A luglio, in piena Onda Pride 2018, la casa editrice Marchese di Napoli ha pubblicato Quei ragazzi del ‘96, testo per il teatro scritto da Claudio Finelli, docente e delegato Cultura di Arcigay. Testo, che ha avuto anche una sua realizzazione per la scena, nel gennaio 2017, all’interno del fortunato format Do not disturb, ideato dallo stesso autore insieme al regista Mario Gelardi.

Quei ragazzi del ‘96 è liberamente ispirato al celebre testo di Mart Crowley Festa di compleanno per il caro amico Harold e racconta un drammatico party a sorpresa, organizzato da un gruppo di amici la sera prima del 29 giugno 1996, data del primo Gay Pride di Napoli e del Sud Italia.

Tra colpi di scena, momenti brillanti e altri intensi e commoventi, i protagonisti della pièce restituiscono al lettore la temperatura emotiva ed esistenziale in cui viveva, alle porte del nuovo millennio, la comunità Lgbti italiana, reduce dai tragici anni dell’Aids e ancora stretta e oppressa da pregiudizi sociali e dolorosi conflitti interiori.

La prefazione, scritta da Vincenzo Capuano (leader storico del comitato Arcigay di Napoli e docente di Storia del Giocattolo), ripercorre con puntualità le tappe politiche e rivendicative di quegli anni. La postfazione, invece, ad opera del caporedattore di Gaynews Francesco Lepore, è una risposta argomentata, vibrante e appassionata a quanti ancora oggi, nel 2018, guardano al Pride con diffidenza e scetticismo.

Incontriamo l’autore per saperne di più sul testo che ha appena pubblicato.

Claudio, come mai hai deciso di scrivere un testo teatrale ambientato alla vigilia del primo Pride di Napoli?

In realtà, il testo nasce da una doppia “ispirazione”. Infatti mi era stato commissionato un rimaneggiamento attualizzato di Festa di compleanno per il caro amico Harold di Crowley. Pur avendo accettato, mi ero ritrovato ben presto a riflettere sull’inutilità di un simile adattamento. Il testo di Crowley, infatti, è datato e ha senso, secondo me, proprio perché restituisce a chi legge l’immagine precipua della condizione vissuta dalla comunità Lgbti americana negli anni ’70. Allora, ho pensato che, piuttosto che adattare il testo, sarebbe stato interessante adattare la dimensione umana dell’opera di Crowley.

Ho quindi cambiato tutti i personaggi e la storia, lasciando però la voglia di restituire al lettore la temperatura sociale della comunità Lgbti nella seconda metà degli anni ’90 in Italia. Il Gay Pride di Napoli del 1996 – che all’epoca dei fatti ho vissuto in maniera defilata – fu un evento spartiacque e rivoluzionario che ha profondamento inciso, a mio parere, sulle dinamiche di consapevolezza e di maturazione del territorio.

Cosa è cambiato, a tuo parere, da allora, nella vita delle persone Lgbti?

Sono cambiate, ovviamente, tantissime cose. Certamente oggi è molto più facile vivre la propria condizione alla luce del sole: c’è un tasso minore di omotransfobia sociale, un tasso minore anche di omotransfobia istituzionale. Le tematiche Lgbti non sono più tabù come lo erano in quei tempi e la comunità Lgbti si è liberata dell’alone di “patologia” in cui viveva negli anni ’90.

Quello che, a mio parere, resta purtroppo simile è la difficoltà di trovare un equilibrio emotivo e sentimentale in assenza di narrazioni condivise. I personaggi della pièce hanno difficoltà a orientarsi tra sentimenti, pulsioni, giudizi e desideri perché sono privi di modelli di riferimento forti e comuni, cioè mancano di una narrazione che ne determini la “formazione sentimentale”.

Quest’assenza è, a mio parere, il vero problema culturale che vive, ancor oggi, la comunità Lgbti in quanto la società, fortemente eterosessista, contiene e stigmatizza l’urgenza di definire canoni culturali e repertori espressivi di riferimento per le persone Lgbti. In questo modo la stessa società, in nome di una normalizzazione subdola ed effimera, spaccia per “integrazione” ciò che invece si rivela essere una forma di “indifferenziazione” e di “neutralizzazione” dell’immaginario Lgbti e le persone Lgbti, ohimé, spesso cadono in questo “tranello”.

