Sul respingimento dell’attivista milanese Felix Cossolo dall’aeroporto de Il Cairo il deputato Ivan Scalfarotto, come noto, aveva presentato, il 19 novembre, un’interrogazione parlamentare al ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale Enzo Moavero Milanesi. Interrogazione cofirmata dagli omologhi di partito Lia Quartapelle e Alessandro Zan.

La risposta della Farnesina è arrivata mercoledì. A darne lettura in Commissione Affari Esteri e Comunitari (III) della Camera è stato il sottosegretario Manlio Di Stefano.

«Il Governo italiano, assieme ai partner dell'Unione europea, segue con estrema attenzione le questioni inerenti alla tutela dei diritti umani e alle condizioni dei componenti della comunità Lgbti in Egitto – così nel testo letto dal sottosegretario della Farnesina il 28 novembre – e porta avanti azioni di sensibilizzazione discreta nei confronti delle autorità egiziane, al fine di aiutare il Paese a superare le criticità che vengono ancora riscontrate in questo ambito.

L'Italia è fortemente impegnata nella promozione e tutela dei diritti umani e nella lotta contro ogni forma di discriminazione, incluse quelle basate sull'orientamento sessuale e l'identità di genere. L'impegno italiano in favore dei diritti delle persone Lgbti è inoltre confermato, oltre che dal recente ingresso nel Lgbti Core Group un gruppo interregionale di Paesi e organizzazioni che promuove questi temi in ambito Nazioni Unite, anche dalla partecipazione all’Equal Rights Coalition (Erc), piattaforma di cooperazione tra Paesi che mira allo scambio di informazioni e buone pratiche e al coordinamento dell'azione globale in tema di diritti Lgbti

In Egitto, benché l'omosessualità non sia esplicitamente punita dal Codice penale, si sono registrati in passato episodi di discriminazione ai danni della comunità Lgbti. L'ultima ondata di arresti, seguita all'esposizione di una bandiera arcobaleno ad un concerto musicale nel settembre 2017 e conclusasi con un bilancio di 67 persone fermate, risulta ormai esaurita, mentre continuerebbero a registrarsi episodi di molestie subite in stazioni di polizia e carceri

Occorre tener presente che la normativa egiziana in materia di respingimenti alla frontiera presenta margini di opacità e solitamente le motivazioni della decisione di respingimento non vengono rese note, come riscontrato anche nel caso del Sig. Cossolo. La prassi osservata negli ultimi anni conferma che le Autorità di sicurezza – laddove dispongano di informazioni su posizioni da parte di specifici individui contrarie all'Egitto su qualsiasi tema - possono disporre il respingimento alla frontiera, a prescindere dall'ottenimento del visto prima della partenza o all'arrivo in aeroporto. 

L'Ambasciata italiana a Il Cairo e il Ministero degli Affari Esteri e della cooperazione internazionale sono stati informati della vicenda del connazionale Felice «Felix» Cossolo, solo dopo che questi era rientrato in Italia, tramite una comunicazione del suo legale contenente una richiesta di chiarimenti e di intervento presso le Autorità egiziane. A seguito di tale comunicazione, la nostra Rappresentanza diplomatica a Il Cairo ha chiesto formalmente al Ministero degli Esteri egiziano di poter conoscere le motivazioni del respingimento in frontiera del Signor Cossolo.

Al momento le autorità egiziane non hanno ancora fornito un riscontro a tale richiesta. Nei prossimi giorni è in programma un incontro dell'Ambasciatore d'Italia con l’Assistant Foreign Minister per gli Affari Consolari, durante il quale potrà essere sollevata e approfondita la vicenda in questione».

Una risposta, quella del Governo, di cui Scalfarotto, nella replica, si è detto parzialmente soddisfatto.

Nel chiedere d’essere informato sull’esito dell’annunciato incontro tra l’Ambasciatore d’Italia in Egitto e l’Assistant Foreign Minister per gli Affari Consolari del Paese nordafricano, il deputato dem non ha mancato di sollevare riserve sulla tutela dei diritti umani, in particolare della comunità Lgbti, quale priorità del Governo.

