10.000 persone hanno attraversato nel pomeriggio del 16 giugno le strade di Genova al grido Allerta Rainbow in occasione del Liguria Pride.

Partita alle 15:00 da via San Benedetto per rendere omaggio a don Andrea Gallo, di cui proprio ieri sarebbe ricorso il 90° compleanno, la marcia dell’orgoglio Lgbti si è snodata fino a piazza De Ferrari.

Madrina del Liguria Pride l’ex presidente d’Emergency Cecilia Strada, che ha dichiarato: «Sono molto orgogliosa – ha dichiarato –. Per anni ho detto banalità sul fatto che la pace è meglio delle guerre e oggi ne dico un'altra: L'amore è amore.

Viviamo in un Paese che grida vittoria se respinge uomini e donne in mare. Allo stesso modo si grida vittoria se non si riconoscono i diritti di coppie dello stesso sesso».

Un inequivocabile riferimento alle dichiarazioni negazionistiche del ministro della Famiglia e della Disabilità Lorenzo Fontana e al diniego del sindaco di Genova Marco Bucci a riconoscere la doppia genitorialità di coppie omosessuali con figli, che nel capoluogo ligure sono ben 16.

Per questo motivo Marilena Grassadonia, presidente di Famiglie Arcobaleno, che, tra le otto città interessate ieri dall’Onda Pride, ha optato per Genova. Ma non solo. Perché Bucci ha anche negato il patrocinio al Liguria Pride sì da spingere gli organizzatori della parata a lanciare la campagna #ilpatrociniosonoio con tanto di selfie.

Iniziativa, cui ha aderito, nei giorni scorsi, anche il deputato dem Alessandro Zan e ieri, con tanto di cartello alla parata, la portavoce del M5s ligure Alice Salvatore: «Non si può parlare di discriminazioni, non si può dire a una persona chi deve amare».

Ad aprire la parata lo striscione del Coordinamento Liguria Rainbow. Tante le associazioni partecipanti in una con componenti di Sinistra Italiana, Possibile e Potere al popolo. Presente anche l’europarlamentare Daniele Viotti. 

In occasione del Liguria Pride ha voluto invece inviare un videomessaggio di saluto ai partecipanti la senatrice Monica Cirinnà.

Una valutazione complessiva della parata è stata offerta a Gaynews dall'intellettuale e storico militante Lgbti Luca Locati Luciani.

«La parata – ha dichiarato – è stata tra le più belle a cui abbia partecipato negli ultimi anni. Chissà, il negato patrocinio del comune di Genova e della Regione hanno forse spinto molte persone a partecipare.

Un Pride gioioso ma giustamente scandito da molti slogan politici. Mi hanno colpito quelli di Agedo e delle Famiglie Arcobaleno. Tra l'altro ho visto tantissimi bambini, sia figli di coppie omosessuali che non. Dal palco hanno detto che eravamo in 10.000 persone. E credo non abbiano esagerato. Oggi il sindaco di Genova ha dovuto, volente o nolente, avere a che fare con noi». 

Guarda la GALLERY

e-max.it: your social media marketing partner

Conferenza stampa di presentazione stamani a Genova del Liguria Pride, che si terrà nel capoluogo di regione sabato 16 giugno. A illustrarne significato e finalità l’avvocata Ilaria Gibelli, socia di Rete Lenford e coordinatrice del Coordinamento Liguria Raibow, e Stefano Musso di Famiglie Arcobaleno.

La marcia dell’orgoglio Lgbti, che avrà come madrina Cecilia Strada, partirà da Via San Benedetto quale omaggio a Don Andrea Gallo, di cui il 16 giugno sarebbe ricorso il 90° compleanno.

Slogan della manifestazione sarà Allerta Pride, perché come dichiarato da Simone Castagno, socio di Famiglie Arcobaleno e componente del Coordinamento, si riscontrano «tre gradi di allerta: verde, in riferimento a un clima che sta cambiando in Europa e in Italia, dove diverse città, in primis Roma e Milano, si sono mosse o si stanno muovendo per riconoscere i diritti civili e quelli delle famiglie arcobaleno.

