Condivisione, amicizia e amore: sono questi i tre segreti che rendono un viaggio di gruppo Lgbt* magico oltre che indimenticabile, soprattutto se deciderete di organizzarlo in Europa e durante la stagione autunnale.

Se avete in mente di partecipare oppure di organizzare voi stessi un viaggio di gruppo, date un’occhiata a queste quattro mete gay-friendly in Europa, scelte per farvi trascorrere un viaggio bello, accogliente e soprattutto emozionante. Buon viaggio!

Per un week end o una breve vacanza

Budapest è la meta ideale per organizzare un viaggio di gruppo e festeggiare con gli amici la nuova stagione autunnale. Visitate i parchi e percorrete le sue strade eleganti e romantiche. Vedrete, l’autunno è la stagione ideale per organizzare in questa città un week end divertente, in compagnia e in relax e a pochi passi da casa. Budapest è oggi non solo una meta gay-friendly molto ricercata, ma è una piccola perla dell’Europa dell’est da scoprire in un viaggio tra amici e nuove conoscenze. Un consiglio spassionato? Fatevi una fotografia di gruppo sull’isola Margherita e capirete di cosa stiamo parlando!

Vi regalerà ricordi bellissimi

Non poteva non mancare Bruges, questo piccolo gioiellino nelle Fiandre è tra le mete da tenere d’occhio quest’autunno per trascorrere un viaggio di gruppo fiabesco oltre che avventuroso, romantico e perché no, anche rilassante. Passeggiate tra i suoi canali e ammirate da vicino la bellezza delle sue mura medievali, vedrete vi sentirete di stare in un’altra dimensione. Fotografate la magnifica e magica Basilica del Santissimo Sangue e visitate il Museo Groening ed infine organizzate una bella passeggiata pomeridiana sulle rive del lago Minnewater: un posto da vedere!

Tutti in Campania!

Potevamo dimenticare la Penisola Sorrentina e la Costiera Amalfitana? L’autunno è la stagione migliore dell’anno per organizzare un viaggio di gruppo in una delle destinazioni più belle e conosciute in tutto il mondo e amate dai viaggiatori Lgbt*! La luce, i colori e il fogliame che avvolgono le città di Sorrento e di Positano sono magici e i tramonti, soprattutto se deciderete di visitare queste mete in scooter saranno indimenticabili. La Costiera e la Penisola sono straordinari. Insomma non volete mica perdervi questo spettacolo?

Vi aspettiamo ad Atene

State pensando alla Grecia e alla città di Atene? Moderna, ricca di musei e una gay life molto attiva. La capitale del mediterraneo è la meta gay-friendly perfetta per organizzare un viaggio di gruppo e trascorrere un week end breve e low cost. Qui vivrete una vacanza all’insegna dell’emozione e dell’ospitalità. A rendere ancora più speciale il vostro soggiorno sarà l’incanto del Partenone, dell’Agorà e del Museo Archeologico Nazionale. Che dite, vi abbiamo convinti a far parte del gruppo?

 

e-max.it: your social media marketing partner

Dopo tanta attesa, le vacanze estive sono finalmente arrivate, e se quest’anno faceste qualcosa di completamente diverso dal solito? Qualcosa che avete sempre desiderato fare?

Un corso di scrittura, una cena romantica in barca o diventare uno street art. Secondo la community dei viaggiatori Lgbti queste sono le quattro vacanze estive più gettonate dell’anno per imparare qualcosa di nuovo. Vedrete che vi daranno grandi soddisfazioni!

Andalo, per raccontare le vostre vacanze estive!

Conoscete Andalo? No? Bene, sarà la vostra prossima destinazione estiva, se siete appassionati di scrittura. Dal 7 al 14 luglio, potrete diventare protagonisti della nuova scuola di scrittura 1042, nata in collaborazione con Montura, l’Università di Trento e il Seminario internazionale sul romanzo. Vi potremmo elencare altre mille cose da sapere, ma ci preme dirvi che qui scoprirete, attraverso laboratori ed escursioni in montagna, le migliori tecniche di scrittura e reportage. Sarà un’esperienza che difficilmente dimenticherete.

