Camera, il ministro Fraccaro risponde a Montaruli (FdI): «Non si possono annullare le registrazioni anagrafiche dei figli di coppie omosessuali»

Rate this item
(2 votes)

Annullamento delle registrazioni anagrafiche dei figli di coppie omogenitoriali. Questo l’oggetto dell’interrogazione presentata dalla deputata di Fratelli d’Italia Augusta Montaruli al ministro dell’Interno Matteo Salvini in riferimento a quanto fatto da vari sindaci italiani a partire dal 20 aprile.

E la risposta è arrivata dal ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro (M5s) che, nel corso del Question Time pomeridiano alla Camera, ha parlato a nome del titolare del Viminale.

«La questione richiama l'attenzione su una delicata tematica», ha esordito Fraccaro col ribadire altresì come il «vigente ordinamento dello stato civile preveda che gli atti di nascita si formino e si iscrivano nei relativi registri, indicando, quali genitori, la madre partoriente e il padre biologico. Inoltre l'annotazione nell'atto di nascita richiede sempre la preventiva verifica delle condizioni di paternità e maternità».

Ma Fraccaro ha subito poi ricordato l’intervento del «Tribunale di Pisa che, il 15 marzo scorso, ha sollevato la questione di legittimità costituzionale della normativa di stato civile, nella parte in cui non consente la formazione in Italia di un atto di stato civile, in cui siano riconosciuti come genitori due persone dello stesso sesso». Anzi, su questa «complessa rilevante problematica», in particolare proprio rispetto «alle ipotesi di trascrizione di un atto di nascita di un bambino di coppia omogenitoriale formato in un altro Paese, la Corte di Cassazione si è pronunciata favorevolmente in più occasioni, formulando una serie di principi che pongono in rilievo il preminente interesse del minore a crescere in un contesto affettivo, in cui sviluppare la propria personalità, senza distinguere tra coppie etero o omogenitoriali». 

Fraccaro ha quindi reso noto l’impegno del ministro dell’Interno, che si è rivolto all’«Avvocatura generale dello Stato per ricevere valutazioni in merito ai contenziosi in atto, nonché per acquisire generali linee di indirizzo per la definizione di univoche indicazioni da diramare alle prefetture e agli uffici interessati». Quindi la conclusione: «Va osservato che secondo un recente orientamento giurisprudenziale del Consiglio di Stato il prefetto, pur dotato di poteri di vigilanza, non può annullare l'atto dell'ufficiale di stato civile in assenza di un’espressa previsione di legge che conferisca tale potere».

Risposta, questa, che non solo ha vanificato in partenza parte dell’iniziativa presentata al mattino in Sala Caduti di Nassiriya da CitizenGo e Generazione Famiglia (con il sostegno politico del senatore leghista Simone Pillon per chiedere al «ministro dell’Interno Matteo Salvini di provvedere con urgenza ad incaricare le prefetture competenti dell’annullamento degli atti anagrafici illegitimi») ma ha creato vivo disappunto in Montaruli e negli omologhi di partito.

«Sono delusa – ha replicato l'interrogante –  da questa risposta che smentisce, purtroppo, sia il ministro Fontana che il ministro Salvini. E mi auguro, a quel punto, che la parte buona, tra virgolette, di questo Governo, cioè la Lega, tenga il punto su questa materia. In quel caso noi ci saremo.

Perché, vedete, la famiglia è una sola. Non ci sono genitori 1, non ci sono genitori 2, non ci sono genitori multipli: ci sono solo mamma e papà. Saremo fermi nel difendere l'unica famiglia che conosciamo che è la famiglia naturale. Gli unici diritti che vanno difesi sono quelli dei bambini. Tra egoismo e diritti noi difenderemo sempre i diritti».

 

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video