Ma la preoccupazione resta ed è per questo che abbiamo citato anche allerte arancione e rossa: monitoriamo attentamente il clima in cui stiamo vivendo, continuiamo a restare in guardia per cogliere segnali preoccupanti, e ci preoccupiamo non soltanto per le parole del neo ministro della Famiglia, Lorenzo Fontana, che ha ribadito che “per legge le famiglie arcobaleno non esistono”, ma anche per le spinte provenienti da movimenti di estrema destra come quelli che recentemente hanno inaugurato nuove sedi proprio a Genova».

Ma è allerta rossa anche in riferimento alla stessa città di Genova, il cui sindaco Marco Bucci ha rifiutato non solo di concedere il patrocinio al Pride ma, ultimamente, di riconoscere la doppia genitorialità di coppie omosessuali con figli.

Come dichiato da Ilaria Gibelli, a Genova ci sono 16 famiglie, formate da coppie di sole donne con 14 figli. Mentre, con riferimento all’intero territorio ligure, sono complessivamente 25, di cui quattro costituite da coppie di uomini. Tre delle coppie genovesi hanno fatto richiesta di riconoscimento della genitorialità all'anagrafe comunale. Ma ricevendone, appunto, un netto rifiuto da parte del sindaco.

Contattata telefonicamente, Ilaria Gibelli ha dichiarato a Gaynews: «Dopo le negata concessione di patrocinio al Liguria Pride nutrivamo la speranza che il sindaco Bucci accogliesse la richiesta di riconoscimento della genitorialità di tre coppie di mamme genovesi. Qui si tratta di vite reali.

Quando lui mi ha detto: È vietato per la legge, l’ho subito corretto affermando: Non è previsto dalla legge. Ha poi parlato dei nostri figli come “bambini che non hanno un padre ma solo una madre”, ignorando che essi sono stati voluti da entrambe ed, esseno stati concepiti con fecondazione eterologa, si è di fronte non a un padre ma a un donatore. Bucci nega dunque l’esistenza delle nostre famiglie.

Questo è sconfortante perché Genova è la nostra città e noi abbiamo deciso di vivere qui. Forse sarebbe stato più comodo vivere a Gabicce Mare e forse saremmo state più tranquille.

È paradossale, poi, che Bucci abbia fatto affiggere in città manifesti di ProVita a tutela di embrioni e poi neghi una tutela piena ai nostri bambini».

e-max.it: your social media marketing partner

A meno da una settimana dalle amministrative, che hanno visto il centrodestra vincere a Genova, si terrà domani nella città nota come La Superba il Liguria Pride. Per saperne di più, Gaynews ha incontrato l'avvocata Ilaria Gibelli, socia di Rete Lenford e componente del Coordinamento organizzatore.

Quali iniziative avete messo in campo per coinvolgere più gente possibile al Pride 2017?

Durante tutto l'anno abbiamo lavorato creando reti e sinergie con le diverse associazioni e persone presenti sul territorio, organizzando eventi di formazione per insegnanti, concerti di musica, eventi di teatro e feste. Avendo ottenuto il patrocinio del Comune, abbiamo potuto affiggere due grandi striscioni in due strade centrali di Genova. 

Quali sono le parole d'ordine di questo Pride?

Partecipazione, inclusione, condivisione.

Da famiglia a "nuove" famiglie. Qual è l'esatto messaggio che volete lanciare con questo Pride?

Anche noi siamo famiglie e desideriamo una società accogliente, dove tutti e tutte abbiano il loro posto, in cui nessuno debba rinunciare a qualcosa per essere accettato e amato. Chi pone l'esclusiva, fa del male alle bambine e ai bambini nati in Italia da genitori non italiani nonché alle bambine e ai bambini nati nelle famiglie omogenitoriali, privandoli dei loro diritti, esponendoli alla violenza dell'offesa e della marginalità; come fa del male alle coppie omosessuali e lesbiche, alle madri single, alle coppie senza figli e a tutti quanti non si riconoscono nella famiglia come era descritta negli anni '50

La Regione Liguria è da tempo al centro di un dibattito politico forte senza dimenticare le ultime amministrative a Genova. Voi del Coordinamento che rapporti avete con le istituzioni?

