Veramente numerosissime le iniziative organizzate a Napoli e provincia per la Giornata internazionale di lotta all’omotransfobia. Eventi che non riguarderanno solo il 17 maggio ma che si protrarranno anche nei giorni successivi.

Si va dal flash mob organizzato dal Comune di Napoli in collaborazione con la Rete READY al torneo di calcio a cinque Un calcio all’omofobia, che avrà luogo alle 19 a Vico Equense; dalla Veglia ecumenica per imparare ad “abbattere i muri dell’omofobia, della transfobia, della xenofobia e della violenza di genere organizzata presso il Tempio Valdese di Napoli (19 maggio) al prestigioso aperitivo con Monica Cirinnà per celebrare il 3° anniversario della legge sulle unioni civil previsto presso il Grand Hotel Parker’s (21 maggio) fino all’inaugurazione della mostra fotografica sul Pompei Pride - Remove The Frame, presso la sede dell’associazione Vesuvio Rainbow di Torre Annunziata (25 maggio).

Senza dubbio, però, gli eventi più rilevanti sono quelli che vedranno come protagonisti Kurt Kelly, proprietario del mitico Stonewall Inn Pub di New York e Tree Sequoia, memoria storica dei Moti di Stonewall.

I due attivisti statunitensi saranno ospiti eccezionali dell’inaugurazione della mostra Stonewall: The Temple del fotografo Vito Fusco, evento promosso dal Comitato Arcigay Antinoo di Napoli e dal Consolato Generale degli Usa a Napoli, presso la Casina Pompeiana, giovedì 17 maggio alle 17:00, alla presenza del sindaco di Napoli Luigi De Magistris. Mentre sabato 18 maggio, alle 17:00, presso la sede dell’Arcigay di Napoli, Kurt Kelly e Sequoia Tree riceveranno il Premio Antinoo d’Oro che ogni anno viene assegnato a personalità di riferimento del mondo Lgbti.

Per saperne di più su questo fitto calendario d’eventi, abbiamo contattato Antonello Sannino, vicepresidente dell’associazione che ha seguito da vicino la costruzione dell’evento dedicato a Stonewall con il Consolato degli Stati Uniti.

Antonello, grazie al sodalizio con il Consolato Generale degli Stati Uniti a Napoli, il Comitato Arcigay Antinoo di Napoli è riuscito a portare a nel capoluogo campano - per la prima volta in Italia - un veterano dei Moti di Stonewall, Tree Sequoia, e l’attuale proprietario dello Stonewall Inn Pub. Che valore ha questa testimonianza di emancipazione e libertà?

La presenza degli attivisti di Stonewall è motivo d’orgoglio e di analisi sul momento storico che sta vivendo la comunità LGBT che, probabilmente, non si è soffermata abbastanza sull’importanza che hanno avuto i Moti di Stonewall come genesi della storia moderna della nostra comunità e dobbiamo focalizzare l’attenzione su Stonewall anche per capire da dove veniamo e da dove vengono le nostre rivendicazioni di diritti. Ci teniamo molto, come comitato Arcigay Antinoo di Napoli, alla valorizzazione della memoria storica e alla storia raccontata dai protagonisti che l’hanno vissuta. Abbiamo, in tal senso, recuperato, grazie all’aiuto del partigiano Antonio Amoretti, la memoria dei femminielli che fecero le quattro giornate. E con Kurt Kelly e Tree Sequoia recupereremo la storia dei Moti di Stonewall e comprenderemo bene da cosa nasce il Pride e perché bisogna rivendicare l’orgoglio di essere gay, trans o lesbica.

Come nasce l’idea di consegnare l’Antinoo d’Oro, riconoscimento giunto alla sua terza edizione, agli attivisti di Stonewall?

