Gerusalemme, oltre 20.000 persone al Pride. Hanno marciato in un clima di tensione per rivendicare diritti e dire no alla legge sulla gpa

Rate this item
(0 votes)

A Gerusalemme circa 22mila persone hanno ieri partecipato alla March for pride and tolerance, organizzata dalla Jerusaleme Open House for Pride and Tolerance. Giunto alla 17esima edizione, il Pride di Gerusalamme si è svolto in un clima di particolare tensione.

Partiti dal Liberty Bell Park, i partecipanti sono giunti all'Independence Park tra imponenti misure di sicurezza, dopo che nel 2015 l'attacco di un giovane ultraortodosso, Yishai Shlissel, costò la vita a una 16enne, accoltellata a morte, e al ferimento di altre cinque persone.

«Non permetteremo alcun disturbo all'ordine pubblico e assicureremo la sicurezza della marcia e dei suoi partecipanti», aveva fatto precedentemente sapere la polizia. Gli agenti sono così riusciti  a tenere lontano dal percorso del Pride vari contestatori, tra cui decine di persone del gruppo di estrema destra Lehava recanti un cartello in ebraico con la scritta: Divieto d'ingresso a questo abominio nella città santa. Tre di loro sono stati fermati dalla polizia.

Gli attivisti hanno rivendicato più diritti per la comunità Lgbti: «È da un mese che il governo ci ha dichiarato guerra e siamo nelle strade di tutto il Paese – ha sottolineato un manifestante del gruppo delle Pantere Rose –. Siamo arrivati nella capitale per gridare con voce forte che meritiamo l'uguaglianza non solo a parole ma quella vera, nelle leggi e nei bilanci. Non staremo zitti fino a quando la violenza contro di noi non si fermerà».

Un chiaro riferimento allo sciopero nazionale, indetto a seguito dell’approvazione della legge che ha esteso il programma statale di surrogacy alle donne single e ne ha escluso unicamente gli uomini single e le coppie di persone omosessuali.

Aspetto, questo, che è stato rimarcato anche da Tzipi Livni, parlamentare e leader del partito d’opposizione HaTnuah, che ha esortato a «unire le forze in una battaglia che non è mai stata così importante». E ha poi spiegato di essere al Pride per dire al governo che «lo Stato d'Israele deve essere uno Stato con valori come uguaglianza e libertà».

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video