GayNews

GayNews

Dal 20 al 27 ottobre 2018 NUDI – Nessuno Uguale Diversi Insieme – Associazione nazionale di Psicologi per il benessere Lgbtqi, con il patrocinio dell'Ordine mazionale degli Psicologi, promuove la Settimana del benessere psicosessuologico LGBT+ che avrà luogo in diverse città italiane sotto forma di numerose iniziative gratuite ideate da psicologi e psicologhe e animate dallo stesso filo conduttore: aggregazione, approfondimento, abbattimento di barriere e pregiudizi sulla sessualità.

"L’idea di una settimana interamente dedicata alla tematica LGBT+  - spiegano le organizzatrici - nasce dall’esigenza di fornire un punto di vista professionale psicologico e sessuologico al tema delle identità sessuali, troppo spesso lasciato esclusivamente dal prezioso lavoro di sensibilizzazione dell’attivismo.
Gli psicologi e le psicologhe escono dai propri studi per confrontarsi con le comunità locali, con l’intento di fare informazione, destrutturare gli stereotipi e le credenze erronee e/o manchevoli sulle questioni LGBT+"
 
Si parte nella giornata di oggi, domenica 21 ottobre, con il "Salotto Erotico" ospitato dal Caffè Letterario,  nell'ambito delle attività domenicali del "Punto G" di Gaycs (Ore 17:00, via Ostiense 95 Roma). Il Salotto Erotico assuma la forma di un vero e proprio talk show, pensato per creare condivisione di esperienze, vissuti e punti di vista sulla sessualità, con l'aiuto della professionalità degli psicologi e delle psicologhe coinvolte, che possono al momento opportuno sfatare miti e luoghi comuni.  

Sabato 27 ottobre si terranno infine terrà i gruppi esperienziali sul rapporto tra il potere e l'orgasmo dal titolo "Il potere nella coppia same-sex: l'importanza dell'orgasmo". La mattina avrà luogo il gruppo uomini dalle 11.00 alle 13.00, mentre il pomeriggio sarà dedicato alle donne dalle 17.00 alle 19.00. I gruppi avranno luogo presso i locali del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, in Via Efeso 2, in collaborazione con ARCO - Associazione Ricreativa Circoli Omosessualie e La Fenice Gay - Associazione indipendente di volontariato.
 
"Il gruppo esperienziale - si legge ancora nella nota dell'organizzazione - è un'occasione per i partecipanti per promuovere la propria crescita personale, attraverso la comprensione di sé all'interno dei processi del gruppo e la riflessione sui propri pensieri, atteggiamenti e vissuti".



 
e-max.it: your social media marketing partner

«Salvini? È un razzista. Lo so che la situazione in Italia è difficile perché siete un Paese che affaccia sul Mediterraneo. Mi dispiace anche che il mio Paese non possa aiutare e accogliere persone da altri Paesi: anche noi abbiamo un razzista come presidente, che non capisce che noi siamo quello che siamo anche grazie a tutti quelli che sono venuti nel nostro Paese.

Sono sicuro che ci siano molte persone intelligenti in Italia che sappiano come affrontare il problema dell'immigrazione e risolverlo e penso anche che gli italiani debbano iniziare a chiamare Salvini per quello che è: una persona bigotta che ha un atteggiamento bigotto».

Non ha usato mezzi termini Michael Moore nell’incontro d’ieri col pubblico in occasione della Festa del Cinema di Roma, dove alle 19:30 è stato presentato Fahrenheit 11/9, nuovo documentario politico del regista statunitense questa volta dedicato a Donald Trump.

E, dopo aver definito il ministro dell’Interno bigotto, oltre che razzista, Moore ne ha dato le seguenti motivazioni: «È contro i gay e i matrimoni tra gay: bisognerebbe invece che cercasse di capire che l'amore è amore a prescindere dal sesso dell'altro. Il consiglio che posso dargli è questo: Salvini, non sposare un gay se li odi, ma lascia che loro si amino e si sposino e i tuoi affari tieniteli per te».

Il regista ha anche aggiunto: «Sono cinque giorni che guardo la vostra tv e non mi piace. Quando i ricchi hanno in mano i media vogliono solo fare programmi che rincretiniscano la gente, si creano grossi problemi. In Usa Trump è bravissimo a cavalcare questo, le persone lo amano per questo. E questo l'ho visto anche in Italia. Credo che le persone sbaglino nel vedere Salvini e Di Maio come persone divertenti, perché non si tratta di intrattenimento, ma di politica». 