Che ruolo hanno, secondo te, i Pride nella costruzione di una coscienza collettiva della comunità Lgbti?

Oggi l’Onda Pride ci dimostra che i Pride godono di ottima salute e sono momenti di aggregazione e di condivisione di piazza importantissimi. Anzi, in un frangente storico come quello che stiamo vivendo, in cui le spinte reazionarie e fasciste sono sotto gli occhi di tutti, credo che si debba ripartire proprio dall’esperienza dei Pride e della nostra fiera lotta di rivendicazione.

Sarebbe interessante aprire con più decisione le istanze di rivendicazione delle persone Lgbti  e fonderle alle istanze di rivendicazione delle altre minoranze, che oggi rischiano persecuzione ed esclusione. Un fronte unico di lotta per i diritti di tutte e tutti, per la felicità e il benessere di tutte e tutti. Tanto, di solito, i razzisti sono anche fascisti, ignoranti, misogini e omotransfobici: la politica attuale lo dimostra in maniera più che evidente. 

e-max.it: your social media marketing partner

Ha scelto una veduta aerea di Catania con l’Etna sullo sfondo Matteo Salvini per annunciare, ieri, «i prossimi appuntamenti per il mese di Agosto: Sicilia, Calabria, Lombardia, Toscana, Trentino e Veneto! Continuate a seguire questa pagina per tutti i dettagli. Vi aspetto! Chi si ferma è perduto!».

E il secondo tour agostano del ministro dell’Interno avrà inizio domani proprio nella città etnea con la visita alla Geotrans Srl (bene confiscato alla criminalità organizzata), cui seguirà l’incontro con il sindaco e la Giunta comunale.

«Matteo Salvini è il personaggio politico più amato dagli Italiani – così il giovane consigliere comunale leghista Giovanni Barbagallo su Facebook –. La fiducia e il gradimento del Ministro dell’Interno sono oltre la soglia del 65%. Gli Italiani sentivano un estremo bisogno di cambiamento. Finalmente, “Prima gli Italiani” non è più solo uno spot, ma la parola d'ordine di Salvini. Il capitano non ha deluso le aspettative».

Ma non mancano le voci di ferma contrarietà e dissenso alla visita catanese di Salvini.

Prime fra tutte quelle del locale comitato Arcigay che, attraverso un post su Fb con tanto di foto di zerbino recante la scritta Go Away (Va’ via), ha dichiarato: «Domani il ministro Salvini sarà nella nostra città.

Arcigay Catania, a nome dei propri militanti e attivisti, dei propri iscritti, delle migliaia e migliaia di persone libere che hanno gioiosamente invaso la nostra città per il grandissimo Gay Pride del 23 giugno scorso, a nome della comunità Lgbt etnea e delle famiglie rainbow, a nome di tutte le persone migranti lgbt e non, ArcigyCatania a nome di tutti costoro È ORGOGLIOSA DI NON DARE IL BENVENUTO A SALVINI!».

Tra i numerosi commenti anche quello del cantautore Mario Venuti che, senza giri di parole, ha scritto: «Lanciamogli i pomodori».

e-max.it: your social media marketing partner

Sodomiti. Così il ministro polacco della Difesa Mariusz Błaszczak ha definito quanti, sabato 11 agosto, hanno partecipato al Pride di Poznań.

L’autorevole esponente di Prawo i Sprawiedliwość (il partito politico fondato nel 2001 dai fratelli Kaczyńskiha affrontato l’argomento, ieri sera, nel corso d’un’intervista a Trwam. Diretto dai Redentoristi polacchi, Trwam è un canale televisivo cattolico e filogovernativo, strettamente correlato alla potente quanto discussa emittente radiofonica Radio Maryja.