A tal riguardo Scalfarotto ha ricordato l’elezione della senatrice Stefania Pucciarelli a presidente della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei Diritti umani del Senato nonché le dichiarazioni del ministro della Famiglia Lorenzo Fontana e del senatore Simone Pillon, che «hanno usato espressioni particolarmente offensive nei confronti delle unioni civili». 

Ha espresso infine sconcerto per l’intervista rilasciata dal sottosegretario Spadafora al quotidiano La Repubblica, dalla quale emerge la profonda distanza programmatica, sui questi temi, tra i due partiti di maggioranza.

e-max.it: your social media marketing partner

Daniela Lourdes Falanga, prima donna transessuale alla guida del comitato Arcigay di Napoli, dedicato alla figura di Antinoo, amante dell'imperatore-poeta Adriano? Questa è la scommessa che intende vincere il gruppo di attiviste e attivisti, formato da alcuni consiglieri uscenti, noti a livello locale e nazionale, tra cui il presidente Antonello Sannino

Daniela Falanga, il cui impegno è stato più volte riconosciuto anche oltre il territorio campano, è la candidata presidente della mozione La Lotta Continua, mozione che intende continuare il lavoro iniziato con la presidenza di Sannino. L'altra mozione, recante il titolo chiAma Napoli 4.0, vede invece quale candidato presidente Marco Marocco, attuale delegato Salute per il medesimo comitato.

Il lavoro di Daniela, punto di riferimento di una comunità trans, quella partenopea, tra le più numerose, è stato sempre volto ad aiutare i soggetti che vivono in condizioni di estrema marginalità. A tal proposito non si può non ricordarne l'azione di sensibilizzazione, svolta nelle carceri, tra le persone transgender e omosessuali della Casa Circondariale di Poggioreale. 

La candidatura è sostenuta, tra l’altro, da un appello pubblico che, in pochi giorni, ha ottenuto l’adesione di nomi di spicco della cultura e dell’attivismo: da Pino Strabioli a Franco Buffoni, da Porpora Marcasciano ad Antonella Cilento, passando per Ivan Cotroneo, Paolo Valerio, Flavio Romani, Gianni Simioli, Regina Satariano, Luca Baldoni e tanti altri. 

L’appuntamento è per il prossimo 15 dicembre, giorno in cui si terrà il Congresso territoriale del Comitato Arcigay Napoli. 

e-max.it: your social media marketing partner

Tra le iniziative per la Giornata Mondiale contro l’Aids (1° dicembre) è stato presentato ieri a Roma, presso la Federaziona Nazionale della Stampa, il progetto nazionale We Test - Mettiamo la salute in circolo, che prevede il test rapido Hiv nei circoli Arco e nelle associazioni Lgbti.

A intervenire, fra gli altri, alla conferenza stampa di presentazione Roberto Dartenuc (presidente di Arco), Sebastiano Secci (presidente del Circolo di Cultura omosessuale Mario Mieli), Giulio Maria Corbelli (vicepresidente di Plus Onlus), Michele Breveglieri (Arcigay), lo storico miliante del movimento di liberazione omosessuale Vanni Piccolo.

L'iniziativa si svilupperà in oltre 15 città, con 9 associazioni coinvolte e oltre 3000 test previsti in più di 30 fra circoli e associazioni locali, direttamente nei luoghi di ritrovo della collettività Lgbti. L'obiettivo - si legge nel comunicato congiunto - è quello di ampliare la possibilità di fare il test, diffonderne la periodicità, contrastare il ritardo nella diagnosi da Hiv, tra i principali responsabili della continua diffusione del virus.

Tra le novità dell'iniziativa l'ampio partenariato che sostiene il progetto, che include anche associazioni non strettamente legate alla prevenzione nel gruppo MSM (maschi che fanno sesso con maschi): ArcigayArc Onlus, Arco - Associazione Ricreativa Circoli Omosessuali, Asa - Associazione Solidarietà Aids MilanoCircolo di Cultura Omosessuale Mario MieliIreos - Comunità queer autogestitaNps Italia OnlusNudi - Nessuno Uguale Diversi InsiemePlus Onlus.

