Con la firma del governatore John Rankin è entrata in vigore, mercoledì scorso, in Bermuda la legge che, approvata l’8 dicembre scorso dalla Camera dell’Assemblea, sbarra l’accesso al same-sex marriage e consente le sole unioni civili. Un notevole passo indietro per l’arcipelago caraibico.

Il matrimonio tra persone dello stesso era infatti divenuto legale a seguito della sentenza emessa, il 5 maggio 2017, dalla presidente della Corte Suprema, Charles-Etta Simmons, a favore dei ricorrenti Winston Godwin e Greg DeRoche. Sentenza che ha così consentito la celebrazione del same-sex marriage (il primo in data 31 maggio per un numero complessivo di sette matrimoni fino all’8 dicembre) in Bermuda. Che, come noto, è un territorio d'oltremare britannico e componente della comunità caraibica (Caricom).

Ma i cui abitanti (poco più di 60mila) sono nel complesso tutt’altro che gayfriendly. Riprova ne è (anche se poi considerato invalido per il mancato raggiungimento del quorum previsto) il risultato del referendum non vincolante del 23 giugno 2016 su unioni civili e nozze tra persone dello stesso sesso: su 20.804 votanti ben 13.003 e 14.192 si erano rispettivamente espressi contrari (63.03% e 68.54 %) di contro al 31 e 37% dei favorevoli.

Dal Regno Unito – essendo l’arcipelago bermudino un dominio di Sua Maestà Elisabetta II – non si sono fatte attendere le reazioni. A partire da quella del deputato laburista Chris Bryant che ha presentato al riguardo un'interrogazione parlamentare al ministro degli Esteri Boris Johnson.

Nel frattempo Harriet Baldwin, sottosegretaria agli Esteri, ha riferito che il governo è «ovviamente contrariato» per quanto successo in Bermuda.  Ma che per il caso in questione non ci sarebbero gli estremi per esercitare il potere di bloccare le leggi non gradite nei territori d'oltremare. Tanto più che Londra non è mai intervenuta nel processo legislativo di Bermuda da quando (1968) vi è stata introdotta la costituzione. Motivazioni ritenute inaccettabili da laburisti e attivisti, che hanno bollato quale vergognoso il mancato intervento di Boris Johnson.

Disappunto anche da parte della premier Theresa May, che attraverso il suo portavoce James Slack ha rilevato come il governo britannico sia «seriamente deluso che il Domestic Partnership Bill rimuova il diritto per le coppie dello stesso sesso di sposarsi a Bermuda» Ma aggiungendo che «la legge è stata democraticamente approvata dal Parlamento. E la nostra relazione con i territori d'oltremare è basata su collaborazione e rispetto per il loro diritto di auto-governo democratico».

In ogni caso la messa al bando del same-sex marriage rischia di avere ricadute economiche nell’arcipelago bermudino. Come hanno sottolineato esperti di turismo Lgbti, sarebbe un "disastro" dal momento che la recente normativa viene a interessare anche le compagnie di crociera, le cui navi sono registrate in Bermuda. Proprio a bordo di queste si sono celebrati nei mesi scorsi matrimoni tra persone dello stesso uso. Cosa che non sarà più possibile con la recente legge.

Dalla Carnival Uk, legata alla P&O Cruises and Cunard, hanno fatto sapere di «essere molto scontenti di questa decisione. Non sottovalutiamo lo scontento che causerà negli ospiti che avevano pianificato le loro nozze».

e-max.it: your social media marketing partner

Scommettiamo che riuscirete a visitare Napoli in sei ore? E a conoscere a fondo sei (nuove) tradizioni e luoghi napoletani? Se avete in mente di visitare il capoluogo partenopeo per San Valentino, beh, date un’occhiata alle dritte che abbiamo pensato, per portarvi alla scoperta, in poche ore, di una città gay friendly meravigliosa!

Potrete anche visitare posti mai visti per esplorare altri ancora più belli: insomma sorriso a portata di mano e saje a quanta gent faje schiattà?