Tutti a bordo, ma in Thailandia

Località gay-friendly di tendenza dell’Asia, già molto amata dalla community dei viaggiatori LGBTI, la Thailandia è una meta al top per chi è alla ricerca di una pausa estiva di tendenza o per chi ama fare l’aperitivo con gli amici o una cena romantica con la propria dolce metà in barca. Per i romantici, il tour Phuket, Koh Samui e Koh Changen offerto dal t.o. Nausdream, renderà ancora più unico e indimenticabile il vostro break sulla costa thailandese. Bellezze paesaggistiche, un mare da favola e la gente del posto accogliente. Cosa chiedere di più?

A praticare yoga su un’isola

Zante o Zacinto? Quello che possiamo dirvi è che la meta ideale per fare yoga nel sud dell’Europa. Un’isola incredibile, magica e sofisticata che grazie alle sue spiagge di sabbia finissima, saprà essere la vostra prossima destinazione, per chi tra di voi è in cerca di un po di pace e relax. È possibile scegliere grandi baie, protagoniste anche di numerose attività acquatiche, come lo snorkeling o piccole spiagge. In entrambi i casi potrete godervi al massimo qualche ora di benessere.

Imparare l’arte a Valparaiso

Non dovrete nemmeno andarli a cercare, i murales. Basterà camminare per le viuzze dei cerros per ammirarne di tutti i tipi, ma se volete scoprire curiosità sulle opere e sugli autori prendete parte al tour guidato Graffiti and Street Art Tours, che parte da Plaza Anibal Pinto e porta a scoprire il Museo a Cielo Aperto, una concentrazione di strade del Cerro Bellavista dove studenti, tra il 1969 e il 1973, dipinsero 20 incredibili murales, alcuni dei quali vennero rimossi sotto la dittatura di Pinochet. Perciò occhi aperti, perché potreste trovarvi davanti balene giganti, un pappagallo con la camicia a quadri, scalinate con paesaggi e degli scheletri che ballano la break-dance!

e-max.it: your social media marketing partner

Quando si parla di road trip è impossibile non pensare al camper, la novità per i viaggi gay-friendly 2018, tanto da essere diventato protagonista di numerosi libri, film e viaggi di nozze tra persone dello stesso sesso.

Abbiamo selezionato per voi cinque road trip tra i più belli e richiesti dai viaggiatori Lgbti. Dai grandi classici italiani fino alla Spagna, passando per la Germania e la Grecia, per sognare e sentirvi liberi di amare, ma il bello sarà mettervi al volante di un quattro ruote. Siete pronti?

In Toscana? Ma per un viaggio total charme

Che meraviglia che sono i viaggi gay-friendly in Toscana! Scoprite i meravigliosi paesaggi dell’incantevole Fetovaia, tra le più belle isole dell’Elba oppure le verdi colline della Maremma, alla scoperta dei pittoreschi paesini persi tra i cipressi nel Parco della Val D’Orcia. Undici chilometri di natura incontaminata. Una città da wish list? Volterra. Una volta arrivati, dimenticatevi la fretta e dedicatevi al buon cibo, qui potrete assaggiare il miglior filetto condito con lardo della vostra vita (di coppia). Buon divertimento!

Caccia al viaggio (con sorpresa) in Spagna

Avete mai pensato ai viaggi gay-friendly on the road in Spagna? Magari in camper lungo la calda costa latina? Lloret è senza dubbio una delle località più gettonate sul mercato spagnolo, frequentata per la gran parte dai viaggiatori Lgbti, in cerca di nuove esperienze e di vita notturna movimentata. Prendete lo sposo oppure il vostro nuovo compagno o perché no anche un gruppo di amici, caricateli sul camper a quattro ruote ed esplorate questo meraviglioso tratto di Spagna super e cheap!

