Quanto vale elettoralmente la collettività Lgbt in Italia? E che capacità, quindi, ha di incidere sulle prossime elezioni politiche? Sono domande che in questi decenni hanno aleggiato dentro e fuori il movimento senza mai ricevere analisi e risposte convincenti.

Ma è bene porsele soprattutto in questo momento di sciorinamento di dati elettorali sulle elezioni siciliane e sul municipio di Ostia. Un dato mi sembra palese: vince la destra e, dentro questa per noi triste vittoria, si afferma un gruppo di estrema destra come Casa Pound, che nella disastratissima realtà di Ostia raggiunge quasi il 10%. Un voto raccolto soprattutto tra i disperati delle periferie che non vogliono gli immigrati e che un tempo votavano a sinistra. 

Se questo è il quadro politico che emerge dalle elezioni, è necessario affermare con la massima sincerità e realismo che il dato è per noi molto preoccupante perché la destra in Italia è un’area politica violentemente omofoba e xenofoba. Non a caso il camerata Musumeci, qualche giorno prima del voto, ha celebrato la sua giornata pro family con l’intera collezione di mostri che, tormentandoci per anni, si sono persino inventati partiti politici, ginnastiche da fermi (Le sentinelle in piedi) e tampinamenti ravvicinati a ogni manifestazione. Fossero i Pride o persino le unioni civili non senza attacchi incivili condotti addirittura personale (si veda la vicenda di Cesena con la querela dell’Arcigay di Rimini che sarà discussa in sede giudiziaria). 

La vera novità del pregiudizio omofobo degli ultimi 20 anni è proprio questa: l’omofobia politica che prima non c’era o c’era in misura molto minore. Chi la promuove pensa al tornaconto elettorale. Al fatto che, agitando la paura del diverso, si possano ottenere e allargare consensi se non addirittura un buon piazzamento elettorale.

Il primo compito quindi di un’azione efficace della collettività Lgbt è quello di fare in modo che l’omofobia politica non paghi né in termini elettorali ne in termini propagandistici. Discuteremo a lungo nelle prossime settimane il come e il modo di quest’azione che mi sembra assolutamente necessaria. Il secondo compito è quello di far pesare la nostra presenza. In politica i voti si contano e si pesano. E non c’è dubbio che la nostra capacità di spostare larghe masse di voto è assai scarsa anche perché in Italia non abbiamo quelle concentrazioni Lgbt nei grandi centri urbani che caratterizzano metropoli con Parigi, Londra, New York, San Francisco, ecc.

Nel nostro caso più che al numero dei voti l’attenzione è da rivolgere all’identità etico-politica condivisa proprio ora che la crisi della sinistra e del progressismo laico sembra aver esaurito i propri spazi. Non è qui la sede per un’analisi sul perché i nostri interlocutori politici siano andati così male in questa tornata elettorale. Con il rischio di una tale marginalizzazione da far pensare che in futuro la partita politica in Italia sembri essere tra destra e M5s con la sinistra e il centrosinistra fuori gioco.

Ma proprio per questo la collettività Lgbt, che si muove non certo nei meandri del clientelismo ma nel mare aperto degli ideali di libertà, democrazia, inclusione, può fare la differenza in una politica sempre più omogenea al populismo e sempre più serva delle convenienze del momento. Non mi rassegno all’idea che il gioco politico sia tra due destre variamente omofobe mentre la sinistra, al suo interno, è impegnata al gioco al massacro come avvenne in Spagna dove i comunisti sparavano sugli anarchici per ordine di Stalin mentre il fascista Franco sterminava entrambi.

Nell’ultima legislatura abbiamo avuto molte amiche e amici  in Parlamento, a partire da Monica Cirinnà, che ci hanno portato ad approvare le unioni Civili. Mi pare di poter dire che proprio l’attuale successo delle destre esalti il valore della vittoria sulle unioni Civili. Vittoria che, a mio parere, è irreversibile dopo 4mila cerimonie con l’adesione convinta e commossa di mezzo Paese. Ecco perché dobbiamo fare il massimo: incontrare i candidati, convincerli delle nostre ragioni, aiutare fino in fondo i candidati Lgbt e gay-friendly.

