Il Padova Pride Village giunge quest’anno alla decima edizione e festeggia alla grande i primi due lustri di vita con un fittissimo programma di concerti, serate disco ed eventi culturali con figure di spicco del mondo del giornalismo, del teatro, del cinema, della musica, della letteratura.

A poche ore dall’opening party, che avrà come madrina Simona Ventura e sarà caratterizzato dal live di Cristina D’Avena, abbiamo incontrato Alessandro Zan, parlamentare dem e ideatore del più importante festival Lgbti del Nord Italia

Onorevole Zan, guardando ai dieci anni del Padova Pride Village, quali sono state le difficoltà organizzative incontrate agli inizi e e quali gli obiettivi raggiunti nel tempo?

Il Village negli anni è cresciuto moltissimo in termini di presenze, superando i 100mila ingressi, e in termini di eventi svolti al suo interno. Diversificare l’offerta delle manifestazioni e mantenere sempre un’alta qualità d'intrattenimento, sia culturale sia musicale, e soddisfare un pubblico sempre più variegato non è stato semplice. Ma il numero crescente di visitatori ci dice che abbiamo fatto un buon lavoro. L’obiettivo che più mi rende orgoglioso è quello di aver reso un festival Lgbti un evento ormai atteso da chiunque: è diventato un punto di riferimento trasversale. È davvero la festa di tutti, non solo del mondo Lgbti. È un punto d'incontro tra anime diverse della società, che altrimenti difficilmente potrebbero venire a contatto.

Come si caratterizzerà il Padova Village 2017?

Lo slogan di quest’anno è L’estate migliore che c’è e vogliamo renderla tale. Iniziando dagli allestimenti degli spazi, che per questa decima edizione sono decisamente più curati e attenti ai dettagli, passando per gli eventi culturali, che toccheranno temi importanti di attualità con ospiti di spicco, fino all’intrattenimento notturno e all’animazione, che vedrà oltre trenta dj dar vita alle nostre notti estive.

Qual è il messaggio che si vuole lanciare col video promozionale?

L’interprete della sigla è Cristina D’Avena, idolo di generazioni di bambini e famiglie, ma anche icona gay, che si è sempre spesa per i diritti civili. Questa doppia anima rispecchia proprio il Padova Pride Village, un festival Lgbti, sempre molto frequentato anche da famiglie di ogni tipo. Però il video ha un’impostazione diversa, che prende spunto dai look metal e rock, proprio a voler simboleggiare il continuo cambiamento che ogni anno vogliamo dare al Village e che in questi anni abbiamo portato nella nostra città.

Padova è al bivio con le amministrative. Di contro a messaggi politici improntati a esterofobia e discriminazioni quale quello che proviene dal Village?

Questa città ha ancora ferite aperte da tre anni di amministrazione leghista omofoba, razzista, cieca, in una parola: medievale. Padova ha una tradizione secolare di cultura e arte: è una città di animo europeo e cosmopolita. Il messaggio che viene dal Village ha un significato di inclusione, tolleranza e libertà. Qui noi facciamo di ogni diversità, etnica, di orientamento sessuale o di genere, una fonte di ricchezza. Sono certo che il 25 giugno i Padovani sapranno scegliere un modello che segue l’indole della loro stessa città, una città che ha reso possibile la nascita e il successo del nostro Village.

L'islamofobia scuote anche la collettività Lgbti. L'attivista pakistano gay Wahajat Abbas Kazmi è stato contestato da molte persone omosessuali per aver sfilato al Roma Pride col cartello "Allah loves equality". Cosa pensa di una tale contestazione?

Voglio esprimere la mia più totale solidarietà a Wahajat Abbas Kazmi. I valori di libertà, tolleranza e democrazia che stanno alla base di ogni Pride non possono essere sospesi nei confronti di nessuno. Ognuno ha il diritto di manifestare essendo pienamente sé stesso, in questo caso musulmano e omosessuale. Si deve garantire a chiunque di professare la propria religione e, comunque, il messaggio che ha lanciato è di pace e apertura. Fare di tutta l’erba un fascio è una peculiarità della destra e dei populismi. Sarebbe un errore enorme che anche la comunità Lgbti cadesse in questi luoghi comuni.

Un'ultima domanda ad Alessandro Zan che, pur parlamentare, resta un attivista. Cosa ne pensa delle annuali polemiche sul come sfilare ai Pride? 

I Pride sono nati come forma di protesta e di lotta, per rompere quegli schemi bigotti e antichi che contrastavano l’affermazione dei diritti. L’autodeterminazione del proprio corpo è uno di questi tanto più durante una sfilata di un Pride. Ognuno deve poter sfilare come meglio crede, per evitare che il movimento Lgbti cada in dinamiche moraliste che contraddicono la sua stessa storia e le sue vittorie. Ogni diversità nella società va rispettata e valorizzata. Cercare di normalizzare elementi di diversità è un atto inaccettabile di violenza verso una minoranza. Invece, ciò che auspico è che si giunga presto a una vera e piena equiparazione dei diritti e che i Pride divengano manifestazioni di tutela e supporto degli stessi, non più di lotta.

 

 

e-max.it: your social media marketing partner

weTest

Featured Video