Mar 31, 2017 Last Updated 4:05 PM, Feb 27, 2017

Le unioni civili ora sono legge

Published in Primo Piano

I numeri sono noti: 372 favorevoli, 51 contrari e 99 astenuti. "La Camera approva" alla fine di un pomeriggio che ha visto il governo incassare anche i 369 sì alla fiducia.

Sono arrivati i voti dei verdiniani di Ala e persino i voti di cattolici come Paola Binetti (se ce lo avessero predetto mesi fa ci saremmo messi a ridere), per via delle alleanze di maggioranza e per lo stralcio della stepchild adoption che ha ha fatto seguito, in Senato, alla rottura del patto col M5S che si rifiutò di sostenere il noto "canguro". Il gruppo dei pentastellati alla Camera, ieri, ha deciso di astenersi.

Una deputata PD come Michela Marzano ha votato sì annunciando l'uscita dal PD in polemica con una legge importante ma "già vecchia". Deputate berlusconiane come Laura Ravetto o le ex ministre Prestigiacomo e Carfagna hanno assicurato il sì al provvedimento contro le indicazioni del proprio gruppo.

Oggi, il giorno dopo, si sono infine riuniti i deputati contrari alle unioni civili per annunciare la campagna per il referendum abrogativo. Tra gli altri, l'allegra brigata era composta da Eugenia Roccella, Gaetano Quagliariello e Carlo Giovanardi di Idea, Maurizio Gasparri e Lucio Malan di Forza Italia, Gian Marco Centinaio e Nicola Molteni della Lega, Francesco Bruni e Lucio Tarquinio dei Conservatori e Riformisti, Fabio Rampelli ed Edmondo Cirielli di Fratelli d'Italia, Gian Luigi Gigli e Mario Sberna di Ds-Cd, Guglielmo Vaccaro di Italia Unica e il presidente della Commissione Lavoro del Senato Maurizio Sacconi.

Matteo Salvini, ha invitato i primi cittadini del Carroccio alla disobedienza: "Sindaci della Lega disobbedite a una legge anticamera delle adozioni gay". Ma per il premier questo è impossibile: "Non lo può fare nessuno. Nessuno ha il diritto di disapplicare la legge, persino il magistrato si ferma davanti alla legge". E la candidata della destra a sindaco di Roma, Giorgia Meloni, pur annunciando il suo voto contrario alla legge, gela l'alleato Salvini: "Se dovessi diventare sindaco rispetterò la legge". La stessa posizione è espressa dal candidato sindaco del centrodestra a Milano, Stefano Parisi: "Io ho sempre detto che bisogna applicare la legge. Un sindaco deve agire senza fare atti dimostrativi. Se c'è una legge bisogna applicarla. Se fossi sindaco di Milano applicherei la legge". Ma iniziano a giungere notizie di alcune decine di sindaci che chiedono di poter ricorrere all'obiezione di coscienza.

Tralasciando le tristi polemiche di questi mesi e il codazzo di prevedibili polemiche similari, nella giornata di ieri il vero, unico momento da ricordare per il movimento LGBT italiano sarà il momento del voto e il successivo, caloroso applauso dei parlamentari che si sono alzati in piedi e hanno guardato negli occhi i rappresentanti del movimento presenti in tribuna. Un riconoscimento, seppur piccolo, del Parlamento a chi era lì in piccola rappresentanza di un popolo che tanto ha sofferto e lottato, per decenni.

Il sit-in in piazza di Montecitorio, all'annuncio del "sì" è scoppiato in un applauso: la gioia per la vittoria di una battaglia non ha però fatto dimenticare che questo è solo un tardivo e piccolo traguardo, la battaglia riprende. La fontana di Trevi illuminata dalla proiezione di una bandiera arcobaleno, che ha concluso la manifestazione a cui ha partecipato anche la ministra Boschi, è stata la conclusione di un momento di festa meritata.

Non è quello che volevamo, non è quello che meritavamo e lo ha votato persino la Binetti, però è un fatto. Ora la sfida è riprendere la lotta, forti di una nuova coscienza per l'Italia: esistiamo.