Insomma, fare quel lavoro di lobbying che finora non è stato fatto con sufficiente convinzione. Perché ne va del nostro futuro e della quelità stessa della nostra democrazia.

e-max.it: your social media marketing partner

Il sonnacchioso mondo delle principali testate giornalistiche italiane, dove i direttori si alternano tra meno di dieci persone, è stato terremotato dalla decisione del gruppo L’Espresso di nominare Tommaso Cerno alla condirezione di Repubblica. Sembra un po’ una vicenda di addetti ai lavori, di esperti di comunicazione. In realtà si tratta di un fatto storico di grande portata e di forte cambiamento: per la prima volta un omosessuale dichiarato arriva ai vertici della testata di riferimento del mondo progressista italiano segnando un cambiamento profondo nel modo di essere del giornalismo e dell’informazione.

Quando quasi 20 anni fa demmo vita con Gaynews.it a Gaynet (Italia Gay Network), l’associazione Lgbt per il rapporto con l’informazione a tutti i livelli, non pensavamo certo che “uno di noi” poteva arrivare alla direzione di una grande testata. D’altra parte si riteneva allora che l’orizzonte delle unioni civili in Italia fosse oltre la portata della nostra vita e di questa generazione.

Si pensi quindi con che gioia tra pochi mesi festeggeremo il 20° anniversario di Gaynet con i primi due anni delle unioni civili (oltre 3000 mila celebrazioni, la percentuale più alta di tutta l’Europa in rapporto ai matrimoni tra persone eterosessuali) e il primo condirettore gay della più importante, sul piano politico, delle testate giornalistiche italiane. 

Mentre scrivo questo editoriale per Gaynews, mi viene in mente una notte di giugno del 1997 a Venezia quando ero col gruppo organizzativo del Pride nazionale di allora. Tommaso, perlustrando con altri tre il percorso del corteo, si imbattè nel putch dei “serenissimi” che con il “tanco” prese possesso del campanile di Piazza San Marco. La pagliacciata degli indipendentisti veneti di allora ci fece sorridere e scherzando con Tommaso si decise di non farne neppure oggetto di comunicato stampa. E in effetti nel giorno del Pride l’episodio era già dimenticato. Il giovanissimo militante Tommaso Cerno, dirigente dell’Arcigay di Udine, esponente di un movimento che stentava a trovare interlocutori disponibili nel mondo della politica e del giornalismo, era già allora giornalista professionista impegnatissimo sul fronte dell’informazione sui diritti civili. Non a caso è proprio su di una vicenda dolorosa come quella di Luana Englaro che ha fatto parlare di sé in tutto il Paese, tenendolo col fiato sospeso per giorni e giorni. Tommaso si rivelò già allora quel fuoriclasse del giornalismo come avremmo poi dato prova sempre più spesso nelle brillantissime presenze televisive e negli editoriali da direttore dell’Espresso.

Quando il 25 ottobre Tommaso si insedierà sulla poltrona di condirettore di Repubblica, sarà inevitabile per noi fare un bilancio sul rapporto tra informazione e omosessualità in Italia. Non tanto e non solo perché il giornalismo dev’essere capace di andare al di là dell’informazione generalista. Ma perché siamo nell’epoca dove le minoranze sono prese di mira, dove il razzismo rifà capolino con i populisti che vincono qua e là le elezioni facendosi imprenditori di paure che non hanno ragion d’essere. 

Gli omosessuali sono stati additati nel corso degli anni come distruttori della famiglia tradizionale (messa invece in discussione dalla precarizzazione del lavoro e dell’economia), come coloro che minano alla base la coesione sociale (e invece con la celebrazione delle unioni civili si è dimostrato esattamente il contrario). Addirittura si è inventato il “complotto gender”, portatore di un “pensiero unico” che vorrebbe imporre la dittatura delle identità liquide. A me questa campagna informativa distorta ricorda molto il “complotto demoplutogiudaicomassonico” di mussoliniana memoria, quando per sviare l’attenzione dal disastro delle politiche economico-sociali del regime si inventò un nemico immaginario. Ora sta avvenendo la stessa cosa sostituendo gli ebrei (di cui ricorre il 74esimo della deportazione dal ghetto di Roma) con gli omosessuali e la collettività Lgbt, additati come coloro che vorrebbero cancellare la differenza uomo-donna. In realtà sotto mentite spoglie si vuole difendere quel maschilismo criminale che porta all’uccisione di una donne ogni tre giorni. Quel maschilismo che è anche il pricipale avversario delle battaglie Lgbt.

