Feb 24, 2017 Last Updated 1:58 PM, Feb 23, 2017

Ultime Notizie

  1. In Evidenza
  2. Diritti
  3. Mondo

23-02-2017 Valerio Mezzolani

Non ancora definitiva la revoca dei fondi Unar ad Anddos: ANSA pubblica la rettifica

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - I fondi all\'associazione Andoss non sono stati ancora annullati: al momento...

Read more

17-02-2017 Valerio Mezzolani

Ovaria, la \"cura\" omeopatica per \"guarire\" le lesbiche

Da Wired.it (15/2/2017) Curare l’omosessualità femminile con un trattamento omeopatico. Potrebbe se...

Read more

06-02-2017 Valerio Mezzolani

Torino: il vescovo polemizza sulle unioni civili in occasione di un funerale

Da Repubblica Torino (4/2/2017) “L\'arcivescovo dovrebbe soltanto vergognarsi. Mi spiace dover dire...

Read more

29-01-2017 Valerio Mezzolani

Irpinia: primo bagno a genere neutro e cittadinanza onoraria a coppia gay

Articolo tratto da IrpiniaNews.it (20/01/2017) Mai come negli ultimi tempi il pellegrinaggio da Mam...

Read more

23-01-2017 Valerio Mezzolani

Milano, due ragazzi gay picchiati fuori da una discoteca

Da Milano Today (23/01/2017) MILANO - Michele ha il naso rotto, sbriciolato. A Marcello è andata pe...

Read more

19-01-2017 Valerio Mezzolani

Chelsea Manning graziata, ma per Avvenire è ancora \"Bradley\"

La notizia dell\'ultimo atto del presidente uscente degli Stati Uniti uscente, quello di graziare Ch...

Read more

09-08-2016 Valerio Mezzolani

Unioni civili a Bolzano: …

Da Alto Adige (9/8/2016) Unioni civili, monta la polemica. Mentre in diversi comuni italiani come M...

Read more

24-02-2016 GayNews

Il testo del maxiemendamento d…

  Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convi...

Read more

21-02-2016 Valerio Mezzolani

Unioni civili, i funzionari de…

Di Primo Di Nicola e Antonio Pitoni, da Ilfattoquotidiano.it (19/2/2016) In un post su Facebook la ...

Read more

17-12-2015 GayNews

Grillini (Gaynet), Unioni civi…

Finalmente, è il caso di dire, dopo mille rinvii approda in aula in Senato il 26 gennaio il Pdl sull...

Read more

22-10-2015 GayNews

(EMILIA ROMAGNA) SCUOLA TEORIA…

IN REGIONE STOP A RISOLUZIONI FI-LEGA, "TOLGONO FIGLI A FAMIGLIE" (DIRE) Bologna, 22 ott. - Scontro ...

Read more

18-10-2015 GayNews

Governo frena su unioni civili…

Pace fatta con Alfano. Ma duri i vescovi, 'Famiglia all'angolo' (di Milena Di Mauro) (ANSA) - ROMA, ...