Questo è il terzo Pride che il Coordinamento Liguria Rainbow organizza in totale autonomia, autofinanziandosi, ma godendo dei benefici e della collaborazione del Comune che ha concesso il suo patrocinio. Questo potrebbe essere l'ultimo anno di una collaborazione proficua che ci ha visti lavorare insieme su diversi settori come, ad esempio, la costruzione della Rete Respect, un centro di formazione sui temi della educazione alla affettività e al rispetto; l'iniziativa Coloratamente poi seguita dalla Coloratacena, una piazza d'incontro e scambio conviviale per celebrare la Giornata internazionale contro l'omofobia; il concerto lirico per ricordare le vittime di Orlando. Questi solo alcuni degli eventi che speriamo la nuova Giunta continui a favorire per la diffusione di una cultura di accoglienza e rispetto delle differenze.

La Regione Liguria ad oggi si è distinta per aver portato in discussione  la proposta di una legge per la famiglia, quella fondata sul matrimonio tra uomo e donna durante il dibattito parlamentare sulle unioni civili, e poi per aver votato una mozione per istituire lo sportello antigender. Entrambe si sono rivelate aria fritta, perché non interessava realizzare altro se non creare un clima di paura e intimidazione contro chi fa studi di genere nella università, diffusione della minaccia del gender nelle scuole, discredito verso i soggetti che si occupano di contrasto a bullismo, omofobia, stereotipi di genere.

Questa Regione ha patrocinato invece un convegno per la famiglia naturale presieduto da Adinolfi, Miriano e co., dove presidente e assessori erano in prima fila, proprio per far vedere il loro impegno nella città di Bagnasco. È la Regione del consigliere di maggioranza De Paoli, quello che ha detto. "Se avessi un figlio gay lo metterei nella caldaia e gli darei fuoco", difeso dalla Giunta regionale nonostante la palese malafede. Non stupisce che Toti ci eviti, eluda le nostre richieste di interlocuzione e patrocinio per il Pride.

E in futuro con la nuova amministrazione?  

Siamo preoccupati per le politiche condotte finora dalla Regione e temiamo che vengano seguite anche in Comune. Questo significherebbe un totale scollamento tra le istituzioni e la complessità della realtà cittadina, dove molte sono le persone che credono nelle famiglie plurali, nella libertà di espressione e di amore. Al di là di quanto farà la nuova Giunta comunale, purtroppo un risultato negativo che già vediamo sui social e nelle strade è quello di avere liberato gli umori più viscerali, rabbiosi, omofobi e razzisti, annidati nella insoddisfazione che il senso di precarietà infonde tra i cittadini. Bucci ha detto di voler essere il sindaco di tutti, dichiarando già di non partecipare al nostro Pride: poteva essere la prima occasione per confermare con i fatti le sue parole.

Il Coordinamento Liguria Rainbow è una rete di associazioni e singole persone. Qual è il suo punto di forza per questo Pride? 

Il nostro punto di forza è la trasversalità delle associazioni e delle persone singole che compongono il Coordinamento. Siamo una ventina di associazioni che spaziano da una forte componente di femministe ad associazioni Lgbti come Agedo o Famiglie Arcobaleno solo per citarne alcune, a associazioni legate al mondo universitario, al mondo del sociale, e da ultimo si è aggiunta la Comunità di San Benedetto al Porto di Don Gallo. Credo che la nostra forza sia data dal fatto che ci siamo rivolti alla società civile per affermare che i diritti Lgbti sono diritti umani e riguardano tutte e tutti, perché la società civile ci fa sentire una grande famiglia dove possiamo tutti/e essere liberi/e di essere noi stessi senza dover fare compromessi.

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video