A piedi nudi anche per strada

A pochi passi dalla stazione centrale c’è Vico Soprammuro, una delle strade più note della città, nel quartiere Pendino, meglio conosciuta come Ncopp’ ‘e mura. Qui si concentra il mercato del pesce di Porta Nolana e centinaia di botteghe di artigiani dell’arte folkloristica partenopea. L’odore del pesce, unito alle luci e al calore del popolo napoletano, contribuiscono a creare da sempre una Napoli amata da italiani e stranieri. Acquistate un’anguilla e un capitone! Perché? Napule è addore e mare!

L’infanzia (ri)trovata

A Napoli l’infanzia (ri)vive due volte: stiamo parlando dell’Ospedale delle Bambole, che si trova nel cuore della città, in via San Biagio dei Librai, dal 1800. Qui la visita si trasforma in un vera e propria esperienza gay addicted: nostalgica, magica ed indimenticabile. Una promenade attraverso un'arte unica e originale. Un piccolo laboratorio aperto tutto l’anno, dove si riparano le braccia rotte delle bambole, si soccorrono i giocattoli e dove si può restare ad ammirare i medici all’opera!

Pink up your art!

Ci sono momenti nella vita in cui senti che devi lasciare tutto e metterti in cammino. Questo succede quando si decide di inoltrarsi nella street art dei Quartieri Spagnoli di Napoli e dei famosi murales del duo napoletano Cyop e Kaf, e non solo. Il quartiere dal 2015, ospita numerosissimi altri artisti come Diego Miedo e Rosaria Bosso, in arte Roxy in the Box.  Un tour che non può che non terminare con un selfie in compagnia di alcune delle figure celebri esposte. E chi scegliere? In top Rita Levi MontalciniAmy Winehouse!

L’ingrediente della pasta è la felicità

La prima parte del vostro tour non può che non terminare in uno dei ristoranti più famosi della città: Borgo Antico a Santa Lucia, a pochi passi da Via Partenope, dove potrete gustare (in due) una buonissima portata di tradizioni culinarie made in Naples in un ambiente romantico e assolutamente magico. Quindi Smartphone in borsa e un paio di occhiali vintage, il vostro San Valentino aspetta di essere immortalato a Napoli!

You will never find a love like Naples

Come cantava Pino Daniele in una sua celebre canzone, Napule è mille culure! Quindi app in mano, in questo caso BluBlazer e fate un salto a Piazza Bellini, nel cuore della gay life della città, in uno dei bar gay friendly storici della città, il Bar Fiorillo, per prendere un caffè o un buon cocktail. Attenzione! Un caffè a Napoli (minimo quattro al giorno) significa partecipare a un rito sociale, come se fosse un'iniziazione magica!

Farsi tentare da una sfogliatella o riccia?

Sfogliatella o babà? Qui a Napoli importa e come! L’importante come dicono in città è che sia un vero e proprio dolce napoletano! Scherzi a parte, andare via dalla città senza aver assaggiato una sfogliatella riccia o una pasta frolla è una bestemmia. Giuro! Dove mangiare le migliori? Da Pintauro oppure da Attanasio in vicolo dei Ferrovieri nelle adiacenze dipiazza Garibaldi.

e-max.it: your social media marketing partner

Quando un evento oppure un’emozione diventano motivo di viaggio bisogna giocare d'anticipo e non arrivare in ritardo, rischiando che i biglietti siano esauriti, gli hotel al completo o non ci sia più tempo per organizzare.

Così, tra accessibile, mistico, cliché e massima bellezza, dalle città più moderne a quelle più ricche di storia, sbirciate e fatevi un viaggio (gay friendly) esperienziale intorno al mondo… nell'attesa, chissà, di provarli dal vivo nel 2018!

Passeggiare nella città eterna

Roma non finisce mai di stupire soprattutto in primavera. Immancabile, nei pressi del Circo Massimo, una visita al roseto comunale per godervi dello spettacolo incantato di un migliaio di rose provenienti da tutto il mondo. I colori vi incanteranno e andar via sarà difficile, ma questo è anche un ottimo punto di partenza per scoprire un'altra grande meraviglia che la città riserva a pochi passi dal centro storico. Quale? La galleria Mirabilia di Giano del Bufalo, con il suo susseguirsi di oggetti insoliti, rarità da collezione da togliere il fiato, stranezze e curiosità: come il cranio fossile di un Monosauro o la tuta spaziale sovietica indossata dal cosmonauta russo Strekalov durante una missione spaziale. Non ci resta che augurarvi una buona esplorazione!