Il tema principale secondo i promotori, che riprendono i dati dell'Istituto Superiore di Sanità è quello delle diagnosi tardive, dovute all'assenza di una cultura del test abituale.

«Oltre la metà (55,8%) delle persone che hanno avuto una diagnosi di infezione da Huv nel 2017 (3443) aveva già il sistema immunitario compromesso (definito come un numero di cellule CD4 inferiore a 350). Inoltre - proseguono - va rilevato che tra le motivazioni che hanno indotto le persone con nuova diagnosi Hiv a fare il test, si registra una percentuale stabile (32%) di persone che lo hanno fatto a seguito di sintomi Hiv correlati, mentre solo un 26% lo ha fatto in seguito a comportamenti a rischio infezione

Tutto questo rappresenta una situazione critica di grave rischio per la salute: se diagnosticata per tempo l’infezione da Hiv è perfettamente gestibile con la terapia antiretrovirale (che può rendere il virus non trasmissibile), mentre in caso contrario compromette il sistema immunitario e diventa più facilmente trasmissibile».

Come ribadito dai promotori in conferenza stampa, We Test mira a rendere strutturali esperienze di collaborazione già rodate sul territorio per raggiungere le persone direttamente nei luoghi di ritrovo, ampliare la possibilità di fare il test e ottenere informazioni sulla salute, sensibilizzare alla periodicità dei test in strutture pubbliche e associative». 

L’iniziativa si svilupperà in tutto il 2019 e vedrà per la prima volta un'azione coordinata di monitoraggio e raccolta dati su scala nazionale.

Guarda la GALLERY

e-max.it: your social media marketing partner

Il tema dell’omosessualità nel clero e nella vita religiosa torna a essere al centro delle dichiarazioni di Bergoglio.

Nel libro intervista La fuerza de la vocación. La vida consagrada hoy, che, curato dal sacerdote claretiano Fernando Prado e pubblicato in dieci lingue (in Italia comparirà per i tipi bolognesi delle Dehoniane), sarà in vendita nelle librerie a partire dal 3 dicembre, papa Francesco ritiene la questione «qualcosa che mi preoccupa», per la quale occorre più attenzione in riferimento ai candidati nei seminari e nelle case religiose. 

Ribadendo le nuove direttive in materia di formazione risalenti a Benedetto XVI (anche se sembra che il pontefice tenda a dimenticare la recenziorità di tali posizioni magisteriali-disciplinari), dichiara infine che le persone omosessuali devono essere esortate a «vivere pienamente il celibato» e a lasciare il ministero «piuttosto che vivere una doppia vita».

Ecco in anteprima la domanda specifica e la relativa risposta di Francesco come appariranno nel libro.

Non è un segreto come nella vita consacrata e nel clero ci siano anche persone con tendenze omosessuali. Cosa dire di questo?

È qualcosa che mi preoccupa, perché forse a un certo punto non è stata ben affrontata. In linea con ciò di cui stiamo parlando, direi che dobbiamo curare molto la maturità umana e affettiva

Dobbiamo discernere con serietà e ascoltare la voce dell'esperienza che anche la Chiesa possiede. Quando il discernimento non è curato al riguardo, i problemi crescono. Come ho detto prima, succede che al momento forse non mostrano i loro volti, ma in seguito appaiono per quello che sono.

La questione dell'omosessualità è una questione molto seria che deve essere oggetto di corretto discernimento fin dall'inizio, se è il caso, con i candidati. Dobbiamo essere esigenti. Nelle nostre società sembra addirittura che l'omosessualità sia di moda e che questa mentalità influisca, in qualche modo, anche sulla vita della Chiesa.

Ho incontrato qui un vescovo un po’ scandalizzato che mi ha detto d’aver appreso che nella sua diocesi, una diocesi molto grande, c'erano diversi preti omosessuali e che doveva affrontare tutto questo, intervenendo, prima di tutto, sulla formazione per formare un altro clero distinto. È una realtà che non possiamo negare

Non mancano casi nella vita consacrata. Un religioso mi ha detto d’essere rimasto sorpreso durante la visita canonica a una delle province della sua congregazione. Vide che c'erano dei buoni giovani studenti e che persino alcuni religiosi già professi erano gay.