Infine da parte del regista e documentarista americano un appello all'Italia: «Siete stati grandi, dovete ritornare ad esserlo». E poi un nuovo affondo a Salvini: «Io non direi Prima gli italiani ma Prima l'Italia».

e-max.it: your social media marketing partner

A ruota libera Oliviero Toscani nel corso della puntata de La Zanzara del 18 ottobre.

Oltre agli attacchi a Matteo Salvini, al cui confronto il suo cane, «quando abbaia, ha un’aria più intelligente» e alle parole d’ammirazione nei riguardi di Mimmo Lucano («Lo ospitiamo noi qui a Fabrica, a Treviso. Sarà la Riace d'Italia, una specie di Fort Knox, il centro della resistenza. Venga pure: la dimora gliela diamo noi, una camera e tutto»), il fotografo milanese si è espresso sui raduni in camicia nera presso il sepolcro di Mussolini a Predappio.

Ma con una paragone quanto mai scivoloso.

«Sono contrario a proibire queste cose - ha dichiarato -. E poi quelli che vanno in camicia nera alla tomba del Duce sono come quelli del Gay Pride: lo fanno anche lì, fanno delle cagate.

Io sono contrario ai Gay Pride, perché devono travestirsi così? Ma perché se sono gay devo passare da baraccone? Come quelli che si vestono di nero e vanno a fare la parata per il Duce. Sono patetici, poveretti: hanno perso tutto, anche culturalmente. È come a carnevale, vestiti così. Fanno ridere».

e-max.it: your social media marketing partner

La Corte di appello di Firenze ha ieri ridotto a 28 anni di carcere la pena per il pellettiere Mirco Alessi, che il 29 giugno 2016 uccise con 94 coltellate la 45enne Kimberly da Silva, transgender brasiliana, e con altri 18 fendenti la 27enne dominicana Mariela Josefina Santos Cruz.

Il delitto avvenne nell’abitazione delle donne in via Fiume (nei pressi della stazione ferroviaria di Santa Maria Novella), dove Alessi, all’epoca dei fatti 42enne, si era recato anche quella mattina di giugno, essendo legato da una relazione sentimentale con Kimberly.

Un rapporto, il loro, caratterizzato però da continui litigi per richieste pressanti di denaro da parte dell’uomo. E una lite furibonda scoppiò anche quel 29 giugno di due anni fa. Nel corso d'essa l’artigiano fiorentino, che aveva precedentemente assunto cocaina, impugnò un coltello da cucina iniziando a colpire ripetutamente la compagna.

Si recò quindi nell’altra camera da letto, dove dormivano Mariela e una sua connazionale, Marlenis, di 25 anni. Mentre quest’ultima riuscì a salvarsi gettandosi dalla finestra (ma riportando fratture multiple agli arti inferiori e superiori), l’amica fu accoltellata per 18 volte.

Nonostante fosse riuscita a fuggire fino all’androne dello stabile, Mariela fu trovata agonizzante dagli operatori sanitari accorsi. Sarebbe morta dissanguata poco dopo l'arrivo in ospedale a seguito della recisione dell'arteria femorale provocata da una delle coltellate ricevute su un fianco. Riuscito a fuggire, l'uomo fu arrestato la sera di quello stesso giorno a Monticiano (Si).

Condannato in primo grado a 30 anni per omicidio e tentato omicidio pluriaggravato, Alessi ha successivamente risarcito pecuniariamente le famiglie delle due vittime e, recentemente, anche Marlenis.

Contro la sentenza la procura di Firenze aveva presentato ricorso in appello chiedendo l'ergastolo e l'isolamento diurno di due anni per l'imputato.

Ieri mattina, però, alla luce della confessione di Alessi e dell'atteggiamento sempre collaborativo nonché dell'ultimo risarcimento erogato alla 25enne ferita, il sostituto procuratore generale Filippo Di Benedetto ne ha chiesto la condanna senza contestare l'aggravante della premeditazione. Ha inoltre rinunciato a chiedere l'ergastolo e l'isolamento diurno per due anni. 

A loro volta Massimiliano Manzo e Maria Teresa Pisani, legali di Alessi, hanno rinunciato ad alcuni motivi difensivi.