La vita? A Brisbane è più bella!

Che ne dite dell’Australia? I viaggiatori gay friendly scelgono per il 2018 Brisbone, la capitale dello stato del Queensland. Una città baciata dal sole e ricca di attività da non perdere. Provate l’eccitazione festiva di South Bank in chiave lifestyle, con marcati all’aperto, bar, ristoranti all’ultimo grido e spettacoli dal vivo. Una meta fantastica per lo shopping e per i parchi giochi gratuiti.

Perdersi nei labirinti verdi d’Italia

Perdersi nella natura? Ora può accadere anche in un antico labirinto, tra siepi di bosso e antiche statue. La grande sorpresa è il labirinto verde progettato da Franco Maria Ricci a Fontanellato, nei pressi della città di Parma. È il più grande labirinto verde al Mondo: otto ettari di labirinto, 300 metri quadrati, tre chilometri di percorso sotto gallerie vegetali alte cinque metri. Un meraviglioso “luna park intellettuale” ispirato da Borges e Calvino.

Esprimere un desiderio sul Golden Gate Bridge

Il tramonto sulla città di San Francisco lascia senza fiato, sia che stiate aspettando le prime luci della notte, o che vi troviate nel bel mezzo dei suoi vicoli attivi e brulicanti di persone, ma ci sono diversi posti per esprimere un desiderio e toccare la felicità (a colori) con un dito. Dove? Il migliore è forse il punto panoramico di Marin Headlands, situato sul lato nord-ovest del Golden Gate Bridge, il percorso verso questo punto panoramico vi regalerà un’incredibile vista della baia e del tramonto di una città magica! State già facendo il biglietto, vero?

La partita del cuore!

Se sarete a Parigi nel 2018, vi consigliamo di non perdere il campo da basket incastonato tra alti edifici in stile parigino, nel cuore del quartiere di Pigalle. Nonostante la cornice così elegante, è in realtà molto grezzo e molto frequentato dagli appassionati. Insomma un angolo inedito della città dell’amore, dove sport e colore si fondano per la prima volta e che merita di essere aggiunta alla lista delle esperienze immancabili per il prossimo anno. Molto gettonato per i nuovi incontri!

Concedersi una merenda (di pesce) da campioni

Tokyo non sarà di certo Tokyo senza una visita al mercato ittico più grande del mondo, il Tsukiji. Frenetico e caotico, il famosissimo mercato è suddiviso in due zone principali, quella interna dedicata ai grossisti - famosa in tutto il mondo per l’asta dei tonni - e quella esterna in cui il pesce viene lavorato e venduto al dettaglio. Per poter assistere alla famosa asta dei tonni bisogna presentarsi intorno alle 4.30 del mattino davanti al “The Fish Information Centre” e sperare di essere tra i primi 120. Siete pronti alla sfida?

Andare in gita al faro di Green Point, Sud Africa

«The happiness is coming!» è la sensazione che si ha una volta arrivati di fronte al faro di Green Point a Città del Capo, in Sud Africa. Una tra le esperienze più belle del vostro viaggio alla fine del mondo. Salite sulla cima della torre e gridate al mondo la vostra felicità da una prospettiva unica!

Fare l’amore sott’acqua!

Le suites subacquee dell’Atlantis, del complesso The Palm, a Dubai, sono davvero il massimo per i dominatori dei mari. Sono, non solo bellissime, ma anche romantiche e super tecnologiche. Vi basterà non avere paura degli squali; sia la camera da letto, che il bagno, infatti, hanno finestre dal pavimento al soffitto, per godersi una vista da (a) mare. Aggiornateci!

e-max.it: your social media marketing partner

Il Piemonte è la prima regione a credere e investire sul turismo Lgbti. Ha infatti avviato un processo con l’intento di diventare meta privilegiata di tale turismo: un mercato che vale il 7% dell’intero comparto turistico mondiale e che muove oltre 70 milioni di persone l’anno con ottime capacità di spesa.

Cosa significa turismo Lgbti e quali sono le caratteristiche di questo segmento di mercato? Cosa si intende per accoglienza friendly? Se rappresenta il 7% del fatturato annuo complessivo, quali sono le strategie per intercettare questo tipo di clientela? Come mettere a sistema e rendere "speciale" la permanenza del cliente Lgbti?