Lui stesso aveva dubbi sulla questione e mi ha chiesto se ci fosse qualcosa di sbagliato in ciò. «In fondo – diceva – non è così grave: è solo un'espressione di affetto». Questo è un errore. Non è solo un'espressione di affetto. Nella vita consacrata e nella vita sacerdotale non c’è posto per questo tipo di affetti. 

Per questo motivo, la Chiesa raccomanda che le persone con tale tendenza radicata non siano ammesse al ministero o alla vita consacrata. Il ministero o la vita consacrata non sono il loro posto

I sacerdoti, i religiosi e le religiose omosessuali devono essere esortati a vivere pienamente il celibato e, soprattutto, a essere squisitamente responsabili, cercando di non scandalizzare né le loro comunità né il santo popolo fedele di Dio vivendo una doppia vita. È meglio che lascino il ministero o la loro vita consacrata piuttosto che vivere una doppia vita.

 

e-max.it: your social media marketing partner

Tra le tante iniziative, che nascono in seno alla Giornata mondiale della lotta contro l’Aids (1° dicembre), c'è da segnalare una serie di manifestazioni odierne a Bologna presso lo spazio Ateliersi (via San Vitale, 69) dal titolo Coniglie bianche alle frociate.

A organizzarla il collettivo dei Conigli Bianchi ARTivisti contro la sierofobia, il Laboratorio Smaschieramenti e la Consultoria Transfemminista QueerL’obiettivo di un percorso condiviso, che non finisce con questa giornata, è la creazione di nuovi immaginari sex-positive e siero-consapevoli.

Tra le varie realtà coinvolte nella giornata anche Non Una Di Meno Bologna, Plus Onlus e la Gruppa del Centro di Salute Internazionale.

Quasi 40 anni fa, con lo slogan Silence = Death, il gruppo di disobbedienza civile Act Up tentò di disintegrare il muro di stigma e silenzio che società civile e politica eressero attorno all’epidemia dell’Aids. Quel muro, nonostante numerose vittorie, esiste ancora oggi e continua a causare ignoranza, discriminazione e le tante nuove infezioni.

Dalle performances ai live painting, passando per la mostra delle illustratrici e degli illustratori, Coniglie Bianche alle frociate inizierà, alle 18:00, con l’inaugurazione della mostra delle artiviste e degli artivisti contro lo stigma dellla sieropositività

Proseguirà alle 19:00 con un momento d'autoinchiesta sulla sieroconsapevolezza e su come le tecnologie mediche e digitali intervengano sulla vita delle persone sieropositive.

Alle 22:00, invece, Tony Allotta ed Er Baghetta, insieme con special guest d’eccezione, animeranno uno spettacolo interattivo che nasce sul palco e finisce su carta: grazie al "superpotere" dei fumetti, della visibilità e dell'ironia si esorcizzerà ogni imbarazzo e tenterà di trasformare l’Hiv in un tema che sprigiona potere e non paura. E che unisce, anziché dividere, tanto eroticamente quanto politicamente.

 

Per finire, a partire dalle 23:30, Dj-Set delle Meraviglie a cura delle Atlantidee.

Guarda la GALLERY

 

e-max.it: your social media marketing partner

Nell’ambito delle iniziative romane per la Giornata Mondiale della lotta contro l’Aids (1° dicembre) la Piramide Cestia è da questa sera (fino a domani) illuminata di rosso. A campeggiare poi su una delle quattro facciate del monumento la scritta Stop Aids.

Si tratt di un’iniziativa volta a richiamare l’attenzione di cittadini e turisti sulla necessità di prevenire le infezioni da Hiv e di contrastare lo stigma sierofobico

Presenti all’accensione, avvenuta alle ore 18:30, la ministra della Salute Giulia Grillo, il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega alle Pari opportunità e ai Giovani Vincenzo Spadafora, la sindaca Virginia Raggi, la presidente di Acea Micaela Castelli.

La ministra ha dichiarato: «Credo sia una ottima iniziativa rendere gratuito il test dell'Hiv e spingere con le campagne di informazione i giovanissimi. Anche perché apprendendo l'importanza del test conoscono la gravità dell’Hiv, che purtroppo dai giovani oggi viene spesso sottovalutata.