Il Premio Antinoo d’Oro ai veterani di Stonewall è significativo perché rimarca l’idea che quel luogo e quel momento storico sono fari importanti per la nostra storia e la nostra identità. E poi è anche un modo per consolidare un’alleanza tra diverse parti della comunità, perché è importante, per la nostra comunità, costruire e curare le alleanze. E lo si fa anche riconoscendo il protagonismo di chi lotta o ha lottato al nostro fianco, come accadde per l’ex Console Generale degli USA a Napoli, Colomba Barrose, madre orgogliosa di un ragazzo omosessuale, o Antonio Amoretti, partigiano sensibile alla riostruzione del protagonismo dei femminielli durante le quattro giornate di Napoli.

A 35 anni dalla sua fondazione, qual è lo stato di salute di questo comitato e delle sue iniziative?

Il Comitato Arcigay di Napoli, che quest’anno compie i suoi 35 anni di vita, ha costruito dal 2010 ad oggi, una fittissima rete di relazioni e collaborazioni sul territorio e non è un caso, probabilmente, che in questi anni siano sorti altri comitati Arcigay in Campania, come quello di Salerno e Caserta, ma anche in Basilicata e in Molise, regioni che prima erano prive di comitati di riferimento territoriale. Esistono presidi LGBT in centri di provincia come Torre Annunziata, Sorrento e Ischia. L’azione del nostro comitato è da sempre volta ad estendere le istanze della comunità LGBT e perciò abbiamo fatto in modo da “portare” i Pride anche a Pompei, Bagnoli e in altre province. Quest’azione è collegata anche al forte legame con la comunità transessuale. Le presidenti del Comitato Arcigay di Potenza sono state due donne transessuali, prima Nadia Girardi e adesso Morena Rapolla. La presidente del Comitato Arcigay di Salerno è stata Ottavia Voza per molto tempo e la Presidente del Comitato Arcigay Molise è Luce Visco. E la presidente dello storico Comitato di Napoli è una donna trans con una storia d’attivismo e militanza molto importante come Daniela Lourdes Falanga. E tutto questo ci fa tornare ai Moti di Stonewall, che nacquero dal gesto di ribellione di Sylvia Rivera, una donna trans e oggi, in tre regioni del meridione d’Italia, intercettiamo ancora il ruolo di guida della comunità trans.

Il 17 maggio è certamente una data molto importante per la comunità LGBT, forse la più importante insieme a quella del Pride. Quest’anno ricorre il cinquantenario dei Moti di Stonewall e allora al nostro direttivo è venuto naturale creare un link tra le due date e costruire, con il supporto del Consolato Generale degli USA a Napoli, con cui ci onoriamo di un’amicizia duratura, questo evento unico ed eccezionale.

Quali sono, a tuo parere, gli antidoti per resistere alle spinte reazionarie sempre più vive nel nostro Paese?

Cultura, storia, diritti e Pride, sono questi gli antidoti per sconfiggere l’oscurantismo dei Salvini, dei Pillon e di quanti vorrebbero farci tornare indietro di 80 anni.

e-max.it: your social media marketing partner

Il noto arbitro calcistico Marco Guida ha ricevuto venerdì a Torre Annunziata (Na), sua città natale, una targa in riconoscimento dell’impegno profuso nell’abbattere i muri della discriminazione e della stigmatizzazione delle persone Lgbti nel mondo sportivo.

Voluta dale associazioni Pochos Napoli e Pride Vesuvio Rainbow, la consegna sarebbe dovuta avvenire a Napoli, il 2 febbraio, in occasione della Copa Adelante 2019, torneo nazionale dilettantistico di calcio a 5 con squadre di giocatori gay, per la quale era prevista la partecipazione di Guida nelle vesti di testimonial.

Impegni lavorativi impedirono però all’arbitro torrese di prendervi parte non senza una mail agli enti organizzatori: in essa esprimeva il grande dispiacere per l’impossibilità di partecipare a un evento cui teneva tanto. 