Questi i quesiti alla base della neonata collaborazione fra l’associazione Lgbti Quore, l'Assessorato al Turismo della Regione Piemonte e Dmo Piemonte Marketing (la cabina di regia tecnica che concorre operativamente al raggiungimento degli obiettivi definiti dalla Regione Piemonte). Le tre realtà stanno lavorando ormai da alcuni mesi sui target di riferimento per dare visibilità al Piemonte turistico gay-friendly e stanno avviando le sinergie necessarie con i Tour Operator che dovranno sviluppare il prodotto turistico da vendere.

Molte le azioni concrete già svolte: nei giorni scorsi l’associazione Quore ha incontrato a Verbania gli operatori turistici del Distretto Turistico dei Laghi Monti e Valli per analizzare le caratteristiche di questo segmento di mercato, per costruire un’accoglienza friendly a 360 gradi e per avviare quelle strategie le strategie necessarie per intercettare questo tipo di clientela e per fidelizzarla nel tempo.

«Per la prima volta i tre grandi tasselli sembrerebbero essere allineati e stanno lavorando in quella direzione coinvolgendo al momento tre ATL - Langhe e Roero, Distretto dei laghi, Ascom e Turismo Torino - che ci auguriamo vorranno supportare l'iniziativa e collaborare attivamente» – commenta visibilmente soddisfatta Silvia Magino, referente dell’Associazione Quore che a questo progetto sta lavorando da anni. A novembre poi sempre Quore e la Regione Piemonte hanno partecipato al World Travel Market di Londra dove, fra le varie azioni messe in campo, è stata distribuita una brochure ad hoc per gli operatori internazionali.

Silvia Magino ha così dichiarato: «La nostra associazioni sta lavorando da anni su questi argomenti e, finalmente, tanto lavoro sta dando dei risultati. Per la prima volta i tre grandi tasselli sembrerebbero essere allineati e stanno lavorando in quella direzione coinvolgendo al momento tre ATL - Langhe e Roero, Distretto dei laghi, Ascom e Turismo Torino - che siamo sicure e sicuri vorranno supportare l'iniziativa e collaborare attivamente».

e-max.it: your social media marketing partner

Dove quando? Se questa è una di quelle domande che, da viaggiatori, vi fate più spesso, beh, noi siamo qui per rispondere al meglio! Divertimento e relax vengono premiati a Palermo con vacanze memorabili, con esperienze uniche che faranno morire di curiosità i vostri amici rimasti a casa.

Lasciatevi ispirare da questo bellissima guida su Palermo e scoprite quanto è incredibile e bella questa gay life!

Incipit bb, è sempre un piacere la (ri) scoperta

Il bb Incipit è uno degli alberghi più belli di Palermo. Un Bed & Breakfast letterario gestito dalla prima coppia gay che ha ottenuto in affido un minore in città. Ospitalità, passeggiate, tour ed escursioni. Assicuratevi almeno una cena romantica, con un bicchiere di vino rosso e una buona compagnia attorno. Da non perdere!

Giusto un salto!

Mondello è bella tutto l’anno, ottimo cibo nei locali del posto e, perché no, un inaspettato bagno fuori stagione in un mare azzurro e cristallino e sabbia bianca che non guasta mai. Soltanto tuffandosi tra le sue onde e perdendosi nell'acqua turchese si può davvero capire. Mondello, che è una frazione di Palermo, è anche il regno delle piante più suggestive. In viale degli Irisi si trova una delle più belle “gallerie” di ficus benjamina della città di Palermo.

Una passeggiata “unica” sulla città

Da percorrere la Via Principe di Belmonte solo pedonale per gustare un fresco aperitivo seduti ai tavolini dei bar! Una bella traversa di fine '800 che collega appunto la Via Ruggero Settimo alla Via Roma. Infine, un giro in uno dei mercati rionali, come Ballarò o Vucciria, vi porterà tra viuzze e piazze caratteristiche, alla scoperta del pesce e delle altre specialità gastronomiche locali. 