L'impegno da parte nostra è lavorare con le associazioni e reperire finanziamenti, non credo che sarà una cifra proibitiva, per poter fare questo test gratuitamenterispetto alla malattia».

La titolare del dicastero di Lungotevere Ripa ha poi salutato i rappresentanti presenti delle Sezioni L (per la Lotta all’Aids) e M (del volontariato per la lotta contro l’Aids – ex Consulta Nazionale di lotta all’Aids) del Comitato tecnico sanitario del ministero, assicurando loro un incontro ufficiale coi componenti delle stesse in materia di campagne informative e strategie nazionali.

Tra i rappresentanti delle associazioni Massimo Farinella (presidente della Sezione M del Comitato tecnico sanitario nonché responsabile area Salute per il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli), Massimo Oldrini (presidente della Lila), Giulio Maria Corbelli (vicepresidente di Plus Onlus).

Sarà proprio Massimo Farinella a ritirare domani il Premio Formica d’Oro 2018 attribuito al Coordinamento Romano Hiv (ex Consulta Romana Hiv), di cui è portavoce, insieme coi componenti delle altre associazioni aderenti. Riconoscimento che, fra gli altri, sarà anche assegnato in memoriam allo storico attivista del Mieli Andrea Berardicurti.

e-max.it: your social media marketing partner

Il 4 settembre si spegneva a Roma Andrea Berardicurti, più noto col nome d’arte de La Karl du Pigné.

Attivista storico del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli e dragqueen di fama internazionale, l’artista resta, come scrisse il direttore di Gaynews Franco Grillini nel messaggio di cordoglio al direttivo dell’associazione, «un'icona Lgbti di forte impegno, di squisita umanità, rara sagacia. Il suo ricordo sarà soprattutto legato alle serate di Muccassassina, di cui fu ideatore e anima, e al Roma Pride, di cui negli anni era divenuto simbolo e immagine».

A due mesi dalla scomparsa di Andrea il Mieli ha organizzato, nell’ambito della settimana di sensibilizzazione alla lotta all’Aids, l’evento C’era una volta La Karl, che viene a chiudere la serie di iniziative ed eventi intitolata Know your Hiv status.

Promosso con l’Associazione Culturale Dragqueenmania, la serata avrà luogo il 5 dicembre a Roma presso il Teatro Biblioteca Quarticciolo (via Ostuni, 8) e sarà articolata in due fasi.

La prima, che inizierà alle 19:00, consisterà in una conferenza dedicata alla dimensione politica, sociale, artistica della vita di Berardicurti con la partecipazione di Vladimir Luxuria, il presidente del Circolo Sebastiano Francesco Secci, Tiziana Berardicurti (sorella di Andrea), le dragqueen Marilyn Bordeaux e Caramella. A moderare l’incontro Claudio Mazzella.

A partire dalle 21:00 si svolgerà invece la seconda parte con uno spettacolo incentrato sul mondo dei cartoni animati, il cui ricavato andrà alle due associazioni organizzatrici per la realizzazione di un progetto dedicato a La Karl du Pigné. 

Ma a ricordare Andrea Berardicurti non saranno solo il Mieli e Dragqueenmania.

Domani sera, infatti, a Palazzo Merulana gli sarà tributato in memoriam il prestigioso Premio Formica d’Oro 2018. Simile attestato andrà a Claudio Giustozzi (Associazione Dossetti – I Valori) e Sergio Longo (Associzione Casa del Sole)

Giunto all’11° edizione, la Formica d’Oro è un riconoscimento alle migliori iniziative realizzate nell’anno precedente all’interno della regione Lazio da enti, amministrazioni locali, ricercatori, aziende socialmente responsabili, organi di informazione e da singole persone al fine di promuovere l'operato e la mission del terzo settore .

Oltre i tre alla memoria, saranno oltre una decina le persone premiate nell’ambito di un evento organizzato dal Forum Terzo Settore del Lazio.

e-max.it: your social media marketing partner

Stabili i nuovi casi, incidenza maggiore delle nuove infezioni tra i 25 e i 29 anni. Si conferma in generale la trasmissione da rapporti eterosessuali come modalità principale, mentre tra maschi si stabilizza quella da MSM. Resta critica la situazione delle diagnosi tardive, con il 73,9% delle nuove diagnosi di Aids in cui la persona scopre di essere sieropositiva pochi mesi prima di passare allo stato conclamato. 

