre sì. Ovviamente le persone omosessuali esistono ma non hanno vita facile. Questo spiega anche perché tra i richiedenti asilo ora si presentino molti giovani, che arrivano dai diversi paesi africani e chiedono protezione causa la discriminazione e i rischi che corrono nel loro paese.

Sembrerebbe che nei servizi sanitari etiopi ci siano stati dei progressi circa la cura e la prevenzione dell’Hiv. Cosa ci può raccontare in proposito?

È vero, molto è stato fatto, sia nella prevenzione che nella cura. Grandi campagne sul contagio e terapie gratuite, Ma non è sufficiente. L’uso del preservativo, persino tra i giovani, è osteggiato da culture maschiliste. La prostituzione è diffusa, esistono delle zone del paese praticamente abitate solo da uomini, zone militarizzate o in cui lavorano contadini stagionali. Così il contagio si estende, orizzontalmente nelle famiglie. Nell’ospedale pubblico da noi costruito e supportato, arrivano dai villaggi donne in Aids, e arrivano troppo tardi per poter curare loro e i neonati prima della nascita. Per l’Aids, ma anche per la (per noi obsoleta) malaria, si muore facilmente. Ecco perché si dice che esiste una ingiustizia fra i nostri mondi, da noi si vive e lì si muore.

Infine, è noto come il tema migranti le sia, in generale, molto a cuore. Come giudicha il recente Decreto Sicurezza?

Un decreto propagandistico che parla alla pancia della gente in parte esasperata e in parte spaventata dal nuovo e dal diverso, e che punta a conquistare voti alla Lega. Non affronta assolutamente il problema delle migrazioni, dell’accoglienza nel nostro paese, temi che invece avrebbero bisogno di un’approfondita analisi e anche di necessaria rivisitazione. Anzi, peggiora la vivibilità dei luoghi obbligando le persone a lasciare i centri di accoglienza e a riversarsi sulle strade senza prospettive.

e-max.it: your social media marketing partner

Alla 63° edizione di Miss Universo, conclusasi domenica 16 ottobre a Bangkok con l'elezione della filippina Catriona Gray, ha partecipato anche Ángela Ponce.

Miss Spagna 2018, la 27enne sivigliana è stata la prima candidata trans a concorrere per il titolo mondiale. Anche se eliminata ldal novero delle 20 semifinaliste, l’organizzazione ha voluto renderle un particolare omaggio E lo ha fatto attraverso un video, che è stato trasmesso davanti alle persone partecipanti e alla giuria di sette donne.

All'indomani della serata finale Ángela Ponce ha incontrato proprio a Bangkok, dove si trovava per una visita di controllo, la giovane 18enne Olimpia e sua madre Mariella Fanfarillo, autrice di Senza rosa né celeste. Diario di una madre sulla transessualità della figlia (Villaggio Maori, Catania 2018).

Al termine dell'incontro Ángela ha rivolto un breve saluto alle lettrici e ai lettori di Gaynews.

e-max.it: your social media marketing partner

L'amministrazione Trump ha esortato la Corte Suprema degli Stati Uniti a pronunciarsi sulla messa al bando delle persone transgender dalle forze armate, chiedendo ai giudici di agire ancora prima che la questione passi il vaglio dei tribunali di grado inferiore.

Il presidente aveva sorpreso lo stesso Pentagono quando, nel luglio 2017, aveva lanciato una serie di tweet contro la possibilità che persone trans possano servire, a qualsiasi titolo, nell'esercito statunitense. Sei mesi dopo, il segretario alla Difesa James Mattis aveva proposto una revisione della normativa che avrebbe consentito alle persone transgender di servire, ma solo se avessero accettato di farlo "secondo il loro sesso biologico". La direttiva di Mattis fu immediatamente contestata e fermata da quattro corti federali.

Poi, il 23 marzo, un ordine che bandisce le persone transgender dal far parte dell'esercito eccetto che per «circostanze limitate». 

Adesso le pressioni di Trump sui magistrati della First Street perché esaminino quanto prima tre casi specifici, sui quali non si sono ancora pronunciate le Corti d'appello federali, e decidano nell’attuale sessione, che termina a giugno A chiederlo l'avvocato dello Stato Noel Francisco

Si tratterebbe però di una forzatura dei tempi, dato che la Corte Suprema normalmente aspetta che le questioni siano prima esaminate in tutti i gradi di giudizio.

Trump vuole raccogliere i risultati delle nomine di Neil Gorsuch (7 aprile 2017) e Brett Kavanaugh (6 ottobre 2018), che hanno spostato a destra l'equilibrio della Corte. Ma intanto ha già dovuto incassare un rimprovero del presidente dell'alto tribunale John G. Roberts.