Ecco perché ho ritenuto da sempre quella dell’informazione un campo di azione primario e decisivo per arrivare all’interno del mondo politico e per cambiare quella mentalità, quel senso comune, che come diceva il Manzoni non sempre è dotata di buon senso.

In-formare significa lottare contro l’ignoranza che alimenta il pregiudizio, quella informazione sottilmente omofoba che pensa che un “omosessuale non possa diventare presidente della Repubblica”, che la “caduta dell’impero romano sia dovuta alla decadenza omoerotica”, che i gay non possano fare gli insegnanti, che sia più facile per un cammello passare per la cruna di un ago piuttosto che per un omosessuale dichiarato diventare direttore di testata o della Rai in quanto non “rappresentativo”. 

Tommaso Cerno dimostra invece tutto il contrario rivoluzionando il concetto stesso di informazione e insediandosi come condirettore in una posizione da cui si guarda il mondo e da cui lo si può, anzi, lo si deve cambiare per rendere la vita di tutti noi più felice e più meritevole di essere vissuta perché non più escludente.

Sono finite quindi le macellerie delle cronache nere che parlano di “mondo particolare”, di “ambienti gay”, di “amicizie pericolose”, di “torbidi luoghi del vizio”.

Roma non fu fatta in un giorno, ma esistono quei giorni dove un carissimo amico entra nella stanza dei bottoni e può fare potenzialmente in poche mosse quel che abbiamo provato a fare in decenni di lotte. Auguri, Tommaso. E, soprattutto complimenti: noi ti portiamo nel cuore come spero che tu possa portare ogni giorno nel tuo lavoro due millenni di sofferenze, che finalmente possono vedere la parola fine con un nuovo inizio di libertà in un’avventura affascinante capace di conivolgerci tutte e tutti.

e-max.it: your social media marketing partner

Domani, alle 17:30, si uniranno civilmente presso Palazzo Loggia, sede del Comune di Brescia, Stefano Simonelli e Luca Trentini. Al rito saranno presenti familiari e amici ma anche numerosi esponenti del movimento Lgbti italiano. Già segretario nazionale di Arcigay dal 2010 al 2012 e attualmente coordinatore di Sinistra Italiana per la provincia di Brescia, Luca è infatti noto come militante per i diritti civili delle persone omosessuali e transessuali. Tema, questo, di cui si occupa anche come blogger per Huffington Post. 

Per saperne di più lo abbiamo raggiunto telefonicamente.

Luca, si avvicina il gran giorno: come ne avete vissuto, tu e Stefano, la preparazione?

Con grande emozione. Siamo partiti assai presto con l'organizzazione della nostra unione, supportati da una grande comunità di amiche e amici che hanno voluto condividere con noi il percorso, la preparazione e la realizzazione di quello che sarà sicuramente un momento indimenticabile della nostra vita. Abbiamo voluto coinvolgere non solo l'associazione in cui militiamo da anni, Arcigay, ma anche tutte e tutti coloro che ci sono stati vicini in questi lunghi anni di lotta civile. Come abbiamo condiviso la fatica delle battaglie politiche, così ora vivremo insieme l'entusiasmo e la gioia di un momento, personale e politico, che coinvolge tutte e tutti. C'è stato molto da organizzare, ma ognuno ha contribuito a un pezzo di quella che sarà una grande giornata.

Un tale atto arriva dopo un percorso di vita insieme: come si è strutturato nel tempo il vostro rapporto e perché avete deciso di formalizzarlo? 

In realtà la scelta è stata del tutto naturale. Dopo cinque anni di storia e due di convivenza l'idea dell'unione è arrivata spontaneamente. Ci siamo conosciuti grazie a un amico comune a una serata al Mamos di Bergamo. Lì è iniziata la nostra relazione che è proseguita e si è consolidata nel tempo. Abbiamo condiviso la quotidianità, le battaglie civili e politiche e siamo cresciuti come coppia. Il giorno del quarto anniversario del nostro fidanzamento ho preso l'iniziativa e ho fatto la dichiarazione a Stefano, consegnandogli l'anello in un luogo molto romantico di Brescia. Ha detto sì ed eccoci qui.