Alla premiazione, tenutasi presso Nonsolocaffè Reload, ha preso parte anche don Ciro Cozzolino, responsabile del comitato locale di Libera, che ha ribadito la necessità di reagire alle discriminazioni delle persone Lgbti.

Viva soddisfazione per la riuscita dell’evento, che ha visto un’ampia partecipazione, è stata espressa da Danilo De Leo, referente di Pride Vesuvio Raimbow, e Antonello Sannino, presidente di Pochos Napoli e responsabile del Mediterranean Pride of Naples 2019 nonché esperto di omo-transfobia in ambito sportivo.

e-max.it: your social media marketing partner

Con l’hashtag #LegittimiDiritti è stata ieri ufficializzata la data del Mediterranean Pride di Napoli 2019: il 22 giugno.

L’evento, che ha una matrice dichiaratamente mediterranea ed extraterritoriale, è giunto alla sua sesta edizione consecutiva, benché si possa definire nato già nel 1996 come primo Gay Pride del Sud Italia.

Il Comitato Antinoo Arcigay Napoli, il Circolo Le Maree Napoli Alfi, l’Associazione Transessuale Napoli (Atn) e Famiglie Arcobaleno, che, con il supporto del Coordinamento Campania Rainbow, hanno convocato la manifestazione, si dicono certi di ottenere anche quest’anno il massimo supporto del Comune di Napoli e delle istituzioni locali, sempre sensibili alle istanze e alle lotte della comunità Lgbt. 

Il Mediterranean Pride of Naples 2019, incardinato come di consueto nella marea arcobaleno dell’Onda Pride che attraverserà l’Italia da maggio in poi, sarà  fortemente legato al Roma Pride del prossimo 9 giugno. A 25 anni dal primo pride italiano, quello di Roma del 1994, e a 50 anni dai moti di Stonewall del 1969, il Mediterranean Pride seguirà il Roma Pride e anticiperà di una settimana il World Pride di New York

L’hashtag politico scelto quest’anno è, come accennato, #LegittimiDiritti, finalizzato a rimarcare il vero problema di sicurezza nel nostro Paese, ovvero quello di una violenza crescente ai danni delle persone socialmente più fragili, donne, migranti, Lgbt, disabili, anziani, che vivono in tutto il Paese, ma soprattutto a sud, condizioni di grande marginalità sociale e per questo sono maggiormente esposti all’esclusione e alla violenza.

Infine, le stesse associazioni che hanno convocato il Mediterranean Pride, convocheranno presto un’assemblea cittadina per recepire tutti i contributi che potranno arrivare dalla società civile e dalla cittadinanza che interverrà all’assemblea. 

Contattato da Gaynews, Antonello Sannino, responsabile Pride di Arcigay Napoli, ha dichiarato: «È necessario rimarcare l’importanza del diritto alla conoscenza e a una narrazione corretta dei fatti. In un paese come il nostro, in cui le statistiche ufficiali ci dicono che diminuiscono gli omicidi e i reati ma non diminuiscono gli atti di violenza contro le donne, i migranti, i rom e le persone Lgbt, il vero problema sicurezza riguarda i soggetti più deboli che oggi sono sempre più emarginati e discriminati dalla politica nazionale che, paradossalmente, poi rivendica più sicurezza».

Antonella Capone, presidente del Circolo Le Maree Alfi di Napoli, ha rimarcato come «l’Italia viva un momento di attacco alla libertà, di costante battaglia culturale. che coinvolge tutti i livelli dello Stato e della cittadinanza. Per questo e per tanto altro scendiamo in piazza, per rivendicare i “legittimi diritti” di tutte e di tutti, come cittadine/i e come persone. Per ricordare che la libertà, la democrazia, le pari opportunità vanno conquistati, ma anche difesi, ogni giorno. Tra questi giorni, il 22 giugno spiccherà, con gli occhi di migliaia e migliaia di persone, volti verso i “legittimi diritti” di tutte e di tutti».

