Feb 24, 2017 Last Updated 1:58 PM, Feb 23, 2017

Milano, due ragazzi gay picchiati fuori da una discoteca

Published in Primo Piano

Da Milano Today (23/01/2017)

MILANO - Michele ha il naso rotto, sbriciolato. A Marcello è andata peggio: dovrà operarsi alla scatola cranica a causa di una frattura scomposta dell’osso frontale. Il branco, come lo descrivono loro stessi, si è accanito contro di loro con violenza e ferocia, senza un perché o forse - ma per ora è poco più che una sensazione, orrenda - lo ha fatto per un motivo preciso. 

Non sanno ancora darsi una spiegazione i due ragazzi aggrediti sabato notte nel parcheggio di una nota discoteca milanese in zona Porto di Mare.

Le due vittime e un terzo ragazzo, tutti giovanissimi, avevano trascorso la serata nel locale, dove era in calendario una serata gay. Poi, al momento di noleggiare un’auto per tornare a casa, - verso le quattro di notte - l’incontro con gli aggressori, sette o otto coetanei. 

\"Siamo stati aggrediti da un gruppo di ragazzi senza nessuna motivazione\", il racconto di una delle vittime a MilanoToday. A scatenare l’ira del branco, secondo le parole dei giovani, sarebbe stato un semplice contatto - spalla a spalla - tra uno dei picchiati e uno degli aggressori.

Dagli insulti ai fatti il passo è stato brevissimo. \"Mentre aprivamo l’auto hanno colpito uno dei miei amici con una bottigliata in faccia e l’altro con un pugno in pieno volto - la ricostruzione dell’amico delle due vittime -. Io non ho potuto far altro che chiudermi in macchina e chiedere aiuto, mentre lì fuori c’erano almeno venti persone - dice con amarezza - che non si sono avvicinate a noi neanche quando gli aggressori erano già andati via\". 

\"I miei due amici sono in ospedale al Policlinico con diverse contusioni e fratture e devono subire interventi chirurgici solo perché - l’amara constatazione del ragazzo - qualcuno ha voglia di divertirsi così di sabato sera\". 

Ma forse, anche se per il momento è soltanto una ipotesi, dietro l’aggressione potrebbe esserci altro. Wequal, un’associazione che promuove l’uguaglianza delle persone, ha già fatto della storia di Michele e Marcello l’emblema della loro campagna \"Omofobia stop\".