Papa Francesco: «Ignorare un figlio omosessuale è mancanza di paternità o maternità. Il dossier Viganò contro di me? Parla da sé»

Rate this item
(1 Vote)

Durante il viaggio aereo di ritorno da Dublino, dove ha ieri concluso il World Meeting of Families, Papa Francesco ha incontrato, come di consueto, i giornalisti e ha risposto alle loro domande.

Una è stata incentrata direttamente sulle persone Lgbti: «Cosa direbbe a un papà cattolico, il cui figlio gli dicesse di essere omosessuale e di voler andare a convivere col proprio compagno?».

Ecco la risposta integrale di Bergoglio secondo la trascrizione fedele della registrazione audio: «Sempre ci sono stati gli omosessuali e le persone con tendenze omosessuali. Sempre. Dicono i sociologi – e non so se è vero –  che nei tempi di cambiamento d’epoca crescono questi fenomeni sociali, etici. Uno di loro sarebbe questo. Questa è l’opinione di alcuni sociologi.

La tua domanda è chiara: Cosa direi a un papà che vede suo figlio o sua figlia che ha quella tendenza? Direi: primo, di pregare. Preghi. Non condannare. Dialogare, capire e fare spazio al figlio e alla figlia. Fare spazio perché si esprima.

Poi in quale età s’esprime questa inquietudine del figlio? È importante. Una cosa è quando si manifesta da bambino. C’è tanto da fare con la psichiatria, per vedere come sono le cose. Una cosa è quando si manifesta dopo i 20 anni o cose del genere.

Ma io mai dirò che il silenzio è un rimedio. Ignorare un figlio o una figlia con tendenza omosessuale è mancanza di paternità o maternità. Tu sei mio figlio. Tu sei mia figlia, come sei. Io sono tua padre e tua madre: Parliamo.

Se voi, padre o madre, non ve la cavate chiedete aiuto. Ma sempre nel dialogo, sempre nel dialogo. Perché quel figlio e quella figlia hanno diritto a una famiglia. Non cacciarlo via dalla famiglia. Questa è una sfida seria ma che fa la paternità e della maternità».

Benché non direttamente toccata, la questione omosessualità è stata sottesa a una precedente domanda relativa all’arcivescovo titolare d’Ulpiana, Carlo Maria Viganò, e al suo memoriale di denuncia, pubblicato ieri su La Verità.

Nel lunghissimo j’accuse di cinque pagine l’ex nunzio apostolico negli Usa ha infatti chiesto le dimissioni di Bergoglio, accusandolo di essere da anni al corrente degli abusi sessuali nei riguardi di seminaristi maggiorenni e presbiteri da parte dell’arcivescovo emerito di Washington Theodore McCarrick (privato del cardinalato il 28 luglio scorso dallo stesso Papa Francesco benché il processo canonico a carico del presule sia ancora in corso). Abusi configuratisi nell’ottica di un «rapporto di autorità verso le loro vittime».

Sul memoriale Viganò, subito apparso alla stampa internazionale come destituito di attendibilità in più punti e un ennesimo attacco da parte della falange antibergogliana (di cui il presule d’origine varesina è uno degli esponenti di spicco – è stato tra i firmatari della Professione delle verità immutabili riguardo al matrimonio sacramentale contro l’Amoris Laetitia – anche per ragioni personali: basti pensare all’affaire Davis), Francesco ha così risposto: «Ho letto questa mattina  quel comunicato. Sinceramente devo dirvi questo: Non dirò una parola su questo.

Credo che il comunicato parli da solo. Leggetelo attentamente e quindi fate le vostre conclusioni: avete la capacità giornalistica per farlo. Quando sarà passato del tempo e avrete espresso il vostro parere, allora forse parlerò».

Guarda il VIDEO

e-max.it: your social media marketing partner

Media

happyPrince2

Featured Video