Feb 24, 2017 Last Updated 1:58 PM, Feb 23, 2017

Ultime Notizie

  1. In Evidenza
  2. Diritti
  3. Mondo

23-02-2017 Valerio Mezzolani

Non ancora definitiva la revoca dei fondi Unar ad Anddos: ANSA pubblica la rettifica

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - I fondi all\'associazione Andoss non sono stati ancora annullati: al momento...

Read more

17-02-2017 Valerio Mezzolani

Ovaria, la \"cura\" omeopatica per \"guarire\" le lesbiche

Da Wired.it (15/2/2017) Curare l’omosessualità femminile con un trattamento omeopatico. Potrebbe se...

Read more

06-02-2017 Valerio Mezzolani

Torino: il vescovo polemizza sulle unioni civili in occasione di un funerale

Da Repubblica Torino (4/2/2017) “L\'arcivescovo dovrebbe soltanto vergognarsi. Mi spiace dover dire...

Read more

29-01-2017 Valerio Mezzolani

Irpinia: primo bagno a genere neutro e cittadinanza onoraria a coppia gay

Articolo tratto da IrpiniaNews.it (20/01/2017) Mai come negli ultimi tempi il pellegrinaggio da Mam...

Read more

23-01-2017 Valerio Mezzolani

Milano, due ragazzi gay picchiati fuori da una discoteca

Da Milano Today (23/01/2017) MILANO - Michele ha il naso rotto, sbriciolato. A Marcello è andata pe...

Read more

19-01-2017 Valerio Mezzolani

Chelsea Manning graziata, ma per Avvenire è ancora \"Bradley\"

La notizia dell\'ultimo atto del presidente uscente degli Stati Uniti uscente, quello di graziare Ch...

Read more

09-08-2016 Valerio Mezzolani

Unioni civili a Bolzano: …

Da Alto Adige (9/8/2016) Unioni civili, monta la polemica. Mentre in diversi comuni italiani come M...

Read more

24-02-2016 GayNews

Il testo del maxiemendamento d…

  Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convi...

Read more

21-02-2016 Valerio Mezzolani

Unioni civili, i funzionari de…

Di Primo Di Nicola e Antonio Pitoni, da Ilfattoquotidiano.it (19/2/2016) In un post su Facebook la ...

Read more

17-12-2015 GayNews

Grillini (Gaynet), Unioni civi…

Finalmente, è il caso di dire, dopo mille rinvii approda in aula in Senato il 26 gennaio il Pdl sull...

Read more

22-10-2015 GayNews

(EMILIA ROMAGNA) SCUOLA TEORIA…

IN REGIONE STOP A RISOLUZIONI FI-LEGA, "TOLGONO FIGLI A FAMIGLIE" (DIRE) Bologna, 22 ott. - Scontro ...

Read more

18-10-2015 GayNews

Governo frena su unioni civili…

Pace fatta con Alfano. Ma duri i vescovi, 'Famiglia all'angolo' (di Milena Di Mauro) (ANSA) - ROMA, ...

Read more
GayNews

GayNews

«Introduciamo i reati di eterofobia e misoginia, essere etero ormai sembra un disonore da punire in pubblica piazza». A lanciare la proposta ironica è la deputata di Forza Italia, Michaela Biancofiore (nella foto) attraverso Twitter: «Si tratta ovviamente di una proposta ironica specifica a voce ma tra un po' ci arriveremo veramente, noi non abbiamo diritto più al libero pensiero». Michaela Biancofiore è stata spesso additata di essere omofoba e questa accusa in passato le è costata la rimozione da sottosegretaria delle Pari opportunità. Ora, secondo Biancofiore, i veri discriminati non sono più gli omosessuali, ma gli etero e le donne.

Tagged under

Archiviata l'inchiesta a carico del sindaco Pd di Bologna Virginio Merola per aver istituito il registro comunale in cui trascrivere le nozze gay contratte all'estero. Il gip di Bologna ha accolto la richiesta di archiviazione, presentata a marzo scorso dal pm Luca Tampieri. Il primo cittadino era indagato, con l'ipotesi di reato di abuso d'ufficio, a seguito di un esposto presentato in procura da un cittadino.