Puntando il dito contro le autorità comunali di Poznań, attente a un’"ideologia" anziché ai quotidiani problemi della cittadinanza, Błaszczak ha liquidato la marcia dell’orgoglio (cui hanno partecipato oltre 5.000 persone) come «un'altra sfilata di sodomiti che stanno cercando di imporre la propria visione dei diritti civili su altre persone».

Le dichiarazioni del ministro della Difesa sono comunque da leggere nell’ottica di una volontà di screditare l’attuale amministrazione di Poznań, fieramente avversa al governo in carica, in vista delle elezioni locali in autunno.

Nonostante il 70% della popolazione continui a sostenere l’inaccettabilità di qualsiasi forma di unione tra persone dello stesso sesso, è pur vero che si sta registrando un graduale cambiamento di opinione verso le persone Lgbti soprattutto nei grandi centri del Paese.

Guarda il VIDEO

e-max.it: your social media marketing partner

Fuggita dall’Uganda, Justine Kizito Namukisa è una richiedente asilo che vive ad Amsterdam in attesa del permesso di soggiorno. Accolta in un primo tempo nell’ostello delle Suore Missionarie della Carità (l’istituto regolare fondato da madre Teresa di Calcutta) nel centrale quartire di Jordaan, la giovane donna ne è stata messa alla porta per il solo fatto di essere lesbica.

Il fatto è avvenuto venerdì 3 agosto alla vigilia della Canal Pride Parade. Ed è stato l’annuncio di partecipazione all’importante evento dell’indomani ad aver spinto le suore a porre Justine di fronte all’aut aut.

«Poteva restare solo se si fosse rifiutata di essere lesbica – ha spiegato RozeLinks, legata al partito verde GroenLinks che ha la maggioranza in consiglio comunale e sulla cui imbarcazione Justine ha poi partecipato al Pride del 4 agosto –. Non si accettano queste espressioni di discriminazione ad Amsterdam. Siamo una città tollerante».

Per le Missionarie della Carità l’allontamento, invece, è stato necessario perché «la presenza di Justine avrebbe rappresentato un pericolo per le altre ragazze che dormivano lì».

Per questo motivo ieri sera, alle ore 18:45, RozeLinks ha organizzato un bacio collettivo tra donne davanti all’ingresso della casa religiosa. Tante le bandiere arcobaleno e i cartelli con la scritta evangelica Ama il prossimo tuo.

Una manifestazione che Savannah Koolen, componente del comsiglio di amministrazione di RozeLinks, ha così motivato: «Vogliamo mostrare a Justine che può essere chi è e che molte persone di Amsterdam non pensano che sia giusto quello che fanno queste suore».

e-max.it: your social media marketing partner

A Gerusalemme circa 22mila persone hanno ieri partecipato alla March for pride and tolerance, organizzata dalla Jerusaleme Open House for Pride and Tolerance. Giunto alla 17esima edizione, il Pride di Gerusalamme si è svolto in un clima di particolare tensione.

Partiti dal Liberty Bell Park, i partecipanti sono giunti all'Independence Park tra imponenti misure di sicurezza, dopo che nel 2015 l'attacco di un giovane ultraortodosso, Yishai Shlissel, costò la vita a una 16enne, accoltellata a morte, e al ferimento di altre cinque persone.

«Non permetteremo alcun disturbo all'ordine pubblico e assicureremo la sicurezza della marcia e dei suoi partecipanti», aveva fatto precedentemente sapere la polizia. Gli agenti sono così riusciti  a tenere lontano dal percorso del Pride vari contestatori, tra cui decine di persone del gruppo di estrema destra Lehava recanti un cartello in ebraico con la scritta: Divieto d'ingresso a questo abominio nella città santa. Tre di loro sono stati fermati dalla polizia.

Gli attivisti hanno rivendicato più diritti per la comunità Lgbti: «È da un mese che il governo ci ha dichiarato guerra e siamo nelle strade di tutto il Paese – ha sottolineato un manifestante del gruppo delle Pantere Rose –. Siamo arrivati nella capitale per gridare con voce forte che meritiamo l'uguaglianza non solo a parole ma quella vera, nelle leggi e nei bilanci. Non staremo zitti fino a quando la violenza contro di noi non si fermerà».