Read more
GayNews

GayNews

S.Sede, dal Papa nessun incoraggiamento,no a strumentalizzazioni   

(di Alessandra Magliaro)    (ANSA) - ROMA, 28 AGO - Una benedizione si', alla persona, ma un viatico no. Dal Vaticano arrivano precisazioni: "In nessun modo la lettera della Segreteria di Stato intende avallare comportamenti e insegnamenti non consoni al Vangelo", in tema di teoria gender. La lettera in questione e' quella arrivata con la firma di mons. Peter B. Wells a Francesca Pardi, che con la compagna Maria Silvia Fiengo e' autrice ed editrice delle pubblicazioni per bambini Lo Stampatello che in questi anni ha portato in libreria titoli noti sulle 'altre' famiglie come Perche' ho due mamme?, Perche' ho due papa'? e Piccolo Uovo, messi all'indice tra l'altro dal sindaco di Venezia Brugnaro.
   "Sua Santita', grato per il gesto e per i sentimenti che lo hanno suggerito, auspica una sempre piu' proficua attivita' al servizio delle giovani generazioni e della diffusione degli autentici valori umani e cristiani e, mentre chiede di pregare a sostegno del suo universale ministero, imparte a Lei e a Maria Silvia Fiengo, la benedizione apostolica", e' scritto nella lettera privata datata Vaticano 9 luglio. "E' del tutto fuori luogo una strumentalizzazione del contenuto della lettera", precisa oggi il Vaticano raffreddando l'entusiasmo dell'editrice. "A me interessa riportare giu' i toni e cercare il rispetto, per questo ho scritto a Papa Francesco e in questo senso sono stata felice della risposta", dichiara all'ANSA la Pardi.
   La dottrina della Chiesa sulla teoria del gender "non e' minimamente cambiata, come piu' volte ha ribadito anche recentemente il Santo Padre", ha ribadito oggi il vice direttore della Sala stampa vaticana, padre Ciro Benedettini, aggiungendo che "la benedizione del Papa nella chiusa della lettera e' alla persona e non a eventuali insegnamenti non in linea con la dottrina della Chiesa".
   Francesca Pardi, che con la compagna Fiengo ha una famiglia con "due mamme e quattro bambini", il 19 giugno aveva scritto a Francesco chiedendo comprensione e aiuto sentendosi sotto attacco. Al Papa ha mandato l'intero catalogo dei libri, alcune foto di famiglia con i bimbi sorridenti e due volantini "in cui c'e' un uso improprio delle immagini dei nostri libri". I
volantini in questione sono firmati dal comitato "difendiamo i nostri figli" di Gianfranco Amato e Adinolfi, sostenuto da La Maif Pour Tous. "Raccontano falsita' sul nostro lavoro che ci offendono profondamente. Fanno incontri dove ci citano nome e cognome (me e Maria Silvia) dicendo che sosteniamo l'insegnamento della masturbazione ai bambini nelle scuole, aizzando la gente contro di noi", racconta la Pardi citando la lettera di giugno.
   La Pardi chiede al Papa esplicitamente di "fermare le diverse organizzazioni cattoliche che si stanno abbassando a comportamenti indegni, deformano la realta' di proposito.
Diffamazione, mistificazione, scorrettezza non sono sistemi degni della Sua Chiesa". Secondo l'autrice dello Stampatello non c'e' traccia "nei nostri libri di quella teoria del gender di cui sarebbero lo strumento principale: dov'e' che diciamo ai bambini che possono scegliere il proprio genere? dove parliamo loro di sesso?". Perche' ho due mamme? e' un libro sulla storia di Pardi e Fiengo, cosi' come Perche' ho due papa'? e' il libro su una famiglia che le due donne conoscono bene. Dice la Pardi: "noi abbiamo rispetto per i cattolici, abbiamo rispetto per chi vede il mondo diversamente da noi e persino per chi non vorrebbe dei figli omosessuali. Del resto io stessa non vorrei un figlio prete, ma non per questo cercherei di impedirgli di prendere i voti se lo desiderasse".
   Gli omosessuali nella gran parte dei casi "sono persone per bene e chi di loro e' genitore affronta il proprio compito con grande responsabilita' e competenza. Io penso che questo sia sufficiente per meritare rispetto, attenzione e interesse per un confronto civile". (ANSA).

     MA
28-AGO-15 14:56

Tagged under

(AGI) - Roma, 28 ago. - Quasi mezzo milione di cattolici hanno firmato una petizione per "implorare" papa Francesco affinche' condanni le unioni omosessuali (perche' innaturali) ed escluda in maniera definitiva che si possa consentire ai divorziati che si risposano di ricevere la Comunione. Il 'Filial Appeal on the Future of the Family' -lanciato da un gruppo che si definisce come un gruppo di cattolici attivisti e organizzazioni a favore della vita- e' riuscito ad assicurarsi il sostegno anche di un centinaio di prelati, tra i quali vescovi di Paesi in via di sviluppo e il cardinale americano Raymond Burke. Secondo il sito on-line dell'appello, i firmatari superano gia' il mezzo milione di persone. L'appello chiede al pontefice di dire una parola chiara e definitiva prima del sinodo di ottobre che definira' le linee della Chiesa su gay e divorziati. La petizione sostiene che il sinodo che si e' tenuto lo scorso anno ha scatenato "una notevole confusione adombrando la possibilita' che sia stata aperta una breccia all'interno della Chiesa che accetterebbe l'adulterio, permettendo ai divorziati e poi ai cattolici risposati civilmente di ricevere la comunione; e di fatto accetterebbe anche le unioni omosessuali, quando tali pratiche sono categoricamente condannate come contrarie alla legge divina e naturale". "Una parola da Sua Santita' -conclude l'appello- e' l'unico modo per chiarire la crescente confusione nel credente". (AGI)
Bia 281004 AGO 15 .