Pochi giorni fa il Consiglio di Stato aveva respinto i ricorsi di alcuni cittadini contro l'annullamento dell'iscrizione dei matrimoni omosessuali fatti all'estero nel registro comunale di Roma. Di fatto i magistrati sul fronte amministrativo hanno dichiarato nulle le iniziative dei singoli sindaci, rimandando la decisione di modificare la legge italiana alla politica.

"Siamo soddisfatti di come si sia conclusa l'indagine sul sindaco Merola", ha commentato il segretario provinciale del Pd Francesco Critelli, "dal primo istante abbiamo riposto la massima fiducia nel primo cittadino, consapevoli che nella sua azione non c'era alcun tipo di reato, ed oggi, l'archiviazione del caso ci dà la conferma della sua totale innocenza". Secondo Crtielli però "resta inalterata la necessità che sia la politica a dare risposte normative in tempi brevi, per questo ribadiamo la necessità che il Parlamento proceda in maniera spedita per far sì che l'Italia smetta di essere fanalino di coda in maniera di diritti civili".

Tagged under

Lubiana, 30 ott - (Nova) - E' stato presentato ufficialmente la richiesta per un referendum in Slovenia per l'abolizione della legge che riconosce i matrimoni tra persone omosessuali e il diritto delle coppie dello stesso sesso all'adozione di bambini: in pochi giorni sono state raccolte 48.000 firme. Lo riferisce l'agenzia "Sta". La legge slovena, adottata lo scorso mese di marzo, prevede anche la possibilita' di adottare dei bambini ed e' fortemente osteggiata dall'opposizione di centro-destra. Nei giorni scorsi la Corte costituzionale della Slovenia ha sovvertito una decisione del parlamento di Lubiana che aveva imposto un divieto sullo svolgimento di un referendum contro la legge per regolamentare i matrimoni tra persone omosessuali (Lus)

Tagged under

Roma, 30 ott. (askanews) - Il matrimonio gay è diventato legge in Irlanda, cinque mesi dopo lo storico voto che ha visto gli elettori del Paese cattolico diventare i primi al mondo ad approvare per via referendaria le unioni omosessuali.
In un breve comunicato diffuso ieri sera, l'ufficio del presidente ha comunicato che "è stata promulgata la 'Legge sul matrimonio 2015'", che apre la strada ai primi matrimoni gay entro un mese.
L'Irlanda ha votato al 62,1 per cento a favore delle unioni tra due persone "senza distinzione di sesso" a maggio.

Tagged under

L'euforia della destra italiana, la peggiore e più bacchettona d'Europa, per la sentenza del Consiglio di Stato che ha bocciato le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all'estero, è del tutto ingiustificata per due motivi: il primo è che il giudice estensore è un simpatizzante di Comunione e Liberazione e nel suo sito pubblicizza link e si schiera con le iniziative delle Sentinelle sempre in piedi, manif pour tous, è mancata quindi la terzietà. Il secondo motivo è che la sentenza è del tutto abnorme perché, come dicono gli avvocati lgbt della rete Lenford "la sentenza dimostra una preoccupazione eccessiva nei confronti della politica laddove si pone un tema di 'opportunità' che non dovrebbe mai entrare in un'aula giudiziaria".

Sul piano giudiziario si analizzeranno nei prossimi giorni le iniziative da intraprendere tra cui anche il ricorso alla Corte Europea dei diritti umani. Sul piano politico rimangono da riconoscere ed anche rapidamente i diritti delle persone lgbt e l'uguaglianza delle coppie omosessuali con quei "diritti coniugali" di cui parlano le sentenze delle alte corti che il Consiglio di Stato in versione manif pour tous ha ignorato bellamente. La Cassazione infatti ha scritto che è radicalmente superata la necessità della diversità sessuale per accedere al matrimonio civile.
Evidentemente nella giustizia italiana la mano destra non sa quello che fa la sinistra, oppure lo ignora volutamente.

Franco Grillini
Presidente Gaynet Italia

Tagged under

"I matrimoni gay non si avvicinano nemmeno lontanamente alla famiglia voluta da Dio"? Se non fosse per il fiume di danaro che dallo Stato va alla Chiesa cattolica potremmo commentare con una alzata di spalle l'ennesima sparata omofoba del vertice maschile vaticano. Dicano pure quello che vogliono, ma per lo Stato l'opinione del Sinodo dev'essere irrilevante. Libera chiesa in libero stato, diceva Cavour. Il dramma del nostro paese è che basta una frase del Papa per dimettete un sindaco della Capitale. Basta il pronunciamento di un Bagnasco qualunque per bloccare le Unioni Civili al Senato perchè, come ognuno può vedere da sé, il tempo per approvarle c'era e pure abbondante visto che della finanziaria non si conosce nemmeno il testo e non è chiaro quando andrà in discussione.

