«Piazza Bellini, stasera, brillerà di luce per l’amico Vincenzo». Così recitava il comunicato lanciato nel tardo pomeriggio da Arcigay Napoli e da La Mamada per annunciare una fiaccolata in ricordo di Vincenzo Ruggiero nella nota piazza partenopea. Così è stato.

Alle 22.00 del 29 luglio oltre 200 persone si sono ritrovate nel luogo prefissato per stringersi intorno alla madre e alla sorella del 25enne, ucciso ad Aversa da Ciro Guarente. Portavano con sé il solo bagaglio d’una candela e dell’affetto per un giovane bello, dolce, sempre impegnato in difesa dei diritti Lgbti. Per un giovane, la cui scomparsa nel nulla, il 7 luglio, non aveva dato pace alla collettività Lgbti napoletana. Tale premura si era concretata in reiterati appelli alla ricerca che, sollevati per prima da Arcigay Napoli e rilanciati dal nostro giornale, hanno dato una spinta notevole alle indagini. Indagini che hanno portato al provvedimento di fermo di Ciro Guarente – che ha poi confessato d’aver ucciso Vincenzo e d’averne gettato il corpo in mare a Licola - per omicidio e occultamento di cadavere.

Ad aprire gli interventi in ricordo di Vincenzo Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli, che ha ribadito la «difficoltà del momento ma la necessità d’abbandonare ogni forma di retorica. Vogliamo essere vicino alla famiglia, vicino agli amici». Componente del direttivo di Arcigay Napoli, Daniela Falanga ha rilevato l’importanza del sentirsi famiglia in momenti così difficili e ha aggiunto: «Vincenzo era un ragazzo di pace. Vincenzo era un ragazzo di bontà. I tanti cartelli che leggo qui lo testimoniano».

Particolarmemte commossa Loredana Rossi, vicepresidente di Atn (Associazione transessuale Napoli), che ha dato di Vincenzo un ricordo personale, interrotto poi dall’emozione. Emozionatissimo anche Giovanni Angelo Caccavale, coordinatore del gruppo La Mamada (delle cui serate Vincenzo era presenza fissa), che, tracciando un toccante ricordo dell’amico Mamador, ha sottolineato come questa vicenda sia denotativa d’una preoccupante perdita d’umanità. Ovviamente, la prevista serata discoteca de La Mamada è stata annullata.

Guarda la Gallery

 

e-max.it: your social media marketing partner

Mentre a Roma si sta vivendo la vigilia del Pride, a Napoli ci si prepara alla parata del 24 giugno col lancio del video promozionale incentrato sul tema dell'anno: il corpo.A firmare lo spot del Mediterranean Pride di Napoli 2017 è stato il regista e scrittore Mariano Lamberti.

Lo spot del Pride, che segue il claim della manifestazione LiberaMente Corpo, si avvale inoltre dell’esperienza del direttore  della fotografia Antonio Grambone. Uno spot che pone l’attenzione sul corpo come laboratorio di libertà, al di la di qualsiasi schematismo ideologico, politico e sociale: il corpo come strumento di potenziale infrazione a qualsiasi forma di normalizzazione coatta. «La rivoluzione passa attraverso i nostri corpi – spiega Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli – ed è necessario  superare l’obsoleta interpretazione del corpo come frontiera sociale che ostacoli chiunque desideri legittimamente ribaltare e mescolare ruoli di genere e identità”» 

Lo spot realizzato da Lamberti presenta una regia asciutta e concettuale tendenzialmente finalizzata ad esprimere il rifiuto di qualsiasi convenzione e imposizione sociale. Lo spot nasce da un’idea di Riccardo Pachini e dello stesso Mariano Lamberti con la supervisione artistica di Claudio Finelli (Delegato Cultura Arcigay). Assistente alla regia è stato Andrea Axel Nobile. Il progetto grafico è stato affidato a Luciano Correale.

Protagonista dello spot è la modella Maria Francesca Di Costanzo e con lei tanti volti noti: dall’attrice Cinzia Mirabella, icona del mondo lgbti campano, a Mariano Gallo, molto conosciuto per il personaggio che lo ha reso celebre a livello internazionale, cioè la drag queen Priscilla, passando per Antonio Riccardo, truccatore delle dive, presente in un intrigante cameo d’autore.

A completare il cast una coppia nello spot che è anche coppia nella vita: l’attivista Daniela Lourdes Falanga, donna transessuale MtF, delegata per le politiche trans del comitato Arcigay di Napoli e il suo compagno Ilario Arena, militante transessuale FtM.