Loredana Rossi, vicepresidente di Atn, ha infine dichiarato: «A 50 anni dai moti Stonewall molto è stato fatto per i diritti della nostra collettività. Ma tanto resta da fare, soprattutto per le persone trans. La strada è ancora in salita e il pericolo di tornare indietro c'è sempre. Quindi mai abbassare la guardia. Il Pride sarà come sempre momento di rivendicazione, di colore e di gioia».

e-max.it: your social media marketing partner

«Non so se ho mai giocato con un compagno omosessuale. Se l’ho fatto, non me ne sono accorto. Non avrei potuto: un giocatore omosessuale non è diverso da uno etero. Ma queste sono solo parole, perché se c’è bisogno di un libro che racconta dei calciatori gay e ci fa sapere che ci sono, allora siamo ancora molto distanti da un mondo sportivo sano. Peggio ancora, siamo dentro un calcio fatto di ignoranza».

Con queste considerazioni, Tomas Locatelli, ex giocatore di serie A, avvia la propria prefazione al libro Giochiamo anche noi. L’Italia del calcio gay della giornalista sportiva Francesca MuzziUn libro reportage, che raccoglie testimonianze e storie importanti che ci restituiscono la dimensione di un mondo in cui lo sport, invece di unire, crea ancora separazioni e distanze.

D’altronde, Francesca Muzzi spiega molto bene nella sua prefazione che «essere gay in un mondo machista non è molto diverso dall’essere donna in un mondo di soli uomini» e il mondo del giornalismo sportivo è certamente un mondo prevalentemente maschile.

Il libro è un viaggio attraverso un’Italia ancora poco conosciuta, fatta di ragazzi, che si sono organizzati e hanno deciso di coltivare la loro passione per il calcio, formando squadre Lgbt, organizzando tornei, creando reti d’inclusione e sana sportività.

Qualche esempio. La storia di Giorgio, ragazzo napoletano, che fino a 26 anni ha fatto il fantino e, ora, calca i palcoscenici italiani come attore. Storia, che ci restituisce la temperatura di un’esistenza fatta di paure affrontate e vinte, quella per i cavalli, quella legata alla balbuzie e quella relativa al suo orientamento sessuale, che ha sconfitto mettendo su una squadra di calcio gay, i Pochos Napoli, la cui presentazione alla stampa, nel 2013, fu un clamoroso coming out mediatico.

Oppure la storia di Andrea, arbitro e gay, cacciato dalla federazione dell’Aia, per aver arbitrato amichevolmente, senza permesso, una partita di squadre formate da ragazzi gay a Torre del Lago. O, ancora, la divertentissima storia del Fantacalcio Gay, ideato da un ragazzo omosessuale, che oggi conta circa sessanta giocatori sparsi in tutta Italia.

E poi, particolarmente interessante, il contributo di Antonello Sannino, ex presidente di Arcigay Napoli con delega nazionale allo Sport, che analizza le ingerenze costruttive tra associazionismo Lgbti e mondo dello sport.

Insomma, le storie narrate da Francesca Muzzi sono davvero tantissime e, nate con l’intento di riscattare il silenzio e l’esclusione, ci parlano soprattutto di rinascite, di battaglie vinte e di conquiste importanti. Di trofei. Trofei esistenziali

e-max.it: your social media marketing partner
Si è svolta ieri, presso il caffè letterario Intra Moenia di Napoli, la presentazione in conferenza stampa della 3° edizione della Coppa Adelante, torneo dilettantistico nazionale di calcio a cinque contro ogni tipo di stigma e discriminazione. Il torneo, organizzato dall'Asd Pochos Napoli e da Aics Napoli, si svolgerà oggi presso lo Sporting club Caravaggio.
 
Alla manifestazione prenderanno parte 12 squadre di ragazzi omosessuali (e non solo), provenienti da Roma, Napoli, Bologna, Torino, Firenze e Milano. 
 