Un chiaro riferimento allo sciopero nazionale, indetto a seguito dell’approvazione della legge che ha esteso il programma statale di surrogacy alle donne single e ne ha escluso unicamente gli uomini single e le coppie di persone omosessuali.

Aspetto, questo, che è stato rimarcato anche da Tzipi Livni, parlamentare e leader del partito d’opposizione HaTnuah, che ha esortato a «unire le forze in una battaglia che non è mai stata così importante». E ha poi spiegato di essere al Pride per dire al governo che «lo Stato d'Israele deve essere uno Stato con valori come uguaglianza e libertà».

e-max.it: your social media marketing partner

«Si sono radunate 30.000 persone per sfilare sul lungomare al tramonto per i diritti e per la dignità di tutti. Un corteo coloratissimo, pieno di musica e di allegria». Così Marco Tonti, dinamico presidente di Arcigay Rimini, ha commentato, poco dopo le 19:00, la partenza del Summer Pride nella capitale della movida romagnola.

Un numero straordinario, al cui confronto scompare la processione riparatrice del mattino che, indetta dal Comitato Baeta Giovanna Scopelli, ha visto la partecipazione di 250 persone provenienti da Parma, Reggio Emilia, Forlì, Ravenna e Modena.

Molte di esse indossavano t-shirt recanti la scritta Instaurare omnia in Christo, motto programmatico di Pio X (il papa fustigatore del modernismo, tanto amato dal ministro della Famiglia Lorenzo Fontana). In maglietta nera, invece, con tanto di scritta Identità, Tradizione attivisti di Forza Nuova Rimini e tre componenti dell’associazione femminile forzanovista Evita Perón.

Al canto delle Litaniae Sanctorum e alle volute d’incenso dai turiboli fumiganti – che hanno dato l’impressione di una Rimini balzata indietro nel tempo – si è contrapposta in serara l’esplosione di colori e musica del Summer Pride. Oltre ai numerosi carri anche i furgoncini dell'Anpi di Santarcangelo e del movimento Non una di meno tra lo sventolio delle bandiere arcobaleno.

Dietro lo striscione d'apertura, invece, presenti, tra gli altri, il presidente d’Arcigay Flavio Romani, il direttore di Gaynews e storico leader del movimento Lgbti Franco Grillini nonché l’avvocata Cathy La Torre.

Una marcia dell’orgoglio Lgbti, quella riminese, che ha assunto anche un importante significato politico col «numero impressionante di patrocini e di sostegno da parte delle istituzioni locali (in particolare Comune di Rimini, Comune di Ravenna e Regione Emilia Romagna) – come affermato da Marco Tonti – e anche una lettera del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani».

Tonti ha anche ricordato «il sostegno delle Pari opportunità della Repubblica di San Marino, dove si sta discutendo una legge per le unioni civili. Anche in Regione Emilia Romagna è in discussione una legge regionale contro l'omofobia e ci auguriamo che questa travolgente partecipazione gli dia slancio».

Guarda la GALLERY

e-max.it: your social media marketing partner

A partire dalla 16:00 quasi 2000 persone si sono progressivamente concentrate in piazza Vincenzo Cuoco a Campobasso per il Molise Pride. Vari gli interventi che si sono succeduti, tra cui quelli del sindaco dem Antonio Battista. Presente anche il neopresidente della Regione, il forzista Donato Toma, che però non ha preso la parola.

Madrina della prima marcia molisana dell’orgoglio Lgbti che, partita poco dopo le 17:00, si snoderà per le vie del centro fino a piazza della Repubblica, Vladimir Luxuria, accompagnata dall’ex presidente di Arcigay Basilicata Nadia Girardi

Presenti le delegazioni di Arcigay Roma e Arcigay Napoli coi rispettivi presidenti Francesco Angeli e Antonello Sannino. A Sannino si deve fra l’altro l’istituzione del dinamico comitato di Arcigay Molise, guidato da Luce Visco.