Immersi nella natura? Si e sarà imperdibile

Che la scegliate in primavera o in estate, l’Austria non vi deluderà: ogni stagione è l’ideale per fare dei viaggi gay-friendly in camper. Tutto dipenderà da quello che avete in agenda. Un itinerario? Da Klagenfurt verso il lago Wörthersee, il più grande della Carinzia. Gli immensi prati e la fitta boscaglia costruiscono tesori unici al mondo, e tutto il territorio è punteggiato di cittadine e località dall’atmosfera unica e accogliente, fatte di luci intense, cultura e buon cibo. Che aggiungere? Buona esplorazione!

Il giorno dopo. Colazione da veri principi

Viaggi gay-friendly in Francia, vacanza fortunata? Osiamo? Se è cosi fosse allora i francesi faranno al caso vostro! Le deliziose Saint-Tropez e Mont-Saint-Michel sono il meglio dei viaggi in camper, anche per la community di viaggiatori Lgbti. Meraviglie mediterranee svettano di fianco a incredibili perle rinascimentali e medievali, tra un pizzico di art nouveau e un brivido di night life. Un’idea che merita la vostra attenzione, oltre che lettura, in ogni periodo dell’anno, ma in primavera diventa tappa imperdibile. Che aspettate?

Vacanza + pet + friendly = Viaggi gay friendly esplosivi!

Per chi non può fare a meno del proprio amico a quattro zampe, due sono le destinazioni pet-friendly del momento: Croazia, lungo la Costa Dalmata, oppure imbarcarsi per Corfù in Grecia. In entrambe le mete gli animali sono ben accetti e quasi ovunque, nei ristoranti, musei e persino sulle spiagge. Qualunque sia la meta scelta, sarà uno di quei viaggi gay-friendly emozionanti e anche il vostro camper vi ringrazierà di averlo portato!

e-max.it: your social media marketing partner

Non fa caldo, non fa freddo e i voli sono anche low cost. E allora perché non organizzare un bel viaggio di primavera e partire subito?

Se siete stanchi delle solite città, ecco 5 nuove mete gay friendly per vivere la stagione come un vero (e non solo) viaggiatore Lgbti!

Berat, Albania

Ci sarà un luogo in cui single e coppie potranno ispirarsi alle fiabe? Beh, questa è sicuramente la piccola cittadina di Berat, un itinerario albanese perfetto per un viaggio di primavera straordinario, dove perdersi tra i suoi vicoli sarà un piacere. Conosciuta come “la città dalle mille finestre”, Berat è davvero uno spettacolo imperdibile, se siete in cerca di uno scenario magico e super romantico!

Manila, Filippine

Ora spostatevi in Asia e facciamo un salto a Manila! Non farete nessuna fatica ad immaginare come mai questa sia una delle destinazioni più ricercate dai viaggiatori LGBTI nel 2018: una vita notturna intensa, locali mozzafiato, natura rigogliosa e tramonti che le parole di una guida non potranno mai descrivere. Ma vi chiederete, quale sarà il suo punto di forza? Le sue mille sfaccettature! Imperdibili la chiesa di Sant Agustin e il Fort Santiago. Una città che merita attenzione e da esplorare in ogni angolo!

Belize, America Latina

Benvenuti a Belize, tempio latino gay-friendly dove la filosofia è quella del “Viva la Vida”. Una meta incantata che vanta spiagge da sogno. Un pezzo imperdibile è senza dubbio il “Blue Hole”, il risultato del crollo di un'enorme grotta, resa nota al mondo dal celebre Jacques Cousteau. Se volete, invece, entrare in contatto con il proprio io, tramite lo yoga, oppure fare rafting, trekking e surf, questa sarà la destinazione gay/eco-friendly ideale e solo per i GHeroes!

Tokyo, Giappone

Tokyo è una città gay-friendly, unica nel suo genere. Dalle boutique con costosi abiti firmati ai negozi di qualche design emergente, dalle ultime novità dell'elettronica ai libri più rari. Insomma, una cornice primaverile perfetta per le sorprese - e i buoni affari - che vi attendono una volta atterrati. Attenzione, conservate molta della vostra energia, perché vi servirà per la vita notturna tra bars e dance clubs, per una magica atmosfera nipponica al top!