Durante la conferenza stampa è intervenuto, tra gli altri, Antonello Sannino, presidente dell’Asd Pochos Napoli, che, ricordando l’impegno dell’Aics e delle istituzioni del territorio nell’organizzazione dell’evento, ha dichiarato: «Manifestazioni come questa sono importanti perché dal mondo dello sport si leva un messaggio di inclusione e uguaglianza che, in momenti di recrudescenza della violenza e delle discriminazioni, sono sognali preziosi che spero siano presto potenziati nell’ambito delle Universiadi di Napoli». 
 
Anche Giorgio Sorrentino, capitano e fondatore dei Pochos Napoli, ha rimarcato il valore inclusivo della manifestazione e ne ha ricordato le potenzialità aggregative e inclusive.
 
Inoltre, la conferenza stampa è stata anche occasione per iniziare a presentare il progetto teatrale Cantiere Pochos (titolo provvisorio), che il regista Benedetto Sicca sta elaborando con un gruppo di attori proprio a partire dall’esperienza della squadra Lgbt partenopea. 
 
Infine, la giornalista sportiva Francesca Muzzi ha presentato il proprio volume Giochiamo anche noi, dedicato al mondo calcistico gay: un reportage documentatissimo di esperienze di calciatori e sportivi omosessuali che tentano, con quotidiana perseveranza, di scardinare, grazie alla propria passione calcistica, pregiudizi ancora ben radicati nel mondo del calcio. Mondo, questo, da sempre machista e maschilista
 
Un gruppo di giovani attori, coordinati da Benedetto Sicca, ha poi interpretato alcune letture del volume di Francesca Muzzi.

 

e-max.it: your social media marketing partner

«Oggi ho ricevuto la nuova presidente di Arcigay Napoli la bravissima Daniela Lourdes Falanga che sostituisce il bravissimo Antonello Sannino che ha svolto un ottimo lavoro nella lotta per i diritti. Insieme lotteremo sempre per i diritti di tutte e tutti e per la giustizia. Complimenti Daniela, te lo meriti, per tutto».

Con questa dichiarazione il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha raccontato sulla sua pagina Facebook, l’incontro avvenuto ieri in Comune con Daniela Lourdes Falanga, neo-eletta presidente del comitato provinciale Arcigay Antinoo di Napoli

Un incontro che intende rinnovare il sodalizio tra la comunità Lgbti napoletana e il sindaco. Sodalizio, questo, che ha portato, solo qualche giorno fa, Arcigay Napoli a schierarsi apertamente con De Magistris contro il decreto sicurezza

Le parole del sindaco erano state anticipate, già ieri, dalle dichiarazione social della presidente di Arcigay Napoli.

«Stamattina il sindaco De Magistris - così Daniela Lourdes Falanga - ha voluto congratularsi personalmente per la mia nuova carica di presidente dell’associazione Arcigay Antinoo Napoli e mi ha chiesto dei prossimi progetti. Si è anche congratulato per come ho trattato la questione legata a mio padre.

Io mi sono congratulata con lui per quanta umanità sta comunicando con determinazione in questi giorni rispetto al decreto sicurezza. Siamo unitari in un percorso di riconoscenza di pari dignità».

e-max.it: your social media marketing partner

Sarebbe dovuta essere una giornata come tutte le altre per la neo eletta presidente di Arcigay Napoli, Daniela Lourdes Falanga, quella di venerdì 21 dicembre. Una giornata che inizia con la presenza sua e di altri volontari del comitato napoletano nelle scuole per parlare di contrasto alle discriminazioni e cultura della differenza. 

Sarebbe dovuta essere una giornata come tutte le altre, se non ci fosse stata un’incredibile coincidenza: quella, cioè, di una manifestazione contro la violenza di genere, organizzata presso l’Itc Ferdinando Galiani di Napoli, in cui si sono ritrovati sul palco Daniela Lourdes Falanga, in qualità di attivista, e il padre, detenuto presso il carcere di Rebibbia, coinvolto casualmente nella stessa manifestazione.