Il motivo principale che ci ha spinti al passo dell'unione è sicuramente prima di tutto sentimentale. Volevamo celebrare il nostro amore pubblicamente, con amici e parenti, con una festa che li tenesse insieme tutti. Inoltre abbiamo voluto formalizzare di fronte alla legge la nostra famiglia, che già esiste nei fatti ed essere riconosciuti di fronte allo Stato come un bene sociale basato sul vincolo di amore e solidarietà, al pari di ogni altra famiglia. Da ultimo avremo la possibilità di accedere ai diritti e di assumerci i doveri che la legge prevede per consolidare e tutelare la nostra famiglia. 

Come attivista con un lungo impegno in Arcigay alle spalle qual è il tuo giudizio sulla legge Cirinnà? 

La legge Cirinnà è un primo, sostanziale e positivo passo avanti sul fronte dei diritti civili. Ha avuto il merito di rompere quel muro di gomma che ci impediva di progredire come paese e di essere riconosciuti come cittadine e cittadini. Tuttavia la scelta di creare un istituto esclusivo, dedicato solo alle famiglie omosessuali, ben distinto e differenziato dal matrimonio pone dei problemi non indifferenti in termini di uguaglianza sostanziale. E poi la scelta di escludere l'adozione, anche nei termini della stepchild adoption, è stata un’enorme ferita per le famiglie arcobaleno e per i diritti dei loro bimbi. Un atto inaccettabile, servito sul tavolo della mediazione partitica, che ci ha impedito di godere di un successo più grande.

Date le condizioni dettate dagli equilibri parlamentari non era probabilmente possibile ottenere di più. Un passo avanti che deve però essere il primo di una lunga serie.

Qual è a tuo parere l'incidenza che il movimento ha avuto durante il dibattito parlamentare e quale gli obiettivi che deve prefiggersi per il futuro? 

Credo che la legge sulle unioni civili, sebbene parziale, sia il primo grande successo politico del movimento Lgbt italiano, avvenuto attraverso la determinazione e l'impegno di Monica Cirinnà. Nella società dell'immediato tendiamo a dimenticarci la genesi, lo sviluppo e i processi che determinano i cambiamenti sociali. È stata la lotta, il sacrificio e la militanza di migliaia di attiviste ed attivisti che ha attraversato gli ultimi quarant'anni della nostra storia a costruire la possibilità di vedere approvata una legge sulle nostre famiglie. Attraverso la visibilità, la cultura, le iniziative, la lotta sociale e politica, le sentenze dei tribunali, della Corte costituzionale, della Corte europea dei diritti dell'uomo il movimento è riuscito a convincere in modo capillare la maggioranza dell'opinione pubblica a schierarsi al suo fianco e ha costruito le condizioni sociali e politiche perchè quella legge potesse essere proposta, condivisa e votata. Siamo stati noi ad operare una “rivoluzione gentile”, secondo la felice espressione di Franco Grillini, i cui frutti sono stati raccolti nella società prima e nel parlamento poi.

Grande e a mio parere determinante è stata la mobilitazione posta in essere dal movimento nell'imminenza del voto parlamentare. Reputo che la mobilitazione nazionale del 23 gennaio sia stata una dimostrazione di forza e di determinazione capace di far giungere nelle aule parlamentari la voce della maggioranza del Paese, bloccando così in modo ferale l'ennesimo tentativo dei gruppi clericali di bloccare l'approvazione della legge.

Tuttavia, non ce lo nascondiamo, molte forze politiche dentro il palazzo non hanno certo brillato per coerenza e per linearità rispetto ai nostri obiettivi. Sarà necessario proseguire nella battaglia culturale sui temi dell'uguaglianza e nella lotta sociale per l'affermazione, il rispetto e l'inclusione delle diversità in modo da costruire una piattaforma avanzata di rivendicazione che sappia rilanciare con forza i nostri obiettivi: la legge contro l'omotransfobia, la tutela dell'omogenitorialità e dei diritti fondamentali dei figli delle coppie arcobaleno, l'accesso al matrimonio egualitario e all'adozione per tutte e tutti. Capitoli che non possono che passare attraverso una forte richiesta di laicità delle istituzioni e in un progetto di riforma complessiva del diritto di famiglia per tutte le coppie, omo e etero.