 

Secondo il report annuale dell’Istituto Superiore di Sanità, diffuso pochi giorni prima dalla Giornata Mondiale di lotta contro l'Aidsnel 2017 sono state segnalate 3.443 nuove diagnosi di infezione da Hiv (al netto di eventuali ritardi di notifica). L’incidenza - il numero di casi in rapporto alla popolazione - maggiore di infezione da Hiv è nella fascia di età 25-29 anni.

La maggioranza delle nuove diagnosi di infezione da Hiv è attribuibile a rapporti sessuali non protetti, che costituiscono l’84,3% di tutte le segnalazioni. Percentuale, questa, che dal 2014 si mantiene tra l'84 e l'85%.

Tra questi, il 45,8% provengono da rapporti eterosessuali, mentre il 38,5% da rapporti Msm (maschi che fanno sesso con maschi): una categoria che è bene ricordare non coincide del tutto con i maschi gay ma include tutti coloro che almeno una volta nella vita hanno avuto un rapporto omosessuale.

Se invece consideriamo solo i maschi, la modalità principali rimane quella dei rapporti Msm con il 38,5% rispetto ai maschi che hanno rapporti eterosessuali con il 25,3% (38,1% e 27,7% nel 2016, 45,7% e 28,9% nel 2015, 49% e 26% nel 2014).

Si conferma la tendenza generale effettuare il test Hiv in situazioni specifiche e non per abitudine: nel 2017, il 32,0% delle persone con una nuova diagnosi di infezione da Hiv aveva eseguito il test per la presenza di sintomi Hiv-correlati il 26,2% in seguito a un comportamento a rischio e il 14,6% in seguito a controlli nei Sert, nelle strutture extrasanitarie e nei penitenziari. 

Cooerentmente a questo dato, oltre la metà (55,8%) delle persone che hanno avuto una diagnosi di infezione da Hiv nel 2017 (3443) aveva già il sistema immunitario compromesso (definito come un numero di cellule CD4 inferiore a 350).

Nel 2017 sono stati diagnosticati 690 nuovi casi di Aids pari a un’incidenza di 1,1 nuovi casi per 100.000 residenti. Come noto da diversi anni, la proporzione delle persone con nuova diagnosi di Aids che ignorava la propria sieropositività e ha scoperto di essere Hiv positiva nei pochi mesi precedenti la diagnosi di Aids conclamato è aumentata su scala ventennale, passando dal 20,5% del 1996 al 73,9% del 2017.

Rispetto agli ultimi anni questo dato subisce finalmente una battuta d’arresto rispetto al 76,3 nel 2016, al 74,5% del 2015 e al 71,5% nel 2014). Il fenomeno complessivo delle diagnosi tardive, tuttavia, resta una delle criticità da affrontare nonché una delle principali cause di trasmissione del virus, che non viene trattato efficacemente all'inizio dell'infezione. 

Come ha ben spiegato infine la Dott.ssa Barbara Suligoi dell'Istituto Superiore di Sanità, infine, la sfida principale rimane quella di riagganciare il trend europeo di complessiva diminuzione delle nuove  diagnosi di HIV, che invece in Italia sono stabili da 4 anni. 

e-max.it: your social media marketing partner

Il sindaco di Bologna Virginio Merola ha deciso di conferire il Nettuno d’Oro a Franco Grillini, uno dei fondatori del contemporaneo movimento italiano di liberazione omosessuale, presidente di Gaynet nonché di Arcigay a livello onorario, direttore di Gaynews.

Conferito dal Comune ad aziende, cittadini, istituzioni, associazioni culturali che hanno onorato con la propria attività professionale e pubblica la città di Bologna, il prestigioso riconoscimento consiste nella riproduzione del Żigànt, come in dialetto bolognese viene indicata la statua bronzea del Nettuno che, opera del Giambologna e sovrastante la fontana omonima, è simbolo del capoluogo emiliano. 