Assaggia il dolce siciliano

A Palermo è un’istituzione, un connubio pomeridiano perfetto. Un momento di sano relax da godersi durante queste brevi, ma anomale giornate estive. Da provare la brioche con la granita ai gusti di: caffè, mandorle, pistacchio o limone. Se invece non potete proprio far a meno di gustare un buon dolce, allora sappiate che l’Africano è il tentativo giusto. Si tratta di un rotolo di pan di spagna ripieno di cioccolato morbido e ricoperto da un velo di cioccolato croccante. Una goduria per il palato.

Scatta un selfie ai Quattro Canti

Non puoi di certo non saltare il vero centro di Palermo. Si tratta di una piazza ottagonale con quattro edifici ricchi di statue, fontane e colonne, che in realtà rappresentano i quattro quartieri principali della città. Al centro di ognuno si trovano le quattro statue che rappresentano le “All Saints” della città: cosa aspetti a scegliere la tua preferita e a scattare un selfie immacolato?

Un amore di Sauna

La sauna non manca di certo a Palermo, rendendola un’ottima destinazione per godersi il piacere fino in fondo! Dopo un indimenticabile giorno passato ad esplorare la città, dirigetevi verso Maxximum Time Gay Sauna. Rilassatevi seguendo il vostro ritmo, godetevi ogni momento, e preparatevi a fare nuovi incontri dopo una fantastica giornata.

Siete pronti a scatenarvi?

Fate ricadere la vostra scelta su Fabric Rise Up, una delle location più spettacolari di tutta la città: cominciate a scaldarvi, che Palermo vi aspetta!

e-max.it: your social media marketing partner

Notizie dell'ultima ora (e pure molto piacevoli): se siete stufi delle solite mete, abbiamo selezionato cinque destinazioni da sogno, per soddisfare i desideri di tutti, con un unico comune denominatore: l'alto tasso di divertimento!

Che siate tipi da mare, montagna, sporty o lodge di lusso nei Caraibi, sfogliate la guida e trovate la meta che fa per voi.

Montevideo

Montevideo è la capitale dell’intrattenimento dell’America Latina, da sempre. È tra le più accattivanti del mondo Lgbti, con la sua architettura coloniale e quell’aria cosmopolita da fare invidia alle metropoli gay friendly europee. Vecchio e nuovo si prendono per mano, basti pensare alla Iglesia Matriz, l’edificio più antico oppure al Teatro Solis, tra i più belli del pianeta.  Il tempo è sub-tropicale, ma qui ogni stagione ha il suo fascino! Scendete in spiaggia e godetevi il tramonto e placate il vostro appetito in uno dei principali gay bars della zona, quali? Chains Pub, La Fonda Resturant e il Pepito Bar. Programmate il vostro viaggio in occasione del Punta Pride, quando le strade si riempiono di colore e allegria, e non mancate un’escursione nelle tante saune da poco istituite, dove? Toronto Sauna, Sauna Horus e Cine Private. Assaporala e gustala!

San Juan

Lo spirito Lgbti è arrivato anche a Portorico, uno dei paesi più intriganti al mondo. Un paradiso caraibico dove ci si può sempre inoltrare in magnifiche città collinari, oppure perdersi tra le vie dell’alta moda. Trascorrete una vacanza in resort sulla spiaggia e godetevi la vibrante vita notturna nella bella capitale di San Juan. A proposito dove andare? Molti sono gli hotel gay friendly che la capitale offre, tra questi: la Concha Renaissance Resort, Numero Uno Guesthouse e il Conrad San Juan Condado Plaza. Con una passeggiata potrete anche ammirare esempi di edifici coloniali ispanici, un vero e proprio must dei Caraibi, mentre nel centro si trovano i locali più lussureggianti, tra questi: Circo Bar, Oasis e il Batucada.  Pronto a farti esplorare?

Islanda

Sarà anche la capitale più a Nord del mondo ma è uno dei posti più incantevoli e inaspettati dove poter trascorrere una vacanza fuori porta, rigorosamente gay friendly. Fatevi coccolare dalle piscine naturali con acqua calda, cascate spettacolari e da splendide creature bionde del Nord. Una volta spogliati vi potrete godere una minuziosa doccia (attenzione: uomini e donne in aeree separate, il che suona bene), prima di scivolare nelle acque cristalline ultraterrene, che si librano tra 98 e 102 gradi Fahrenheit. Qui non c’è nessuna regola per l’abbigliamento e se decidete di andarci nel corso di una meravigliosa estate islandese o nei freddi mesi invernali, sarete sicuri di capire veramente che cosa significa “toccare con mano”. Se siete a Reykjavik, fate un salto al Truno, Nasa e al Kjallarinn.