A chi dice - ed è successo anche a Brescia - che le unioni civili sono un flop che cosa rispondi? 

Rispondo che, per definizione, i diritti di una minoranza non si determinano dai numeri che esprime, soprattutto se li si rapporta a quelli della maggioranza della popolazione. Ricordo loro che una possibilità non determina necessariamente un obbligo sociale ad assumersi una scelta. Evidenzio che in inverno, cioè il periodo preso in esame da queste forzate analisi statistiche, è assai improbabile che qualcuno decida di organizzare la festa della propria unione. 

Ma sottolineo soprattutto che, quando si parla di diritti civili e di uguaglianza, il metro di misura debba essere esclusivamente quello della giustizia sociale, e non un banale calcolo numerico. Se una legge porta a migliorare la qualità della vita e determina il benessere e la serenità anche di una e una sola famiglia, è giusto approvarla.

Nel progetto futuro di Luca e del suo compagno rientra anche quello della genitorialità?

Abbiamo grande rispetto e sincera ammirazione per chi compie una scelta così grande, ma non rientra nei nostri progetti. La responsabilità genitoriale è un compito troppo impegnativo e alto per poterlo inserire nelle nostre vite, che sono già talmente cariche di impegni, responsabilità e incombenze da non consentirci il tempo e l'attenzione che merita la cura di una nuova vita.

Tuttavia abbiamo la fortuna di avere famiglie molto numerose, che ci hanno circondato di nipoti. Sono sei, per ora. Proprio domenica scorsa durante un pranzo in famiglia Alberto, il più piccolo dei miei nipotini, ci si è avvicinato e ci ha candidamente chiesto: “Ma zio Luca, da venerdì posso chiamare zio anche Stefano?”. Questo oggi ci basta.

Tuttavia, non ce lo nascondiamo, molte forze politiche dentro il palazzo non hanno certo brillato per coerenza e per linearità rispetto ai nostri obiettivi. Sarà necessario proseguire nella battaglia culturale sui temi dell'uguaglianza e nella lotta sociale per l'affermazione, il rispetto e l'inclusione delle diversità in modo da costruire una piattaforma avanzata di rivendicazione che sappia rilanciare con forza i nostri obiettivi: la legge contro l'omotransfobia, la tutela dell'omogenitorialità e dei diritti fondamentali dei figli delle coppie arcobaleno, l'accesso al matrimonio egualitario e all'adozione per tutte e tutti. Capitoli che non possono che passare attraverso una forte richiesta di laicità delle istituzioni e in un progetto di riforma complessiva del diritto di famiglia per tutte le coppie, omo e etero.

e-max.it: your social media marketing partner

17° edizione dell’Ulrichs Day a L’Aquila, la città che accolse nei suoi ultimi anni di vita il padre fondatore del movimento di liberazione omosessuale. Riscoperta da Massimo Consoli alla fine degli anni ’80 del secolo scorso, la tomba dello scrittore, poeta, giurista e latinista tedesco è stata restituita alla primitiva forma il 20 giugno scorso.

Tomba che oggi è stata al centro delle celebrazioni in onore di chi, il 29 agosto 1867, fece a Monaco di Baviera il primo coming out della storia nel corso d’un congresso di giuristi tedeschi. Un atto coraggioso in reazione alla criminalizzazione dell’omosessualità maschile che, prevista nel Codice penale prussiano, era stata estesa anche all’oramai ex regno di Hannover - passato l’anno precedente sotto il dominio degli Hoenzollern – da cui Ulrichs proveniva.

Di quella giornata così l’intellettuale avrebbe successivamente parlato: «Fino al momento della mia morte guarderò con orgoglio indietro a quel giorno, 29 agosto del 1867, quando trovai il coraggio di lottare faccia a faccia contro lo spettro di un'antica idra irata che da tempo immemorabile stava iniettando veleno dentro di me e dentro gli uomini della mia stessa natura. Parecchi sono stati spinti al suicidio perché tutta la loro gioia di vivere era sciupata. Infatti, sono orgoglioso di aver trovato il coraggio di assestare a questa idra il colpo iniziale del pubblico disprezzo».