Giunto alla 45° edizione, il premio è stato assegnato negli anni – per fare qualche esempio – a nomi dal calibro di Ruggero Raimondi, Piera Degli Esposti, Pupi Avati, Cesare Musatti, Norma Mascellani, Alberto Tomba, Alex Zanardi, Martina Grimaldi

La cerimonia di consegna avverrà, mercoledì 5 dicembre, alle 16:00, nella sala Rossa di Palazzo d’Accursio.

«Franco Grillini è stato un protagonista dei cambiamenti che sono avvenuti nella cultura e nella società italiana a proposito delle persone omosessuali – ha detto il sindaco Merola –. Da Bologna ha guidato con grande passione civile una lotta che non si è ancora esaurita, ha portato a importanti provvedimenti legislativi e ci ha resi più europei. Se non ci fosse stata la determinazione di Franco e di tanti altri e altre con lui, l’Italia sarebbe un Paese peggiore».

A Gaynews il suo direttore e fondatore ha affidato le prime dichiarazioni: «Continuo a essere molto emozionato e persino incredulo sin da quando mi hanno detto del conferimento. Credo che sia in riconoscimento di una vita politica nell’interesse del Paese, della città di Bologna, dei diritti civili e della collettività Lgbti

Nel ringraziare di tutto cuore il sindaco di Bologna Virginio Merola, vorrei invitare tutti coloro che mi sono stati accanto e che hanno condiviso la mia attività politica dagli anni '70 a essere presenti il 5 dicembre in Sala Rossa al Comue di Bologna. Perché questo rito si trasformi in una celebrazione collettiva per una storia che è stata mia ma anche di tutti coloro che hanno lottato con me per rendere l’Italia un Paese migliore e più civile al pari degli altri Paesi europei.

Proprio per questo mi piace ricordare il 28 giugno 1982 quando con grande felicità inaugurammo il Cassero di Porta Saragozza, prima sede che un Comune italiano dava in affitto a un’associazione Lgbti»

e-max.it: your social media marketing partner

Il presidente della Tanzania John Magufuli ha dichiarato di preferire il supporto della Cina, poiché Pechino impone meno condizioni rispetto agli altri donatori internazionali. 

«La cosa positiva del loro aiuto è che non è legato ad alcuna condizione – ha detto oggi Magufuli parlando alla stampa a margine dell'inaugurazione della nuova biblioteca dell'Università di Dar es Salaam, finanziata dal governo cinese –. Quando decidono di darti assistenza, te la danno semplicemente».

Parole che appaiono come una risposta inequivocabile agli Stati occidentali donatori che, nelle ultime settimane, hanno fatto sempre più pressioni sulle autorità tanzaniane per la palese violazione dei diritti umani nel Paese e, in particolare, per la campagna persecutoria di Paul Makonda, governatore di Dar es Salam, nei riguardi delle persone Lgbti. 

Oltre ai moniti di Michelle Bachelet, Alta Commissaria delle Nazioni Unite per i diritti dell’uomo, e Federica Mogherini, Alta Rappresentante dell'Unione Europea per gli Affari esteri e la Politica di sicurezza, bisogna ricordare come, all'inizio di novembre, il governo della Danimarca abbia congelato i suoi finanziamenti per 63.000.000 di corone danesi alla Tanzania proprio a motivo dei proclami omofobi di Makonda.

Poco prima l'Unione europea aveva avviato una revisione completa delle sue politiche nei confronti dello Stato dell'Africa Sud-orientale per le ripetute violazioni dei diritti umani, richiamando dal Paese il capo della delegazione Ue Roeland van de Geer

Non bisogna infine dimenticare come, a seguito delle dichiarazioni di Makonda in data 29 ottobre, il Dipartimento di Stato Usa avesse subito avvertito i cittadini statunitensi che vivono in Tanzania di «esercitare cautela rimuovendo o evitando immagini e linguaggi che possano incorrere nelle leggi tanzaniane riguardanti i rapporti omosessuali e l'esplicita attività sessuale». 

In Tanzania, infatti, i rapporti tra persone dello stesso sesso sono punibili fino a 30 anni di carcere

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video