Tagged under

Aperto etero e magari con Elton John. Non amo show sopra righe   

 

(ANSA) - VENEZIA, 28 AGO - Il sindaco Luigi Brugnaro torna sul gay pride a Venezia - idea respinta alcuni giorni fa - e spiega che non ama le manifestazioni sopra le righe mentre "il diritto di manifestare e' per tutti e lo rispetto". Per assurdo, ha spiegato, sarebbe anche "disponibile al primo gay pride sull'acqua lungo il Canal Grande aperto anche agli eterosessuali e magari con Elton John che vi partecipa e suona per noi".
"Sembra - ha detto - che tutto debba essere strumentalizzato ma questo non e' il mio scopo". (ANSA).

     BCN
28-AGO-15 13:09

Tagged under
 
 
"Al di là polemiche rispetto per diritti gay e lesbiche"
 
Venezia, 28 ago. (askanews) - La Giunta comunale, su proposta del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha concesso il patrocinio alla manifestazione "Queer Lion award", premio collaterale della Mostra internazionale del cinema di Venezia.
 
In occasione dell'evento, ideato dall'associazione culturale CinemArte e giunto ormai alla nona edizione, verrà assegnato il premio al "Miglior film con tematiche omosessuali & queer culture", scelto tra tutti i film presentati alla Mostra che raccontino storie con eventi e personaggi Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali, transgender) o che trattino i temi dei diritti civili relativi ai diversi orientamenti sessuali, alle pari opportunità, alla lotta all'omofobia.
 
A giudicare i film in gara e ad assegnare il premio saranno giurati scelti tra personalità che operano nel campo dello studio e della critica cinematografica, distributori e buyers dell'industria cinematografica, registi, scenografi, costumisti e attori di cinema e di teatro. Lo scorso anno il premio fu assegnato al film di Mario Fanfani (Francia) "Les nuits d'été", mentre il "Queer Lion award d'onore" andò a Ettore Scola per "Una giornata particolare".
 
"Al di là delle polemiche che in questi giorni hanno riempito le pagine dei giornali - ha sottolineato il sindaco Brugnaro - ribadisco che la mia posizione è sempre stata e sarà sempre totalmente rispettosa dei diritti di gay e lesbiche.
L'assegnazione di questo patrocinio ne è un'ulteriore dimostrazione".
 
Bnz
 
281402 AGO 15
Tagged under

Padova, 28 ago. (LaPresse) - Venerdì 4 settembre il Padova Pride Village avrà il piacere di ospitare Maria Elena Boschi, Ministro per le riforme costituzionali e per i rapporti con il Parlamento. Dal palco centrale della manifestazione, il ministro, insieme al deputato Alessandro Zan, sarà impegnato in una conversazione sullo stato delle riforme costituzionali e della legge sulle unioni civili, la cui discussione riprenderà tra pochi giorni in commissione Giustizia al Senato. E' la prima volta che un ministro in carica fa visita ad un Village gay.

Organizzato in collaborazione con il Circolo Tralaltro Arcigay di Padova, il Padova Pride Village, diretto da Alessandro Zan, parlamentare sempre in prima linea per i diritti civili, giunto quest'anno all'ottava edizione, è la più grande manifestazione estiva Lgbtq del Nord Italia, con oltre 100.000 presenze ogni anno. Tra gli ospiti che nel corso degli anni hanno partecipato alla 'Festa di tutti' figurano artisti del calibro di Giusy Ferreri, Katia Ricciarelli, Paola e Chiara, Boy George, Patty Pravo, Rossana Casale e Tosca, Arisa, Donatella Rettore, Alice, Ricchi e Poveri, Antonella Ruggiero, Giuliano Palma, Ornella Vanoni, Loredana Bertè, Ivana Spagna, Chiara Galiazzo, Amanda Lear, Cristina D'Avena e i Gem Boy, Elio e le Storie Tese. Ospite della serata di chiusura dell'edizione 2014 è stata Conchita Wurst, alla sua prima apparizione live in Italia.