Lo spot è stato realizzato per il Comitato Arcigay di Napoli con il patrocinio del Coordinamento Campania RainbowLa realizzazione dello spot è avvenuta anche grazie alla produzione “etica” di Fabio Marino e Biagio Gemma, mentre il trucco è stato affidato alla Make Up Academy di Antonio Riccardo. 

Cosa resta da fare? Ritrovarsi tutte e tutti, sabato 24 giugno, per il Mediterranean Pride of Naples 2017 alle ore 16.00 in Piazza Municipio. 

e-max.it: your social media marketing partner

Il Basilicata Pride è stato un indubbio successo come ricordava ieri Nadia Girardi, presidente del locale comitato d’Arcigay, al termine della parata. Un successo dovuto alla tenacia e al coraggio di una donna trans che da anni si batte per i diritti Lgbti in una regione non pienamente sensibile a certe istanze come la Lucania. Quella Lucania che diede i natali a don Marco Bisceglia, uno dei fondatori dell’Arcigay, che l’attivista Morena Rapolla ha ricordato in relazione «a quei germogli lasciatici da un prete che qualcuno ha definito un prete scomodo. Invece no. Don Marco Bisceglia stasera è qui con noi. Io sento il suo spirito. Stasera fa festa qui con noi perché è tanto orgoglioso di noi. Quando i diritti non saranno più desidero allora non avremo più bisogno dei Pride. Ma la stagione dei Pride è solo iniziata».

Parole toccanti che sono state precedute dal discorso vibrante e forte di Giuseppina La Delfa, ex presidente di Famiglie Arcobaleno, che senza mezzi termini ha attaccato il comunicato Utero in affitto diramato tre giorni prima dell’inizio dell’Onda Pride: «Siamo qui con tante famiglie. Ma ci mancano ancora tanti diritti come l’accesso alla gpa per tutti. Non dobbiamo permettere a nessuno d’insultarci. Nessuno ci deve insultare. Nemmeno certe vecchie lesbiche rimbambite. Nemmeno  certi gay rimbambiti. Non dobbiamo farci insultare da nessuno».

Non sono però mancati momenti di tensione, provocati da un pubblico appello di Morena Rapolla alla sobrietà e alla compostezza nello sfilare prima della partenza del Pride. Pronunciato dal palco, l'invito si è caricato d'indubbia connotazione politica sì da indurre Laura Maria Santonicola, vicepresidente di Rain Arcigay Caserta, Daniela Falanga, componente di Arcigay Napoli, e Ottavia Voza, componente della segreteria nazionale d'Arcigay con delega per le politiche e i diritti trans, a un gesto dal forte impatto provocatorio: mostrare i propri seni quale protesta a un messaggio compromettente il principio dell’autodeterminazione e 30 anni di rivendicazioni. Rivendicazioni contro una società sessista che vuole le persone omologate e schiave d’una non meglio precisata moralità

Questo gesto ha indotto Nadia Girardi a far interrompere la musica e a prendere la parola: «Vi prego caldamente perché ho visto una mia amica che si è tolta il reggiseno. Allora: questa non è un’esibizione. Vi prego. Vi chiedo questa cortesia perché l’amministrazione comunale ci ha appoggiato e io ci tengo a portare in alto il nome di Arcigay Basilicata. Anch’io sono vestita da drag queen ma non sono volgare. Vi prego perciò di non spogliarvi e di rimanere composti perché questa è la Potenza dell’Amore e non uno spogliarello».

Parole che hanno suscitato l’immediata reazione del comitato Rain Arcigay Caserta che ha ritirato le sue diciotto bandiere in segno di protesta. «È possibile – così la stessa Laura Maria Santonicola, le cui dichiarazioni sono state riportate nell’odierno comunicato del comitato casertano -  nel paese che vanta il triste primato europeo per omicidi di persone trans, che siamo costrette da istituzioni sorde e bigotte a coprirci, ricomporci e nasconderci nel nome di una morale individuale che non è legge? In che modo un seno scoperto è dannoso, a confronto di quello che subiamo come singoli e come comunità ogni giorno? Censuriamo i nostri corpi e non le parole d’odio di chi ci vorrebbe morti e ci condanna all’inferno?».

In  ogni caso la stessa Ottavia Voza Daniela Falanga non hanno esitato  a riconoscere a Nadia Girardi il merito della non facile organizzazione del Basilicata Pride e a sottolineare come le indubbie pressioni provenenienti da più parti l’abbiano portata all’infelice appello pubblico. D’altra parte la stessa presidente di Arcigay Basilicata, interpellata da Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli, ha ribadito tutto ciò e, oltre a dirsi dispiaciuta per quanto successo, ha anche comunicato d’aver chiamato personalmente Laura per chiederle scusa.

e-max.it: your social media marketing partner

Featured Video