La differenza tra l'Italia e, per es, la Daminarca è che lì la religione ubbidisce allo Stato mentre in Italia è lo Stato che ubbidisce alla religione in modo soffocante.

Nonostante un processo di secolarizzazione sempre più evidente la politica italiana, tranne qualche eccezione, è prona alla gerarchia vaticana al punto da portarci a dire che qui da noi esiste una vera e propria questione laica.

Infine non possiamo non denunciare per l'ennesima volta che a fronte di una informazione fiume soprattutto in tv del sinodo e dei suoi complotti non è stata data la benché minima opportunità alla collettività lgbt di rispondere alle offese omofobe provenienti da vari settori del sinodo stesso.

Franco Grillini

Presidente Gaynet Italia

Tagged under

IN REGIONE STOP A RISOLUZIONI FI-LEGA, "TOLGONO FIGLI A FAMIGLIE" (DIRE) Bologna, 22 ott. - Scontro in Regione sulla cosiddetta "teoria del gender", col Pd che vota contro le opposizioni di centrodestra che chiedevano lo stop alla sua diffusione nelle scuole dell'Emilia-Romagna. I democratici hanno ottenuto l'appoggio anche del Movimento 5 stelle: "La teoria del gender non esiste", ha tagliato corto la consigliera M5s Silvia Piccinini durante il dibattito che si e' svolto in aula nella serata di ieri. Tutto e' nato da tre risoluzioni presentate rispettiamente dal capogruppo di Forza Italia Galeazzo Bignami, da Tommaso Foti di Fratelli d'Italia e da Massimiliano Pompignoli della Lega che chiedevano l'intervento della giunta Bonaccini al fine di "contrastare l'introduzione, nel rispetto del ruolo della famiglia come fonte primaria della formazione educativa dei figli, della cosiddetta 'teoria gender' in tutte le scuole di ogni ordine e grado".
Di fronte al serio pericolo di spaccarsi, il Pd ha optato per votare un proprio documento, affidando la parola alla presidente della commissione Parita' Roberta Mori e ha votato contro insieme a Sel e M5s alle tre risoluzioni, che sono state dunque respinte.
Secondo Mori, occorre "promuovere, coordinare e vigilare percorsi e progetti educativi finalizzati al benessere dei ragazzi e delle ragazze in eta' scolare e dunque prevenire le patologie fisiche e psichiche e ogni forma di violenza derivante da discriminazioni di genere". E nello specifico, bisogna "operare affinche' tutti i progetti in materia di educazione all'affettivita' e alla sessualita', scelti in autonomia dagli istituti scolastici, siano supportati da adeguata formazione degli insegnanti e degli educatori, con il coinvolgimento dei genitori nel rispetto dei principi costituzionali di responsabilita' educativa delle famiglie".

Ben diverse le parole che avrebbero voluto ascoltare i consiglieri del centrodestra. Per Foti "si vuole sottrarre alla famiglia l'educazione dei figli, criminalizzando chi si oppone al lavaggio del cervello dei ragazzi". E' necessario, ha aggiunto in aula Foti, "assumere iniziative affinche' non sia introdotta la 'teoria del gender' nelle scuole e sia rispettato il ruolo della famiglia. La famiglia rappresenta infatti l'ambiente piu' idoneo dove assolvere l'obbligo di assicurare una graduale educazione della vita sessuale". Il consigliere ha stigmatizzato anche il fatto che "errate convinzioni vorrebbero equiparare ogni forma di unione e di famiglia e giustificare e normalizzare qualsiasi comportamento sessuale".
Sull'altro fronte la 5 stelle Piccinini ha rilevato che "nessuno vuole negare le differenze tra i sessi e nessuno vuole cancellare la famiglia", aggiungendo poi che "e' importante l'educazione al genere e l'educazione alle differenze: gia' da piccoli si deve contrastare la violenza di genere". Per il leghista Pompignoli invece "dire che la 'teoria del gender' non esiste e' un'utopia", si deve "impedire qualsiasi operazione di natura scolastica finalizzata a un indottrinamento, verso gli adolescenti, funzionale all'imposizione della 'teoria del gender' e alla sollecitazione di pratiche sessuali".

