ester martin bergsmark ester martin bergsmark

Due titoli arcobaleno al Nordic Film Fest di Roma. Dal 21 al 24 aprile.

Rate this item
(0 votes)

Da giovedì 21 a domenica 24 aprile torna alla Casa del cinema di Roma la quinta edizione del Nordic Film Fest, che promuove la cinematografia e la cultura dei Paesi Nordici, presentando film inediti in Italia, a ingresso libero in versione originale con i sottotioli.

\r\n

Il tema di quest’anno della rassegna è l’Amore Nordico articolato in tutte le sue declinazioni. Oltre alle proiezioni il festival prevede presentazioni e incontri con ospiti internazionali come registi, attori, attrici, produttori. Nella giornata di sabato 24 ci sarà il consueto spazio speciale dedicato a documentari e corti a cura del Circolo Scandinavo.

\r\n

Tra i film in programmazione segnaliamo Tyttökuningas (La ragazza Re) (Finlandia/Canada/Svezia/Germania/Francia, 2015) di Mika Kaurismäki sui ruoli e gli stereotipi di genere messi in discussione dalla regina Cristina di Svezia, cresciuta come un uomo e vissuta negli ultimi anni della sua vita a Roma, dove diede vita a una corte che inaugurò la cultura del classicismo accademico, prima di essere sepolta - insieme a sole altre due donne - nella basilica di San Pietro. Un piacevole ritorno per il regista finlandese che aveva presentato il progetto proprio a Roma, durante L'edizione del festival del 2013, insieme all’attrice protagonista, la svedese Malin Buska, che ha vinto per questa interpretazione il premio come migliore attrice al Festival di Montreal. The Girl King verrà proiettato nella serata inaugurale, giovedì 21 aprile alle ore 18:30 su invito e alle ore 21 nella proiezione aperta al pubblico.

\r\n

Segnaliamo anche Nånting måste gå sönder (Qualcosa si deve spezzare) (Svezia, 2014) della regista transgender Ester Martin Bergsmark, che racconta la storia d’amore tra due ragazzi, l’androgino Sebastian e Andreas, che non si considera gay. Il film, scritto dalla stessa Bergsmark, è tratto dal romanzo Voi siete le radici che dormono ai miei piedi e tengono la terra ferma della scrittrice transgender Eli Levéns (alla quale Bergsmark ha dedicato il suo primo film) che ha collaborato alla sceneggiatura, ma è anche frutto delle personali esperienze di entrambe. Il film sarà proiettato sabato 23 alle ore 21.00 alla presneza di Ester Martin Bergsmark e della produttrice Anna-Maria Kantarius. Bergsmark, molto conosciuto all'estero, per la creatività e per le tematiche che affronta nelle sue opere, è paragonato a Xavier Dolan e addirittura a Derek Jarman. Gaynews la intervisterà in occasione del Nordic Film Fest 2016.

\r\n

La redazione di Gaynews.

e-max.it: your social media marketing partner

Featured Video