Un Pride quello di Campobasso che è stato preceduto da non poche contestazioni accompagnate anche da messaggi minatori. L’ultima, in ordine di tempo, è arrivata ieri.

«Altri cappi al collo sono stati inviati agli organizzatori – così in una nota Arcigay Molise – ma stavolta la minaccia è diventata ancora più violenta, promettendo di pestare a sangue gli organizzatori fino a spedirli in ospedale.

Abbiamo avvisato immediatamente le forze dell'ordine, che sono al nostro fianco, segnalando anche l'episodio all'Oscad. Ci aspettiamo la solidarietà di tutti e che in piazza scendano quante più persone, perché nessuna minaccia talmente grave è giustificabile.

La violenza e la morte non si augurano a nessuno. Durante il Pride ribadiremo che Campobasso non è una città fondata sull'odio, come accade nei paesi in cui l'omosessualità è punita con la pena di morte».

Guarda la GALLERY

e-max.it: your social media marketing partner

Classe 1959, il porticese Stefano Sannino è dal 21 marzo 2016 ambasciatore d’Italia in Spagna. Durante i 14 anni di precedente permanenza a Bruxelles si è fatto apprezzare dai colleghi quale uno dei maggiori esperti di questioni europee e diplomatico di prestigio. Ma nella capitale belga ha anche conosciuto il catalano Santiago Mondragón, con cui si è sposato.

Il 7 luglio, in occasione del Pride di Madrid (una delle principali marce dell’orgoglio Lgbti al mondo), ha fatto esporre una bandiera arcobaleno presso l’elegante sede dell’ambasciata italiana lungo il barrio de Salamanca.

Atto illegittimo secondo il senatore Gianpietro Maffoni, per il quale potrebbe essersi configurato il reato di vilipendio al tricolore. Motivo per cui, il 25 luglio, il parlamentare di Fratelli d’Italia ha presentato una specifica interrogazione parlamentare al ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale Enzo Moavero Milanesi.

Nelle premesse all’interrogazione Maffoni ha scritto: «In merito alla possibilità da parte di Comuni di esibire le bandiere arcobaleno, l'Ufficio del cerimoniale della Presidenza del Consiglio dei ministri ha statuito, in forma puntuale, sul suo sito internet che "Non si può esporre il vessillo rappresentativo del movimento omosessuale al fianco della bandiera nazionale o europea perché i vessilli e le bandiere dei movimenti non hanno il rango istituzionale che compete alle bandiere ufficiali e quindi non si possono mescolare senza ledere la dignità della bandiera nazionale tutelata dalle norme" (articolo 12 della Costituzione, legge n. 22 del 1998, decreto del Presidente della Repubblica n. 121 del 2000, art. 292 del codice penale, principi generali del protocollo di Stato);

la Presidenza del Consiglio dei ministri ha indicato in una circolare inviata ai prefetti che la normativa in materia di esposizione della bandiera nazionale "non prevede che su edifici pubblici possano essere esposti simboli privati (ad esempio insegne di partito, simboli di associazioni e organismi vari) ed ogni altra possibilità rappresenta un uso improprio della bandiera dello Stato, dunque sanzionabile penalmente come vilipendio alla bandiera (art. 292 del Codice penale);

le disposizioni della Presidenza del Consiglio dei ministri si devono a maggior ragione intendere valide anche per le rappresentanze diplomatico-consolari».

Il senatore ha quindi chiesto «se corrisponda al vero che il 5 luglio 2018 il capo missione a Madrid, unanimemente riconosciuto e apprezzato come tra i diplomatici più preparati, abbia esposto la bandiera dell'orgoglio omosessuale presso la residenza, accanto alle bandiere ufficiali durante le giornate dell'orgoglio omosessuale tenutesi nella capitale iberica;

in caso affermativo e stante i divieti menzionati, se tale esibizione sia stata formalmente autorizzata e per quali motivi da parte dell'amministrazione degli esteri e, del caso, da quale organo;

nel palesato caso di violazione delle disposizioni di legge, quali provvedimenti il ministro in indirizzo intenda adottare per sanzionare la condotta dell'ambasciatore a Madrid, fortemente lesivo dell'immagine e della dignità della bandiera italiana, tanto più tenuto conto che i fatti si sono svolti in un Paese estero e sono ascrivibili ad un funzionario di altissimo livello;

se, in caso di esibizione illegittima della bandiera arcobaleno da parte del capo missione a Madrid, si sia già proceduto all'obbligatoria segnalazione di tale condotta alla competente Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, potendosi configurare il reato di vilipendio alla bandiera».