Nei giorni scorsi il supremo giudice, che, nominato nel 2005 da George W. Bush, è di orientamento conservatore, ha pubblicamente ricordato a Trump il principio dell'indipendenza della magistratura dopo che questi aveva criticato una sentenza contro il bando al diritto d'asilo per i migranti entrati illegalmente negli Usa

e-max.it: your social media marketing partner

È nato oggi Possibile Lgbti+, il presidio del partito di Pippo Civati a sostegno della collettività arcobaleno e delle battaglie portate avanti dal movimento.

Si tratta, come spiegato dal portavoce nazionale Gianmarco Capogna, «di uno spazio aperto, intersezionale, transfemminista, queer per una discussione ed elaborazione condivisa e collettiva da costruire tutte e tutti insieme».

Il motivo sotteso a una tale istituzione è così chiarificato in una nota: «È stato fondato il presidio di Possibile per i diritti Lgbti. Il partito ha aperto i canali social per raccogliere segnalazioni e dare seguito alle battaglie già avviate.

Una società più inclusiva ha bisogno di un nuovo patto sociale di cittadinanza tra istituzioni e cittadini, che garantisca tutte le persone, non più discriminate o di "serie b" ma con uguali diritti, tutele e libertà, e titolari della piena opportunità di concorrere, come comunità, allo sviluppo del nostro Paese.

Purtroppo, al momento non è così: si registra invece una crescita dei fenomeni di odio, sessismo e razzismo che rendono urgente e non più rinviabile un'azione culturale e legislativa».

Contattato da Gaynews, Gianmarco Capogna ha così indicato i prossimi passi da intraprendere: «Sosterremo le battaglie storiche del movimento: dalla legge contro omobitransfobia al matrimonio egualitario, dalla riforma del diritto di famiglia al superamento dei vincoli che escludono cittadine e cittadini dalla fecondazione assistita.

Lotteremo contro le discriminazioni nello sport e avremo una particolare attenzione verso le persone in transizione che sono state ignorate e dimenticate per troppi anni dalla politica. Siamo consapevoli che in questi temi bui, di fronte alla destra reazionaria, è necessario rispondere coi colori dell'arcobaleno, con l'orgoglio, con la Resistenza.

Siamo al lavoro a un manifesto dei diritti che metta insieme l’elaborazione di questi anni e che andremo a discutere con le associazioni e il movimento tutto. Inoltre in vista delle europee abbiamo aperto un confronto con altre realtà politiche Lgbti di partiti europei, come Génération.s in Francia, perchè crediamo che sia necessario lanciare campagne transnazionali per i diritti delle persone Lgbti».

e-max.it: your social media marketing partner

È partita alla 17:00, dalla suggestiva piazza Vittorio Veneto di Torino, la Trans Freedom March che, attraversando il centro città tra bandiere arcobaleno, musiche e striscioni, chiede maggiore attenzione verso le persone transgender, la cui dignità è troppo spesso negata nel nostro Paese.

A organizzare, come ogni anno, la manifestazione, giunta alla 5° edizione, il Coordinamento Torino Pride, la cui coordinatrice Giziana Vetrano aveva rilasciato giorni fa a Gaynews le seguenti dichiarazioni: «La Trans Fredoom March è per noi molto importante, così come lo sono le molte attività organizzate dal Coordinamento Torino Pride per combattere ogni forma di discriminazione. Stiamo vivendo in momenti molto bui, in cui la nostra comunità è continuamente sotto attacco e per questo è necessario non abbassare mai la guardia. Con l’obbiettivo di arrivare al momento in cui si comprenderà davvero che non esistono diritti di singole categorie ma che ogni diritto conquistato è un patrimonio prezioso di tutte e tutti».

In prima fila anche la sindaca Chiara Appendino, già protagonista nella giornata di venerdì 16 di un importante intervento al’evento d’apertura del Congresso Nazionale di Arcigay

Daniela Lourdes Falanga, delegata di Arcigay Napoli per le politiche Trans, non ha dubbi circa la rilevanza di questa manifestazione di piazza: «La Trans Freedom March - ha dichiarato - è determinante per focalizzare l’attenzione sul piano nazionale circa la questione irrisolta delle persone transgender, che ancora si vedono irriconosciute nelle loro necessità e nelle peculiarità dei loro corpi e si trovano nel vuoto normativo da cui consegue una terribile castrazione sociale. Un handicap questo che bisogna abbattere assolutamente e di cui l Italia deve urgentemente prendersi carico».