In una Germania ormai unificata, il cui codice penale al paragrafo 175 puniva con la reclusione e l’eventuale interdizione dai pubblici uffici la “fornicazione contro natura, cioè tra persone di sesso maschile", Ulrichs non si sentiva più a suo agio. Fu così che si autoesiliò a partire dal 1880 in Italia. Nel 1883 si stabilì a L’Aquila, accolto dal marchese Nicolò Persichetti, latinista e archeologo insigne, sotto il cui influsso fondò il quindicinale Alaudae per promuovere il latino quale lingua viva e internazionale della cultura. Nel capoluogo abruzzese morì il 14 luglio 1895.

Sull’odierna manifestazione volta anche a celebrare il 150° anniversario del famoso appello di Monaco, Leonardo Dongiovanni, presidente del locale comitato Massimo Consoli di Arcigay, ha dichiarato a Gaynews: «L’Aquila va riscoprendo di anno in anno il suo rapporto con Karl Heinrich Ulrichs. È solo dal 2000, infatti, che si celebra l’Ulrichs Day l’ultima domenica di agosto o la prima di settembre. Ogni anno cerchiamo di chiamare sempre più persone per far conoscere la figura dell’insigne giurista che è sepolto dal 1895 nel cimitero de L’Aquila accanto alla cappella nobiliare della famiglia Persichetti.

Oggi, poi, abbiamo ripresentato finalmente restaurata la sua tomba, i cui lavori sono stati condotti in primavera anche se sarebbero dovuti già iniziare nell’agosto dello scorso anno. Il ritardo è stato dovuto a difficoltà burocratiche. Ma oggi, grazie all’intervento di persone della collettività Lgbti e all’impegno dello scultore Matteo Cavaioni e dalla restauratrice Sabrina Piantavigna, la sepoltura del padre del nostro movimento è finalmente visibile nella forma originaria ai visitatori. Soprattutto leggibile lo splendido epitafio in latino.

Ulrichs ci lascia un messaggio importantissimo, legato alla storia del movimento. Egli resta il punto di partenza per tutti noi. In tempi di rigurgiti fascisti il suo messaggio è forte più che mai. È necessario riappropriarci del suo coraggio di fronte a chi ci vorrebbe tacitare».

Guarda la GALLERY

 

e-max.it: your social media marketing partner

Nel decennale di fondazione il Padova Pride Village ha vissuto ieri sera un momento di particolare importanza e commozione.

A intervenire, nell’ambito d’una conversazione con Alessandro Zan, deputato dem nonché ideatore del festival, e Claudio Malfitano, giornalista de Il Mattino di Padova, il direttore di Gaynews Franco Grillini, che ha ripercorso la storia del movimento Lgbti italiano alla luce della propria esperienza attivistica e politica. Esperienza ultratrentennale che è stata soprattutto caratterizzata dall’ideazione di Arcigay Nazionale – di cui è stato presidente dal 1987 al 1998, conservandone successivamente l’incarico onorario –, dalla collaborazione alla nascita della Lila (Lega italiana per la lotta contro l'Aids) e dall’impegno come parlamentare perché fosse iscritta all’ordine del giorno della Camera (in Commissione Giustizia) l’allora proposta di legge sui Pacs.

Abituato a ogni sorta di sorprese, Franco Grillini non si sarebbe però mai aspettato di ricevere al termine dei suoi interventi il Premio per la persona Lgbt dell’anno e di esserne il primo destinatario in assoluto. Il riconoscimento è stato infatti istituito quest'estate nel decimo anniversario del Padova Pride Village e continuerà negli anni seguenti. 

Alla presenza di Daniel N. Casagrande, ideatore e organizzatore del Queer Lion Award, Mattia Galdiolo, presidente del circolo Arcigay Tralatro di Padova, Zeno Menegazzi e Michele Breveglieri del circolo Arcigay Pianeta Urano di Verona, l’onorevole Zan ha letto le motivazioni dell’assegnazione del premio: «Se oggi anche io posso essere quello che sono il merito va a Franco Grillini e alle sue mille battaglie. È la frase detta dal giovane presidente di Arcigay Vicenza Thomas Tedesco.

Una frase che tutti possiamo sottoscrivere e che è stata confermata da tutto il movimento Lgbt, anche con la presidenza onoraria di Arcigay attribuita a Franco ancora diversi anni fa. E tutto il movimento è stato e vuole essere accanto a Franco nella sua lotta contro una malattia che nell’ultimo anno lo ha indebolito e gli ha tolto un po’ di agibilità, ma non la voglia di lottare e di sorridere.