e-max.it: your social media marketing partner

Giochi per i bambini e un sacco di spazzatura sono stati dati alle fiamme nei giorni scorsi nell'area davanti al centro estivo della scuola d’infanzia Meridiana di Casalecchio di Reno (Bo). La struttura, gestita dalla Coop Dolce, è finita, come noto, al centro di polemiche nazionali per le attività ricreative che, organizzate il 6 luglio, erano ispirate al Bologna Pride del giorno successivo.

Ma per Pietro Segata, presidente della cooperativa, si tratterebbe probabilmente di un atto vandalico fine a sé stesso «anche perché purtroppo è frequente che le aree verdi delle nostre strutture siano oggetto di piccoli furti o atti di vandalismo». Ma, in ogni caso, lo stesso Segata ha tenuto anche a precisare che «se la cosa si dovesse ripetere, ovviamente faremo approfondimenti».

Venerdì lo stesso presidente della Dolce, affiancato dal sindaco dem di Casalecchio Massimo Bosso, ha anche annunciato che non sarà preso nessun provvedimento nei riguardi delle cinque educatrici sotto accusa, perché il «Gay Pride non c'entrava niente e l'attività nel centro estivo della società Dolce nell'asilo nido di Casalecchio era una semplice "festa arcobaleno"». L’unico errore sarebbe stato nella comunicazione senza contare – ha aggiunto Segata – che «solo una famiglia si è lamentata». 

In realtà c’è stata una reazione di massa da parte di papà e mamme dei bambini del centro estivo a sostegno delle attività svolte dalle educatrici, cui fra l’altro non hanno affatto contestato la scelta del tema del Pride.

Gaynews ha contattato una di queste mamme, Valentina, per chiederle una personale valutazione a distanza di giorni dall’accaduto.

Valentina, quando hai appreso il tipo di attività ispirate al Pride, scelto dalle educatrici della Coop Dolce, cosa hai pensato? Ti sei preoccupata?

Premetto che sono venuta a conoscenza di quel laboratorio solo il venerdì successivo (il 13 luglio) attraverso tutta la polemica nata sul giornale.

Il giorno del laboratorio (perché di laboratorio si tratta e nessuna superfesta come trapelato dai giornali) non mi ero soffermata a guardare il diario di bordo, perché andavo di fretta. Ma, venuta a conoscenza dell’attività, sono stata molto contenta e non ho avuto nessuna preoccupazione. Ritengo essenziale che s’insegni ai bimbi sin da piccoli che il mondo non ha solo il bianco e il nero ma che ci sono un sacco di colori diversi. Trovo molto più problematico raccontare che il principe azzurro arriverà su un cavallo bianco piuttosto che un bimbo/a può essere amato alla follia da 2 mamme o 2 papà.

Da mamma credi che l’educazione e la formazione dei più piccoli passi anche attraverso il contrasto a qualsiasi forma di discriminazione? Che idea del mondo ti piacerebbe veicolare ai tuoi figli?

Sono fermamente convinta che tutti i tipi di discriminazione andrebbero contrastati sin dalla tenera età dei nostri bambini. Mi piacerebbe tanto che i miei figli potessero crescere con l’idea che siamo tutti parte dello stesso mondo a prescindere dal colore della pelle, dal credo, dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere.

Cosa pensi di quelli che hanno montato il caso mediatico per stigmatizzare il comportamento delle educatrici?

