Non s’arresta l’ondata d’odio omotransfobico in Francia, dove secondo il ministero dell'Interno sono state 262 le denunce per aggressioni da orientamento sessuale e identità di genere tra gennaio e settembre 2018: il 15% in più rispetto al 2017.

Venerdì sera a Lione una poliziotta di stanza a Nancy e la sua compagna, rispettivamente di 20 e 23 anni, sono state insultate e aggredite da otto adolescenti.

Mentre la coppia camminava mano nella mano davanti al centro commerciale de La Part-Dieu (laddove l'11 novembre 2016 Marin Sauvageon fu brutalmente picchiato da un branco per aver difeso una coppia di giovani omosessuali) sono state raggiunte dagli insulti della banda. Quando la poliziotta ha invitato le giovani alla calma ricordando che il loro era un comportamento delittuoso, è stata accerchiata insieme con la compagna.

È quindi partita una pioggia di pugni. Una delle adolescenti ha quindi sfregiato al viso la compagna della poliziotta. La ferita, inferta con un coltello, parte al di sotto dell’occhio sinistro fino all’orecchio.

Le otto adolescenti si sono date alla fuga. Successivamente la polizia ha arrestato una 17enne in possesso di coltello, che però ha negato i fatti. Ma a suo carico nonché a quello di altre 7 ragazze, tuttora ricercate, è stata oggi aperta un’inchiesta giudiziaria per violenze da arma bianca in ragione dell’orientamento sessuale delle vittime

Nella notte tra il 4 e il 5 marzo, invece, tre giovani uomini, rispettivamente di 18, 16 e 15 anni, hanno picchiato e accoltellato a Drancy (nel dipartimento della Seine-Saint Denis) il 29enne Kevin, cui hanno teso un agguato nella periferia settentrionale della città. Kevin vi si era recato dopo aver chattato con un internauta su un app per incontri e aver fissato l’appuntamento.

Ricoverato in ospedale per la perforazione di un polmone, il 29enne è adesso fuori pericolo ed è stato dimesso il 15 marzo. Indagati per tentato omicidio a sfondo omofobico, rapina a mano armata e associzione a delinquere, i tre giovani sono stati posti in detenzione provvisoria in attesa di giudizio.

Guillaume Mélanie, fondatore e copresidente di Urgence Homophobie, ha fatto sapere che Stop Homophobie sosterrà a titolo gratuito le spese legali per Kevin, che si è costituito parte civile.

Sempre Mélanie, che il 16 ottobre 2018 è stato vittima di pestaggio a Parigi, ha infine espresso il suo sdegno per la vandalizzazione della targa commemorativa in memoria di Xavier Jugelé, il poliziotto ucciso il 20 luglio 2017 durante l'attentato terroristico sugli Champs-Elysées. L’imbrattamento è avvenuto ieri durante le ultime manifestazioni di protesta dei gilet gialli nella capitale.

e-max.it: your social media marketing partner

Come annunciato in ottobre dalla sindaca di Parigi Anne Hidalgo a seguito dell’aggressione a Guillame Mélanie, fondatore e copresidente di Urgence Homophobie, il contrasto alle violenze da orientamento sessuale e identità di genere è divenuto uno dei temi prioritari nell’agenda del comune e del governo francese. 

Secondo Urgence Homophobie tra gennaio e settembre scorso il numero di denunce per omofobia è cresciuto del 15% rispetto allo stesso periodo del 2017 con più di 260 episodi riscontrati. 

La sindaca socialista ha proposto un piano affinché «Parigi rimanga la città dell'uguaglianza e della libertà di essere se stessi», sbloccando un fondo di 100.000 euro per la sua attuazione e a sostegno delle associazioni impegnate nel contrasto all'omotransfobia. Nella capitale sarà inoltre istituito un Osservatorio parigino Lgbti in una con campagne di comunicazione nei mezzi pubblici.

A livello invece governativo è stato invece varato un piano di emergenza con una serie di misure contro le violenze omotransfobiche, che vanno dalla prevenzione al perseguimento penale: a presentarlo la segretaria di Stato, delegata alla Parità di genere e alla Lotta alle discriminazioni, Marlène Schiappa. Il piano prevede una campagna nazionale di lotta all'odio Lgbti nel 2019, sensibilizzazione nelle scuole e formazione delle forze dell'ordine.

E, proprio oggi, una settantina di personalità e artisti ha lanciato la clip musicale intitolata De l’amour per denunciare le crescenti aggressioni omotransfobiche in Francia.

Guarda il VIDEO

e-max.it: your social media marketing partner

Un pugno in pieno volto con la minaccia di dargli fuoco. È quanto successo ieri sera, nel centro di Parigi, a Guillame Mélanie, fondatore e copresidente di Urgence Homophobie, ong impegnata nel contrasto alle violenze contro le persone Lgbti e nel loro sostegno.

Così ne ha dato lui stesso notizia via Twitter: 

A denunciare l'accaduto la stessa vittima, che ha dichiarato di essere stato assalito all'uscita da un ristorante insieme con un gruppo di attivisti.

La comitiva era uscita per festeggiare il permesso di soggiorno in Francia, rilasciato a un immigrato che, vittima di violenza omofobica nel Paese d'origine, si era rivolta a Urgence Homophobie ed era stato aiutato in tal senso. 

«Stavamo in qualche modo intralciando la strada - ha raccontato Mélanie ad Agence France Press - e un uomo ci ha spinto piuttosto violentemente. Gli ho risposto di stare tranquillo. Allora un altro uomo, che era con lui, mi ha detto: Sei solo uno sporco frocio e Dovreste essere tutti bruciati. Quindi mi ha colpito con un violento pugno».

L'attivista, che ha riportato la frattura del setto nasale, ha ricevuto messaggi di solidarietà da numerose personalità del mondo politico francese. 

Quella a Mélanie è solo l'ultima delle aggressioni a danno delle persone Lgbti che, come dichiarato dall'associazione nazionale Sos Homophobie, si sono registrate nelle ultime settimane a Parigi.

Manifestando il suo sostegno al fondatore di Urgence Homophobie, la sindaca di Parigi Anne Hidalgo ha invocato una «scossa collettiva»di fronte all'escalation di violenza omofoba e ha invitato Mélanie a lavorare per un piano di contrasto in collaborazione con il Comune e le altre associazioni.

In un successivo tweet la prima cittadina ha aggiunto che non ci si può «rassegnare di fronte a questa violenza. La sicurezza delle persone LGBTQI + deve essere garantita».

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video