"Peccato che non avremo mai figli": l'autobiografia di Giuseppina La Delfa, cofondatrice di Famiglie Arcobaleno

Rate this item
(0 votes)

Venerdì 22 giugno è stata inauguarata a Napoli, presso il chiostro del complesso monumentale di S. Maria La Nova, la mostra Famiglie che, ideata dalla rete Re.a.dy. (Rete nazionale delle Pubbliche amministrazioni anti discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere ), è stata realizzata grazie all’impegno congiunto di Simona Marino, delegata alle Pari opportunità del Comune di Napoli, Isabella Bonfiglio, consigliera di Parità della Città metropolitana di Napoli, nonché dei Comuni di Giugliano e di San Giorgio a Cremano.

La mostra si compone di un’interessante galleria di scatti fotografici dedicati ad alcune famiglie omogenitoriali, la cui esistenza è stata negata a più riprese nelle scorse settimane dal ministro Lorenzo Fontana.

Presso l’aula consiliare di S. Maria La Nova è stato poi presentato il volume Peccato che non avremo mai figli (Aut Aut Edizioni, Palermo 2018) di Giuseppina La Delfa, cofondatrice ed ex presidente di Famiglie Arcobaleno - Associazione genitori omosessuali. A parlarne, fra le altre, con l’autrice anche Marilena Grassadonia, attualmente alla guida dell’organizzazione.

Gaynews ne approfitta per pubblicare una presentazione del volume scritta da Alberto Pertile, socio di Famiglie Arcobaleno e già portavoce della stessa.

Il primo libro di Giuseppina La Delfa, Peccato che non avremo mai figli, è un’autobiografia dell’ex presidente di Famiglie Arcobaleno, l’associazione italiana dei genitori omosessuali e transessuali, ma è soprattutto un dichiarazione d’amore a 360°: per la moglie, Raphaëlle Hoedts; per i figli, nati dalla loro unione, Lisa Marie ed Andrea Giuseppe; e per i lettori, cui l’autrice apre il cuore e mostra senza veli pensieri e sentimenti.

Se non fosse, appunto, un’autobiografia, potrebbe essere un romanzo fantastico: che cosa di più insolito e meraviglioso ci può essere del racconto dell’amore che sboccia fra due ragazze sui banchi del liceo, a Tourcoing, al confine tra Francia e Belgio, e che accompagna per mano il lettore fino alla loro maturità, tra milioni di dubbi e incertezze, le sofferenze familiari, i sacrifici personali e professionali e la quotidiana lotta per la sopravvivenza, che diventa via via la conquista della lavatrice, del motorino, della Punto, della casa da ristrutturare con le proprie mani?

Di fronte alle difficoltà, Giuseppina e Raphaëlle seguono la voce del proprio idem sentire, che governa il loro amore ed infonde loro il coraggio di non rassegnarsi mai. Le avversità, per questa coppia di donne, sono quelle di qualsiasi altra famiglia, con in più una certa odiosa avversione, da parte di alcune persone infelici, incontrate lungo il cammino.

«Peccato che non avremo mai figli» è dunque romanzo fantastico ma vero allo stesso tempo perché, come nei romanzi dove il principe sposa la principessa, hanno tanti bambini e vissero per sempre felici e contente… Poco importa se le protagoniste sono due principesse: i loro mostri sono probabilmente più brutti, cattivi e sputafuoco di quelli finora partoriti dalla letteratura.

Come sempre, l’amore vince e la determinazione che nulla le potrà mai separarae dona loro, giorno dopo giorno, una solida unione e due splendidi figli ed i più spaventosi draghi incontrati vengono sistematicamente ridimensionati a modeste mammolette. È successo anche dopo le sentenze di fuoco contro le Famiglie Arcobaleno dal neocatecum…, pardon, dal neoministro Lorenzo Fontana. A lui che andava dicendo che le famiglie omogenitoriali non esistono, hanno messo sotto il naso una sentenza della Corte di Cassazione che sancisce invece il perfetto contrario.

Anche in questo caso, l’alito infuocato del drago è ridimensionato a flato imbarazzante, sciaguratamente rilasciato in pubblico. 

Guarda la GALLERY

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video