Too smart to fall in love, il videoclip di Johnny Di Sciascio sul mondo delle App per incontri

Rate this item
(1 Vote)

A distanza di circa un mese dall’uscita del videoclip Too smart to fall in love di Johnny Di Sciascio abbiamo raggiunto il giovane performer italoamericano per porgergli qualche domanda.

Ciao, Johnny. Presentati brevemente al pubblico italiano.

Sono Johnny Di Sciascio e sono probabilmente il più divertente stronzo del pianeta... Ti  ringrazio per aver dedicato un po’ del tuo tempo ad ascoltare un ragazzo americano sciocco come me.

Sono originario del New Jersey e risiedo a New York City: è stato qui che ho capito quanto il New Jersey mi abbia ispirato. Negli anni ho avuto molte esperienze lavorative ma in qualche modo l’arte e lo spettacolo sono ricorse più frequentemente, specialmente la musica e la commedia. Queste due forme d’arte sono state per me molto “curative”. Adesso mi puoi incontrare un giorno a servire drink in un gay bar, l’altro a cantare e fare lo sciocco sui social.

Il fatto di essere un italoamericano ha influito sulle tue scelte artistiche? Ti ha aiutato o ostacolato?

Naturalmente può solo avermi aiutato. Tutti vogliono essere italiani, no? L'Italia ha dato al mondo alcune delle persone più belle, intelligenti e innegabilmente importanti della storia umana. Attribuisco la maggior parte, se non tutta, della mia creatività e della consapevolezza emotiva alla mia cultura italiana. La mia famiglia è tutto per me e la mia cultura italiana mi ha insegnato ad amare i miei familiari. Non importa se approvano o meno quello che faccio. Ho imparato già da  molto giovane ad accettarli e ad amarli senza condizioni, perché è questo che fa una famiglia. E penso che sia probabilmente la lezione più bella che ho imparato grazie alla mia cultura italiana.

Quando e perché ti sei avvicinato alla musica e al mondo del gay show business?

Questa è una bella domanda. Il quando è la parte più facile. Credo che, non appena abbia iniziato a parlare, ballare o cantare, ho voluto continuare a farlo. È meraviglioso poter esprimere e condividere una sensazione o una storia con altre persone attraverso queste forme d’arte. Penso sia innata in tutto il pianeta. Quindi al riguardo, dovrei dire sinceramente: da sempre.

Ora il perché: è molto più importante e richiede un pensiero più profondo. Penso che, come artista e come essere umano, ogni tanto devi fermarti e chiederti perché stai effettivamente facendo quello che stai facendo. Per me, se quello che sto facendo non sta aiutando un'altra persona in qualche modo, non vale davvero la pena farlo.

Amo la musica da sempre ma ho anche molti altri interessi e molti modi di esprimere le mie storie e la mia arte che, nel mio piccolo, possono essere utili alle persone. La creazione è veramente significativa per la vita. Creando e condividendo ispiriamo più creazione e così incrementiamo la bella forza dell'esistenza. Penso che la musica sia probabilmente il modo più universale per farlo. Non conosco nessuno che non ami la musica. Penso che, per non amare la musica, bisognerebbe essere senza anima.

Per quanto riguarda la scrittura di canzoni a tematica Lgbti, molte persone sagge mi hanno detto, nel corso degli anni, di "scrivere quello che sai" e, pur essendo gay, non è l'unica cosa che so: è sicuramente una parte enorme di chi sono. Comunque sono sempre ispirato dalle mie esperienze personali e sono felice di raggiungere le persone che hanno fatto le mie stesse lotte e che condividono i miei stessi pensieri, per ricordare loro che non sono soli.

Ascoltando Too smart to fall in love è evidente il riferimento al mondo delle App per incontri: cosa pensi al riguardo?

Penso che sia lo specchio del nostro stato attuale di coscienza e di potere comunicativo sia come società sia come umanità. Penso che la quantità di informazioni che abbiamo attualmente a disposizione sia diversa da qualsiasi altra cosa che il mondo abbia potuto vedere in passato. È una specie di arma doppio taglio. Abbiamo la possibilità di “conoscere” tante persone in un tempo molto breve fino a farne una sorta di overdose. In questo modo diventiamo, facilmente e purtroppo, individui usa e getta e così perdiamo il nostro valore di essere umani.

Quando ti nascondi dietro uno schermo, è molto più facile essere cattivi e non sentirsi male per questo. Penso che tutto ciò abbia intossicato la nostra società, soprattutto quella più giovane. Abbiamo paura di amare perché farlo virtualmente non ha complicazioni ma tutto questo sta crescendo in maniera esponenziale, non solo con le App rivolte alle persone gay, ma con tutto l’universo dei social.

Pensi di fare qualche tappa in Italia con qualche spettacolo o per presentare la tua musica?

Assolutamente, sì. Se gli italiani saranno abbastanza interessati alla mia musica, lo farò in un batter d’occhio. Onestamente lo spero, anche perché se non ci fosse l’Italia io non esisterei. Come ho già detto, sono quello che sono grazie alla mia italianità (Johnny è un americano di prima generazione, ndr).

Grazie ancora per l’attenzione che mi hai dedicato ed esprimo a tutti coloro che leggeranno questa intervista tutto il mio amore da “brutto peloso”!

Haha! Tantissimi baci!

e-max.it: your social media marketing partner

Featured Video