Ogni istituto, ha aggiunto l'esponente del Carroccio, "deve informare i genitori sui contenuti della programmazione didattica e sui progetti educativi attinenti la sfera affettivo-sessuale al fine di rispettare la dimensione etico educativa delle famiglie e il loro ruolo nell'educazione all'affettivita' e alla sessualita'. La maggioranza- ha concluso- evidentemente ritiene che la 'teoria del gender' sia giusta".
Yuri Torri di Sel ha invece sollecitato al "superamento degli stereotipi, come appunto la stessa 'teoria del gender'".
Non e' solo la famiglia "ad avere un ruolo educativo- ha aggiunto Torri- occorre coerenza, nell'insegnare determinati valori, a tutti i livelli della societa'". Infine, il vendoliano ha sottolineato l'importanza di "attivare, in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale, un monitoraggio sulle buone pratiche progettuali avviate sul territorio regionale, nonche' sui fenomeni discriminatori e di bullismo".
(Bil/ Dire
11:48 22-10-15 .

Tagged under

Pace fatta con Alfano. Ma duri i vescovi, 'Famiglia all'angolo' (di Milena Di Mauro) (ANSA) - ROMA, 18 OTT - Arrivano quasi in contemporanea la brusca frenata di Maria Elena Boschi sulle unioni civili e l'affondo della Cei, con il segretario generale Nunzio Galantino, contro una politica "strabica" che investe energie su "queste forme di unioni particolari" e di fatto "sta mettendo all'angolo la famiglia tradizionale, pilastro della societa'".
L'attacco dei vescovi piomba sul governo quando il ministro delle Riforme aveva appena ritirato l'aut aut di ieri agli alleati centristi: "Sulla stepchild adoption ci sono opinioni diverse e trasversali, il Pd lascera' liberta' di coscienza. Non ci sara' nessuna rottura del governo e di maggioranza, ci confronteremo ed e' possibile trovare un accordo".
Pace fatta invece con il leader di Ap Angelino Alfano: "Per noi va bene quel che ha detto la Boschi e ribadiamo le nostre posizioni: si' ai diritti patrimoniali di ciascun soggetto della coppia no all' equiparazione al matrimonio e all'adottabilita' dei figli per le coppie dello stesso sesso, perche' un grande errore".
Il monito della Cei arriva ad impensierire il governo, anche se da giorni i cattolici della maggioranza (tanto quelli del Pd che quelli di Ap) si confortavano a vicenda dicendo che Renzi non avrebbe mai spinto l'acceleratore sulla adozione gay, sgradita ai due terzi degli italiani secondo sondaggi riservati noti al governo. "Come noi la pensa il 75 per cento degli italiani", rimarca non a caso il capogruppo di Ap alla Camera Maurizio Lupi, elogiando il retrofront della Boschi, cosi' come fa il capogruppo al Senato Renato Schifani.
Le parole di Monsignor Galantino non lasciano spazio ad equivoci, sono un monito severo ad un governo "che sta investendo tantissime energie per queste forme di unioni particolari e di fatto sta mettendo all'angolo la famiglia tradizionale fatta da padre, madre e figli". Per questa la Conferenza episcopale italiana invoca attenzione, senza che ci sia bisogno di 'appelli', perche' "un parlamentare cattolico non deve aver bisogno del giogo del prete".
Resta cosi' un po' tra parentesi la baruffa nella maggioranza, che oggi aveva registrato nuove punte polemiche con l'invito della Pd Debora Serracchiani ai M5s: "Votino le unioni civili, se vogliono finalmente fare qualcosa". Gelida la replica dei pentastellati: "Ho chiesto di iniziare a discutere la proposta Cirinna' martedi' e chiuderla giovedi', e' il Pd che non vuole, quindi le loro sono chiacchiere", svela Gianluca Castaldi, capogruppo M5s al Senato. Dentro Ncd, invece, rimane la convinzione dell'ex coordinatore Gaetano Quagliariello che la "incredibile arroganza" del Pd avrebbe meritato l'uscita dal governo del fedele alleato centrista, "preso a schiaffi". E chi gli ha parlato sostiene che per Quagliariello "il problema resta intatto, ci mancherebbe che il governo non concedesse liberta' di coscienza sulle adozioni gay, Renzi invece di rimediare continua a mettere la faccia su una questione cosi' divisiva".
Ma lo stesso Alfano, approvando il voto segreto sulla stepchild adoption, archivia la questione: "Dicono sempre che Ncd avra' problemi. A me quel che sembra e' che tanto parlino ma nessuno vada via...". Piu' ecumenico il vicesegretario del Pd Lorenzo Guerini: "Il tema delle unioni civili e' complesso e delicato - corregge ancora il tiro dopo la Boschi -. Non e' una materia di Governo, ma tutti possiamo dare una mano, senza porre veri e propri aut aut. Sul 90% ci siamo, sui punti ancora aperti ci sara' liberta' di coscienza, come detto fin dal primo momento".
Roberto Speranza, della minoranza Dem, sulle adozioni Gay non demorde: "Vanno approvate". In pressing anche la Presidente della Camera Laura Bodrini: "L'Italia e' pronta da molto tempo a questo passo, anzi sono gli italiani a chiedercelo. Quindi registro un certo ritardo da parte della politica e delle istituzioni e mi auguro che si riesca a colmarlo quanto prima".
(ANSA).