«In questo momento storico e politico la Trans Freedom March è importantissima - ha detto Sandeh Veet, che si fece portavoce di una tale idea nel 2013 trovando subito entusiasta accoglienza da parte dell'allora coordinatore de Coordinamento Torino Pride, Alessandro Battaglia -  perché rimarca l’urgenza di essere al fianco di tutte le persone transessuali e, in generale, di tutte le donne che subiscono violenza da mariti e fidanzati. Bisogna essere accanto a tutto il mondo femminile e marcire insieme per un mondo migliore».

Presente alla kermesse anche l’assessore Comunale alle Pari Opportunità e alle Famiglie Marco Giustaper il quale «la Trans Freedom March è importante perché ci ricorda il lavoro che dobbiamo continuare a svolgere sia relativamente alla diffusione di cultura, conoscenza e formazione, nelle scuole con docenti e studenti, sia relativamente alle politiche funzionali all’inclusione nel mondo del lavoro di tutte quelle individualità che vivono situazioni di marginalità sociale e di stigma».

Nella folla colorata della marcia, abbiamo incontrato lo scrittore Ariase Barretta, il cui ultimo lavoro, Living Fleshlight, pubblicato da Meridiano Zero, è un romanzo distopico sulla reificazione del corpo femminile. 

«In queste occasioni bisogna esserci sempre - afferma sicuro Barretta - per manifestare contro ogni razzismo, contro i fascismi di questo nuovo medioevo del pensiero per la riaffermazione delle identità libere ed erranti e della più totale autodeterminazione del corpo».

Durante la marcia, un gruppo di attiviste trans, scambiandosi una candela, ha evocato i nomi delle vittime di odio transfobico e Daniela Lourdes Falanga, dopo aver ringraziato con particolare attenzione Sandeh Veet e Monica Marchi, ha sottolineato l’importanza di un evento che rende le persone transessuali protagoniste dell’azione politica del Paese, liberandole dallo stigma riservato a chi, fino ad ieri, era considerato alla stregua di un fenomeno.

Guarda la GALLERY

e-max.it: your social media marketing partner

Washington Dc diventerà una delle prime città statunitensi a consentire una terza opzione di genere per studenti delle scuole primarie e secondarie.

Già a partire dal prossimo anno i genitori avranno infatti la possibilità di scegliere la categoria non-binary all’atto d’iscrivere minori, che non si identificano né nel genere femminile né in quello maschile.

Amanda Alexander, responsabile ad interim del sistema scolastico del Distretto di Columbia, ha dichiarato: «Il sistema delle scuole pubbliche di Washington è orgoglioso di essere capofila nel supportare e accogliere gli studenti Lgbtq».

La capitale viene ad allinearsi così alla città di Minneapolis e allo Stato dell’Oregon, che hanno esteso la terza opzione a livello scolastico attraverso la dicitura Gender X. Dicitura, fra l’altro, che nel Distretto di Columbia (oltre all’antesignana adozione sui certificati di nascita nella città di New York) compare, dallo scorso anno, sulle patenti di guida.

Si tratta di politiche che vanno nella direzione opposta rispetto a quelle sostenute dall’amministrazione Trump, volte non solo a limitare ma a negare l’esistenza delle persone transgender e genderfluid

e-max.it: your social media marketing partner

Fa tappa a Bologna, da oggi fino al 7 dicembre, Transitional States - Hormones at the crossroads of art and science, mostra di video arte internazionale con annessi eventi sulla storia delle terapie ormonali a partire dal XX° secolo .

A poche ore dal dibattito iniziale Trans/action! Prospettive intergenerazionali dell’attivismo trans abbiamo raggiunto Mario Di Martino, vicepresidente del Mit, che con Porpora Marcasciano è concuratrice dell’edizione bolognese.

Mario, come nasce Transitional States?

Transitional States è stato sviluppato e condotto da Chiara Beccalossi, storica della sessualità e delle medicina dell’University of Lincoln.

Transitional States si sviluppa all’interno della sua ricerca più recente che riguarda la storia delle terapie ormonali nel ventesimo secolo. Interesse principale di questa ricerca è l’uso e l’abuso delle terapie ormonali all’interno di quello che oggi viene chiamata Lgbtiq community. Infatti, le terapie ormonali furono usate inizialmente, nel periodo tra le due guerre mondiali, per reprimere l’omosessualità, e successivamente, dopo la seconda guerra mondiale, le stesse terapie cominciarono ad essere utilizzate per assistere le persone trans a compiere la transizione di genere. 

Quali i fini della manifestazione?

