Apr 28, 2017 Last Updated 5:36 PM, Apr 25, 2017

Porto Recanati (MC). Rapina e violenza con probabile sfondo omofobico

Published in Omofobia

Dal Corriere Adriatico (4/4/2016).

PORTO RECANATI (MC) - Lo portano in un luogo appartato. Lo picchiano e lo rapinano dopo alcune pesanti minacce a sfondo sessuale. La vittima è un gay (più corretto dire "una persona omosessuale", ndr) che ha denunciato tutto ai carabinieri. L’episodio di violenza, i cui contorni sono ancora da chiarire, è avvenuto lo scorso fine settimana, dopo mezzogiorno, a Porto Recanati, nei pressi della foce del fiume Potenza.

Sono pochi gli elementi trapelati e, stando a quanto ricostruito, il bersaglio dell’agguato (di nazionalità italiana) è stato bloccato da due uomini che lo hanno portato in un posto isolato. E una volta sicuri di essere lontani da sguardi indiscreti, hanno messo a segno il loro piano. Hanno picchiato la vittima e l’hanno minacciata. “Ora ti violentiamo, ora ti violentiamo”, avrebbero ripetuto gli aggressori mettendogli le mani addosso. Poi gli hanno rubato il telefono cellulare e sono fuggiti, facendo perdere ogni traccia. 

Un vero e proprio incubo durato diversi minuti per l’uomo finito nel mirino dei malviventi. Nonostante lo choc per l’aggressione subita, ha trovato la forza di denunciare l’accaduto ai carabinieri che ora stanno indagando al fine di risalire agli autori della rapina.