Eguisheim, Francia

Se avete il pallino del romanticismo, vi emozionate di fronte a casette dai tetti a punta, da vicoli che conducono al castello - principesco - e dai tantissimi e coloratissimi fiori, da fare invidia anche a Sanremo, allora abbiamo la meta gay-friendly perfetta per voi. Stiamo parlando di Eguisheim, gioiellino nel cuore della Francia. Mi raccomando, da queste parti annoiarsi è impossibile, perché qui è sempre primavera!

e-max.it: your social media marketing partner

Con la firma del governatore John Rankin è entrata in vigore, mercoledì scorso, in Bermuda la legge che, approvata l’8 dicembre scorso dalla Camera dell’Assemblea, sbarra l’accesso al same-sex marriage e consente le sole unioni civili. Un notevole passo indietro per l’arcipelago caraibico.

Il matrimonio tra persone dello stesso era infatti divenuto legale a seguito della sentenza emessa, il 5 maggio 2017, dalla presidente della Corte Suprema, Charles-Etta Simmons, a favore dei ricorrenti Winston Godwin e Greg DeRoche. Sentenza che ha così consentito la celebrazione del same-sex marriage (il primo in data 31 maggio per un numero complessivo di sette matrimoni fino all’8 dicembre) in Bermuda. Che, come noto, è un territorio d'oltremare britannico e componente della comunità caraibica (Caricom).

Ma i cui abitanti (poco più di 60mila) sono nel complesso tutt’altro che gayfriendly. Riprova ne è (anche se poi considerato invalido per il mancato raggiungimento del quorum previsto) il risultato del referendum non vincolante del 23 giugno 2016 su unioni civili e nozze tra persone dello stesso sesso: su 20.804 votanti ben 13.003 e 14.192 si erano rispettivamente espressi contrari (63.03% e 68.54 %) di contro al 31 e 37% dei favorevoli.

Dal Regno Unito – essendo l’arcipelago bermudino un dominio di Sua Maestà Elisabetta II – non si sono fatte attendere le reazioni. A partire da quella del deputato laburista Chris Bryant che ha presentato al riguardo un'interrogazione parlamentare al ministro degli Esteri Boris Johnson.

Nel frattempo Harriet Baldwin, sottosegretaria agli Esteri, ha riferito che il governo è «ovviamente contrariato» per quanto successo in Bermuda.  Ma che per il caso in questione non ci sarebbero gli estremi per esercitare il potere di bloccare le leggi non gradite nei territori d'oltremare. Tanto più che Londra non è mai intervenuta nel processo legislativo di Bermuda da quando (1968) vi è stata introdotta la costituzione. Motivazioni ritenute inaccettabili da laburisti e attivisti, che hanno bollato quale vergognoso il mancato intervento di Boris Johnson.

Disappunto anche da parte della premier Theresa May, che attraverso il suo portavoce James Slack ha rilevato come il governo britannico sia «seriamente deluso che il Domestic Partnership Bill rimuova il diritto per le coppie dello stesso sesso di sposarsi a Bermuda» Ma aggiungendo che «la legge è stata democraticamente approvata dal Parlamento. E la nostra relazione con i territori d'oltremare è basata su collaborazione e rispetto per il loro diritto di auto-governo democratico».

In ogni caso la messa al bando del same-sex marriage rischia di avere ricadute economiche nell’arcipelago bermudino. Come hanno sottolineato esperti di turismo Lgbti, sarebbe un "disastro" dal momento che la recente normativa viene a interessare anche le compagnie di crociera, le cui navi sono registrate in Bermuda. Proprio a bordo di queste si sono celebrati nei mesi scorsi matrimoni tra persone dello stesso uso. Cosa che non sarà più possibile con la recente legge.

Dalla Carnival Uk, legata alla P&O Cruises and Cunard, hanno fatto sapere di «essere molto scontenti di questa decisione. Non sottovalutiamo lo scontento che causerà negli ospiti che avevano pianificato le loro nozze».

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video