«La vittoria, direi il miracolo, ci fu già in primo grado – hanno commentato - quando non fu inflitto l’ergastolo. Ma oggi registriamo un ulteriore calo della condanna: ora per il nostro assistito si accende una luce in fondo al tunnel di una vita che potrà riavere il suo corso».

e-max.it: your social media marketing partner

Associazioni del mondo della scuola, organizzazioni sindacali, volontariato, terzo settore uniti dal motto Educazione sconfinata per l'infanzia, i diritti e l'umanità: nasce il tavolo SaltaMuri che, costituito da oltre 50 realtà, è stato presentato stamani in conferenza stampa presso la Camera dei deputati.

Come ha spiegato il portavoce Giancarlo Cavinato, presidente del Movimento Cooperazione Educativa, l'iniziativa è partita dalla crescente preoccupazione legata al diffondersi di linguaggi e pratiche discriminatorie nelle nostre scuole, in particolar modo di natura etnica.

Gli episodi di MonfalconeLodi sono purtroppo gli ultimi di una lunga serie di accadimenti che, come spiegano gli organizzatori, sta aprendo la strada all'erosione dell'immagine dell'infanzia e dei diritti del bambino. Molti sono stati i ricorsi delle organizzazioni sul piano legale, come ha spiegato Fabrizio Dacrema della Cgil, ma si rende necessaria un'azione di carattere pro-attivo.

Per questo motivo, il tavolo ha lanciato per il prossimo 10 dicembre la campagna Mille scuole per una società aperta, esortando tutte le scuole d'Italia a realizzare nella settimana dal 10 al 17 dicembre incontri e momenti di discussione in occasione dei 70 anni della Dichiarazione universale dei diritti umani.  

Angela Nava, presidente del Coordinamento Genitori Democratici e portavoce di Laicità Scuola Salute, è intervenuta per sottolineare la deriva di esclusione che si sta perpetrando a livello istituzionale negli istituti scolastici. In più di un caso, alcune scuole si sono presentate ai genitori scrivendo nel proprio rapporto di autovalutazione sul sito del Miur che offrono ambienti di apprendimento migliori perché non accettano migranti e disabili.

A rincarare la dose anche Anna Fedeli della Flc Cgil, la quale ha sottolineato l'impegno del sindacato per il ripristino della precedente normativa sui servizi essenziali di base nella scuola, dal 2016 purtroppo non più obbligatori per regioni e comuni.

Tra gli interventi dei presenti anche il Cidi (Centro di Iniziativa Democratica per gli Insegnanti) con Alba Sasso, che ha denunciato i rischi della proposta di legge sulla revisione delle competenze delle regioni, che potrebbe ulteriormente aumentare le disparità territoriali in termini di opportunità formative e diritto allo studio. È compito invece della Repubblica, ha ribadito Sasso, rimuovere gli ostacoli che impediscono di fatto il concretizzarsi del principio di uguaglianza, come recita il comma 2 articolo 3 della Costituzione.

Secondo Vanessa Pallucchi di Legambiente, infine, bisogna riflettere molto sul livello di assuefazione rispetto ai fenomeni di esclusione e vessazione che stiamo vivendo, che ricordano le riflessioni di Hanna Arendt in La banalità del male.

Al portavoce Cavinato Gaynews ha chiesto se il tavolo possa diventare in un futuro un laboratorio politico per nuove proposte di riforma della scuola «È una possibilità - ha risposto - anche se la priorità immediata resta quella di richiamare l'attenzione sul clima di crescente intolleranza nel Paese. Bisognerebbe comunque riflettere in maniera seria e metodica su tutte le riforme da Berlinguer in poi».  

La conferenza stampa si è chiusa con l'annuncio di un prossimo convegno nazionale a Roma il prossimo 24 novembre.  

 

e-max.it: your social media marketing partner

Nuovo caso di riconoscimento di genitorialità per una coppia di due donneAd annotare sul registro di Stato civile il nome della secondo mamma di un bimbo di otto mesi Sean Christian Wheeler, sindaco pentastellato di Porto Torres (Ss). 

«Sono davvero orgoglioso e contento – ha commentato il primo cittadino su Facebook - che il nostro Comune, grazie al lavoro dell'ufficio di Stato civile, ha riconosciuto il diritto anche alla seconda madre di essere genitore.