Un incontro che ha riavvicinato padre e figlia, a distanza di 25 anni, in una stessa medesima missione: rendere il mondo un posto migliore in cui vivere. Il padre di Daniela era protagonista di una rappresentazione contro la violenza di genere, organizzata dai detenuti di Rebibbia. Daniela era al Galiani per parlare ai giovani di violenza di genere e contrasto a ogni forma di stigma.

I due si sono persi 25 anni fa. Un rifiuto e una negazione che hanno creato abissi di dolore. L’abbraccio e la commozione di Daniela e del padre, durante la manifestazione del 21 dicembre, sono stati vissuti come momenti d’indicibile emozione anche da parte di alcuni attivisti presenti a partire dall’ex presidente d’Arcigay Antonello Sannino.

Quell’abbraccio e quella commozione che appaiono ora come promessa di un possibile riscatto.

Ecco cosa ha dichiarato Daniela Lourdes Falanga a Gaynews: «La giornata del 21 è stata una giornata intensa, di quelle in cui gli egoismi si comprendono davvero, perché si sceglie di non averne, di liberarsene, come tutte le volte che si riflette sul bene comune e si sceglie di cambiare davvero le cose, di produrre una vera rivoluzione di umanità. C’ero io e c’era mio padre. C’erano 200 ragazzi e altre persone detenute.

E mio padre non era solo mio padre e il ricordo grave che ne avevo: era una persona che stava provando a sollecitare riflessioni positive tra i giovani studenti e le giovani studentesse delle scuole. 

È stato come intessere le reti delle trasformazioni. Divento adulta, divento donna e una brava persona e mio padre ci prova a esserlo, e lo fa bene. Le reti sono del bambino figlio del boss, della donna trans, dell’ex boss che prova a scusarsi e vuole definire un cambiamento. Diverse solitudini, diverse questioni intrecciate.

Un’esperienza unica per i ragazzi, unica per molti. In una sola volta il mondo bello nelle sue plurali manifestazioni. La dignità prima di ogni cosa e, prima del mio vissuto di dolore, quella di tutte le persone detenute, che vanno riproiettate fuori dalle mura degli spazi chiusi, dimenticati. Poi la bellezza della gioventù che sa assorbire e saprà trasformare il male sociale.

Io ci credo. Prima di una bambino che non ha avuto padre, prima di tutto: la dignità».

e-max.it: your social media marketing partner

Con un comunicato diffuso in giornata il comitato Arcigay Antinoo di Napoli ha gettato luce su un caso d’emarginazione sociale, di cui è vittima Sergio, un 40enne omosessuale di Monte di Procida (Na).

Dopo aver accuratamente verificato una serie di segnalazioni pervenute all’associazione, Arcigay Napoli ha denunciato le inumane condizioni di vita in cui, da alcune settimane, si trova a vivere Sergio, invalido al 100% dopo un incidente sulla nave da carico su cui lavorava.

L’uomo è stato cacciato di casa il 2 ottobre scorso di ritorno da una degenza ospedaliera: il fratello che già in altre occasioni l’avrebbe vessato perché gay, gli ha infatti impedito di mettervi piede, buttandone vestiario e oggetti dal secondo piano dell’abitazione.

Da quel giorno Sergio vive in un sottoscala lurido, utilizzando un bidone come wc e lavandosi nottetempo in una fontana nelle vicinanze per la vergogna di essere visto dai vicini durante il giorno.

Nel sottoscala il 40enne condivide lo spazio con alcuni topi e le sue condizioni di salute, già molto precarie, sono messe ancora più in pericolo da questa situazione igienicamente invivibile.

Sergio, che vive in uno stato di totale indigenza, ha problemi concreti di sostentamento e non ha mezzi per provvedere autonomamente alle cure necessarie e ai bisogni minimi di un’esistenza decente.