cls
281427 Ago 2015

Tagged under

Presentato il documento di studio sulle "nuove famiglie"   

ROMA, 27 AGO - Il dibattito del Sinodo delle chiese metodiste e valdesi, in corso a Torre Pellice (Torino) dal 23 al 28 agosto, ha affrontato questa mattina il tema delle nuove famiglie, compresa la possibilita' di una liturgia per la benedizione delle coppie omosessuali.
   I 180 deputati hanno ricevuto e inviato alle chiese locali affinche' lo studino e lo valutino, un ampio documento redatto dalla Commissione famiglie delle chiese metodiste e valdesi. "Si tratta del primo documento di questo genere dopo quello sul matrimonio approvato dal Sinodo del 1971 e il testo sui matrimoni interconfessionali stilato insieme alla Conferenza episcopale italiana del 1997-2000", ha precisato stamane Paola Schellenbaum, membro della Commissione famiglie, durante una conferenza stampa di presentazione del testo. "Nel documento, la famiglia fondata sul matrimonio rimane rilevante ma non puo' essere piu' considerata forma privilegiata o addirittura unica.
Si tratta di includere altre forme di unioni", ha detto Schellenbaum, aggiungendo: "Il testo e' il frutto di un confronto di un dialogo con la societa', di cui cerca di cogliere i cambiamenti e le novita'". Piu' in dettaglio, l'argomento delle famiglie e delle forme di unioni viene affrontato a partire da quattro prospettive: biblica, teologica, giuridica e liturgica;
nel capitolo finale, propone poi alcune questioni per la discussione, come per esempio, la possibilita' di procedere a benedizioni di coppie senza effetti civili. Le chiese locali dovranno far pervenire le loro osservazioni sul testo che verra' posto in discussione e votazione nel Sinodo 2016.
   Durante la stessa conferenza stampa la pastora Mirella Manocchio, coordinatrice della Commissione culto e liturgie delle chiese battiste, metodiste e valdesi ha illustrato a grandi linee il testo di una liturgia per la benedizione di coppie dello stesso sesso che sara' sottoposta al voto del Sinodo questa sera. "Nel 2010 il Sinodo ha introdotto la possibilita', per le chiese locali che abbiano fatto un opportuno percorso, di celebrare benedizioni di unioni di coppie dello stesso sesso.
Successivamente il Sinodo ha dato mandato alla Commissione liturgie di definire una liturgia ufficiale", ha spiegato Manocchio. Il testo della liturgia inizia con la citazione biblica di 1 Giovanni 4:7 che dice "Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perche' l'amore e' da Dio e chiunque ama e' nato da Dio e conosce Dio". "Questo - ha sottolineato Manocchio - per dire che ogni amore autentico, libero e sincero viene da Dio, indipendentemente dal fatto che si tratti di una coppia eterosessuale o omosessuale". I testi delle due liturgie sono gia' stati sottoposti al giudizio del Corpo pastorale - l'organo teologico consultivo del Sinodo - che ha espresso il suo parere positivo. (ANSA).

     GR
27-AGO-15 17:17

Tagged under

 

In obbedienza agli ordini del nuovo "eminem" Bagnasco si agitano all'unisono clericali dell'NCD e i cattodem con l'intenzione di manomettere il testo Cirinnà. La Binetti, nota libertaria, parla addirittura di un accordo Renzi-Lupi di cui nessuno sa nulla e di modifiche al testo base già concordate che avremmo il piacere di conoscere. Posto che la suora dell'Opus Dei racconta balle come al solito, non c'è dubbio che l'intervista all'Avvenire del senatore Lepri apre prospettive inquietanti sulla possibilità di una manomissione della Pdl Cirinnà. Il vero problema infatti è proprio l'ala cattolica del Pd che rischia di far saltare la legge in ossequio ai desiderata di Bagnasco e delle sentinelle in piedi che non vogliono nessuna legge sui diritti delle coppie lgbt.