Penso che ora si stiano nascondendo dietro un foglio di giornale in quanto hanno causato un caso più grande di quello che forse volevano veramente creare. Probabilmente sono persone molto insicure sotto il punto genitoriale/umano e ora, anziché fare il passo giusto chiedendo scusa pubblicamente, preferiscono nascondersi essendo questa la strada più semplice!

Secondo te, ai bambini bisogna spiegare tutto, con un linguaggio idoneo ovviamente, o credi che qualcosa vada nascosto?

Credo che tutto vada spiegato con giusti termini ai bimbi. I traumi vengono creati dal silenzio non dalle parole. È vero che il loro è un mondo molto complicato e delicato da entrarci in punta di piedi e a bassa voce. Ma bisogna entrarci. Solo se li aiutiamo o cerchiamo di aiutarli a capire come si deve stare in questa società, cresceremo delle persone più responsabili e che riusciranno a creare qualcosa di migliore di quello che oggi stiamo creando noi.

e-max.it: your social media marketing partner

Ha fatto molto discutere, nei giorni scorsi, la vicenda delle cinque educatrici della Coop Dolce, che a Casalecchio di Reno (Bo) gestisce il centro estivo della scuola d’infanzia Meridiana. Come noto, esse hanno coinvolto i bambini d’età prescolare in attività ludiche ispirate al Pride di Bologna.

Guidati dalle educatrici, i piccoli hanno infatti realizzato disegni con cuori, scritte del tipo Viva l’amore e, dopo essersi colorati il viso coi colori dell’arcobaleno, hanno prodotto un cartellone con la didascalia Oggi ci siamo dipinti la faccia per festeggiare insieme il Gay Pride!!!.

Riportata dal nostro quotidiano e dalle maggiori testate giornalistiche italiane, la vicenda ha sollevato un polverone di critiche e condanne, tra cui quelle del ministro Lorenzo Fontana, del deputato forzista Galeazzo Bignami, del senatore centrista  Pier Ferdinando Casini e di Generazione Famiglia, che è ricorsa al tema bergogliano della colonizzazione ideologica con riferimento alla gender theory.

Proprio per questo, abbiamo deciso di chiedere un parere scientifico al prof. Paolo Valerio, docente ordinario di Psicologia clinica presso l'Università Federico II di Napoli, direttore del Centro di Ateneo SInAPSi e presidente della Fondazione Genere Identità Cultura.

Prof. Valerio, le attività ludiche ispirate al Gay Pride, proposte dalle educatrici della Coop Dolce, sono davvero un gioco che può definirsi “inadatto” o “pericoloso” per i bambini?

Direi di no. La cosa veramente importante è veicolare ai bambini informazioni corrette affinché possano comprendere il mondo in cui vivono. È giusto che queste informazioni siano trasmesse con un linguaggio idoneo e con le giuste modalità.

Anche il Gay Pride è un fenomeno che esiste nel mondo in cui i bambini vivono e, dunque, è giusto spiegarne ai bambini il significato. Ai bambini non bisogna nascondere nulla.

Il gioco, dunque, può essere un canale per comunicare questi significati ai bambini?

Ovviamente sì. Ricordo che, durante uno dei miei ultimi viaggi, ho trovato in una libreria inglese un volume dal titolo Come spiegare il Gay Pride ai bambini. Il gioco è un buon mezzo per formare i più piccoli alla cultura della differenza e al rispetto per l’altro.

Dunque, sbaglia chi giudica questi metodi pericolosi per l’equilibrio dei bambini?

Non sono certo questi giochi che influenzano il nostro orientamento sessuale. Se è questo il timore di chi ha mosso le critiche alla scuola di Casalecchio, allora esso è del tutto infondato. L’orientamento sessuale degli individui non è influenzato dall’esterno: è una caratteristica del nostro essere.

Del resto, mi piace ricordare che all’ultimo Pride svoltosi a Napoli, sabato 14 luglio, c’era il coloratissimo trenino delle Famiglie Arcobaleno ed era pieno di bambini felici, che erano perfettamente a proprio agio nella folla arcobaleno della parata!

e-max.it: your social media marketing partner

happyPrince2

Featured Video