«Ho incontrato il sindaco e i servizi sociali di Monte di Procida – ha dichiarato Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli, che ha raggiunto Sergio all’ospedale di Boscotrecase, dove è ricoverato per un'emorragia dovuta ai ripetuti morsi di topi – che mi hanno assicurato un rapido intervento. Queste situazioni di degrado, che appartengono più al Medioevo che al 2018, sono inaccettabili.

Ci auguriamo che l’amministrazione intevenga fattivamente e che la comunità di Monte di Procida si indigni ridando dignità alla vita di Sergio. La tempestività e l’efficienza, con cui le istituzioni e la società tutta daranno risposte concrete alla tragedia di Sergio, saranno cartina di tornasole della civiltà e dell’umanità di una comunità che non piò restare indifferente davanti a questa sconvolgente storia di violenza e omofobia».

Guarda la GALLERY

e-max.it: your social media marketing partner

Grande affluenza, sabato scorso, al Congresso territoriale di Arcigay Napoli. Nella suggestiva cornice di Palazzo Venezia in via Benedetto Croce, a pochi passi dalla sede del comitato provinciale, si sono votate sia la mozione da sostenere al Congresso Nazionale, sia i delegati da iniare allo stesso, sia il candidato locale al Consiglio Nazionale.

Affluenza che è anche da leggere quale risultato di un lavoro di anni, svolto in mezzo alla gente al fine di alimentare il cambiamento con azioni di spiccato rilievo culturale: da Poetè (manifestazione letteraria giunta quest'anno alla X° edizione) agli interventi di sensibilizzazione nelle scuole; dal lavoro nelle carceri a eventi legati alle arti dello spettacolo come la retrospettiva del Divine Queer Festival o il Kju Festival; dalle azioni condivise con realtà del mondo del teatro, della musica, del cinema napoletano (e non solo) alla capacità di relazionarsi in maniera continua e costante sia con altre associazioni sia con gli organi di stampa territoriale, assicurando così un canale prezioso e diretto coi responsabili dell’informazione.

Sotto quest'ultimo aspetto basterà ricordare l'ampio sostegno garantito da Arcigay Napoli al corso di formazione giornalistica La formazione giornalistica e i media che, organizzato da Gaynet e dall'Odg della Campania, ha visto, il 20 febbraio scorso, la partecipazione del presidente nazionale dell'Ordine Carlo Verna.

Dato certamente interessante e “rivoluzionario” è la presenza di intere famiglie che seguono le attività dei propri figli, militanti Lgbti, con interesse e consapevolezza. Riprova, questa, che, quando la cultura scardina l’immaginario collettivo, proponendo soluzioni funzionali alla piena realizzazione delle persone e del loro benessere, si ottengono risultati di profonda trasformazione sociale.

Tra le personalità di spicco del mondo culturale e sociale presenti al Congresso di sabati bisogna ricordare la scrittrice Antonella Cilento, vincitrice del Premio Boccaccio nel 2014 e finalista al Premio Strega nello stesso anno con il romanzo Lisario o il piacere infinito delle donne (Mondadori); il drammaturgo e regista Mario Gelardi, direttore artistico del Nuovo Teatro Sanità, da sempre in prima linea nel sostenere progetti culturali legati ai temi della legalità e dell’inclusione; il giovane regista Gennaro Maresca che, proprio in questi giorni, ha debuttato con un lavoro teatrale sulla storia di Patroclo e Achille; Giovanna Fiume, presidente dell’associazione socioculturale Donne a Testa Alta; l'editore Antonio Petrossi; la critica d’arte Chiara RealeLaura Chiarolanza, direttrice del Centro Studi Luca Giordano; i poeti Paola Nasti ed Eugenio Lucrezi; l’artista Iole Cilento; l'anglista Christian Addattilo; l'avvocata Alessia Schisano, la wedding-planner Lgbti Yolanda Liccardo.