Transitional States: Hormones at the Crossroads of Art and Science è un progetto internazionale e itinerante che offre al pubblico una serie di discussioni pubbliche e una mostra di video arte con il fine di incoraggiare il dibattito sull’uso attuale delle terapie ormonali, in particolare il loro uso tra le persone intersessuali, transgender e persone non-binarie, e l’uso delle terapie ormonali tra le donne in relazione al controllo delle nascite, la fertilità, la menopausa.

Come si struttura la mostra di video arte internazionale?

La mostra di video arte Transitional States si terrà alla LABS Gallery Arte Contemporanea in Via Santo Stefano, 38 dal 11 Novembre all’8 Dicembre 2018. Curata da Giulia Casalini e Diana Georgiou (Arts Feminism Queer) a seguito di un bando internazionale, questamostra  presenta il lavoro di14 artisti e collettiviche esplorano temi inerenti al mondo degli ormoni. Metà degli artisti che presentano il loro lavoro all’interno di Transitional States sono  persone trans e non-binary. Quest* offrono una visione unica di come le terapie ormonali abbiano cambiato la loro vita, trasportando lo spettatore nel viaggio emozionaleda loro intrapreso per aiutare il proprio corpo ad allinearsi con la propria identità di genere. Altr* esplorano l’effetto che l’uso di ormoni può avere sulle emozioni, sulle sensazioni e sul desiderio sessuale. Infine un ultimo gruppo di artisti mostra come la società contemporanea abbia medicalizzato il corpo delle donne attraverso l’utilizzo di ormoni nel controllo delle nascite, nella menopausa e nell’invecchiamento. Nel suo insieme questa mostra solleva questioni cruciali su come la società influenzi e regoli l’identità di genere, ed esamina da vicino il modo in cui i progressi della medicina condizionano le nostre vite.

Infine la mostra presenta artisti sia affermati che artisti emergenti provenienti da paesi come Argentina, Australia, Austria, Brasile, Colombia, Danimarca, Francia, Italia, Giappone, Svezia, Regno Unito, Uruguay e Stati Uniti. I video utilizzano varie tecniche artistiche nella loro produzione, incluse animazione 3D, stop motion e video a infrarossi, e fanno uso di formati diversi come video performance, video musicali, documentari, show televisivi e feed online.

Rispetto alle altre edizioni, quella bolognese presenta delle novità?

Il programma degli eventi e l’istallazione nella città di Bologna sono stati curati in collaborazione col MIT – Movimento Identità Trans, Tale collaborazione è stata seguita e condotta da Mario Di Martino (vice presidente del Mit e direttrice artistica del Festival Internazionale di Cinema Trans Divergenti) e Porpora Marcasciano (storica figura del movimento trans italiano, autrice e presidente onoraria del Mit) e le uniche differenze sono date dal programma dei dibattitti pubblici, diverso in tutte le città in cui è stato ospitato il progetto. 

Il programma dei dibattiti pubblici a Bologna comprende:

Trans/action! Prospettive intergenerazionali dell’attivismo trans

Venerdì 9 Novembre 2018
Ore 18:00, Sede Mit, via Polese 22, BolognaIntervengono: Diego Marchante (“GenderHacker”, attivista transfemminista e artista audiovisivo); Mijke van der Drift (attivista transfemminista, videomaker, Goldsmiths University of London; Porpora Marcasciano (attivista transfemminista, Mit.); Vick Virtù (attivista transfemminista, ricercatore precario, Mit). Questo dibatto è moderato da AG Arfini (ricercatore precario, attivista, CRAAZI Centro di Ricerca e Archivio Autonomo transfemministaqueer ‘Alessandro Zijno’).

Need-le it? Processi di autodeterminazione corporea

Lunedì 26 Novembre 2018
Ore 18:00, Atelier Sì, Via S. Vitale 69, Bologna. Intervengono: Chiara Beccalossi (University of Lincoln); Olivia/Roger Fiorilli (ricercat* Cermes3 di Parigi e attivista transfemminista); Valentina Coletta (attivista e operatrice Mit); Alessia/Leo Acquistapace (Consultoria Transfemminista queer Bologna). Moderano questo dibattito Stefania Voli e Vick Virtù (ricercat* precar* e attivist* transfemminist*).

Broadcasting the trans self. Nuovi immaginari e prospettive trans mediatiche

Venerdi 7 Dicembre 2018
Ore 18:00, Cinema Lumiere, Via Azzo Gardino 65, Bologna. Intervengono: Fox & Owl (YouTuber- @MyGenderation, attivist* trans e videomakers); Richard Thunder (YouTuber e attivista LGBT); Storm Turchi (TMW Italia -Trans Media Watch). Modera Antonia Caruso (scrittrice e attivista trans/femminista).