Taipei

I single di tutto il mondo arrivano a Taipei per trovare fortuna in amore! Dove? Al Tempio d’Oro della città, che si dice in giro, abbia già aiutato migliaia di persone a trovare l’amore! Sarà vero? Il rituale è abbastanza complesso: dovrete offrire zucchero agli dei (e questo non ci manca), bere tazze di tè e infine portare con voi una piccola borsetta rosa contenente un minuscolo Buddha (curioso, non credete) che non dovrete abbandonare fino al giorno del vostro matrimonio. Se lo trovate abbastanza faticoso, allora non vi resta che tentare la via più comune: il divertimento! Provate al Funky, Cafe Dalida e al Commander D. Infine, non fatevi sfuggire la stazione della metro di Kaohsiung di Narciso Quagliata. Psichedelica!

Puerto Vallarta

Si parte e alla scoperta della Zona Romantica. È bene si, cosi è conosciuta nel mondo Lgbti Puerto Vallarta. Una meta che unisce arte, montagne e spiagge. Il delizioso centro storico mantiene ancora oggi, le caratteristiche della città originale con strade acciottolate, case bianche e tetti rossi. Le montagne che circondano Puerto Vallarta invitano ad attività come equitazione, bird watching, trekking o mountain bike. Anche qui i numerosi bar, con single nazionali e internazionali, vi stupiranno. Provate il Paco’s Ranch oppure l’Apaches Martini Bar and Bistro e pernottate a Villa Mercedes Petit Hotel. Che aspettate, si parte!

e-max.it: your social media marketing partner

Nel 2020 Milano potrebbe ospitare la 37° convention mondiale sul turismo arcobaleno organizzata dall’International Gay and Lesbian Travel Association (Iglta). A presentare la candidatura del capoluogo lombardo, che ha usufruito del sostegno del Consolato Usa, l’Agenzia nazionale del Turismo (Enit). Se la scelta sarà confermata – cosa da decidersi in novembre –, Milano accoglierà tra tre anni centinaia di imprese turistiche e istituzioni pubbliche internazionali provenienti da oltre 80 Paesi. Le convention annuali promosse dall’Igtla – che conta ad oggi oltre 3mila associati ed è l’unica a rappresentare il turismo Lgbti all’interno della World Tourism Organization (Unwto) – sono infatti organizzate in uno dei Paesi membri come momento sia di networking per le realtà turistiche sia di incontro tra compratori e fornitori.

All’entusiasmo di Palazzo Marino per tale candidatura ha reagito Riccardo De Corato, ex vicesindaco, dichiarando: «Il Comune l’annuncia con grande orgoglio, come fosse l'evento del decennio. L'evento del decennio è stato Expo, portato a Milano dal sindaco Moratti e dalla sua giunta, mentre questa fiera è solo l'ennesima occasione per coccolare il mondo Lgbt. Dopo la Casa dei Diritti e il rifugio per ragazzi gay arriva la fiera del turismo. Ormai gli omosessuali sono in cima alle priorità di Sala e Majorino tra matrimoni, figli, feste e case dedicate. Magari il Comune destinasse altrettanta attenzione alla famiglia».

Ed è dalle “coccole al mondo Lgbt” che ha preso spunto il sindaco Giuseppe Sala per replicare all’attuale capogruppo di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale in Regione Lombardia. «Io coccolo Milano – ha dichiarato ieri il primo cittadino a margine di una conferenza stampa – e un evento del genere può portare qui 30 mila persone. Qualcuno sta seduto e commenta, qualcun altro lavora. Io voglio sempre stare dalla parte di quelli che lavorano».

e-max.it: your social media marketing partner

Viaggiare da soli può far paura, ma può anche succedere di tutto! L’amica del cuore single con cui dovevi partire s’innamora e scappa a sposarsi a Venezia, il tuo fidanzato perfetto si rileva un perfetto s****o mollandoti a 48 ore dalla partenza. Quando vedi che i tuoi progetti di viaggio settembrini sono minacciati da questo tipo d’imprevisti, la soluzione è non rinunciare, ma armarsi di coraggio e partire da soli.