La mozione più votata dai partecipanti al congresso è stata Orgoglio a voce alta, illustrata da Maria Rosaria Malapena, delegata di Arcigay Napoli per Sessualità e Disabilità.  Delegati locali al Congresso Nazionale, in seguito alla votazione, sono risultati essere Carmn Ferrara, Daniela Lourdes Falanga e Claudio Finelli. Infine, i partecipanti al Congresso hanno votato Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli, quale candidato al Consiglio Nazionale.

e-max.it: your social media marketing partner

Il progetto Street Haart, presentato dal comitato Arcigay Antinoo di Napoli, grazie al lavoro dell'artista e militante Carlo Oneto, si è aggiudicato il bando della multinazionale Gilead e ha vinto la menzione etica del Community Award 2018.

Il progetto, che è stato supportato anche dall’esperienza di Alfonso Di Cola e del presidente di Arcigay Napoli Antonello Sannino, è basato sull’utilizzo del codice artistico all’interno di un gruppo vulnerabile e spesso negletto, cioè tra detenuti ed ex-detenuti dell’area di Napoli, sul tema dell’Hiv

La progettazione prevede la selezione di 15 artisti per la realizzazione di una mostra itinerante sul tema della prevenzione e cura dell’Hiv. La commissione del Community Award ha trovato particolarmente interessante la diffusione della conoscenza dei comportamenti a rischio attraverso il linguaggio della pittura, dei murales, dei graffiti e delle installazioni

Per saperne di più, abbiamo contattato Carlo Oneto. 

Carlo, descrivici brevemente il progetto Street Haart, con cui sono stati vinti il bando Gilead e il premio etico.

Dunque, il progetto è stato vincitore di un bando Gilead, in cui si chiedeva di intervenire sulla tematica Hiv (Prevenzione e consapevolezza dei comportamenti a rischio nella popolazione in generale e in particolari gruppi di popolazione più vulnerabili) e abbiamo deciso di farlo attraverso l’arte, soprattutto la Street Art con i suoi messaggi rapidi e accessibili, adatti ad una popolazione metropolitana. Selezioneremo 15 artisti, tra cui alcuni appartenenti alla popolazione carceraria per interpretare le problematiche Hiv e i nuovi mezzi di prevenzione.

Tu sei un artista e militante della comunità Lgbt. Cosa può fare, secondo te, l’arte per abbattere i pregiudizi? E, vista la mission del tuo progetto, cosa può fare l’arte per combattere la sierofobia e implementare le strategie di prevenzione?

La medicina ha dato il suo contributo rendendo le persone sieropositive in terapia non più infettive (Tasp) e creando altri metodi di prevenzione da promuovere in aggiunta all’intramontabile condom (PrEP E PEP). Resta da affrontare l’aspetto delle relazioni sociali “infettate” dalla paura di Hiv. Si aggiunge infatti al timore di una infezione cronica, il terrore di diventare oggetto di stigma sociale. Al riguardo credo fortemente nella capacità comunicative dell’arte, nel suo potere di coinvolgere e sensibilizzare creando comunità intorno ad un tema, in definitiva una medicina contro la paura dello stigma e dell’isolamento legate all'Hiv.

Cosa ti aspetti dalla realizzazione di questo progetto?

Ho in mente due scenari. Uno potrebbe essere il raggiungimento degli obiettivi del progetto: trovare un linguaggio adeguato per veicolare le informazioni, un accesso più frequente e meno nevrotico al test, una rinnovata consapevolezza dei comportamenti a rischio e, perché no, produrre delle opere interessanti che, una volta eradicato l'Hiv, resteranno a testimonianza di questo momento storico.

Un altro scenario potrebbe essere che lo stigma e la resistenza culturale, anche istituzionale, minerà i risultati. Anche in questo caso il progetto avrà un risultato, cioè documentare lo stigma. Ciò non toglie che la realtà potrebbe stupirci con scenari del tutto inattesi.

e-max.it: your social media marketing partner

Featured Video