Cinisello Balsamo, arrestato Giovanni Amato con l'accusa d'omicidio di una donna transgender: l'arma usata una penna-pistola

Rate this item
(1 Vote)

Omicidio volontario aggravato di L. Muñoz, la 43enne trangender d’origine peruviana trovata morta, il 4 febbraio, a Cinisello Balsamo (Mi).

Con tale accusa Giovanni Amato, un netturbino 42enne con precedenti penali, è stato stamani arrestato dai carabinieri del nucleo operativo di Sesto San Giovanni, che hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Monza. Attualmente è detenuto nel carcere milanese di San Vittore.

La vittima era stata trovata riversa sul letto, agonizzante e macchiata del sangue che le fuoriusciva dalla bocca, nella propria abitazione in via Friuli, 29

A farne, quella notte, la scoperta la sua coinquilina, anche lei peruviana, che aveva subito allertato il 118 e i carabinieri, sopraggiunti per constatarne il decesso

In prima battuta il medico legale aveva escluso una morte violenta

L'autopsia aveva poi confermato la presenza di un piccolo foro da arma da fuoco sulla schiena, che hanno portato i carabinieri della compagnia di Sesto San Giovanni, sotto il coordinamento della Procura di Monza, a individuare in una penna-pistola l’arma usata da Amato.

Non ancora accertato il movente del delitto, ma non è escluso che l'uomo abbia agito per sottrarre beni e denaro alla vittima. Il netturbino è infatti ritenuto uno degli autori della rapina e del ferimento messi in atto con un complice, il giorno susseguente l'omicidio, ai danni di un 35enne cinese, proprietario di un bar a Segrate. 

La penna-pistola, dotata di silenziatore, potenziata e appartenente ad Amato, è infatti risultata essere la stessa l'arma con cui è stata uccisa la donna transgender ed è stato ferito, con quattro colpi, il titolare dell'esercizio commerciale. 

«È stata un'indagine complessa - ha spiegato stamani in conferenza stampa la procuratrice della Repubblica di Monza Luisa Zanetti -. I carabinieri hanno esaminato migliaia di fotogrammi di immagini di videosorveglianza, per risalire all'auto dell'omicida».

Si tratta di una Fiat Punto che, stando a un testimone-chiave, aveva precise caratteristiche (un faro molto luminoso, specchietti e fiancate colorate) ma non sufficienti, inizialmente, a identificarne il proprietario.

Grazie a un'impronta lasciata da Amato su una lattina di Coca-Cola trovata in casa della vittima, gli inquirenti sono potuti risalire a lui, quando era stato già arrestato per la rapina di Segrate. 

e-max.it: your social media marketing partner

Featured Video