DU-GR
18-OTT-15 20:15

Tagged under

Questione finora accantonata, rarissimi gli interventi sul tema  

(di Nina Fabrizio) (ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 17 OTT - E' rimasto completamente in secondo piano, se non del tutto accantonato in questi giorni al Sinodo dei Vescovi sulla famiglia, il tema dell'accoglienza verso gli omosessuali. Si vedra' nei prossimi giorni nella discussione dei circoli minori, con gli emendamenti che saranno proposti, se la questione tornera' in auge in vista della relazione finale ma al momento, secondo quanto si apprende, nelle congregazioni generali che hanno discusso la terza parte dell'Instrumentum Laboris, quella che comprende anche il nodo dei gay, sono stati appena un paio gli interventi che hanno portato all'attenzione dell'aula il tema di una specifica pastorale nei confronti degli omosessuali.

Interventi che peraltro sono stati tesi a ribadire la necessita' di mettere in pratica un'accoglienza che mostri rispetto e delicatezza verso i gay, con l'uso di un linguaggio che non sia offensivo verso le persone, ma che non si sono spinti oltre. Nessun accenno insomma alle aperture ventilate al Sinodo straordinario dell'anno scorso quando alcuni avevano sostenuto la necessita' di una svolta della Chiesa verso forme di benedizione delle unioni gay e di maggiore inclusione delle coppie omosessuali nella vita della Chiesa.
"Questo tema - confida un padre sinodale all'ANSA - e' stato totalmente ingigantito dai media ma non e' mai stato tra quelli maggiormente sotto l'attenzione dei padri. Il fatto che ne abbiano potuto parlare personaggi di primo piano come il cardinale di Vienna, Christoph Schoenborn, o il segretario speciale del Sinodo, mons. Bruno Forte, non significa che questo tema sia sentito come urgente dalla totalita' dell'assemblea". "I
padri sinodali - viene fatto notare - sono piu' di 270".
Al momento dunque, spiega il vescovo, sull'accoglienza dei gay non sembrano profilarsi particolari novita': "ci sara' un ribadire l'accoglienza verso la persona, come del resto sempre avvenuto, ma che la Chiesa apra alle legislazioni che riconoscono le coppie gay e' qualcosa che non e' affatto in discussione. Anzi, che non succedera' mai".
L'accantonamento della questione gay e' forse la conseguenza del caso-shock di monsignor Krzysztof Charamsa, il sacerdote e teologo in servizio in Vaticano che ha fatto un clamoroso coming out proprio alla vigilia del Sinodo, rivelando tra l'altro di avere un compagno? "No, non si tratta di questo - spiega ancora il prelato -. La maggior parte dei padri sinodali non ha nemmeno idea di chi sia Charamsa e non e' stata per nulla influenzata dalla vicenda". (ANSA).