Chi lo ha fatto (prendi me) non se ne pente, anzi, spesso si riparte da soli ma questa volta per scelta. Ecco quattro mete - indubbiamente note ma sempre capaci di offrire nuove emozioni - per girare il mondo in musica, divertimento e a cuor leggero, come le nostre grandi eroine del passato (aggiungeteci solo un occhiale vintage). E il gioco è fatto!

Formentera

Un’atmosfera gay-friendly in un mare da Caraibi. Questo paradiso settembrino ti aspetta per una dolce estate da trascorrere facilmente in compagnia di nuove fiamme e con i piedi nella sabbia bianca e finissima. Prima di un aperitivo gipsy-chic al tramonto visita i centri abitati dell’isola e non farti sfuggire El Pilar de la Mola dove ogni domenica viene organizzato il mercatino hippie.

Ibiza

L’isola più esplosiva del Mediterraneo merita almeno un viaggio nella vita o forse più di uno? Una vacanza a settembre qui potrebbe trasformarsi in un'avvincente avventura latina da ricordare. Se nelle tue vene scorre un sangue da dance club, non potrai mancare agli opening party di inizio e fine stagione. Ma Ibiza non è solo divertimento. Tra una festa e l’altra organizza delle escursioni nella natura: il paesaggio è da togliere il fiato!

Mykonos

La vita notturna è una festa che non conosce fine: comincia al tramonto e continua fino all’alba. Ventosa, autentica e selvaggia, insomma: bellissima! All’At 54, ti faranno scatenare su enormi piste da ballo a suon di musica house e techno. E se vuoi bere il drink più speciale dell’estate, fiondati da Lola! Questa è davvero una tappa immancabile: pronto a lasciarti alle spalle il passato?

Costa Azzurra

Non può di certo mancare una divertente escursione in barca con il nuovo compagno (o con più compagni). Località davvero esclusive per un boat party sono senza ombra di dubbio quelle della Costa Azzurra, che da sempre regala paesaggi indimenticabili e un’aria sfrontatamente radical chic. Scegli la tua nave e lasciati guidare dallo skipper più sexy della costa. Per una giornata di tuffi, calici di vino e tanto divertimento!

e-max.it: your social media marketing partner

Alla viglia del Salento Pride il sindaco di Gallipoli Stefano Minerva ha rilasciato un comunicato di condanna di quanto accaduto nella serata di ferragosto presso il G Beach e riportato da Gaynews. Come noto, due giovani, Luca e Marco, si stava baciando presso lo stabilimento quando sono stati invitati da un cameriere a evitare pubbliche effusioni. Il proprietario - un imprenditore milanese - ha tentato poi di scusarsi con una bottiglia di spumante e una motivazione a dir poco singolare. Il calo progressivo, cioè, di clienti facoltosi per la segnalazione del G Beach sulle guide rivolte a persone Lgbti

Segnalato dal docente romano Ivan Valcerca, amico della coppia e attivista dem, l'accaduto è stato subito riferito al governatore della Puglia Michele Emiliano. È stato lui a intervenire telefonicamente presso il primo cittadino di Gallipoli che ha stigmatizzato quanto avvenuto al G Beach con una nota che, recante la data del 17 agosto, è stata però diffusa da qualche ora.

Mentre giunge la notizia d'un altro atto omofobico presso lo stabilimento di Punta della Suina (un ragazzo in pareo rainbow sarebbe stato fermato, sempre nella giornata d'ieri, da un altro cliente che gli ha chiesto: Ma questa è la bandiera di quelli che lo prendono ar c..."), le parole del sindaco Minerva assumono perciò un rilievo del tutto particolare. Eccole:

Quanto accaduto ieri in una spiaggia gallipolina mi lascia perplesso: una coppia è stata allontanata solo per alcune dimostrazioni d'affetto. In una città come la nostra, l'amore gay non può essere condannato: ci avviciniamo al Salento Pride e non posso tollerare attegiamenti discriminatori come questi. Nella città che immagino per il futuro non ci dovranno essere differenze dettate dagli orientamenti sessuali.

e-max.it: your social media marketing partner

weTest

Featured Video