Quale il messaggio, secondo te, che arriva da Transitional States alla società italiana attuale?

La capacità di ri-mediare argomenti e discussioni, delicate e spesso per soli “tecnici” come questa sugli ormoni attraverso la video arte è senza dubbio interessante e innovativo e può permettere ad un pubblico molto più vasto di approcciarvi senza paura.

Il Mit da sempre si preoccupa di intercettare nuove forme che aiutino e arricchiscano il troppo arido panorama italiano sulla cultura trans, e questo è l’ennesima dimostrazione di come fare politica oggi sia anche un atto di resistenza culturale.

e-max.it: your social media marketing partner

È indubbia la polarizzazione dell’attenzione statunitense e internazionale sulle elezioni di Mid-term per il rinnovo dei seggi alle due camere del Congresso e per la carica di governatore in 36 Stati.

Ma ieri gli americani di Massachusetts, Florida Alabama, Oregon, West Virginia, Michigan, North Dakota, Utah, Missouri nonché la cittadinanza di San Francisco sono stati chiamati al voto referendario su alcuni temi di rilievo. 

Quello svoltosi nel Massachusetts è stato un referendum storico, essendo il primo a livello statale sui diritti delle persone transgender. Elettori ed elettrici hanno così respinto la proposta d’abrogazione d'una legge del 2016, che proibisce le discriminazioni di genere nei luoghi pubblici, comprese toilet e spogliatoi.

L'esito referendario è stato d'enorme sollievo per attiviste e attivisti per i diritti Lgbti, per i quali la vittoria del fronte del no avrebbe potuto provocare un'ondata di tentativi simili per ridurre le protezioni antidiscriminatorie in altri Stati. Come noto, alcune protezioni a livello federale sono minacciate dall'amministrazione del presidente Donald Trump.

In Florida, invece, gli ex detenuti hanno riavuto il diritto di voto, mentre in Alabama, Oregon, West Virginia sono state adottate delle norme restrittive in materia d’aborto, che graveranno in particolare sulle donne non abbienti.

In Michigan, North Dakota, Utah, Missouri ci si è epressi sulla legalizzazione della cannabis a scopo ricreativo (nei primi due) e medico (negli ultimi due). Ma con esito negativo solo in Nord Dakota.

La vittoria a favore della legalizzazione consentirà la vendita di cannabis a persone con alcune malattie nelle farmacie private dell’Utah, mentre in Missouri i pazienti potranno coltivarla privatamente a uso medico. Il Michigan è invece divenuto il primo stato del Midwest Usa (il decimo a livello nazionale) dove gli adulti di età superiore a 21 anni potranno detenere o coltivare modiche quantità di marijuana.

A San Francisco, infine, è stata approvata una controversa tassa sulle imprese per aiutare i senzatetto.

e-max.it: your social media marketing partner

L'amministrazione Trump prepara una stretta su diritti e tutele acquisiti dalle persone transgender sotto la presidenza di Barack Obama. A riportarlo il New York Times sulla base di un memorandum del Dipartimento della Sanità e dei servizi umani, di cui è entrato in posseso.

Dal documento emerge come il governo stia lavorando a una legge che restringe la definizione di genere d’una persona, determinato immutabilmente dai soli organi genitali alla nascita.

Se la norma dovesse essere approvata, ciò equivarrebbe all’affermazione della non esistenza delle persone transgender. Sarebbe infatti sradicato quel riconoscimento federale garantito a 1.400.000 statunitensi che hanno optato per riconoscersi - con intervento chirurgico o in altro modo - in un genere diverso rispetto a quello biologico.

«Sesso significa – così il memorandum - lo status di una persona come maschio o femmina basato su tratti biologici immutabili e identificabili prima della nascita. Quello elencato su un certificato di nascita, come originariamente rilasciato, costituirà una prova definitiva del sesso di una persona a meno che non venga confutato da prove genetiche affidabili».

Insomma un’ulteriore quanto definitiva offensiva di Trump contro le persone transgender, che ne ha più volte chiesto l'espulsione dalle forze armate e le ha poi bandite eccetto che per «circostanze limitate»eccetto che per «circostanze limitate».

Un’offensiva contro le collettività Lgbti tutta, se si tiene anche in conto che, oltre alle varie misure restrittive adottate dal tycoon, c’è da aggiungere la vacanza della posizione (creata dall'ex segretario di Stato John Kerry) di un inviato speciale che ne difenda i diritti in tutto il mondo.

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video