Y43-GR
17-OTT-15 17:43

Tagged under

CHIETI, 15 OTT - Nel 2012 avevano minacciato e insultato i clienti di un locale 'gay friendly'; ora il giudice d'Appello del Tribunale di Chieti, Andrea Di Berardino, ha condannato tre giovani - Michael Zazzaro, di 35 anni, Andrea Cavallucci (30) e Andrea Medved (28), tutti del capoluogo teatino - per ingiuria e minaccia in concorso, confermando integralmente la sentenza di primo grado del Giudice di Pace. I
tre dovranno anche provvedere al risarcimento del danno, per complessivi 5mila euro.
L'episodio risale al 24 giugno 2012, quando i tre giovani, insieme a un minorenne nei cui confronti si procede separatamente, avevano insultato il presidente emerito dell'Arcigay di Chieti, Claudio Minetti, e un'altra persona, con frasi del tipo 'ricchioni, ora vi facciamo vedere noi', offendendone "l'onore ed il decoro" e minacciandoli "di un danno ingiusto".
I tre erano gia' stati condannati in primo grado dal Giudice di Pace Clementina Settevendemie il 24 settembre 2013. Ora, oltre ai 5mila euro di risarcimento e a 1.500 euro relativi alle spese di costituzione di parte civile, dovranno pagare anche le spese dell'appello.
"Sono naturalmente soddisfatto della sentenza - commenta l'avvocato Andrea Cerrone, del Foro di Lanciano (Chieti), rappresentante delle due vittime - perche' e' un pronunciamento di giustizia. Alla soddisfazione si somma tuttavia lo scoramento:
credo che umanamente non si possa mai essere contenti per una condanna penale, sebbene gli imputati, con il loro bullismo omofobico, l'abbiano abbondantemente meritata. Spero che questa sentenza serva da monito: le persone gay, bisessuali o transessuali non possono fare da pungiball alle frustrazioni di chi, dileggiandole, si convince di aver fatto solo una goliardata".
"Il mio pensiero va a tutti quegli adolescenti che si scoprono gay, che soffrono per le ignominie delle persone ignoranti e che delle volte, sentendosi soli, giungono persino a togliersi la vita. Non siete soli - sottolinea Cerrone, dottore di ricerca in tutela dei diritti fondamentali - la giustizia, come ci insegna anche questo pronunciamento, e' dalla vostra parte. Denunciate questi episodi. Ho sentito anche l'attuale presidente di Arcigay Chieti, Adelio Iezzi - conclude il legale - che si e' congratulato per l'esito del processo". (ANSA).

YM2-PRO
15-OTT-15 15:00

Tagged under

Ultimo Articolo

Non ancora definitiva la revoca dei fond…

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - I fondi all\'associazione Andoss non sono stati ancora annullati: al momento, sottolinea la rivi...

23-02-2017

Read more

i più letti

23-02-2017 Primo Piano Valerio Mezzolani

Non ancora definitiva la revoca dei fondi Unar ad Anddos: ANSA pubblica la rettifica

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - I fondi all\'associazione Andoss non sono stati ancora annullati: al momento, sottolinea la rivista Pride online - che pubblica copia del provvedimento - e\' stata...

Read more

17-02-2017 Primo Piano Valerio Mezzolani

Ovaria, la \"cura\" omeopatica per \"guarire\" le lesbiche

Da Wired.it (15/2/2017) Curare l’omosessualità femminile con un trattamento omeopatico. Potrebbe sembrare una notizia di Lercio, visto che, in primo luogo, l’omosessualità non è una malattia e, in secondo luogo, numerosi studi...

Read more

06-02-2017 Primo Piano Valerio Mezzolani

Torino: il vescovo polemizza sulle unioni civili in occasione di un funerale

Da Repubblica Torino (4/2/2017) “L\'arcivescovo dovrebbe soltanto vergognarsi. Mi spiace dover dire questo, perché sono un cristiano, un credente, ma la mia fede, così come quella di Franco, è sempre stata...

Read more

31-01-2017 Spettacoli Valerio Mezzolani

Oblivion: the Human Jukebox a teatro a Milano fino al 19 febbraio

Oblivion: the Human Jukebox. Dal 31 gennaio al 19 febbraio 2017 MTM Teatro Leonardo, Milano Cinque contro tutti. Un articolato mangianastri umano che mastica tutta la musica e la digerisce...

Read more

29-01-2017 Primo Piano Valerio Mezzolani

Irpinia: primo bagno a genere neutro e cittadinanza onoraria a coppia gay

Articolo tratto da IrpiniaNews.it (20/01/2017) Mai come negli ultimi tempi il pellegrinaggio da Mamma Schiavona del 2 febbraio ha assunto un rilievo nazionale per la partecipazione del movimento Lgbt. La tradizionale “juta” della...

Read more