Le sparate contro la "step child adoption" e il consenso che le posizioni più oltranziste stanno trovando tra i cattodem ci prospettano una legge che crea solo orfani anzichè dare un genitore a bambini già nati.

Tuttavia c'è l'argine delle sentenze delle alte corti come la 170/2014 della Consulta che parla esplicitamente di diritti per le coppie omosessuali "omogenei ai diritti dei coniugati" minacciando in caso contrario di intervenire per far rispettare la sentenza.

Tutto il tramestio del clericali che vogliono manomettere il testo Cirinnà è quindi incostituzionale al di la del pannicello caldo della manomissione dell'articolo 1 dove è stata introdotta la dicitura "istituto originario".

Come sanno ormai anche i sassi il movimento lgbt richiede a gran voce l'uguaglianza matrimoniale così come è stata formulata da Obama, Hollande, Cameron. Ma in Italia non abbiamo nessuno a questo livello. Ci si deve accontentare di quello che passa il convento, nel senso letterale del termine.

Franco Grillini

Presidente Gaynet Italia

Tagged under
Il ducetto lagunare ne spara un'altra delle sue, il Pride a Venezia non s'ha da fare. Peccato che in Italia ci sia la Costituzione e che la libertà di manifestare sia garantita dall'art. 17 che recita: "Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso. Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica." Siccome vietare una manifestazione praticamente ci obbliga a farla se non altro per difendere democrazia e libertà in Italia come a Venezia, vedremo nei prossimi giorni che stupidaggini dirà il ducetto Brugnaro. Chi scrive ha organizzato assieme all'allora Arcigay Veneziana con il compianto presidente Beppe Tasca nel 1997. Fu una magnifica iniziativa con un enorme successo di partecipazione e di successo mediatico (finì nei titoli di testa di tutti i TG). Ma allora c'era un sindaco amato e stimato da tutti e cioè Cacciari che collaborò, ci ricevette a Ca Farsetti e ci diede tutta la collaborazione possibile per l'organizzazione, i permessi e le inziative pubbliche di dibattito e di confronto. In quell'occasione venne consegnato il pegaso d'oro alle giornaliste Natalia Aspesi e Laura Delli Colli. Un'altra bella iniziativa fu la visita guidata dallo storico Giovanni Dall'Orto sui luoghi gay di Venezia che sono un'infinità a partire dal palazzo Ducale dove si eseguivano le condanne a morte per Sodomia. Ritornare a Venezia con il Pride sarà quindi una ritrovarsi in un luogo fondamentale per la storia lgbt. Infine il nostro ducetto se la prende ancora con il cantante Elton Jhon affermando che "La famiglia con due donne e il bambinetto e' innaturale". Qui di innaturale c'è solo il cazzaro veneziano che elettori ignari hanno messo lì per 5 anni. Infine Brugnaro ci faccia un favore: la smetta di dire che non è omofobo e che ha amici gay, ormai questa affermazione è il marchio di fabbrica di tutti gli omofobi che si vergognano di essere tali. Se Brugnaro ci dichiara guerra e guerra sia. C'è però da chiedersi se Venezia ha bisogno di inutili conflitti e non di serie politiche di salvaguardia e di rilancio. Franco Grillini Presidente Gaynet Italia
Tagged under
BELGRADO, 26 AGO - L'edizione di quest'anno del Gay Pride a Belgrado si terra' il prossimo 20 settembre. Lo ha annunciato il comitato organizzatore, precisando che nei giorni precedenti si terra' il tradizionale Pride Week, una settimana di incontri, dibattiti e iniziative dirette a sensibilizzare l'opinione pubblica sulla difficile condizione degli omosessuali in Serbia e nel resto dei Balcani. Gli organizzatori sono ottimisti sullo svolgimento del prossimo Gay Pride, dopo l'andamento positivo della manifestazione lo scorso anno, svoltasi senza gli scontri e gli incidenti delle edizioni passate, il piu' delle volte vietate per motivi di sicurezza a causa delle minacce di gruppi ultranazionalisti omofobi. (ANSA). QN 26-AGO-15 21:34
Tagged under
Ricerca su rischi sanitari citata da Carbone? "se e' vero, e' a causa del minority stress" Rimini, 26 ago. - (Adnkronos) - "I diritti che noi chiediamo non sono privilegi, ma diritti di uguaglianza, anzi io trovo particolarmente cristiano il fatto di guardare alle persone, che storicamente sono state emarginate e disprezzate, con un occhio pieno di amore e considerandole esattamente come le altre". Lo ha detto ai cronisti il presidente di Arcigay Rimini Marco Tonti, arrivato questa sera al Meeting di Cl a Rimini, insieme ad una decina di iscritti all'associazione che indossavano una maglietta rossa con su scritto 'Alcune persone sono gay. Fattene una ragione!'. I militanti di Arcigay, tra cui anche Agnese ed Elena che si sono sposate in Portogallo lo scorso anno, si sono seduti in prima fila per ascoltare il dibattito dal titolo 'Intorno alla famiglia'. "Siamo qui per assistere ad un incontro in cui si parla di famiglia, visto che il tema ci interessa moltissimo - ha continuato Tonti prima di entrare in sala - siamo venuti semplicemente a verificare che le posizioni ufficiali del meeting che non siano quelle trapelate sulla stampa nei giorni scorsi, ma che abbiamo almeno una connotazione un po' più sostanziale e magari avere l'occasione di un confronto. Siamo qui in modo assolutamente pacifico e non vogliamo creare problemi". Quanto all'intervento del premier Matteo Renzi, intervenuto ieri dal palco, Tonti ha sottolineato che "Renzi fa il politico, ma avrei gradito avesse preso una posizione molto nitida" sui temi dei diritti dei gay, anche perchè, ha concluso il leader locale di Arcigay, "in Parlamento ci sono forze corpuscolari di persone, appartenenti soprattutto all'Ncd, che hanno un potere di veto assolutamente ingiustificato". "Noi - ha ribadito - aupsichiamo che la legge Cirinnà venga approvata". (Mcb/Adnkronos 26-AGO-15 20:36 .
Tagged under