Al di là di ogni possibile ragionamento, penso che nessuno possa negare il fatto che ogni famiglia che si rispetti deve essere un concentrato di amore e serenità: non ho quindi fatto altro che accogliere la richiesta di due madri, già unite civilmente, e riconoscere così anche dal punto di vista burocratico il loro progetto di vita».

Il primo cittadino di Porto Torres si è poi rivolto a «questa nuova famiglia, alle due madri e al bimbo», per augurare loro «una vita piena di soddisfazioni.

Siamo ora pronti ad accettare altre richieste di famiglie che desiderano avere il riconoscimento omogenitoriale: invito chi è interessato a informarsi presso gli uffici o inviarci una richiesta».

Le due mamme, a loro volta, hanno ringraziato il sindaco e «quanti ci sono stati accanto in questo cammino, intrapreso per tutelare il nostro bambino: il nostro desiderio è vedere questo nostro percorso, che oggi fa notizia, come consuetudine e normalità.

Noi continueremo a prenderci cura l'una dell'altra ogni giorno, con la speranza che amarsi e rispettarsi possa essere presto un diritto per tutti». 

e-max.it: your social media marketing partner

Omicidio volontario aggravato di L. Muñoz, la 43enne trangender d’origine peruviana trovata morta, il 4 febbraio, a Cinisello Balsamo (Mi).

Con tale accusa Giovanni Amato, un netturbino 42enne con precedenti penali, è stato stamani arrestato dai carabinieri del nucleo operativo di Sesto San Giovanni, che hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Monza. Attualmente è detenuto nel carcere milanese di San Vittore.

La vittima era stata trovata riversa sul letto, agonizzante e macchiata del sangue che le fuoriusciva dalla bocca, nella propria abitazione in via Friuli, 29

A farne, quella notte, la scoperta la sua coinquilina, anche lei peruviana, che aveva subito allertato il 118 e i carabinieri, sopraggiunti per constatarne il decesso

In prima battuta il medico legale aveva escluso una morte violenta

L'autopsia aveva poi confermato la presenza di un piccolo foro da arma da fuoco sulla schiena, che hanno portato i carabinieri della compagnia di Sesto San Giovanni, sotto il coordinamento della Procura di Monza, a individuare in una penna-pistola l’arma usata da Amato.

Non ancora accertato il movente del delitto, ma non è escluso che l'uomo abbia agito per sottrarre beni e denaro alla vittima. Il netturbino è infatti ritenuto uno degli autori della rapina e del ferimento messi in atto con un complice, il giorno susseguente l'omicidio, ai danni di un 35enne cinese, proprietario di un bar a Segrate. 

La penna-pistola, dotata di silenziatore, potenziata e appartenente ad Amato, è infatti risultata essere la stessa l'arma con cui è stata uccisa la donna transgender ed è stato ferito, con quattro colpi, il titolare dell'esercizio commerciale. 

«È stata un'indagine complessa - ha spiegato stamani in conferenza stampa la procuratrice della Repubblica di Monza Luisa Zanetti -. I carabinieri hanno esaminato migliaia di fotogrammi di immagini di videosorveglianza, per risalire all'auto dell'omicida».

Si tratta di una Fiat Punto che, stando a un testimone-chiave, aveva precise caratteristiche (un faro molto luminoso, specchietti e fiancate colorate) ma non sufficienti, inizialmente, a identificarne il proprietario.

Grazie a un'impronta lasciata da Amato su una lattina di Coca-Cola trovata in casa della vittima, gli inquirenti sono potuti risalire a lui, quando era stato già arrestato per la rapina di Segrate. 

e-max.it: your social media marketing partner

«Leggendo Lodi e Riace insieme, si comprende l'allarme. C'è il rischio di creare una contrapposizione tra italiani e non, tra buoni e cattivi. Problemi complessi richiedono il tempo dell'analisi, non della comunicazione social». 

Non usa mezzi termini Vincenzo Spadafora, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega alle Pari opportunità e ai Giovani, nella lunga intervista rilasciata a Il Corriere della Sera.

Di argomenti ne affronta in verità tanti ben al di là di quello immigrazione, che gli consente, in ogni caso, un'elegante stoccata a Lorenzo Fontana per le relative dichirazioni su una presunta diluizione dell’identità italiana: «Per tutti noi ora è il momento di lavorare. Il ministro ha un compito difficile, aiutare le famiglie e i disabili».

