Arriva nelle sale "Te lo dico pianissimo" di Pasquale Marrazzo: un film che ribalta luoghi comuni su persone Lgbti e famiglie arcobaleno

Rate this item
(0 votes)

Sarà presentato in anteprima stampa, l’11 settembre alle ore 11:00, presso lo Spazio Cinema Anteo di piazza XXV Aprile a Milano, il nuovo film di Pasquale Marrazzo Te lo dico pianissimo con Lucia Vasini, Stefano Chiodaroli e Pietro Pignatelli.

La pellicola racconta la storia di Cicci che, a seguito della scomparsa della sua ex moglie Dolores, si ritrova a gestire la nuova convivenza con i loro due figli gemelli di 17 anni: Sara e Matteo.

Da oltre 15 anni Cicci vive con il suo compagno Nikolas. La relazione tra i due viene messa a dura prova dalla decisione delle sorelle di Cicci, capeggiate da Giuditta, di trasferirsi nel loro appartamento con lo scopo di proteggere i nipoti dai presunti comportamenti immorali della coppia omosessuale. Il loro amore li costringe a subire soprusi e abusi da parte di Giuditta che è spinta dal desiderio di distruggere l’equilibrio che la coppia ha costruito nel tempo, al punto che Cicci, seppur per un breve periodo, allontana da casa il suo compagno.

La loro casa ospita anche il fantasma di Dolores che si è stabilito in bagno e da lì parla con tutta la famiglia senza più freni e a suo modo da consigli anche a Cicci e Nikolas. Grazie a un percorso interiore e alla scoperta della verità che riguarda i nipoti, Giuditta finalmente capisce che l’amore va guardato da tutte le angolazioni e che la sua visuale non è necessariamente quella giusta. Cicci e Nikolas hanno dimostrano di saper dare la priorità a ciò che merita davvero la loro attenzione: il loro rapporto e l’amore verso i “loro” figli.

A pochi giorni dalla distribuzione del film nelle sale, che avverrà a partire dal 13 settembre, contattiamo il regista Pasquale Marrazzo per saperne di più sulla sua ultima opera.

Pasquale da cosa nasce l’idea di realizzare Te lo dico pianissimo? Quale messaggio credi di voler comunicare al pubblico che assisterà alla proiezione? 

Il film nasce spontaneamente, dopo quattro film piuttosto drammatici e dal dispiacere della morte di una delle mie sette sorelle. Credo sia una naturale reazione alla sopravvivenza psicologica. Cosi ho pensato che realizzare una commedia avrebbe potuto darmi quello slancio ironico necessario per guardare avanti.

Il cinema è una forma di linguaggio eteronomo che nasconde mille insidie, proprio perché incapace di una vera coscienza. Non credo di essermi prefissato un messaggio netto e morale, per una questione tanto complessa come le relazioni fra esseri umani. Uso il termine” esseri umani”, senza sottolineare i generi, perché trovo veramente offensivo che ci sia ancora qualcuno, anzi tanti, che si prendano la briga di pensare che alcune relazioni non siano da considerare leciti.

Questo film è anche un inno all’amore e alla libertà di amare in maniera sincera e spontanea: credi che in Italia oggi ci siano ancora difficoltà concrete per le persone omosessuali che quotidianamente vogliamo vivere la propria vita alla luce del sole?

Cicci e Nikolas “combattono contro tutti” per regalare amore, non è un controsenso? Nessuno dovrebbe combattere contro l’amore. Non credi? Una relazione fra due persone dello stesso sesso è vista, dalla stragrande maggioranza, come un “fatto” e non una normale condizione.

Nel film affronti anche le problematiche e i luoghi comuni contro cui si scontrano le famiglie arcobaleno. Te lo dico pianissimo può essere anche una risposta agli attacchi omofobi dei ministri Fontana e di Salvini?

Potremmo lanciare mille pietre a tutti quelli che ancora additano all’omosessuale, ma la politica dovrebbe partire dal basso e passarsi la mano sulla coscienza rispetto alla costruzione culturale delle coscienze degli altri. “Informare” sarebbe la conditio sine qua non per reificare un popolo emancipato e libero, e non direzionare un pensiero violento teso solo all’odio e alla distanza.

Le famiglie arcobaleno sono la dimostrazione che “altre famiglie” sono possibili e che il limite rimane a chi lo pone e non a chi lo infrange per scoprire nuove e meravigliose verità

Infine, cosa ti aspetti da questo film? Pensi che il pubblico la accoglierà positivamente? Il genere della commedia brillante può aiutare la diffusione di un messaggio di civiltà? 

“Te lo dico pianissimo” è un film semplice e sincero. Quello che vorrei è poter strappare un sorriso alle persone che decideranno di uscire di casa per recarsi al cinema. Parlare con ironia e leggerezza di un argomento come questo non è stato facile e comunque, per quanto mi riguarda, un film non ha il compito di dare risposte, ma, semmai, porre lo spettatore dinnanzi ad ulteriori domande per poter fare una riflessione personale sulle cose. Infondo parliamo sempre di libertà, come lo stato naturale dell’essere umano e allora perché costringere lo spettatore a vedere le cose dal proprio punto di vista? Se di libertà si sta parlando che libera sia

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video