Ultimo Articolo

Non ancora definitiva la revoca dei fond…

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - I fondi all\'associazione Andoss non sono stati ancora annullati: al momento, sottolinea la rivi...

23-02-2017

Read more

i più letti

23-02-2017 Primo Piano Valerio Mezzolani

Non ancora definitiva la revoca dei fondi Unar ad Anddos: ANSA pubblica la rettifica

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - I fondi all\'associazione Andoss non sono stati ancora annullati: al momento, sottolinea la rivista Pride online - che pubblica copia del provvedimento - e\' stata...

Read more

17-02-2017 Primo Piano Valerio Mezzolani

Ovaria, la \"cura\" omeopatica per \"guarire\" le lesbiche

Da Wired.it (15/2/2017) Curare l’omosessualità femminile con un trattamento omeopatico. Potrebbe sembrare una notizia di Lercio, visto che, in primo luogo, l’omosessualità non è una malattia e, in secondo luogo, numerosi studi...

Read more

06-02-2017 Primo Piano Valerio Mezzolani

Torino: il vescovo polemizza sulle unioni civili in occasione di un funerale

Da Repubblica Torino (4/2/2017) “L\'arcivescovo dovrebbe soltanto vergognarsi. Mi spiace dover dire questo, perché sono un cristiano, un credente, ma la mia fede, così come quella di Franco, è sempre stata...

Read more

31-01-2017 Spettacoli Valerio Mezzolani

Oblivion: the Human Jukebox a teatro a Milano fino al 19 febbraio

Oblivion: the Human Jukebox. Dal 31 gennaio al 19 febbraio 2017 MTM Teatro Leonardo, Milano Cinque contro tutti. Un articolato mangianastri umano che mastica tutta la musica e la digerisce...

Read more

29-01-2017 Primo Piano Valerio Mezzolani

Irpinia: primo bagno a genere neutro e cittadinanza onoraria a coppia gay

Articolo tratto da IrpiniaNews.it (20/01/2017) Mai come negli ultimi tempi il pellegrinaggio da Mamma Schiavona del 2 febbraio ha assunto un rilievo nazionale per la partecipazione del movimento Lgbt. La tradizionale “juta” della...

Read more