E al leghista veronese, figlio spirituale del tradizionalista don Vilmar Pavesi tutto anatemi e messa tridentina, si rivolge ancora una volta in maniera chiara sia pur indiretta: «Non possiamo non vedere che esistono le famiglie arcobaleno».

Già, perché è proprio in tema di diritti che per Spadafora esiste una differenza abissale tra M5s e gli alleati verdi (o bleu) di governo.

«Nella maggioranza – spiega Spadafora - ci sono sensibilità culturali molto diverse, a cominciare dai diritti. Noi dobbiamo restare alternativi alla Lega, siamo una cosa diversa». Diritti, sui quali «il contratto non prevede un arretramento culturale. Il M5S deve assumersi la responsabilità fortissima di tenere alta l’attenzione su questi temi. Noi difenderemo tutte le conquiste fatte. Abbiamo sensibilità forti nei gruppi parlamentari e nell’elettorato di cui dobbiamo tener conto. Non possiamo cadere nella trappola di alimentare un clima di discriminazione verso chi è considerato diverso, immigrati, persone di colore, omosessuali».

Durissima, inoltre, la valutazione sul ddl Pillon: «È un episodio che desta allarme. Proposta antistorica – ribatte Spadafora -, perché non tiene presente l’interesse dei bambini e riduce tutto a chi è a favore dei padri e chi delle madri».

e-max.it: your social media marketing partner

Uscirà il 30 ottobre in Usa e in Canada Elevation, il nuovo romanzo di Stephen King. Pubblicato da Scribner, l'editore statunitense con cui il re del brivido ha un contratto di esclusiva pluriennale, l'opera in 144 pagine vuole essere un ammonimento «alla nostra cultura che divide»

Ambientato a Castle Rock, la cittadina del Maine già location di altri romanzi del maestro dell’horror, Elevation vede come protagonista Scott Carey alle prese con una malattia misteriosaSebbene nulla sembri cambiare nel suo aspetto fisico e la bilancia non registri diversamente, Scott perde rapidamente peso.

Mentre lotta per comprendere questo strano fenomeno con l'aiuto del suo medico di fiducia Bob Ellis, Scott sarà anche impegnato in una piccola battaglia quotidiana, ma in continua escalation, con due donne lesbiche. La coppia gli è vicina di casa e ha un cane, che gli sporca regolarmente il prato. Una delle donne è amichevole, l'altra, invece, glaciale.

Entrambe stanno cercando di aprire un istorante, ma la gente di Castle Rock non vuole avere a che fare con una coppia di donne sposate. Quando Scott comprende finalmente i pregiudizi che affrontano le due donne, cerca di aiutarle.

Romanzo breve, Elevation si presenta come un manifesto contro i pregiudizi sociali e, al contempo, come un racconto «gioioso ed edificante» pur con un tocco di tristezza.  

L’editore l’ha definito una «storia avvincente, straordinariamente inquietante e commovente su un uomo la cui misteriosa afflizione riunisce una piccola città. Una storia attuale e ottimista sulla ricerca di un terreno comune nonostante esistano profonde differenze».

e-max.it: your social media marketing partner

Sindaca arcobaleno. Potrebbe definirsi così Stefania Bonaldi, la prima cittadina di Crema, che, dopo aver registrato anagraficamente, il 9 maggio, due fratellini quali figli di due uomini e, il 2 agosto, una bambina quale figlia di due mamme, ha provveduto a riconoscere, il 12 ottobre, la genitorialità di due donne in riferimento alla lora piccola nata alcuni giorni fa.

Come se non bastasse, Stefania Bonaldi ha ieri presieduto la celebrazione dell'unione civile di «altre due mamme  alla presenza della loro bimba di qualche mese, fortemente voluta e cercata», annunciandone al più presto l’ufficiale riconoscimento quale «figlia della coppia».

La sindaca di Crema, che è fra l’altro candidata alle imminenti elezioni provinciali a Cremona nella lista Insieme per il territorio, ha poi dichiarato sempre su Facebook con chiaro riferimento al ministro della Famiglia e della Disabilità Lorenzo Fontana: «Ditemi se questi non sono legami veri, solidi, spontanei, che meritano di essere riconosciuti e riempiti di diritti. Ditemi se queste non sono famiglie, il cui unico, vero, stupefacente fondamento sono l'amore e il rispetto. E un supplemento di coraggio.

Non sarò mai abbastanza grata dei miei privilegi di sindaco».

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video