Siamo accanto a Franco come lui era a fianco a tutti noi nel 1982 quando ci fu l’occupazione del Cassero a Bologna, nel 1985 con la fondazione dell’Arcigay e nel 1987 quando creò la Lega italiana per la lotta all’Aids, nel 1997 con l’idea della Linfa (Lega italiana nuove famiglie) per mettere all’attenzione del parlamento una legge sulle unioni civili.

Nell’ultimo anno la battaglia di Franco si è fatto più personale e forse più difficile. Il suo sorriso, la sua determinazione, la sua lotta sono un esempio per tutti noi. Ma soprattutto per quei (purtroppo ancora troppi) giovani che sentono addosso la fatica di accettarsi, di dichiararsi e di lottare contro i pregiudizi. 

Per queste motivazioni il Padova Pride Village, nel corso della sua decima edizione, ha deciso di nominare Franco Grillini persona Lgbt dell’anno».

Visibilmente commosso, il direttore di Gaynews ha ringraziato per l’inaspettata premiazione dichiarando: «Questo riconoscimento del Padova Pride Village mi rende particolarmente orgoglioso e soprattutto mi fa dire che questi 30/40 anni di militanza sono stati utili.

Ogni tanto, quando si fa politica, ci si chiede se si è riusciti a portare a casa qualche risultato. Se la politica significa ancora ideali, credere in qualcosa, credere in un mondo migliore, la risposta è sì. La buona politica è questa.

Questo riconoscimento va a tutti quelli che hanno iniziato la lotta con me negli anni ’80 e che hanno contribuito in modo determinante alla nascita, alla crescita e al consolidamento di questo movimento che ha cambiato l’Occidente per sempre e – io sostengo – in modo irreversibile. Sono conquiste non solo per noi ma per tutti, perché qualsiasi diritto che viene garantito, anche a una minoranza, migliora la vita di tutti.

Quindi grazie al Padova Pride Village. Grazie a questa storia che c’è stata e che ci rende tutti orgogliosi di aver dedicato la vita a una rivoluzione culturale che è stata gentile: non c’è stata violenza, non ci sono state forzature. Tutti hanno potuto partecipare discutendo di come cambiare il mondo e soprattutto di come cambiarne la mentalità, che è la cosa più difficile. Ci siamo riusciti: di questo dobbiamo essere orgogliosi. La nostra vita è stata spesa bene. Comunque vada, è stato bello».

Guarda la GALLERY

 

e-max.it: your social media marketing partner

Classe 1972 e fidanzato con Lucio De Tommaso, Giovanni Mineccia coniuga da sempre l'attivismo Lgbti con l'amore per gli animali. Molto conosciuto sui social nell'ambito della collettività Lgbti e, in particolare, quella romana, La TalebanaH - come ama definirsi - dosa con saggezza nei post su Facebook ironia, schiettezza, lucidità di vedute e utilizza un italiano infarcito di baresismi che rende il suo dettato piacevole alla lettura. Per dare voce all'esperienza molteplice di una persona gay di provincia ma attentissima a quanto accade nel movimento italiano e non, Gaynews ha deciso d'intervistarlo.

Giovanni, sei una persona molto amata sui social per i tuoi post scanzonati ma improntati all'attivismo Lgbti e all'animalismo. Come coniughi i due interessi?

Molto amato? Non quanto realmente io possa essere amato. Le persone, in realtà, hanno più voglia di farsi i c...i miei. Forse sbaglierò ma uso Fb come se fosse un diario. Da piccolo ne avevo sempre uno segreto. Ora uguale ma non è più segreto. Mi piace raccontare eventi della mia vita o considerazioni che magari possono essere di aiuto ad altri. Mio padre mi diceva sempre che fin quando non hai rubato o fatto male a qualcuno non hai nulla di cui vergognarti. Ho cambiato idea su tante cose  grazie a post di amici o commenti che mi hanno fatto riflettere. Molte volte, in passato, mi sono ritrovato a essere più moralista e babbione di quanto pensassi. Il confronto verbale, specialmente dalle mie parti, diventa un gridarsi sopra e un interrompere l'altro traendo conclusioni sbagliate. Su Facebook leggi e rileggi. Hai tempo di elaborare una risposta e pensarci.

Per quanto riguarda gli animali, essi hanno sempre fatto parte della mia vita: una passione ereditata da mio padre e mia madre. Però ho preso il meglio dei due: mio padre uomo di campagna è un animalista più pragmatico e di cervello; mia madre, invece, è una donna di città che tende eccessivamente a umanizzare. Insomma un'animalista troppo di cuore. Ho lanciato delle cat promotion: si tratta di video allegri, dove a quei poveri gattini gliene dico di tutti i colori, facendo incazzare le animaliste del "Kuore" di turno. Ma sono sempre riuscito a trovare lotro delle ottime famiglie ed è quello che conta.

Ho da 17 anni un Pet shop ad Adelfia, un paesino in provincia di Bari, con la mia bella rainbow flag all'esterno (che tutti scambiano però per quella della pace) e che sono gay lo sanno pure i vigneti. Mi capita spesso che qualche cliente - scegliendo un collare o un cappottino - mi dica: "Questo è da frocio". Ogni volta gli indico i capi che indosso al momento (non ho molta fantasia: ho un numero imprecisato di camicie a quadri) e dico: "Io sono gay. Porto strass e brillantini? No, e allora il tuo cane può portare un collare di vernice senza essere frocio". Rimangono sempre basiti e io rido molto. La maggior parte dei miei clienti sono anche amici su Fb.

Spesso utilizzi termini dialettali baresi. Una volontà di riaffermare le tue origini o un modo come un altro per ironizzare?

Sì, è vero. Uso spesso termini dialettali su Fb. I dialetti sono una cosa stupenda: non vanno usati come codici per non farsi capire dal resto del mondo. Ma alcune parole rendono bene l'idea solo in dialetto. Ad esempio l'Angoooorr e il Maisia le ho esportate in mezza Italia .

Il tuo profilo Fb è stato spesso bloccato. Perché a tuo parere?

Vabbè. Una volta mi sono cacato sotto perché su Fb alcune mie foto sono state viste su una pagina di talebani veri in mezzo a scatti di lapidazioni di donne. Per fortuna tutti i miei amici hanno segnalato la pagina, che è stata oscurata. Vengo spesso bloccato perché - sì, lo ammetto -, protetto dallo schermo, sono un po' leone da tastiera anche io. Dal vivo sono meno aggressivo ma ci sono cose che mi fanno proprio girare le scatole: gli hater, i gay perbenisti, gli omofobi e i razzisti. Di fronte a tali persone sbrocco e puntualmente esse mi segnalano: allora vengo messo in castigo .

In che senso ami definirti la TalebanaH?

Mi chiamano la talebana perché tanti anni fa - a ridosso del fatidico 11 settembre - passeggiavo con amici per la città vecchia di Bari. Avevo un barbone allora nerissimo ed ero abbronzato. Un gruppo di ragazzini mi urlò "Mooo e ci è u talebban". Chiaramente le amiche me lo hanno trasformato al femminile e quando mi sono iscritto sulle chat ho deciso di usarlo come nick . Molti mi hanno contattato per rimproverarmi, sapendo cosa fanno i talebani ai gay. Ma io lo uso proprio per questo.

Hai una storia intensa ma a distanza con Lucio. Dopo anni credi che sia vera e cosa rispondi a quelli che obiettano il contrario?

Qualsiasi cosa vissuta con Lucio mi fa star bene. Ogni coppia è un universo a sé e ha i suoi equilibri. Non penso al futuro: mi godo solo i momenti in cui ci è concesso stare insieme.

Quale messaggio lancia la TalebanaH alla collettività Lgbti e soprattutto ai moralisti all'interno?

Ti sto rispondendo mentre sono in aereo verso Bari e ho detto tutto. Che messaggi lanciare? Non saprei. Non sono uno che ha letto molti libri e sono di base un ignorantone che non ha fatto le "scuole alte". Da bambino, però, ho letto un libro che dovrebbero leggere tutti quelli che fanno parte di minoranze e si fanno la guerra fra di loro limitando le altrui libertà e necessità in nome di falsi moralismi e verità assolute. Si tratta de La fattoria degli animali. Ha molto da insegnare.

e-max.it: your social media marketing partner

Featured Video